Jump to content

L'importanza degli uomini...


sertar
 Share

Recommended Posts

Una donna, sposata o meno che sia, ha diritto a interrompere la sua gravidanza entro i primi 90 giorni senza considerare il diritto alla paternità del padre del concepito. Così ha deciso il tribunale di Monza dando torto a un marito che, dopo l’interruzione di gravidanza decisa dalla moglie senza consultarlo, aveva chiesto la separazione per colpa della donna e il risarcimento dei danni.

Un marito ha chiamato in causa la moglie di fronte al tribunale di Monza per chiedere la separazione, che doveva essere a lei addebitata, in quanto avrebbe violato i doveri che derivano dal matrimonio, e per chiedere anche il risarcimento del danno. Qual era la colpa della signora? Avere abortito avvalendosi della legge 194 e perciò nel rispetto della normativa vigente, ma senza fare partecipe il marito della procedura per l’autorizzazione dell’interruzione di gravidanza. In particolare il coniuge invocava il proprio diritto alla paternità che avrebbe imposto, secondo lui, alla moglie «di tener conto delle sue ragioni eventualmente contrarie» dovendo «ritenersi illecito, nell’ambito del matrimonio, un ingiustificato rifiuto della donna a far partecipare alla decisione il marito-padre».

La sentenza del tribunale di Monza (presidente Piero Calabrò), depositata in questi giorni è rigorosa. Si fa riferimento a una sentenza della Cassazione (5 novembre ’98, n. 11094) che ha considerato irrilevante la questione di legittimità costituzionale in ordine all’art. 5 della legge 194/78, che individua nella donna l’unica titolare del diritto di interrompere la gravidanza senza attribuire alcun peso alla contraria volontà del marito e, a maggior ragione del padre naturale. La legge insomma tutela il diritto della madre, sposata o meno che sia, all’interruzione della gravidanza entro i primi 90 giorni dal concepimento, in piena liberà di autodeterminazione, senza considerare il diritto alla paternità del padre del concepito, nonché il diritto alla vita di quest’ultimo.

La sentenza del tribunale di Monza procede rilevando che sarebbe quanto meno incongruo stabilire che la donna, quando abbia assunto anche la condizione di «moglie», debba essere sanzionata con l’addebito della separazione e con le rilevanti conseguenze giuridiche a tale pronunzia direttamente riconducibili (prima fra tutte la perdita dell’assegno di mantenimento) a causa e per effetto dell’esercizio di un diritto riconosciutole dalla legge. Ne consegue che di fronte alla decisione della moglie di abortire nel rispetto della legge 194, il marito potrà chiedere la separazione se non ha condiviso la scelta della moglie e se ritiene che la convivenza non sia più possibile. Ma certo non potrà chiedere che la separazione sia addebitata alla consorte e ancor meno che la consorte sia tenuta a risarcire il danno per la lesione al suo diritto alla paternità. È ben vero che la procreazione costituisce una dimensione fondamentale della persona ed una delle finalità primarie del matrimonio ma è altrettanto vero che colei che esercita un proprio diritto non può, per ciò solo, essere oggetto di un giudizio che la penalizza.

In un momento in cui la legge sull’aborto è diventato un tema incandescente è importante una decisione rigorosa come quella del tribunale di Monza, che afferma che non può derivare una sanzione alla moglie, né sotto il profilo dell’addebito della separazione, né sotto il profilo del risarcimento del danno per una scelta di interruzione della gravidanza riservata alla sola donna e avvenuta nei termini previsti dalla legge.

Link to comment
Share on other sites

Il non avergli detto nulla dovrebbe essere buona ragione per addebitarle la separazione.

Il voler abortire contro la sua volontà è una bruttissima asimmetria della legge ma ci si può fare poco, ma non dirlo neanche mi sembra troppo.

57692[/snapback]

QUOTO

allucinante e crudele che il padre nel bimbo concepito non abbia diritto di parola sulla questione aborto, mica si è autoinseminata sua moglie!!!

Link to comment
Share on other sites

Vi confesso che rabbrividisco al pensiero che nell'anno del Signore 2006 si debba ancora ricorrere (fatti salvi i casi di violenza sessuale) all'aborto, con tutti i metodi contraccettivi di cui si può disporre.

Un'altra considerazione: nessuno chiede mai un parere anche al futuro feto, visto che la vita in gioco è la sua? :mellow:

Diritti della donna un paio di ciufoli, è della vita di un'altra creatura che si parla, come ci si può arrogare il diritto di deciderne la vita o la morte??!?

Scusate lo sfogo, che esula anche dal caso specifico presentato da Sertar

Link to comment
Share on other sites

Vi confesso che rabbrividisco al pensiero che nell'anno del Signore 2006 si debba ancora ricorrere (fatti salvi i casi di violenza sessuale) all'aborto, con tutti i metodi contraccettivi di cui si può disporre.

Un'altra considerazione: nessuno chiede mai un parere anche al futuro feto, visto che la vita in gioco è la sua? :angry:

Diritti della donna un paio di ciufoli, è della vita di un'altra creatura che si parla, come ci si può arrogare il diritto di deciderne la vita o la morte??!?

Scusate lo sfogo, che esula anche dal caso specifico presentato da Sertar

58160[/snapback]

non ti preoccupare spiff, ho provato schifo anch'io... :mellow:

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...