Jump to content

Recommended Posts

4 minuti fa, Indimenticabili dice:

Biennale da 530.00€ con Malaga, poche squadre avrebbero potuto trattenerlo l'anno scorso, figuriamoci noi... Cosa farà l'anno prossimo e quanto potrà chiamare (dubito che torni a Malaga) sarebbe interessante saperlo

Ma anche se tornasse (a fine contratto da 530.000€) siamo sicuri che renderebbe come quando se ne è andato? Ci sarò ancora Caja? E sarebbe il caso di metterlo al centro della squadra dopo due anni di rendimento molto scarso (rispetto all'ingaggio)?

Le minestre riscaldate... mmmm.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avremmo dovuto tenere Vitucci, e soprattutto Giofrè.

E fa male vedere Banks così bene integrato in quel contesto, a paletti migliore guardia del campionato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, Sir Joe dice:

Ma anche se tornasse (a fine contratto da 530.000€) siamo sicuri che renderebbe come quando se ne è andato? Ci sarò ancora Caja? E sarebbe il caso di metterlo al centro della squadra dopo due anni di rendimento molto scarso (rispetto all'ingaggio)?

Le minestre riscaldate... mmmm.....

Minestra riscaldata? Ha 25 anni, ben vengano minestre riscaldate del genere! E se anche il suo rendimento dovesse essere inferiore del 15/20% rispetto a quanto ha fatto l'anno scorso saremmo comunque al di sopra di quanto possiamo aspettarci dalle guardie che nei prossimi anni arriveranno a Varese.
Detto questo, non torna, a meno di un'improbabilissima "scelta di cuore".

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, MarkBuford dice:

Fuori tre delle prime quattro,la F degli 'ex-giocatori' in semifinale. Ma noi si resta prudenti nelle retrovie e si mettono in bacheca le coppe del bilancio e il Gran Prix dei ragionieri. Cosa possono capirne i tifosi di Brindisi che sono alla seconda semifinale in due anni?

Ma più che coppa di bilancio credo che abbiano scelto di non fare la fine di Avellino, play off coppa Italia e oggi sparita. Ok ironizzare ma non me la sento di incolpare la società perché hanno un approccio conservativo.

Le scelte di mercato potevano essere di poco differenti rispetto alle attuali non siamo a Pesaro perché non siamo di quel livello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, sertar dice:

Avremmo dovuto tenere Vitucci, e soprattutto Giofrè.

E fa male vedere Banks così bene integrato in quel contesto, a paletti migliore guardia del campionato.

Peró fu proprio Vitucci a volersene andare ad Avellino (che pagó per averlo...) deludendo un po’ tutti tra società e tifosi.

Con Giofrè c’era da avere più pazienza sicuramente. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, MarkBuford dice:

Fuori tre delle prime quattro,la F degli 'ex-giocatori' in semifinale. Ma noi si resta prudenti nelle retrovie e si mettono in bacheca le coppe del bilancio e il Gran Prix dei ragionieri. Cosa possono capirne i tifosi di Brindisi che sono alla seconda semifinale in due anni?

Sempre puntiglioso eh :D

Il sano realismo e l’attaccamento perenne dei piedi a terra non puó essere una colpa assoluta di una proprietà che tira avanti la carretta tra 1000 difficoltà.

Ma metaforicamente parlando, se ci impediscono di sognare non facendoci dormire...va a finire che infartiamo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pensate a sti sfigati che si giocano la coppa italia e magari non hanno i conti in ordine

SFIGATI!

Share this post


Link to post
Share on other sites
46 minutes ago, Ponchiaz said:

Pensate a sti sfigati che si giocano la coppa italia e magari non hanno i conti in ordine

SFIGATI!

Questo post mi ha fatto ridere più di quanto avrebbe avrebbe dovuto farlo.

E pensa che che sono ancora più sfigati, in quanto non ridono neppure quanto noi.

SFIGATI DUE VOLTEEEEE!

PS.: E non hanno neppure mangiato i casoncelli a Bergamo come  invece abbiamo fatto noi, dice il mio amico Sheldon Cooper, di cui, d'ora in avanti, riporterò sempre l'opinione.

Edited by UNSELD

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, joe dice:

Peró fu proprio Vitucci a volersene andare ad Avellino (che pagó per averlo...) deludendo un po’ tutti tra società e tifosi.

Con Giofrè c’era da avere più pazienza sicuramente. 

Ricordo ancora quanti "geni" in questo forum che dicevano che Giofrè non capiva un cazzo.. Fortunatamente il tempo riconosce i meriti delle persone capaci, peccato che non succeda qui..

Giofrè ha idee piuttosto chiare, giocatori super atletici e di squadra. Una ricetta semplice, che però funziona, visto che, senza avere grandi budget, riesce spesso a mettere insieme squadre da alte posizioni e soprattutto spettacolari.

Ma qui era quello di Weeden.. Pork..

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 13/2/2020 at 14:38, Grullo Parlante dice:

Dai, sbilanciatevi, chi alza la Coppa?

Sorpresona come gli ultimi due anni o ritorno all'ordine?

Io dico MM.

 

Il 13/2/2020 at 20:50, magog dice:

MM

 

Il 14/2/2020 at 18:27, UNSELD dice:

Guarda Fabio, io ho adottato il seguente sistema:

penso intensamente alla faccia di Aradori e al fatto che la Fottitudo giochi stasera al posto nostro e mi girano i coglioni a tal punto che mi passa la voglia di basket fino a marzo inoltrato...

 

23 ore fa, fabioRE dice:

 

 

 

su questo forum abbiamo la crème de la crème degli esperti   :tongue:

sta a vedere che si materializza l'incubo peggiore dei funerini, Aramerda che alza al cielo la coppa italia.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Su sportando ho trovato questo commento che merita

"Milano è lo specchio della città che è diventata. Bellissima, cosmopolita, stilosa, proiettata al futuro, ambiziosa. Peccato che tutto questo si trasformi in un perenne rovescio della medaglia nel momento in cui le persone non si fermano più di qualche anno, non si sprovincializzano mai del tutto, non evolvono, ma si limitano a sentirsi fighe e nel posto più figo d'Italia, a cui non si legano mai davvero nell'anima. Milano sponda basket non fa sistema, non fa progetto, non rispetta le sue origini operaie e non solo borghesi e poi semplicemente fighette. Non si esce vivi dagli anni 0, fra dieci la Virtus avrà rivinto l'Eurolega e a Milano i sessanteni staranno ancora a litigare sullo status di Craxi. Provate ad aprire Tinder a Milano, al 90% troverete tipe che cercano follower con profili clonati da i influencer wannabe. Poi provate a fare un weekend a Berlino e usare la stessa app. La spiegazione chiedetela a Trinchieri, non a Gamba.
L'Olimpia è inchiavabile. È consistente come un menu di Masterchef. Appetibile come un pacchetto di patatine con sopra Cracco. Messina stasera non ha perso solo un altra partita, ha perso la stella sulla guida Michelin"

Per me applausi 

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, ROBERTO1961 dice:

Su sportando ho trovato questo commento che merita

"Milano è lo specchio della città che è diventata. Bellissima, cosmopolita, stilosa, proiettata al futuro, ambiziosa. Peccato che tutto questo si trasformi in un perenne rovescio della medaglia nel momento in cui le persone non si fermano più di qualche anno, non si sprovincializzano mai del tutto, non evolvono, ma si limitano a sentirsi fighe e nel posto più figo d'Italia, a cui non si legano mai davvero nell'anima. Milano sponda basket non fa sistema, non fa progetto, non rispetta le sue origini operaie e non solo borghesi e poi semplicemente fighette. Non si esce vivi dagli anni 0, fra dieci la Virtus avrà rivinto l'Eurolega e a Milano i sessanteni staranno ancora a litigare sullo status di Craxi. Provate ad aprire Tinder a Milano, al 90% troverete tipe che cercano follower con profili clonati da i influencer wannabe. Poi provate a fare un weekend a Berlino e usare la stessa app. La spiegazione chiedetela a Trinchieri, non a Gamba.
L'Olimpia è inchiavabile. È consistente come un menu di Masterchef. Appetibile come un pacchetto di patatine con sopra Cracco. Messina stasera non ha perso solo un altra partita, ha perso la stella sulla guida Michelin"

Per me applausi 

E' stato anche troppo buono.Milano e mmilano sono molto,molto,molto molto peggio.

E ve lo dice uno che ci e nato e ci vive,E che ci morirà.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tifosi Fortitudo aggrediti a Pesaro, rubata sciarpa dell'Aquila

Pesaro, 15 febbraio 2020 - Una famiglia bolognese è stata rapinata ieri alle 17 a Pesaro, lungo il corso XI Settembre. Rapinati non di soldi, ma di una sciarpa. Quella con i colori della Fortitudo, che proprio ieri scendeva in campo per i quarti di finale di Coppa Italia contro il Brescia (e ha vinto). A raccontare tutto è Marcella C., dipendente della sede centrale di Ubi banca pesarese, che al telefono dice: "Ero appena uscita dal lavoro, quando mi sono accorta che davanti al negozio Tezenis stava camminando questa famiglia: spiccava una sciarpa al collo del papà. Era tranquilla. Improvvisamente, però, si sono affiancati tre giovani con dei cappucci in testa, ma senza altre sciarpe addosso. Hanno spintonato la famiglia davanti a me e poi uno di questi sconosciuti ha dato un calcio in pancia all’uomo che non è caduto, pur barcollando. Un altro malvivente gli ha strappato via la sciarpa dal collo per poi fuggire. Io sono rimasta sotto choc".

"Sono accorsa da questa famigliola – continua Marcella – ho chiesto loro se avevano avuto paura, ho fatto chiamare il 113 e poi qualcun altro ha avvisato i vigili. Ero preoccupata per quell’uomo preso a calci. Ha guardato fuggire via i suoi aggressori i quali hanno imboccato via Toschi Mosca. Pensavo di chiamare il 118, ma l’uomo mi ha detto di no, mi ha come tranquillizzato lui dicendo che rapinare sciarpe tra tifosi è normale, giustificando il gesto come una specie di bottino di guerra che tra opposte tifoserie ogni tanto si contendono. Mi sembrava di sognare: avevo ancora negli occhi l’aggressione a calci in pancia che aveva subìto quest’uomo che avevo davanti a me con la moglie e il figlio, presumo, e lui stesso mi stava confortando per quanto accaduto, come se la vittima fossi io. Non metto in dubbio che ho avuto molta paura per un’aggressione violenta e inaspettata avvenuta sotto i miei occhi, ma avere il conforto della vittima mi ha sorpreso non poco".

Share this post


Link to post
Share on other sites

MH7

Brindisi is BALLING....it’s amazing what you can accomplish with a roster with one offensive star and some guys that understand their role and are hungry to win

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, fabioRE dice:

Tifosi Fortitudo aggrediti a Pesaro, rubata sciarpa dell'Aquila

Pesaro, 15 febbraio 2020 - Una famiglia bolognese è stata rapinata ieri alle 17 a Pesaro, lungo il corso XI Settembre. Rapinati non di soldi, ma di una sciarpa. Quella con i colori della Fortitudo, che proprio ieri scendeva in campo per i quarti di finale di Coppa Italia contro il Brescia (e ha vinto). A raccontare tutto è Marcella C., dipendente della sede centrale di Ubi banca pesarese, che al telefono dice: "Ero appena uscita dal lavoro, quando mi sono accorta che davanti al negozio Tezenis stava camminando questa famiglia: spiccava una sciarpa al collo del papà. Era tranquilla. Improvvisamente, però, si sono affiancati tre giovani con dei cappucci in testa, ma senza altre sciarpe addosso. Hanno spintonato la famiglia davanti a me e poi uno di questi sconosciuti ha dato un calcio in pancia all’uomo che non è caduto, pur barcollando. Un altro malvivente gli ha strappato via la sciarpa dal collo per poi fuggire. Io sono rimasta sotto choc".

"Sono accorsa da questa famigliola – continua Marcella – ho chiesto loro se avevano avuto paura, ho fatto chiamare il 113 e poi qualcun altro ha avvisato i vigili. Ero preoccupata per quell’uomo preso a calci. Ha guardato fuggire via i suoi aggressori i quali hanno imboccato via Toschi Mosca. Pensavo di chiamare il 118, ma l’uomo mi ha detto di no, mi ha come tranquillizzato lui dicendo che rapinare sciarpe tra tifosi è normale, giustificando il gesto come una specie di bottino di guerra che tra opposte tifoserie ogni tanto si contendono. Mi sembrava di sognare: avevo ancora negli occhi l’aggressione a calci in pancia che aveva subìto quest’uomo che avevo davanti a me con la moglie e il figlio, presumo, e lui stesso mi stava confortando per quanto accaduto, come se la vittima fossi io. Non metto in dubbio che ho avuto molta paura per un’aggressione violenta e inaspettata avvenuta sotto i miei occhi, ma avere il conforto della vittima mi ha sorpreso non poco".

Classico stile da coniglio pesarese (storicamente gemellati con i falegnami 🐇) e classico stile Fossa dei Leoni da veri ultras: niente infamate, si risolve sul campo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...