Jump to content

ANCORA ELENI....


Recommended Posts

Incollo qui solo la sua pagella....bella bella a mio parere.

Per i cultori, leggetevi tutto l' articolo

http://www.basketnet.it/news/?id=58614

dove vi segnalo un interessante passaggio su Milano..... ;)

....................

Nel deserto degli armadilli via con il succo di cactus, niente carne, soltanto pagellone per i goduriosi:

10 A Carlo RECALCATI perché questa tessera abbonamento al massimo punteggio se la merita per aver sopportato in silenzio, per essersi insinuato come un’aspide canturina sulla mammella moscovita che allatta il nostro caro Tancredi Messina. Siena gioca meglio di tutti. Peccato abbia questa grana dello straniero aggiunto.

9 A Marcelo NICOLA che l’anno scorso non disse tutta la verità quando lo costrinsero a lasciare Treviso, che ora ha trovato una contrada giusta dopo l’esilio al freddo. Il tipo non parla mai a vanvera, magari non diventa matto per la difesa, ma se inquadra un bersaglio, se mette nel mirino dei giudizi un giocatore riesce sempre a fare centro. Lui sa che non i registi non si inventano, si possono, al massimo, camuffare se hanno di fianco gente che crede in loro.

8 A Sandro CROVETTI che nel silenzio africano delle sue fotografie ha scoperto la formula per cambiare il modo di essere di una società. Ha resistito alle sirene, ha resistito a tutto, ha creduto nel Dalmonte peperino, con Ferrara guida il campionato di Legadue e questa volta, forse, passerà un Natale più dolce.

7 Al danese DREJER per non aver ascoltato i sapientoni del basket dotto quando all’inizio aveva qualche problema. Certo fare un servizio completo come quello che ha mandato nei matti la difesa di Cantù è un capolavoro che cambierà tante cose anche in città e per qualche finto numero uno potrebbe essere il segnale del risveglio o della fine precoce.

6 A Marco TUSEK per essersi finalmente trovato da solo una risposta alle tante domande assurde che continuava a farsi pensando al difficile rapporto con Pesic. Spieghi anche a qualche suo vicino di sella come si risponde agli allenatori che molte volte si aspettano soltanto di vederti rendere per andare davanti a tutti e dire: ho sbagliato. Mai che lo facesse un giocatore. Caro Cassì mettiamo questa regola nel nuovo contratto modello scritto soltanto in italiano, si capisce.

5 A Gelsomino REPESA se si lascia scappare di mano una squadra che non poteva essere subito costruita a sua immagine e somiglianza. Se non fa il bravo gli spediamo il Pozzeccio in licenza premio, perché adesso lo venerano soltanto a Milano, soltanto su Sky e lui freme per poter tornare in città. Allora si dia una mossa.

4 Al caro e creativo MARTINELLI che non trova la sabbia da far diventare diamante come nelle stagioni passate. Sembrava ci fosse riuscito un’altra volta, ma lui è il grande epuratore e fino alla fine della corsa non vi diremo quello che ci passa per la mente sul progetto Roseto.

3 A Ginone NATALI se non risolve subito il problema Djordjevic. O dentro o fuori. Così come ha costruito la squadra rischia di finire a Shumpert la sua coraggiosa ricerca del nuovo.

2 A Riccardo PITTIS per aver esagerato nello scavalcare il girone dei ventriloqui, per aver osato un po’ troppo andando oltre la battigia delle banalità e dei luoghi comuni quando ha detto che Fernandez giocava per una parentela con Magnano. Fortuna che poi si è pentito, che poi non hanno detto al truce argentino questa cosa che non aveva senso pensando all’inizio di stagione di un giocatore sempre utile.

1 Ai dirigenti di AVELLINO che hanno spinto alle dimissioni Giuliani. Gli hanno dato una squadra ciofeca. Stanno buttando via soldi ed energie quando dovrebbero pensare al futuro. Certo che là in fondo nulla è scritto, ma di sicuro c’è scritto che la vera serie A si affronta con progetti concreti, non con scommesse.

0 A Dan PETERSON perché quando è lontano dai microfoni o dal computer dice cose che poi non sentiamo in televisione, non leggiamo nei suoi articoli. Caro don Abbondio prova ad uscire dalla trincea e non certo prendendotela con me. Troppo facile. Sono una Croce Rossa e viaggia verso il Valhalla alla ricerca del tredicesimo guerrieri senza un precision time legato alle mutande.

Oscar Eleni

Edited by ROOSTERS99
Link to comment
Share on other sites

  • Replies 62
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

0 A Dan PETERSON perché quando è lontano dai microfoni o dal computer dice cose che poi non sentiamo in televisione, non leggiamo nei suoi articoli. Caro don Abbondio prova ad uscire dalla trincea e non certo prendendotela con me. Troppo facile. Sono una Croce Rossa e viaggia verso il Valhalla alla ricerca del tredicesimo guerrieri senza un precision time legato alle mutande.

COSA

DIAVOLO

VUOL

DIRE!!!!!

Link to comment
Share on other sites

2 A Riccardo PITTIS per aver esagerato nello scavalcare il girone dei ventriloqui, per aver osato un po’ troppo andando oltre la battigia delle banalità e dei luoghi comuni quando ha detto che Fernandez giocava per una parentela con Magnano. Fortuna che poi si è pentito, che poi non hanno detto al truce argentino questa cosa che non aveva senso pensando all’inizio di stagione di un giocatore sempre utile.

42792[/snapback]

Io glielo direi a Fernandez...vediamo cosa dice! :lol:;)

Link to comment
Share on other sites

Io glielo direi a Fernandez...vediamo cosa dice! :D  :angry:

42846[/snapback]

Questa sì che è un' idea !!

Mi piace immaginare un Pittis-piangina in campo che dopo essersi ripetutamente lamentato per come lo marca duro Gabriel, commette un bel fallaccio di frustrazione sul medesimo che lo lancia in tribuna stampa...... :lol::lol:;):lol::lol:

Edited by ROOSTERS99
Link to comment
Share on other sites

Questa sì che è un' idea !!

Mi piace immaginare un Pittis-piangina in campo che dopo essersi ripetutamente lamentato per come lo marca duro Gabriel, commette un bel fallaccio di frustrazione sul medesimo che lo lancia in tribuna stampa...... :rolleyes:  :o  :(  ^_^  :(

42876[/snapback]

:(:(:P Ul Fernandez l'è bel gross!!

Link to comment
Share on other sites

La risposta di Peterson.

Oscar Eleni mi ha dato ''0'' in .... condotta. Beh, non è la prima volta che mi succede. Secondo lui devo dire pubblicamente le cose che dico a tavola. Secondo me, ne ho detto una la settimana scorsa con il mio suggerimento per la riforma del campionato. Perfino Fausto Maifredi mi ha ''rimproverato'' per avere messo naso negli affari degli altri. Sono fra l'incudine e il martello.

Penso di averlo detto anche nel mio pezzo per ''La Gazzetta dello Sport'' sull'Olimpia Milano, dicendo che quelli dalla panchina hanno fatto un tonfo micidiale e che Danilo Gallinari, se viene lanciato, non può giocare peggio. Ho anche suggerito al coach Lino Lardo di pensarci bene prima di fare un cambio che altera un quintetto che sta funzionando da Dio.

Questa settimana dico un'altra cosa di cui parlo anche a tavola con tutti: che preferisco un campionato ''italiano'' che abbia dei giocatori ... italiani. Con questo, sono 'nostalgico' dei tempi con 9 italiani e 1 straniero, oppure, come alla fine della mia carriera, nel 1986-87, 8 italiani e 2 stranieri. Leggo questa imposizione del 6+6 e ho anche da dire su questo.

Siamo essere umani. Uno prende una decisione - il 6+6 - e dà un numero ad una cosa e la gente pensa: ''OK, deciso. Sistemato. Finisce lì''. Invece, no. Mi può anche stare bene 6+6... ma fra cinque anni. Io non sono per una soluzione veloce e drastica qui. Sono per una soluzione a gradi, centimetro per centimetro, anno per anno, passo per passo. Mi spiego.

OK, l'anno prossimo, le 18 squadra della Serie A devono avere 6 Italiani in rosa ciascuna. Benissimo. Se la matematica non è un'opinione, vuol dire che devono trovare la bellezza di 108 Italiani per riempire le rose. Secondo voi, ci sono 108 bravi giocatori Italiani? No. Ridicolo. Non ci sono forse neanche 36, una media di due per squadra.

Bene. Cosa succede adesso? Diciamo che abbiamo una mediocre ala italiana. Non ha giocato in A l'anno scorso ma una società, diciamo la Benetton, deve, per forza, avere un sesto giocatore italiano. Insomma, la Benetton si ritrova con l'acqua alla gola. Ok, l'agente di questo mediocre giocatore raddoppia la richiesta. La Benetton paga il doppo per uno che vale la metà.

Succederà questo l'anno prossimo? Matematico! Quindi, una regola che, in superficie, sembra giusta, finisce ( a ) per arricchire i giocatori italiani di livello mediocre, ( b ) arricchire loro agenti, ( c ) impoverire le società, ( d ) indebolire il livello di gioco della Serie A. Francamente, non mi sembra un bell'affare.

Aggiungo questo. In Legadue ci vorranno pure giocatori italiani o no? Sì. In Serie B d'Eccellenza? Sì. Per di più, quelle società possono benissimo competere con la Serie A per quel mediocre giocatore. Motivo? Semplice: In Serie A è mediocre (il 12°); in Legadue è ottimo (quintetto base), in Serie B d'Eccellenza è una stella (go-to guy).

Come potevano fare questo cambio radicale? A gradi. L'anno prossimo, 2006-07, con 2 italiani per squadra + 10 stranieri; nel 2007-08, con 3 + 9; nel 2008-09, con 4 + 8; nel 2009-10 con 5 + 7; nel 2010-11 con 6 + 6. Per esempio. Così è possibile programmare. Così si ricostruiscono i vivai. Così si fa reclutamento. Così possono inserire un giovane italiano ogni anno anzichè sei in un anno.

Anzi, sarebbe la ''salvezza'' del basket italiano, economicamente nonchè tecnicamente. Forse qualcuno è contento per avere dettato questa legge, tipo Gianni Petrucci, Presidente del CONI, che voleva vedere più italiani. Giusto. Ma giusto anche fare un passo alla volta, almeno al mio avviso. Spero che il mitico Oscar Eleni sia d'accordo. Il suo OK è importante per me.

Dan Peterson

Chi scrive meglio o, perlomeno, più chiaro ?

Edited by tatanka
Link to comment
Share on other sites

In questo articolo http://195.56.77.208/news/?id=56193&redi= Peterson "risponde" alla chiamata di Eleni...e mi pare dica cose molto sensate.

A mio personale avviso certi schifi-di-uomo tipo Petrucci, nient' altro che viscidi burocrati che NULLA sanno di Basket e sport in generale e che hanno costruito carriere con stipendi da capogiro non si capisce bene come e per quali meriti, sono soltanto la rovina dello sport italiano............ :ph34r::blink:

P.S.: Tat...mi hai preceduto per un pelo..........

Edited by ROOSTERS99
Link to comment
Share on other sites

La risposta di Peterson.

...

Dan Peterson

Chi scrive meglio o, perlomeno, più chiaro ?

43148[/snapback]

Si può dire di tutto di questo ometto ( non in senso dispregiativo, ma per la statura), ma non che non sia un SIGNORE!!!

Ciao MC

Edited by Theus
Link to comment
Share on other sites

il ragionamento del mitico Dan non fa una piega, e soprattutto si capisce! :ph34r:

e aggiungo che sia un peccato che non faccia + le telecronache a Sky, mi piaceva un bel po' :blink: altro che Pittis!!!

Edited by Long Leg
Link to comment
Share on other sites

il ragionamento del mitico Dan non fa una piega, e soprattutto si capisce! :ph34r:

e aggiungo che sia un peccato che non faccia + le telecronache a Sky, mi piaceva un bel po' :blink: altro che Pittis!!!

43165[/snapback]

ieri sera commentava Skyliners Francoforte - Roma su SportItalia... :P

Edited by Cingo
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...