Jump to content

IO STO CON MAGNANO E VARESE


Recommended Posts

Magnano non l'è sentita di festeggiare a fine partita. Io ero già andato via a meno 1'32".

Schifato e incazzato con le statuine che si rianimano solo per fischiare e mandare a cagare questo o quello a seconda di come tira il vento. Che invocano un giocatore che in 4 minuti ha permesso a quel fantasma di Perry di giocare a basket. Che chiedono di tirar fuori i coglioni a una squadra che (almeno in casa!) non ha mai lesinato una goccia di sudore. Che non si rendono conto che siamo ancora in piena battaglia e pensano che sia già il tempo di tirare le somme. Che fischiano quando si è sotto e si esaltano quando si è sopra. Che rendono VARESE un posto dove non è bello giocare....

Mentalità sportiav e vincente: si lotta, si soffre, NON SI SCAPPA alla prima difficoltà.

Altrimenti vi meritate il VARESE dell'anno scorso!

Hai voglia poi a chiedere che la Pall Va prenda in prova tizius o caiovic.................

Saluti.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 130
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Che fischiano quando si è sotto e si esaltano quando si è sopra. Che rendono VARESE un posto dove non è bello giocare....

E che esultano quando lo stesso Collins gli fa vincere la partita!

PUBBLICO DI MERDA

Link to comment
Share on other sites

Mi sa che è lo stesso pubblico che fischiava il Poz, o che ha riempito di insulti Meneghin quando è tornato da avversario la seconda volta. Lo stesso pubblico che suggeriva i cambi a Recalcati o che mugugnava su Santiago.

Gente, niente di nuovo. A Varese, a parte la curva, c'è sempre stato il classico pubblico di m....

Link to comment
Share on other sites

Mi sa che è lo stesso pubblico che fischiava il Poz, o che ha riempito di insulti Meneghin quando è tornato da avversario la seconda volta. Lo stesso pubblico che suggeriva i cambi a Recalcati o che mugugnava su Santiago.

Gente, niente di nuovo. A Varese, a parte la curva, c'è sempre stato il classico pubblico di m....

Ieri ero in curva .

A parte i soliti noti , la GRAN parte della curva ieri è stata " un classico pubblico di m.... "

Link to comment
Share on other sites

Guest Stewe

Ieri ero in curva .

A parte i soliti noti , la GRAN parte della curva ieri è stata " un classico pubblico di m.... "

ruben ieri voleva fare un timeout ma aveva qualcuno sceso dal cielo che gli urlava dietro...

quella è una cosa che non deve + accadere.

l'allenatore deve poter lavorare.

si può perdere la calma e rimanere al proprio posto.

Link to comment
Share on other sites

Pubblico di merda, mi sono vergognato e nessuna parte del palazzetto esente...

tranne chi ovviamente si è incazzato come me, ma non si è minimamente sognato di contestare, io sto con Ruben, Gabry e Marlon che giustamente se ne sono andati!!!

E quelli che più mi hanno fatto ink sono stati quelli che prima fischiavano e poi applaudivano lo stesso giocatore...

Edited by the answer
Link to comment
Share on other sites

quasi tutto giusto.

smettiamola di incensare la curva, perchè i cori per bolzonella non li cantavamo certo in tribuna est.

tutti gli altri la smettano di insultare l'allenatore che, una volta di più, ha messo in campo collins per gli ultimi 5 secondi e ha avuto ragione.

che poi resti da capire perchè collins non abbia giocato un po' anche prima, è senz'altro vero...

ho avuto ancora una volta l'orrida sensazione di essere andato a vedere l'inter...

vorrei che tutti capissero che l'inter non DEVE vincere perché è l'inter e perché moratti butta palate di milioni di € all'uopo, così come varese non DEVE vincere per il nome che porta.

un po' di serenità fa solo bene alla società, ai giocatori, all'allenatore e, di riflesso, al pregiato pubblico.

in ultimo, una precisazione: per nessuna ragione al mondo andrei MAI a vedere l'inter! :lol:

ciao,

a

Link to comment
Share on other sites

Il non volere accettare il fatto di essere una squadra scarsa porta a queste inzcatrtue.

Senza alcuni giocatori, scarsoni sí ma pur sempre dotati di polmoni e di 5 falli da spendere, siamo piú o meno a livello di Capo d'Orlando.

Magnano: buone le scelte nel finale, risultato ottenuto e tanto basta.

Nel 4 quarto un po' marasmatico con Hafnar troppo a lungo in panca quando sarebbe servito.

Squadra: in gran parte bolliti cagasotto, tutti lí fermi a guardarsi in faccia, nota di merito solo per Fernandez, De Pol e Hafnar gente che non ha paura di attaccare il ferro quando la palla scotta.

Garnett: va beh.

Collins: si é riscattato da una prestazione da gregarione, peccato che a noi serva un leader.

Pubblico: fischi a Garnett quando va sul cubo (ARGUTO), Coro per Bolozonella (ASTUTO), Tizio che (partito dalla nord) va dietro la panchina a gridare (PROPRIO INTELLIGENTE), incazzature varie contro Magnano (DA RISERVARSI ALLA FINE), palazzo che si fa i cazzi suoi o fa lo Zecchino d'oro invece di fischiare quando attacca l'avversario (GLI AVVERSARI RINGRAZIANO)

Nessun settore é escluso, potremmo essere meglio...ma come noi anche quelli in campo, in panchina ed in ufficio...ognuno si merita l'altro.

Oramai é chiaro che esiste una spaccatura tra una parte del pubblico (molto ben sparpagliata geograficamente) e Magnano-Garnett-Collins.

Non rimane che sovrastare i fischi con cori di incitazione se si vuole che questi capiscano (se é poi vero) che la maggioranza é con loro.

Link to comment
Share on other sites

oddio, è grave??? :lol::D:lol:

Affatto, ma chi si vanta di capire tutto di basket dovrebbe aver capito il vero valore di questo team e quindi dovrebbe risparmiarsi quell'espressione stupita o indignata ogni volta che giochiamo di merda.

Sicché: o tira fuori la voce o si tira fuori lui dalle palle.

O no?

Link to comment
Share on other sites

Magnano arrabbiato con i tifosi: «Nessuna squadra merita un trattamento del genere»

--------------------------------------------------------------------------------

Finisce con Magnano che si precipita negli spogliatoi senza nemmeno aspettare il suono della sirena. Piccoli passi agili veloci, baricentro leggermente spostato all’indietro, il coach della Whirlpool sembra un piccolo Michael Johnson nel momento di massima accelerazione. «Non volevo restare in campo - spiegherà poi negli spogliatoi – non mi andava di festeggiare questa vittoria». Magnano è arrabbiato con il pubblico, quello stesso pubblico che aveva calorosamente ringraziato in occasione della vittoria su Cantù. «Nessuna squadra merita un trattamento del genere – commenta il campione olimpico – può capitare che si sbagli, tecnicamente o tatticamente, ma tutte le squadre che ho allenato hanno sempre lasciato il cuore in campo, e la Varese di questa sera non fa eccezione». L’allenatore - così come tutto lo staff biancorosso, stando ai commenti a caldo del dopopartita – non ha per nulla gradito i fischi alla squadra, a Collins in particolar modo, nei momenti decisivi del match. Per questo subito dopo il canestro vincente del contestatissimo play Magnano non ha voluto festeggiare in mezzo al campo con la squadra, come da tradizione al PalaWhirlpool. Una decisione istintiva, dettata dall’orgoglio e dalla dignità, qualità che quest’uomo ha in quantità da vendere. Anche per questo nelle parole pronunciate in conferenza stampa non c’è l’ombra di un ripensamento. «Mi spiace solo di non aver potuto salutare il coach avversario» è l’unico rimpianto che esce dalla bocca dell’allenatore-gentiluomo. Anche la scelta di dare in mano l’ultimo pallone a Collins, sul +1 per Capo d’Orlando, rientra coerentemente in questa filosofia di pensiero. «Tutti coloro che ricoprono un ruolo di comando, che sia un uomo politico o un manager o un allenatore, devono sapersi assumere delle responsabilità – spiega Magnano – oggi io ho preso la decisione di affidare a Collins l’ultima palla, perché so quello che è in grado di fare e volevo dargli l’occasione di dimostrarlo. A Reggio Emilia ha sbagliato ed ha imparato da quell’errore, questa volta ha segnato e quel canestro l’ha messo dentro per tutto il pubblico, anche per la gente che lo fischiava».

Venerdi 21 Aprile 2006

Michele Mezzanzanica

IPSE DIXIT ET EGO APPROVO :lol:

Link to comment
Share on other sites

altro stralcio di articolo, tratto da Italbasket: :lol:

Palla a Collins che va in uno contro uno, a rallentatore, ma tanto basta per appoggiare al vetro e uscire tra gli applausi di quello stesso pubblico che lo fischiava , fino a 5 minuti prima. Chiamala se vuoi: INCOERENZA.

Matteo Colombo

Link to comment
Share on other sites

Io penso che se uno spettacolo è insoddisfacente il pubblico pagante abbia il diritto di esprimere il proprio disappunto, io non ho fischiato, non ho approvato il coro proBolzo (ieri era inguardabile, voto 3 ), non mi piace Collins (polemico con i compagni, lui non sbaglia mai e alla fine manda a cagare tutti quando l'unica cosa che doveva fare era canestro) non sempre capisco le scelte di Magnano, non difendo a spada tratta per partito preso le scelte della dirigenza, ma sopratutto non smetterò mai di incitare VARESE.

Se poi gli altri fischiano sostanzialmente non me ne può fregà de meno........PS Io l'Inter lo guardo e continuerò a guardarlo

Link to comment
Share on other sites

Magnano non l'è sentita di festeggiare a fine partita. Io ero già andato via a meno 1'32".

Schifato e incazzato con le statuine che si rianimano solo per fischiare e mandare a cagare questo o quello a seconda di come tira il vento. Che invocano un giocatore che in 4 minuti ha permesso a quel fantasma di Perry di giocare a basket. Che chiedono di tirar fuori i coglioni a una squadra che (almeno in casa!) non ha mai lesinato una goccia di sudore. Che non si rendono conto che siamo ancora in piena battaglia e pensano che sia già il tempo di tirare le somme. Che fischiano quando si è sotto e si esaltano quando si è sopra. Che rendono VARESE un posto dove non è bello giocare....

Mentalità sportiav e vincente: si lotta, si soffre, NON SI SCAPPA alla prima difficoltà.

Altrimenti vi meritate il VARESE dell'anno scorso!

Hai voglia poi a chiedere che la Pall Va prenda in prova tizius o caiovic.................

Saluti.

Per inciso

non ho esultato ho applaudito CdO che secondo me ha fatto la sua onesta partita......sono uno stronzone?

Link to comment
Share on other sites

Magnano arrabbiato con i tifosi: «Nessuna squadra merita un trattamento del genere»

--------------------------------------------------------------------------------

e sono perfettamente d'accordo...ieri sera davanti a me c'era un tizio che ha iniziato a fischiare e inveire contro DJ e Garnett alla loro prima palla, contro Magnano ad ogni cambio, contro la squadra nei momenti difficili - ha applaudito solo il Bolzo (ma li ha visti i suoi 4 sanguinosi minuti contro (eufemistico) Perry?)

sono stata sul punto di buttarlo di sotto...(peccato non essere a Cantu' nel palaTubo)

se domenica ci riprova, e Leasir non mi trattiene, sarà la volta buona

CON MAGNANO E CON VARESE SEMPRE E CMQ

marisa

Link to comment
Share on other sites

Io penso che se uno spettacolo è insoddisfacente il pubblico pagante abbia il diritto di esprimere il proprio disappunto

Il basket non è uno spettacolo.

Il basket è passione, sudore e sangue.

Se voglio andare ad uno spettacolo vado al circo.

Al palazzetto vado per combattere una battaglia sportiva insieme alla squadra.

Fischiare la propria squadra è come sparare al proprio commilitone in trincea intanto che gli Asburgici attaccano.

Link to comment
Share on other sites

Guest Stewe

altro stralcio di articolo, tratto da Italbasket: :D

Palla a Collins che va in uno contro uno, a rallentatore, ma tanto basta per appoggiare al vetro e uscire tra gli applausi di quello stesso pubblico che lo fischiava , fino a 5 minuti prima. Chiamala se vuoi: INCOERENZA.

Matteo Colombo

chiusura con finale pigionattiano...

:lol:

Link to comment
Share on other sites

Noto con piacere che in molti la pensano allo stesso modo. Ieri sera penso sia stata una delle situazioni più allucinanti degli ultimi anni. Vedere la propria squadra fischiata quando gioca in attacco con la partita ancora aperta è stato veramente assurdo. Qualcuno forse si aspettava che seppellissimo CdO di venti punti, ma forse si dimenticava che venivamo da una partita estenuante come quella di Reggio Emilia e che CdO non è la squadretta cenerentola, ma una buona formazione che 5 giorni prima ha fatto tremendamente soffrire la Benetton e che cerca punti salvezza.

Questa mattina apro le email e mi trovo una lettera che mi ha fatto "ribrezzo", magari l'avrà scritta qualcuno che ci leggerà in questo forum, in cui si parlava di "stagione di tremende delusioni" con annesse critiche a tutto e tutti... ad un certo punto ho pensato di vivere su un altro pianeta, ma poi entrando nel forum mi sono accorto che c'è qualcuno con il sale in zucca! :lol:

Chiudo con un riferimento alla nota frase "pago e faccio quello che mi pare"... io la paragono ad altre frasi tipiche dell'italiano medio tipo "lei non sa chi sono io"... le trovo assolutamente senza senso e da frustrati. Consiglio a questi di andarsi avedere una bella corrida o uno spettacolo di Wwf in cui ti sfoghi...

Secondo me il tifoso ha diritto di esultare e di contestare a prescindere dal fatto se paga o meno, da quanto paga ecc.

Infatti, in base ad un simile ragionamento il tifoso di Parterre avrebbe più diritto di contestare di quello di galleria :lol:

Oppure l'abbonato ha la precedenza nel fischiare rispetto a chi acquista il semplice biglietto. Però attenzione che se sei abbonato e hai anche l'abbonamento a Sky allora puoi gettare una lavatrice in campo perchè tu paghi molto di più degli altri :D

Link to comment
Share on other sites

Il basket non è uno spettacolo.

Il basket è passione, sudore e sangue.

Se voglio andare ad uno spettacolo vado al circo.

Al palazzetto vado per combattere una battaglia sportiva insieme alla squadra.

Fischiare la propria squadra è come sparare al proprio commilitone in trincea intanto che gli Asburgici attaccano.

questa la metto come firma, giuro.

Grande Leasir, hai reso alla perfezione anche il mio pensiero

Link to comment
Share on other sites

Ragazzi...guardiamoci bene tutti in faccia......abbiamo vissuto l' ennesima deludente stagione.

Ancora una volta abbiamo giocatori in campo che quanto meno non hanno mantenuto quanto promettevano; ci siamo tolti qualche piccola soddisfazione e nulla più. C'è di che essere incazzati o no ??

Personalmente non sono neppure riuscito a gioire per il canestri di Collins la cui prova è stata davvero ( a mio modestissimo avviso ) da vomito; la chicca della serata è l' aver insultato Fernandez che ricevuto palla su un ginocchio non è riuscito a controllarla. Bene ha fatto il buon Gaby a mandarlo a cagare e il pubblico a fischiarlo !!

Siamo disperatamente senza play tanto che il buon Fara continua ada essere il migliore nel ruolo... !!!

Non ho partecipato al coro inneggiante al Bolzo (imbarazzante ieri sera !!) mentre ho urlato a pieni polmoni il coro per Hafnar assurdamente dimenticato in panca mentre in campo le 2 pantegane nere gigioneggiavano scazzatissimi !!

Ho fischiato l' avversario fino alla fine e sostenuto Varese senza tregua, ma non ho potuto farea meno di fischiare l' orrido Collins !!

In tutto questo quadretto idilliaco Magnano, che ne è in qualche modo l' autore o comunque certamente uno dei principali responsabili, non può certo uscire come un eroe cittadino.

Personalmente, per la stagione fin qui giocata (cioè quasi tutta !) salvo Gaby, Hafnar, Farabello il buon vecchio Sandrino e Ro con riserva; tutto il resto è rivedibile.

Ahinoi !!!

Link to comment
Share on other sites

Il basket non è uno spettacolo.

Il basket è passione, sudore e sangue.

Se voglio andare ad uno spettacolo vado al circo.

Al palazzetto vado per combattere una battaglia sportiva insieme alla squadra.

Fischiare la propria squadra è come sparare al proprio commilitone in trincea intanto che gli Asburgici attaccano.

Vale a dire che se il tiro di pantegana-collins non fosse entrato e l' Upea avesse vinto a Varese tu non avresti fischiato ????

Link to comment
Share on other sites

Il basket non è uno spettacolo.

Il basket è passione, sudore e sangue.

Se voglio andare ad uno spettacolo vado al circo.

Al palazzetto vado per combattere una battaglia sportiva insieme alla squadra.

Fischiare la propria squadra è come sparare al proprio commilitone in trincea intanto che gli Asburgici attaccano.

Beh, questa è la tua opinione e la tua visione del fenomeno "basket" nella sua complessità.

Devi però accettare il fatto che ci siano persone per le quali il "mondo basket" non sia così.

Io penso che chi paga il biglietto per andare a vedere una partita voglia prima di tutto divertirsi.

E se i tifosi vedono che i giocatori (e l'allenatore <_< ) non si impegano e trottrellano in campo, è giusto che esprimano tutto il loro disappunto (il discorso è generale).

Questo non è affatto "sparare sul proprio commilitone", ma per favore, non scherziamo!

Il basket non è un'operazione al cervello, è uno spettacolo, un gioco stupendo e meraviglioso!

Certo che finchè ci sarà gente che lo assimilerà ad una guerra, ad una battaglia tra giocatori (e tra tifosi), da vincere a tutti i costi con toni esagerati ed esasperati, succederannno sempre episodi antipatici come quelli di ieri..

Edited by Carlettosway
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...