Jump to content

All Activity

This stream auto-updates     

  1. Yesterday
  2. Il Meo durante la finale di un torneo di ragazzini entra in campo durante l'ultimo timeout e parla agli sconfitti (di 40) e li consola. Il basket dovrebbe ripartire da questo omone.
  3. noooo Pheeeega ragazzi questa è allucinante!
  4. bah siamo lì eh, se la gioca sui centesimi...
  5. Lui ha una particolare capacità di gestire gli ultimi istanti disponibili di una azione, restando parecchio in elevazione e dando grande energia al tiro con un particolare movimento del polso. Anche da distanze importanti. Anche l'anno scorso, cdo a parte, si era già esibito nella specialità alcune volte. Ne ricordo una a Venezia, grazie a @joe in piedi a gridare "shoot!".
  6. Complimenti al buon Stan e a chi ha visto nel ragazzotto che arrivava dalla seconda lega australiana un potenziale giocatore da serie A.
  7. A Pasqua un mitra, Pasquetta...lancia granate?
  8. tecnicamente più difficile quello di CDO, realizzato con un giro dorsale ed avvitamento nonostante l'uomo addosso, qua ha preso e tirato in corsa, difficile pure questo ma meno.... psicologicamente però più difficile questo, qua erano sotto di uno, se sbagli la perdi, a CDO eravamo pari, se sbagli te la giochi al supplementare due gran canestri entrambi, in ogni caso
  9. Ancora Stan Più difficile questo o quello a Capo d'Orlando?
  10. anche a me,che sono me,mai rimbalzato da un volo Era messo bene...
  11. Last week
  12. Per essere così molesto da non essere imbarcato chissà che numeri ha fatto
  13. Vabbè,dai. A parte me che non ho mai bevuto in vita mia,a chi non è mai successo di alzare un pochino il gomito?
  14. Ma tu sei un Maestro,Julian. E chi ti ferma?
  15. Io, che sono IO, mai successa una cosa del genere
  16. https://www.luinonotizie.it/2019/04/21/basket-in-carrozzina-playout-varese-perde-in-casa-contro-bergamo-e-si-mette-nei-guai/224926?fbclid=IwAR17f3KJrVQIYuNCW95Fnx30nsX4620pj3ilfaFsaXrYoGwwFpFqPvn5BbI
  17. L'Openjobmetis finisce schiacciata dai cingoli di Cantù e si allontana ulteriormente dal sogno playoff. Prima sconfitta per Attilio Caja in un derby contro i brianzoli: dopo 4 vittorie in fila dei biancorossi, l'Acqua San Bernardo rompe un digiuno che durava dal 3 dicembre 2016 imponendo la sua soverchiarne supremazia fisica ad una Varese insolitamente travolta a rimbalzo. Decisivo d 47-29 con cui la formazione di Nicola Brienza evidenzia la sua fisicità nel pitturato, cavalcando un imprendibile Davon Jefferson (8/8 da 2 e 32 di valutazione) che vince nettamente il duello con TylerCain. All'OJM non basta una partenza a spron battuto (anche più 8 in avvio del secondo quarto) con Scrubb stellare nei primi 10' a sorreggere una manovra ficcante ed efficace. Alla distanza l'attacco ospite paga l'ormai abituale sterilità dall'arco, col 7/32 totale (di cui 3/17 nel secondo tempo) che fa a pugni con la crescita progressiva dei padroni di casa (10/26 dall'arco di cui 6/12 nella ripresa). Lo show individuale di Avramovic è insufficiente per ricucire lo strappo del terzo quarto, figlio della solita sterilità balistica abbinata agli inusitati affanni difensivi nel cuore dell'area a dispetto di un lavoro non disprezzabile fotografato dalle 17 perse di Cantù. Alla fine Varese salvaguarda quantomeno il più 18 dell'andata, ma la quinta sconfitta in fila tra campionato e coppa certifica il momento critico di un team nuovamente lasciato a piedi da Ronnie Moore, condizionante se non riesce a trovare un minimo di ritmo dal perimetro (2/8 totale con 0/5 da 3 per ti play statunitense). Il 38% da 3 delle prime 13 giornate era l'eccezione alla regola e il 18% delle 14 gare del 2019 la normalità? Il campo dice chiaramente che Varese è passato dal 9-4 delle prime 13 gare al 5-9 del nuovo anno solare, con un digiuno esterno che dura dal 10 febbraio a Trieste, quando la truppa di Caja pescò il jolly di una serata da 18/34 da 3. E che nella seconda metà della stagione i biancorossi abbiano evidenziato una chiara Avra-dipendenza quando ti mancino serbo non trova il canestro (Pistoia, secondo tempo di Avellino, Brindisi, Torino) o non trova adeguato supporto dal sistema. Non manca volontà, ma qualità. E se il tiro dall'arco non funziona, mancano alternative valide per dare sbocco all'attacco. Il derby del PalaDesio allontana ulteriormente Varese dall'obiettivo playoff alla luce delle contemporanee vittorie di Trento, Trieste, Avellino e Sassari; ora il margine di errore dell'OJM è azzerato: andrà capitalizzato il fattore campo delle prossime due gare contro Pesaro e Pistoia e poi la trasferta del 12 maggio a Bologna (contro una Segafredo ancora in corsa o tagliata fuori dai playoff?) sarà probabilmente decisiva. Ferrero e soci vogliono crederci ancora, però nel rush finale alla volontà andrà abbinata più qualità, almeno sul piano balistico... Giuseppe Sciascia
  18. Che è successo?Si è alleato con Giggi&Matt?
  19. il confronto delle sue percentuali di tiro pre e post la partita di PT è impressionante la valutazione complessiva è DIMEZZATA, pur a fronte di un minutaggio aumentato può darsi che si sia emozionato per la festa del Palacarrara e non si sia più ripreso.....
  20. beh, però guardando le cifre questa è la sua stagione peggiore da quando è in Italia....
  21. Chiamiamo Stipcevic per le ultime 3 giornate
  22. Dopo la Fortitudo Bologna, anche Roma torna in Serie A dopo 4 anni Dopo la Fortitudo Bologna ritorna in Serie A anche la Viritus Roma: battendo Legnano per 88 a 83 nel match della trentesima giornata di campionato di Serie A2 Old Wild West, la squadra di Piero Bucchi ha conquistato la promozione diretta nella massima serie, laureandosi Campione del girone Ovest. Così il coach Piero Bucchi: "È una vittoria che volevamo a tutti i costi: la promozione è una soddisfazione per me, per la società, per i giocatori e per i tifosi". Roma torna in Serie A dopo 4 anni: era il luglio del 2015 quando il Consiglio Federale ufficializzò la rinuncia della Virtus Roma alla partecipazione alla serie A e l’iscrizione alla Legadue con il conseguente ripescaggio della Juve Caserta.
  23. Il play è il ruolo di upgrade dei compagni. Moore è in evidente difficoltà. Gli avversari lo sanno e scommettono su di lui...ciò detto vediamo di vendere cara la pelle e alla fine faremo i conti
  24. All'andata non arrivavano i bonifici Animo Fabio
  1. Load more activity
×
×
  • Create New...