Jump to content
  • Cimberio, due luci nella nebbia

       (0 reviews)

    Lucaweb
     Share

    18 Marzo 2008
    nero.gif
    Scritto da La Prealpina
     
    Le prove di Passera e Boscagin ad Avellino segnali positivi per il futuro di Varese

    Parole d'ordine in casa Cimberio: lavoro e fiducia, a dispetto della situazione di classifica e delle condizioni rimaneggiate dell'organico.
    Nonostante la pesante sconfitta esterna di Avellino che ha portato a quota 14 la serie negativa in trasferta della formazione di Valerio Bianchini, la societ� biancorossa vuole continuare a "pungolare" il gruppo tenendo sempre presente il traguardo minimo del penultimo posto come stimolo realistico per il quale vale ancora la pena lottare.
    La sconfitta sul campo di un'Air affamata di riscatto dopo tre sconfitte consecutive poteva essere per certi versi annunciata, ma di sicuro alla dirigenza non � piaciuta la resa senza condizioni del secondo quarto (11 palle perse in 10' e parziale "letale" di 34-9 a chiudere in largo anticipo il match).
    Certo la situazione di partenza del match del PalaDelMauro era tutt'altro che rosea, con Hafnar e Brown nuovamente fermi ai box e una rotazione ridotta a soli sette giocatori, penalizzata altres� dai 2 falli a carico sanzionati ai danni di Galanda dopo neppure sei minuti di gioco; ma i problemi oggettivi della squadra di Bianchini - che nell'ultimo mese e mezzo lavora stabilmente a ranghi ridotti in allenamento - non sono sufficienti a giustificare un tracollo cos� pesante.
    Nessun alibi legato agli infortuni o alla generale "depressione" dell'ambiente fiaccato dalla certezza ormai assoluta della discesa in LegAdue; e in vista della trasferta di sabato sul campo di una Scavolini Pesaro a sua volta assetata di punti in chiave-playoff � lecito aspettarsi ben altro approccio mentale da parte del gruppo, dato che al di l� di una retrocessione ormai ampiamente annunciata c'� ancora un obiettivo specifico ed importante come il penultimo posto - possibile "zattera di salvataggio" del posto in A1 tramite un eventuale ripescaggio comunque non ottenibile se Varese dovesse piazzarsi diciottesima su 18 squadre - da inseguire nelle prossime 7 gare.
    Concetti espressi - sia pur in maniera non ufficiale - e sottolineati con vigore dal g.m. "in pectore" Cecco Vescovi, che da qui a fine stagione si aspetta almeno un "colpo di coda" da parte della squadra con la necessit� di vincere almeno 3 partite (ma visto il meno 26 della gara d'andata potrebbe non bastare...) per scavalcare in corsa Scafati ed ottenere quel piazzamento che garantirebbe alla Cimberio di essere inserita al primo posto nell'elenco delle squadre riserve per la serie A1 versione 2008/2009. Auspicando comunque di poter recuperare almeno Brown in vista del match di sabato sul campo della formazione di Scaripanti: visti gli attuali "chiari di luna" anche lo stesso Tierre, nelle ultime due partite tutt'altro che brillante - anche a causa dei problemi muscolari che continuano a perseguitarlo da due mesi a questa parte - e sicuramente ai primi posti della lunga lista degli acquisti sbagliati della disgraziata stagione in corso, fa comodo alla causa biancorossa nella corsa a distanza con una Legea sicuramente pi� "dignitosa" di Varese nella sconfitta esterna a Capo d'Orlando pur non potendo pi� contare sull'infortunato Killingsworth.
    Nella generale negativit� di una trasferta tutt'altro che memorabile (solo a Scafati la Cimberio aveva perso con uno scarto maggiore) gli unici spunti interessanti arrivano dalle confortanti prestazioni di Marco Passera e Giorgio Boscagin, ossia coloro che al momento attuale sono certi al di l� di ogni ragionevole dubbio - sia per questioni contrattuali che per reciproca volont� di proseguire il rapporto - di far parte dei programmi futuri della societ�. E mentre il play del 1982 � riuscito ad essere finalmente protagonista anche in fase realizzativa (i 14 punti del PalaDelMauro rappresentano il secondo miglior bottino stagionale del giocatore di Casciago), l'esterno veronese ha raggiunto la doppia cifra in quattro delle ultime 5 gare. Lo stesso Vescovi sottolinea come la prova delle due "certezze" italiane per la stagione 2008/2009 rappresenti l'unica nota positiva del viaggio in Irpinia, pur auspicando che tutti i componenti del gruppo - e non solo chi ha gi� delle garanzie per la stagione ventura - diano il massimo nel corso delle ultime 7 giornate.
    Giuseppe Sciascia
     
     Share


    User Feedback

    There are no reviews to display.


×
×
  • Create New...