Jump to content
  • Chiapparo resta ma con altro ruolo

       (0 reviews)

    Lucaweb
     Share

    9 Gennaio 2008
    nero.gif
    Scritto da La Prealpina
     
    Gianfranco Castiglioni, patron della Pall. Varese, ha respinto le dimissioni

    Giornata interlocutoria in casa Cimberio con la ripresa settimanale degli allenamenti a ranghi ridotti come unica novit� di rilievo. Seduta di lavoro a Masnago senza Giacomo Galanda, tornato in Friuli per i funerali della nonna scomparsa nei giorni scorsi, oltre agli influenzati De Pol e Beck; stesso malanno di stagione che ha colpito anche il presidente Claudio Castiglioni, rimandando dunque ai prossimi giorni le valutazioni relative alle possibili partenze dei molti giocatori biancorossi, oggetto di interesse sul mercato.
    Ma l'unico giocatore che sembra prossimo all'addio � Gabriel Fernandez, non utilizzato domenica da Bianchini dopo che l'atleta del 1976 aveva espresso la volont� di lasciare la Cimberio: il club biancorosso sembra deciso a non cedere in serie A1 il campione olimpico di Atene 2004 il quale sta valutando l'ipotesi di tornare in Argentina, dove il Boca Juniors - attuale seconda forza della Liga A sudamericana - gli avrebbe proposto un accordo pluriennale "compatibile" con la volont� del giocatore di rientrare in patria dopo 7 stagioni tra Francia, Spagna ed Italia. L'operazione � soggetta al "via libera" da parte del presidente ma, visto l'avallo del coach biancorosso di fronte a una richiesta avanzata dal giocatore, la partenza del pivot oriundo dovrebbe essere una questione di tempo. Ma non ci meraviglieremmo di ritrovare Fernandez ancora biancorosso. Al suo rientro in attivit� il massimo dirigente biancorosso dovr� dare risposte alle varie richieste dei club di LegAdue per Marco Passera e Giorgio Boscagin, sul conto dei quali il diesse Mario Oioli � stato letteralmente "tempestato" di chiamate nei giorni scorsi (da registrare anche un sondaggio di Pavia sul conto di Sandro De Pol).Ma i due giovani esterni italiani rientrano nei programmi della societ� in ottica futura, specialmente tenendo conto dell'eventualit� - probabile al momento attuale - di una retrocessione in LegAdue, che costringerebbe la societ� biancorossa ad adeguarsi alle "specifiche" regolamentari pi� restrittive sul conto degli stranieri (nella serie "cadetta" sono soltanto due gli extracomunitari pi� un comunitario consentiti dal regolamento, con 7 italiani di formazione tecnica, dunque esclusi i "passaportati" come Fernandez, a completare l'organico).

    E� da escludere che le richieste di prestito ricevute per Passera (Caserta, Soresina, Pavia e Reggio Emilia) e Boscagin (Soresina e Novara) possano essere accolte dalla societ�, tenendo conto della necessit� regolamentare di mantenere un minimo di 5 contratti depositati in Lega con giocatori di passaporto italiano (attualmente la Cimberio ne ha sei, prima della partenza di Fernandez) e dell'unico tesseramento disponibile prima di raggiungere la soglia dei 18 imposti dalla convenzione tra Lega e Fip.
    L'addio probabilissimo del lungo italo-argentino "salver�" invece Marcus Melvin, mentre sembra in rapido declino l'interesse della Fortitudo per Alexsandar Capin, espresso sinora soltanto per bocca dell'agente del giocatore e mai tramite un contatto diretto tra i bolognesi e la Cimberio.

    Gianni Chiapparo, intenzionato a dare le dimissioni, non lascer� il club dopo un colloquio "a cuore aperto", avuto ieri pomeriggio con il patron Gianfranco Castiglioni.
    Il proprietario del club di via Sanvito, commosso dallo sfogo dell'ex giemme dei Roosters, lo avrebbe convinto a non firmare la lettera di dimissioni gi� pronta sul tavolo. Il tutto per� non senza un passo indietro, per certi versi, simile a quello compiuto da Veljko Mrsic con l'arrivo di Valerio Bianchini sulla panchina della Cimberio.
    A quanto sembra Chiapparo rester� a far parte dei quadri societari mantenendo l'attuale incarico di amministratore delegato ma con un "profilo basso" senza esercitare pi� quel ruolo saliente nelle operazioni di mercato assunto nel corso dell'estate, comunque non certo senza l'avallo della societ� in tutte le decisioni prese.
    Le responsabilit� decisionali sulle strategie future saranno affidate direttamente al presidente Claudio Castiglioni che disporr� della collaborazione di Mario Oioli e Cecco Vescovi. Chiapparo conserver� le mansioni di natura "burocratica" insite nel suo ruolo, oltre ai compiti di rappresentanza con le istituzioni cestistiche e la Lega Basket.
    Giuseppe Sciascia

     
     Share


    User Feedback

    There are no reviews to display.


×
×
  • Create New...