Jump to content
  • Il punto della situazione.

       (0 reviews)

    Lucaweb
     Share

    17 Gennaio 2012
    nero.gif
    Scritto da Nicol� Cavalli
     
    Bilancio in chiaroscuro per Varese, attesa domenica da un difficile banco di prova.

    Con i rimpianti delle partite gestite male in trasferta, la Cimberio formato girone d'andata avrebbe potuto riempire un'intera fossa. Lo sport per� impone di andare avanti, di concentrarsi sull'allenamento quotidiano, di cercare costantemente un miglioramento: avanti con la prossima, importantissima, sfida.

    Il derby contro Milano arriva in un clima freddo (a prescindere dalla colonnina di mercurio sotto zero) e distaccato, figlio di un malumore che serpeggia da settimane nel popolo biancorosso. Paradossalmente, come � stato rilevato da pi� parti, sembra quasi esserci pi� tensione oggi rispetto all'annata funesta della retrocessione: eppure la classifica non � malvagia.
    I tifosi probabilmente si sentono traditi da quelle frasi, buttate sulle colonne dei giornali nelle giornate di mezza estate, con cui la societ� proclamava di aver �alzato l'asticella delle ambizioni�.
    Met� campionato � stato sufficiente per capire quanto manchino al gruppo di Recalcati l'estro di Slay, l'esperienza di Galanda e Righetti, la classe di Goss. Per fugare ogni dubbio, precisiamo che i quattro suddetti non avrebbero giovato in modo clamoroso: trattasi di validi elementi, non fenomeni. Tuttavia � innegabile la delusione derivante dall'annata anonima di Hurtt (scommessa sbagliata a 360 gradi, sebbene spesso qualcuno abbia provato a difendere l'indifendibile); dal calo vertiginoso di Garri e Ganeto, attualmente giocatori al massimo da Legadue; dalla lentezza nell'intervenire sul mercato di riparazione.

    Certamente qualche spunto positivo, valido per un'onest� classifica, da ottobre a oggi si � visto: parliamo dell'eccellente coppia di ali Diawara-Kangur, trovatasi spesso a predicare nel deserto; del rendimento continuo di Fajardo, mancato come il pane su una tavola imbandita quando era infortunato; dell'affermazione del giovane Reati, abile ad ambientarsi nella massima serie dopo vari anni in terza serie; dell'improvviso recupero di Talts, rinvigorito dalla paternit� e dall'autostima ritrovata dopo mesi di affanno.

    Domenica, nella classica di Masnago, gli occhi saranno puntati in primis sul neofita Tony Weeden: classe 1983, guardia, all'occorrenza adattabile a regista, con discreti numeri e navigata esperienza nel vecchio continente. Un esordio con il botto, di quelli che talvolta accendono le fantasie e le speranze dei tifosi, sarebbe un viatico utile per giocarsela alla pari con lo squadrone di Scariolo.
    Il primo errore sarebbe quello di attendere una Milano scarica e demotivata: campioni del calibro di Nicholas, Fotsis, Cook, Mancinelli possono accendersi (o spegnersi) nel volgere di un attimo e decidere le sorti di un'intera gara.

    Recalcati, con la sua saggezza, non si far� cogliere impreparato. Sar� una dura battaglia contro una rivale imponente e contro lo scetticismo, silenzioso ma infido, che aleggia nei cieli prealpini. Una ventata di ottimismo lo terrebbe lontano, almeno per alcuni giorni.
     
    nero.gif
     Share


    User Feedback

    There are no reviews to display.


×
×
  • Create New...