Jump to content
  • Varese 82- Montegranaro 73

       (0 reviews)

    Lucaweb
     Share

    12 Maggio 2011
    nero.gif
    Scritto da Nicol� Cavalli
     
    Al termine di una partita brutta e spigolosa, la Cimebrio prenota il biglietto per la meta sognata: direzione play-off.

    Anche le gare meno belle tecnicamente possono regalare emozioni e sussulti. E' la magia della pallacanestro, di una stagione che rivede Varese iscritta nel lotto della nobilt� della palla a spicchi, dell'affetto del pubblico verso una squadra impegnata a versare ogni goccia di sudore sul parquet.
    Mentre all'esterno del palazzetto i tifosi irriducibili intonano canti ai loro beniamini e all'interno il buontempone di turno cerca di portarsi a casa le statistiche tanto preziose per stendere un resoconto assennato, si riavvolge il film della serata.

    Oggi abbiamo visto una partita di quelle che sembrano non terminare mai; quelle gi� vinte a qualche minuto dalla fine ma che vengano protratte all'infinito dai falli sistematici e dai time-out.
    Cos� lo sguardo si sdoppia fra gli ultimi scampoli di basket giocato e i risultati dagli altri campi, scritti sul tabellone luminoso. E diventiamo tutti un po' strabici, fino alla liberazione della sirena. Via con le calcolatrici, con i calcoli a mente, con gli abachi, magari coi regoli portati dai colleghi pi� giovani nella loro scatoletta giallo scuola elementare. Fino al responso atteso ed esclamato all'unisono dal popolo biancorosso: ce ne andiamo ai play-off!

    L'avvio delle due squadre � abbastanza pigro. Varese � costretta a schierare un quintetto leggero (Fajardo verr� tenuto a riposo precauzionale per tutta la gara), cos� gli ospiti fanno valere il loro dominio nell'area colorata: nei primi venti minuti cattureranno addirittura il doppio dei rimbalzi della Cimberio, 31 contro 16. Slay e compagni sono per� pi� attenti in difesa e scavano il primo vantaggio sul 7-4, incrementato da Kangur sul 11-7. Per i successivi quattro minuti la manovra offensiva di Varese si inceppa; la Fabi Shoes potrebbe mettere il muso avanti ma, complice un magro 3/8 dalla lunetta, resta ferma sul 11-11. Galanda da oltre l'arco � la consueta garanzia: la sua conclusione vincente regala il 14-11 e un pizzico di fiducia.

    Uno striscione di ringraziamento per la stagione fin qui giocata e la spontanea standing ovation del pubblico di Masnago sembrano ritemprare lo spirito dei biancorossi. Galanda continua nel suo momento di eccellenza cestistica e viene supportato da un vivace Goss (20-14). L'attacco della Sutor si poggia sulle forti spalle di Ford, uno dei giocatori pi� decisivi dell'intera lega, e non perde contatto. Una tripla dell'italo-americano Maestranzi porta i marchigiani sul 22-21, quindi Varese cambia passo. Dopo l'ultimo guizzo del tempo di Ford (26-25), la Cimberio infila un 8-0 di pura adrenalina: Talts inventa in entrata, Rannikko e Kangur realizzano dalla linea della carit�, ancora Talts ribadisce, con una bimane sulla sirena, la voglia di successo di Varese. Grazie alla fresca brezza proveniente dal nord Europa, la banda di Recalcati va alla pausa lunga sul 34-25.

    Come spesso accade, al rientro dagli spogliatoi Varese fatica a trovare il ritmo gara e il dovuto agonismo. Un redivivo Cinciarini conduce i marchigiani sul 34-32; Galanda e Stipcevic danno respiro all'affannoso attacco prealpino, poi Ivanov impatta sul 39-39. Coach Drucker tiene in campo Ford, gravato di quattro falli, scherzando con il fuoco e finendo scottato: l'immarcabile lungo americano saluta con grande anticipo il match atterrando goffamente su Righetti. Le penalit� piovono come la grandine, la Cimberio � brava a capitalizzare dai liberi e a riportarsi sul pi� tre con Rannikko (46-43); due rubate e un canestro di Goss producono il 51-45 alla mini pausa.

    Un immenso Galanda avvicina il ventello personale e crea lo strappo decisivo, 56-45. Slay, fin qui piuttosto abulico, nell'ultimo periodo assume le sembianze del leone e prende il controllo dell'area colorata (62-51). Montegranaro si aggrappa alle giocate del discontinuo Tucker, per� il gap appare difficilmente recuperabile e ondeggia fra le otto e le dodici lunghezze. La precisione di Varese alla lunetta (33/37) compensa le sofferenza a rimbalzo. I giocatori in maglia giallo-bl� spariscono piano piano dal campo per i cinque falli: dopo Ford, Cavaliero, Maestranzi e Ray salutano la compagnia. Le celebrazioni possono cominciare: l'aritmetica non mente e certifica il meritato approdo alla post season per gli uomini di Recalcati.

    Salvo sorprese, i quarti di finale regaleranno derby di fuoco in serie (o contro Milano o contro Cant�).
    Un'altra sfida storica, Cant�-Varese di domenica prossima, potrebbe giocarsi senza la presenza dei supporter della Cimberio. Il questore di Como sembra orientato a vietare la trasferta; Recalcati ha chiesto personalmente di cambiare opinione. Forse sarebbe ora di cambiare sede di gioco: all'alba del 2011, il Pianella � un teatro troppo fatiscente per ospitare la massima serie. I cugini perdoneranno la frecciata: l'estate e i play-off si avvicinano, la tensione cresce. Siamo ansiosi di partecipare al gioco pi� prestigioso dell'anno: speriamo di abbandonare il tavolo il pi� tardi possibile.
     
     Share


    User Feedback

    There are no reviews to display.


×
×
  • Create New...