Jump to content

Cimberio progetto vincente


Lucaweb
 Share

Recommended Posts

Strategie future da delineare sulla base delle esperienze di un biennio ricco di spunti positivi in campo e fuori: così il presidente del consorzio Michele Lo Nero disegna i "piani operativi" per la stagione ventura in attesa del colloquio odierno con Carlo Recalcati che lo vedrà esporre le idee della società insieme al suo "pari grado" Cecco Vescovi: «Sarà un incontro per fare il punto della situazione e valutare le reciproche visioni sul futuro: di certo il bilancio di questi due anni non può che essere positivo, e dunque ragioneremo per costruire la Varese che verrà sulle basi del percorso di crescita del passato. La situazione è in divenire, dunque a mio avviso non dobbiamo avere fretta ma ragionare con calma sulle scelte da compiere; di sicuro qualunque sia la decisione non andremo verso una fase di rottura, ma opereremo nella linea della continuità».

Di sicuro la società è soddisfatta dei risultati del campo che hanno riportato la Cimberio ai playoff per due stagioni consecutive e in quest'ottica vuole proseguire sulla stessa falsariga nella gestione del club; i segnali delle ultime settimane sembrano comunque indicare la volontà di modificare le strategie di costruzione dell'organico, facendo trasparire dunque l'ipotesi di puntare su un tecnico diverso da Recalcati.

In pole position resta Frank Vitucci ieri a colloquio con la nuova dirigenza di Avellino che gli ha illustrato i programmi del club; se però il tecnico veneziano dovesse optare per la permanenza in Irpinia e il mercato non offrisse tecnici adatti al "progetto-squadra" ipotizzato da Varese (indubbio il gradimento di Meo Sacchetti che però è contrattualmente legato a Sassari, mentre l'ipotesi Dalmonte - per il quale si ipotizza un ruolo da assistant coach al Cska Mosca qualora dovesse approdarvi Simone Pianigiani - è ritenuta troppo simile alla "linea-Recalcati") allora la conferma dell'ex Ct azzurro potrebbe tornare d'attualità.

Per questo con ogni probabilità il colloquio odierno sarà interlocutorio per verificare le rispettive posizioni, lasciando reciproca facoltà di esplorare il mercato. Intanto però Lo Nero non guarda solo alla panchina della Cimberio che verrà nel contesto delle strategie future per far crescere società e consorzio: «Di idee da portare avanti ne abbiamo tante, e vogiamo arrivare all'assemblea di Varese nel Cuore di fine giugno avendo ben chiaro quel che si è fatto e quel che si vuole fare.

Al di là delle strategie tecniche che sono compito di Cecco Vescovi in una scelta impostata da lui e poi condivisa dal CdA voglio una squadra che prosegua nella falsariga di un discorso basato su carattere, attaccamento alla maglia e disponibilità al lavoro di gruppo che ho visto in questi due anni; poi se questo tipo di gioco lo praticherà una squadra di 7 o di 15 giocatori per me non importa».

Infine Lo Nero auspica che la prossima "Basket Fest" possa dare ulteriore visibilità all'opera del club biancorosso e ribadisce la massima apertura della dirigenza a forze e idee nuove: «La Basket Fest di sabato e domenica è un evento che vuole coinvolgere tutta la città e non solo la famiglia del basket. E nella prossima assemblea, oltre a valutare le strategie future, i proprietari dovranno decidere anche chi le porterà avanti: il nostro progetto deve andare avanti a prescindere dalle persone che lo guidano, l'auspicio è quello di allargare il più possibile il novero di chi ha idee e disponibilità per la sua riuscita».

Giuseppe Sciascia

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...