Jump to content

Pallacanestro Varese 2018/2019


Recommended Posts

  • Replies 2.7k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

22 hours ago, banksanity6 said:

Eh...mi è venuto un mancamento solo leggendolo...

Ricorderei bene l’arrivo di Vene a Varese.

Spacca spogliatoio oppure giocatore inutile erano i complimenti migliori.

Prima di dar giudizi io andrei a vedere un momentino come gioca Perry( visto parecchie volte dal vivo quest’anno,e in una squadra di matti lui infondeva equilibrio) senza sputar sentenze per partito preso.

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Binzaghino dice:

Ricorderei bene l’arrivo di Vene a Varese.

Spacca spogliatoio oppure giocatore inutile erano i complimenti migliori.

Prima di dar giudizi io andrei a vedere un momentino come gioca Perry( visto parecchie volte dal vivo quest’anno,e in una squadra di matti lui infondeva equilibrio) senza sputar sentenze per partito preso.

Beh più che l'arrivo io ricordo il girone di ritorno fantastico che ha fatto Vene e se avessi dovuto puntare tutto su uno il vikingo sarebbe stato il mio prescelto. 

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, toloz dice:

Buttare un occhio ad Antonutti, non giovane ma nemmeno male?

Ferrero e Archie...nn credo ci sia spazio x altre ali. A meno che non si pensi che antonutti sia ala piccola ma è molti anni che nn la fa più e ha perso molta mobilità. Imho nn fa x noi.

Link to post
Share on other sites
36 minuti fa, Emmemme dice:

Ferrero e Archie...nn credo ci sia spazio x altre ali. A meno che non si pensi che antonutti sia ala piccola ma è molti anni che nn la fa più e ha perso molta mobilità. Imho nn fa x noi.

Già .... direi che avendo Ferrero è Natali  Antonutti non va..... l'ala piccola secondo me sarà l'ultima pedina a meno che non abbiamo qualche sorpresa con un ora titolare nel ruolo 

Link to post
Share on other sites

Varese, scatta la caccia al play

Varese attende la scelta di Aleksa Avramovic prima di entrare nel vivo della questione playmaker. A soli quattro giorni dal termine ultimo entro il quale la guardia serba potrà esercitare l’ escape a pagamento per uscire dal suo terzo e ultimo anno di contratto, l’ Openjobmetis sonda a tutto campo il mercato dei playmaker con esperienza italiana per farsi trovare pronta ad ogni evenienza.

La posizione di “Avra” sarà una prima e fondamentale discriminante per la scelta della tipologia di regista al quale Attilio Caja affiderà le chiavi della stagione 2018/19. La conferma - molto probabile ma ancora non certa al 100 per cento - dell’esterno mancino indirizzerebbe l’area tecnica varesina verso un uomo d’ordine, se invece il serbo - che nelle ultime 9 gare di stagione dopo l’infortunio di Cameron Wells ha viaggiato a 19.3 punti di media a partita, un ritmo da capocannoniere della serie A - dovesse lasciare a sorpresa le Prealpi servirebbe a quel punto un elemento in grado di garantire anche un fatturato offensivo importante.

L’unico vincolo richiesto da “Artiglio” riguarda un livello elevato di affidabilità che solo una precedente esperienza italiana può garantire: l’esperienza con Wells non è stata positiva, alla luce dei troppi sbalzi di rendimento e dell’imperscrutabilità di un giocatore che era arrivato con la fama del leader e invece ha evidenziato personalità da comprimario.

Dunque il playmaker titolare della Varese che verrà dovrà dare garanzie tecniche e umane già evidenziate in Italia; il raggio di azione è comunque ampio contando ovviamente anche i giocatori con trascorsi nel “Belpaese” che nel 2017/18 hanno militato all’estero come nel caso di Dominque Archie.

Un giocatore che piaceva tantissimo al coach pavese era Josh Mayo, 31enne regista con trascorsi italiani a Montegranaro, Roma e Scafati che nelle ultime due stagioni ha giocato in Bundesliga a Bonn.

Ma per convincere l’atleta del 1987 a esercitare l’ escape dal contratto con la formazione tedesca entro domenica scorsa serviva una cifra totalmente fuori portata (richiesta attorno ai 200mila dollari), e infatti Mayo resterà per il terzo anno consecutivo nella compagine che il prossimo anno disputerà la Champions League FIBA.

Esclusa anche la pista Ryan Arcidiacono, che in Italia non ha mai giocato, ma conosce bene Attilio Caja per l’esperienza comune in Nazionale Sperimentale nel 2014: il 24enne regista americano (con evidenti ascendenze tricolori ma al momento senza doppio passaporto) ha costi importanti, ma soprattutto pone il vincolo di inserire una NBA escape a fine luglio con l’intento di disputare la Summer League e cercare un altro posto tra i professionisti.

Ma l’area di ricerca resta ampia, soprattutto fino a quando non si scioglierà il nodo Avramovic: una volta definita la posizione della guardia serba, si capirà se il playmaker della Varese 2018/19 avrà attitudine da direttore d’orchestra o da primo violino.

Giuseppe Sciascia

Link to post
Share on other sites

Varese cerca nuove strade

L'Openjobmetis inizia a studiare piani di battaglia alternativi alla soluzione Antonio lannuzzi. L'impasse perdurante sulla situazione contrattuale del centro irpino spinge Varese a valutare altre strade per completare il pacchetto italiani con un rinforzo di qualità dalla panchina. Il problema principale riguarda i tempi dell'operazione e la relativa incertezza legata ad una situazione a forte rischio stallo.Torino non ha alcuna fretta di risolvere il contratto valido per il 2018/19 (con opzione per l'annata successiva) con il lungo del 1991, aspettando che sia il giocatore a fare la prima mossa; nessun club interessato al centro ex Omegna - compresa ovviamente Varese - è però in grado di pareggiare l'attuale importo del legame con l'Auxilium.

E se lannuzzi non farà un passo indietro, non c'è modo di sapere se e quando la matassa si sbroglierà; per questo la società di piazza Monte Grappa, non potendo correre il rischio di restare "incartata" su un unica ipotesi né di aspettare a tempo indeterminato con la possibilità che si inseriscano altri club in extremis, sta iniziando a valutare altre strade. Ma soprattutto altri incastri relativi ai passaporti: il centro del 1991 è infatti l'unico lungo di valore che Attilio Caja considera arruolabile nel reparto in temi, e se non dovesse essere disponibile allora l'Openjobmetis cambierà strategia, puntando su un rinforzo italiano sul perimetro e completando il reparto lunghi Archie, Ferrero e Cain con uno straniero da mettere alle spalle del centro statunitense.

Anche perchè, se il mercato dei lunghi italiani non offre alternative, quello degli esterni è leggermente più ricco; però i tempi non sono eterni, perché gli italiani da serie A sono i primi ad accasarsi, e le spese folli dell'A2 con tre promozioni hanno già tolto di scena altri potenziali "papabili". Tra i candidati plausibili spicca David Cournooh, la 28enne guardia-playmaker in scadenza di contratto a Cantù (6.9 punti e 2.3 assist in 21.2 minuti) che difficilmente resterà in Brianza e non sembra vicinissimo a Reggio Emilia, al momento l'unico club di serie A che lo ha sondato. Un elemento rodato con 6 stagioni alle spalle nel massimo campionato (172 presenze e 5.5 punti di media tra Siena, Brindisi e Pistoia oltre al suo ultimo club) che però non può essere l'unico obiettivo al vaglio: Attilio Caja non ha paura di pescare nel "mare magnum" degli emergenti di A2, anche se probabilmente ormai è tardi per l'ipotesi Matteo Martini (la guardia ex Legnano sembra vicinissima a Pistoia).

Ma l'ipotesi di scommettere su un altro elemento proveniente dalla categoria inferiore che possa ripetere la parabola di crescita di Matteo Tambone non spaventa l'area tecnica biancorossa. Che dalla prossima settimana, una volta acquisito il sempre più probabile sì di Aleksa Avramovic, si concentrerà anche sulla scelta degli ultimi due italiani locali da allenamento per i ruoli di undicesimo e dodicesimo giocatore.

Giuseppe Sciascia

LE MOSSE DELLE ALTRE Avellino sogna il colpo Michele Vitali

Giorni caldissimi sul mercato degli italiani: il pezzo pregiato Awudu Abass rinvia la scelta a dopo la Summer League di Las Vegas con cui proverà a ritagliarsi un posto ad Oklahoma City (eventualmente anche in G-League), oggi in vantaggio ci sono i turchi del Tofas Bursa mentre in Italia Torino (in alternativa c'è Simone Fontecchio, per ora blindato da Milano) e Trento (che dopo la firma di Fabio Mian contende Zerini a Brescia). Intanto Matteo Martini è ad un passo da Pistoia: sarà il terzo ex Legnano a salire di categoria dopo Alessandro Zanelli (a Brindisi) e Nik Raivio (al Bayreuth in Germania). Mentre Bruno Cerella va verso la conferma a Venezia, Avellino sogna un colpo ad effetto tra Michele Vitali (se non andrà in Eurolega lo contenderà a Brescia) e Davide Pascolo. Intanto inizia l'assalto agli americani: la Virtus Bologna punta sul play Malcolm Griffin (preferito perchè più fresco e meno caro all'ex "Indimenticabile" Mike Green), Brindisi vuole l'ex Roma e Treviso John Brown. ln A2 Treviso ha fatto una proposta pluriennale a Marco Spissu e prova a riportare nella Marca il varesino Niccolò Martinoni, cresciuto nel vivaio della Benetton.

 

Link to post
Share on other sites
14 ore fa, peter pan dice:

Altri ita nel ruolo di guardia in a2? Solo a me non dispiace ceron come cambio di avramovic?

Buon tiratore, ha fatto 3 su 40 nel girone di ritorno 😀

Credo inoltre che chieda troppo sia a livello economico che di ruolo per fare la riserva di Avramovic ( in teoria 10min a partita, visto che Avra dovrà essere il n1 della squadra). Tambone ha chiuso molto bene la stagione e ha fisico per giocare anche da guardia. Se da come si dice il nuovo play non sarà una scommessa (..Larsson) ma uno solido o Tambone gioca qualche minuto anche da due o giocherà davvero poco. 

Link to post
Share on other sites

Ma un Waller come cambio di Avra fa proprio schifo? È già nostro e non chiede la luna ...

Meglio andare su un lungo italiano, e avere un reparto esterni con play X, Tambone, Avra e Waller

 

Link to post
Share on other sites

veramente c'è scritto che siamo una delle squadre che ha in mano il dossier del giocatore, cosa che, probabilmente, si può dire di molti altri...

poi, se domani non ci saranno sorprese, finirà in archivio. insieme agli altri.

Link to post
Share on other sites
3 ore fa, alberto dice:

veramente c'è scritto che siamo una delle squadre che ha in mano il dossier del giocatore, cosa che, probabilmente, si può dire di molti altri...

poi, se domani non ci saranno sorprese, finirà in archivio. insieme agli altri.

Sperem

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...