Jump to content
  • Varese - Avellino 81-87

       (0 reviews)

    Leasir
     Share

    18 Novembre 2007
    nero.gif
    Scritto da Claudio Borghi
     
    Varese continua la sua striscia negativa, perdendo in casa contro una delle possibili rivali in ottica salvezza.

    Ultima in classifica. In un campionato �tradizionale�, questa potrebbe essere la qualifica con la quale la Air Avellino si presenterebbe dinanzi alla folla e agli stendardi del PalaWhirlpool, ma questo � da tempo si � capito � non � per niente un campionato tradizionale. Ed � cos� che tra gabbie, spalti decimati, mercato dissennato e progetti nati male � la Cimberio Varese a trovarsi a grattare il gelido fondo della classifica, mentre la compagine irpina si ritrova con qualche punto e molta fiducia in pi� derivata da una squadra equilibrata e con un minimo di identit�.
    Gelida la classifica, gelida la domenica Varesina e gelida anche l�accoglienza del PalaWhirpool nei confronti di una squadra che dopo lo scempio del derby contro Milano ha completamente esaurito credito e scusanti da parte del pubblico biancorosso.
    Non sembrano per� rendersene conto i giocatori della Cimberio, che sfoggiano una partenza da encefalogramma piatto concedendo facili ricezioni, contropiedi e appoggi sotto canestro, tanto che dopo solo 4 minuti Varese ha gi� concesso 13 punti ai �Lupi� e si � gi� meritata fischi e boati da parte dei tifosi.
    Il timeout di Mrsic non sortisce come al solito alcun effetto, tanto che il vantaggio del�Air sale presto oltre la doppia cifra sull�asse Green-Williams, ed � solo grazie agli errori degli irpini sotto canestro e all�energia di Passera se la Cimberio non sprofonda completamente (10-22 al 8�).
    Gli ultimi due minuti del primo quarto sono di propriet� del nuovo centro Skelin, che dopo anni di assenza riporta sotto le volte di Masnago un dimenticato arsenale fatto di movimenti in post, rimbalzi offensivi e pick and roll (16-22 al 10�).
    I primi minuti del secondo quarto sono da �sparatoria�, con gli esterni di entrambe le squadre che centrano ripetutamente il bersaglio da dove vale tre. Varese � finalmente tonica, rassicurata dall�ingombrante presenza di Skelin, e ricuce lo svantaggio fino al 34 pari (15�). Avellino passa alla difesa a zona e riesce a bloccare i primi attacchi (invero mal orchestrati) dei biancorossi, scavando cos� un nuovo break (37-44 al 19�), complice la zona depressa varesina in sofferenza sui tiratori bianco verdi. Le mattonate da tre di Beck e il canestro dalla media di Barlacu fissano il risultato sul 37-46 al termine del primo tempo.
    Continua all�inizio del secondo tempo la sfida tra Skelin e Williams, entrambi molto cercati (con buon profitto) dai play delle due squadre. Sono le bombe slovene di Capin e di un redivivo Hafnar a pungere l�air Avellino, che per� risponde colpo su colpo agli sforzi di rimonta dei biancorossi aumentando pure il vantaggio (49-62 al 27�). Si sveglia (finalmente!) Romel Beck che assieme a Babrauskas propizia un piccolo parziale di 7-0 per Varese, annullato in parte da tre liberi di Barlacu e da una tripla allo scadere dell�ottimo Green (58-68).
    Pazientemente Varese continua nell�opera di erosione dello svantaggio, grazie ad una difesa un minimo attenta e alle incursioni di Beck, uno che quando inizia a segnare prende letteralmente fuoco (70-74 al 35�). Le giocate in penetrazione e i tiri da tre del messicano accendono squadra e pubblico, ricuciono completamente lo svantaggio e permettono a Galanda di andare in lunetta per il sorpasso (77-76 a 3 minuti dal termine). Dalla parte di Avellino, per�, ci sono il cervello e la freddezza di Marques Green, che scava nell�ultimo minuto il decisivo break di 4 punti (79-83) con cui i Lupi affrontano il fallo sistematico biancorosso. Finisce quindi come al solito, con Varese delusa e fischiata all�alba di un�altra settimana da tregenda.
     Share


    User Feedback

    There are no reviews to display.


×
×
  • Create New...