Jump to content
  • Varese-Udine 90-82

       (0 reviews)

    Lucaweb
     Share

    30 Gennaio 2005
    nero.gif
    Scritto da Giulio P.
     

    Senza difesa e senza tiro da fuori non vai da nessuna parte: per 20 minuti Varese si fa sballottare dalla zona udinese e subisce oltre misura il gioco variegato della Alibegovic band. Poi, in un terzo quarto da �o dentro o fuori�, i biancorossi (De Pol su tutti) trovano energie nascoste, producendo - in 10 minuti - 5 recuperi, 9 assist e un 4/4 da tre che rivoltano come un calzino la partita e la marchiano a fuoco sino al quarantesimo.
    Ricompare Becirovic - ma con al fianco Farabello �agente speciale� per Shannon - nel quintetto titolare cui Magnano s�affida per esorcizzare la stregoneria che s�� impadronita della sua squadra dopo la sospirata qualificazione alle final eight forlivesi; Udine risponde con il trio di mezzilunghi Zacchetti-Wallace-Langhi.
    Nolan prova subito a fare la voce grossa nell�area colorata, ma anche il piano-partita di Alibegovic prevede tanti tiri ravvicinati, con Wallace (subito due falli) che non � pi� timido di �the storm�.
    Qualche errore di troppo su ambo i lati ed il match fatica a decollare: dopo tre minuti siamo ancora 4 pari; Mian fatica con Becirovic, ci spende due penalit� e torna in panchina a guardare lo sloveno mettere il suo quarto punto (8-6) in piena fiera del mis-match, con accoppiamenti difensivi spesso al limite dell�improbabile per chili e centimentri.
    Entra Slokar per Wallace e l�area udinese si apre come burro di fronte ad un coltello caldo: sulla tripla di Farabello varese va a + 4, poi cinque punti della coppia Bowdler-Nolan dilatano il parziale ad 8-0 per un 18-9 che dice dell�atteggiamento volitivo dei biancorossi, anche in difesa, dove i cambi e le rotazioni spezzano i giochi udinesi producendo tiri forzati ed infrazioni di 24�.
    Alibegovic vira a zona e rimette Wallace: l�americano torna caldo come il pane appena sfornato, ne mette 5, 5 ne fa anche il redivivo Shannon e prima che suoni la sirena Udine � di nuovo a � 2 (20-18).
    In una partita di strappi e controstrappi, Varese produce un 7-2 che le rid� minimo margine ma appena respira si becca i 2+1 dell�accoppiata Slokar-Wallace ed al secondo minuto � 27-30 (parziale 0-10) con il lungo americano in maglia arancione gi� a quota 12 punti: sotto il canestro di casa s�arriva sempre sino al ferro, mentre l�attacco CastiGroup non inventa pi� niente che non sia di marca slovena, anche se per un�idea buona ce n�� sempre una fasulla ed i punti s�accoppiano alle palle perse (ed ai contropiede degli ospiti).
    De Pol prova a suonare la carica in attacco, ma Farabello fatica con Shannon, che gli s�allaccia in mosse di lotta libera: entrambi portano a casa il tecnico, ma per l��americanino� � anche il terzo fallo (34-38, 5� minuti da giocare).
    Udine � di nuovo a zona e Varese sembra non averne mai vista una: da Washington a Callahan, da Digbeu a Farabello, provarci � una cosa, riuscirci � diverso, basta un raddoppio ed � notte fonda; Magnano � costretto a rigiocarsi Nolan, e poi Becirovic, mentre Udine, grazie anche ai liberi, gi� viaggia sul + 10 (36-46).
    Si tenta anche la carta Bolzonella ma a mancare, oltre a qualcuno che dia ordine, sono pure le guardie (Washington inguardabile, Meneghin n.e.): c�� un solo minuto sul cronometro quando l�italoamericano Langhi, apparentemente resuscitato, fa +13. Se Federico da Cuasso non mettesse la tripla del 41-51 di fine primo tempo la preoccupazione, che gi� infesta il Palaignis, sarebbe anche pi� grande.
    Alla ripresa, con Bolzonella ancora in campo, Udine riparte a uomo, va subito a +13, mette la zona giusto per prendere il solito tiro dall�angolo di Sandrino De Pol che ricuce a � 8 e poi, dall�angolo opposto, sigla il 51-56 (3� minuti giocati).
    L�intensit� difensiva dei padroni di casa manda l�attacco udinese fuori dalle sue piste abituali: Wallace ha paura dei gomiti di Nolan e s�intestardisce nel tiro da fuori; con i rimbalzi Varese corre, torna sotto, pareggia con la tripla di Digbeu e con quella di Nolan va a + 3 (61-58 al sesto minuto) con il pubblico in festa e, finalmente, un po� di sano spettacolo in una corsa che, da tassametro, segnala ad un certo momento 16-2 Varese.
    L�attacco udinese � quasi solo Mian, anche perch� Wallace si sta riposando e quando torna costringe Nolan a terzo fallo: � ancora il moro della Snaidero, con il �gemello� Shannon, a firmare un 4-0 che sembra cambiare l�inerzia del match. Ma la difesa ospite � un colabrodo, due affondate di Nolan sul penetra e scarica ridanno a Varese i 6 punti di vantaggio di fine terzo quarto (70-64, con un parziale di 29-13 che dice tutto dell�andamento del mini-tempo)
    Alibegovic non ha molto da inventarsi: Langhi � tornato ai suoi standard, bassissimi, Slokar brilla, ma per ingenuit�, e solo Vetoulas �morde�, trovando �strani� punti a centroarea; Varese, senza strafare, continua ad abusare della difesa arancione, che rientra con passo del bradipo, mentre Nolan che cerca il record di schiacciate (79-68 al 6�05� con altre due affondate dell�uomo di Baltimora).
    Di l� in poi, quasi solo accademia, anche perch� la difesa biancorossa cala la pressione atmosferica di qualche millibar: Becirovic ispira Nolan, che rimpingua uno score gi� sontuoso, solo Washington fatica a dare segni di risveglio, come tutte la Snaidero Udine, cui Alibegovic ricorda con un time out che ci sarebbe anche la differenza canestri (+ 6 friulano) da tenere d�occhio.
    All�alba dell�ultimo minuto Varese � ancora a + 13 e gioca i �4 angoli�: Vetoulas fa un altro 4-0 tutto in proprio, Langhi arriva fino a � 8 quando non c�� pi� tempo per fare altro se leggere lo score finale, 90-82.
     Share


    User Feedback

    There are no reviews to display.


×
×
  • Create New...