Jump to content

mi sembra che una barzelletta manchi da un pò...


alegg
 Share

Recommended Posts

Siamo all'epoca dei pirati. In una taverna di porto, un gentleman incontra

un vecchio marinaio, di quelli tosti: gamba di legno, benda nera

all'occhio, uncino al posto della mano!

Il gentleman gli chiede:

"Accidenti, com'è che ha perso la gamba?"

E il marinaio: "Ero sulla coffa quando si scatenò una tempesta. L'albero

si ruppe e caddi in mare. Uno squalo mi addentò la gamba; riuscii ad

ucciderlo con il coltello ma la bocca restava chiusa, allora mi dovetti

tagliare la gamba per non affogare"

"Accidenti ... e l'uncino?"

"Durante un abbordaggio violentissimo, un pirata si è avvicinato e mi ha

scaricato la pistola contro, ma non mi ha

preso. Allora abbiamo combattuto con la sciabola, sciabolata su

sciabolata,

stavo per avere la meglio quando èarrivato un secondo pirata e ... a

tradimento mi ha tagliato la mano"

"Ooohhh. E la benda sull'occhio?"

"La benda ...? Oh, è stata una cacca di gabbiano"

"Come sarebbe, una cacca di gabbiano?!?"

"Sì, mi è caduta sulla fronte e ... sa, era il primo giorno che avevo

l'uncino"

Link to comment
Share on other sites

beh allora..io non posso mancare se si parla di barzellette...

Una piccola vecchia signora un giorno andò alla Banca di

> Italia portando

> con se' una borsa piena di denaro.

> Insistette che doveva parlare con il presidente della banca

> per aprire un

> conto perché "E' un sacco di denaro!".

> Dopo un po' di ripensamenti, gli impiegati la portarono

> nell'ufficio del

> presidente (il cliente ha sempre ragione!).

>

> Il presidente della banca chiese quindi quanto voleva

> versare e lei disse

> "500 milioni" e butto' la borsa sulla sua scrivania.

> Il presidente fu chiaramente curioso di sapere come aveva

> fatto ad ottenere

> tutto quel contante, cosi' glielo chiese:

> "Signora, sono sorpreso di vedere che Lei si porta appresso

> tutto questo

> contante, come ha fatto ad ottenerlo?".

> La vecchia signora rispose: "Ho fatto delle scommesse".

> Il presidente le chiese ancora: "Scommesse? Che tipo di

> scommesse?"

> La vecchia signora rispose: "Per esempio, scommetto 50

> milioni che le sue

> palle sono quadrate".

> "Ha, ha, ha...!" rise il presidente "E' una scommessa

> stupida. Lei non

> potrà

> mai vincere una scommessa di questo genere!"

> La vecchia signora lo sfido: "Allora, accetta la mia

> scommessa?"

> "Certo" disse il presidente "Scommetto 50 milioni che le mie

> palle non sono

> quadrate!"

> Allora la vecchia signora disse: "Dato che si tratta di un

> mucchio di

> denaro,

> posso portare con me il mio avvocato domattina alle 10 come

> testimone?"

> "Certo!" disse il fiducioso presidente.

>

> Quella notte, il presidente era veramente nervoso a causa

> della scommessa e

> passò un sacco di tempo

> davanti allo specchio a controllare le sue palle, girandosi

> a destra e a

> sinistra continuamente.

> Le controllo con attenzione finché non fu sicuro che non era

> assolutamente

> possibile che le sue palle

> fossero quadrate e che avrebbe vinto la scommessa.

>

> Il mattino dopo alle 10 precise, la vecchia signora fece la

> sua comparsa

> con

> il suo avvocato nell'ufficio del presidente.

> Presentò l'avvocato al presidente e ripeté la scommessa: 50

> milioni che le

> palle del presidente sono quadrate!"

> Il presidente accettò di nuovo la scommessa e la vecchia

> signora gli chiese

> di abbassare i pantaloni, così tutti avrebbero potuto

> vedere.

> Il presidente accettò.

> La vecchia signora scrutò attentamente le palle e poi gli

> chiese se poteva

> toccarle.

> "Va bene, in fondo 50 milioni sono un sacco di soldi, quindi

> credo che Lei

> debba essere assolutamente sicura."

> In quel momento, egli notò che l'avvocato silenziosamente

> stava sbattendo

> la

> testa contro il muro.

> Il presidente chiese alla signora: "Che diavolo ha il suo

> avvocato?"

> Ella disse: "Niente, a parte il fatto che ho scommesso con

> lui 200 milioni

> che alle 10 di stamattina

> avrei avuto nelle mie mani le palle del Presidente della

> Banca d'Italia".

Link to comment
Share on other sites

beh allora..io non posso mancare se si parla di barzellette...

Una piccola vecchia signora un giorno andò alla  Banca di

> Italia portando

> con se' una borsa  piena di denaro.

> Insistette che doveva parlare con il presidente della banca

> per aprire un

> conto perché "E' un sacco di denaro!".

> Dopo un po' di ripensamenti, gli impiegati la portarono

> nell'ufficio del

> presidente (il cliente ha sempre ragione!).

>

> Il presidente della banca chiese quindi quanto voleva

> versare e lei disse

> "500 milioni" e butto' la borsa sulla sua  scrivania.

> Il presidente fu chiaramente curioso di sapere come aveva

> fatto ad ottenere

> tutto quel contante, cosi' glielo chiese:

> "Signora, sono sorpreso di vedere che Lei si porta appresso

> tutto questo

> contante, come ha fatto ad ottenerlo?".

> La vecchia signora rispose: "Ho fatto delle scommesse".

> Il presidente le chiese ancora: "Scommesse? Che tipo di

> scommesse?"

> La vecchia signora rispose: "Per esempio, scommetto 50

> milioni che le sue

> palle sono quadrate".

> "Ha, ha, ha...!" rise il presidente "E' una scommessa

> stupida. Lei non

> potrà

> mai vincere una scommessa di questo genere!"

> La vecchia signora lo sfido: "Allora, accetta la mia

> scommessa?"

> "Certo" disse il presidente "Scommetto 50 milioni che le mie

> palle non sono

> quadrate!"

> Allora la vecchia signora disse: "Dato che si  tratta di un

> mucchio di

> denaro,

> posso portare con me il mio avvocato domattina alle 10 come

> testimone?"

> "Certo!" disse il fiducioso presidente.

>

> Quella notte, il presidente era veramente nervoso a causa

> della scommessa e

> passò un sacco di tempo

> davanti allo specchio a controllare le sue palle, girandosi

> a destra e a

> sinistra continuamente.

> Le controllo con attenzione finché non fu sicuro che non era

> assolutamente

> possibile che le sue palle

> fossero quadrate e che avrebbe vinto la scommessa.

>

> Il mattino dopo alle 10 precise, la vecchia signora fece la

> sua comparsa

> con

> il suo avvocato nell'ufficio del presidente.

> Presentò l'avvocato al presidente e ripeté la scommessa: 50

> milioni che le

> palle del presidente sono quadrate!"

> Il presidente accettò di nuovo la scommessa e la vecchia

> signora gli chiese

> di abbassare i pantaloni, così tutti avrebbero potuto

> vedere.

> Il presidente accettò.

> La vecchia signora scrutò attentamente le palle e poi gli

> chiese se poteva

> toccarle.

> "Va bene, in fondo 50 milioni sono un sacco di soldi, quindi

> credo che Lei

> debba essere assolutamente sicura."

> In quel momento, egli notò che l'avvocato silenziosamente

> stava sbattendo

> la

> testa contro il muro.

> Il presidente chiese alla signora: "Che diavolo ha il suo

> avvocato?"

> Ella disse: "Niente, a parte il fatto che ho scommesso con

> lui 200 milioni

> che alle 10 di stamattina

> avrei avuto nelle mie mani le palle del Presidente della

> Banca d'Italia".

31894[/snapback]

Ma chi sei, Siniscalco?

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...