Jump to content

Farabello.


Recommended Posts

.....ma radiomercato parla anche di una nostra offerta a Roma per Luca Garri.

E da Reggio Emilia di una nostra offerta a Gigli :(:lol: , anche se pare scontato che andrà a Roma

Link to comment
Share on other sites

mi cito

fortitudo in subbuglio di mercato

mancinelli in uscita da bologna nonostante abbia (credo) ancora un anno di contratto.

lorbek in forse, deciderà tutto l'nba.

green a rischio con thorton che preme.

mcintrye ha inflazionato il suo contratto e ha fatto richieste impossibili per reggio emilia. pare voglia lanciarsi in qualche formazione di eurolega.

busca in odore di pavia. (peccato se così fosse)

direi che lasciano anche garris, a bologna fanno una bella rivoluzione

Link to comment
Share on other sites

Milano deve ancora scegliere il proprio management, decidere se confermare o meno Djordjevic, perciò mi sembra prematuro parlare di mercato....volendo alzare i termini economici di un contratto l'agente interpella il giornalista di riferimento che abbocca e spara una notizia, quella di farabello ma ahimè stesso scetticismo ho per Garri e Varese, che nn sta assolutamente in piedi.

Link to comment
Share on other sites

DA BASKETLAND.IT

Il valzer delle panchine

Si avvicina fine stagione, è tempo di valzer delle panchine. Dicono che cambierà parecchio, via Recalcati di sicuro, Blatt possibilissimo, Pesic verso Girona, Magnano verso il ritorno in Argentina, Sacripanti e Ramagli gradirebbero alternative, ed anche su Repesa qualche sussurro c’è, in attesa di una parola definitiva su Djordjevic. Magari poi non succede nulla, ma di sicuro gli scontenti (in panchina e dietro la scrivania) superano gli appagati. Difficile trarre da singole situazioni leggi omnicomprensive, ma una cosa viene in mente. Prima del Grande Slam bolognese, non erano in pochi anche tra i tifosi della Virtus a ritenere Ettore Messina non all’altezza. E prima dello slam moscovita, al primo anno !, c’erano stati i dubbi trevigiani, magari inespressi ma sempre dubbi. Magari a sussurrare erano gli stessi che dicevano che Mike D’Antoni era un allenatore troppo morbido ed offensivo, che non sarebbe mai diventato un coach vero, che gli allenamenti erano troppo brevi e senza i giochi fissi non si va da nessuna parte. Se oggi un GM europeo avesse una prima scelta assoluta per la panchina non ci metterebbe un secondo a dire “Ettore Messina”, e il suo ideale collega USA impiegherebbe analogo tempo minimo per scandire tre nomi in uno (Mike-Dan-Toni). Morale ? Un tiro di Tim Thomas in meno ed un numero di Papaloukas in meno e magari i due ex del nostro campionato non sarebbero dove sono. Il che nulla leverebbe alla loro capacità, che non sta nel non sbagliare mai (non esiste), ma nell’avere un sistema credibile. Eppure qui sono stati discussi, ed anche tanto. Dagli stessi che adesso si accingono a cambiare ancora una volta tutto. Inventare allenatori non è sbagliato di per sé, Messina era un assistente e D’Antoni neppure quello quando gli venne data la prima, importante chance. La cosa fondamentale però non è lanciare un coach ma sostenerlo, nella buona e nella cattiva sorte, senza dargli sempre ragione (anzi …) ma sapendo che il tempo e l’amalgama, con buona pace di Massimino, non si comprano al mercato. Come è successo a Ettore e Mike a Treviso per esempio……

:(:o:o:o

Edited by RIKO
Link to comment
Share on other sites

Recalcati apre il lungo valzer delle panchine

28/05/2006 09:12

Siena punta su Pianigiani. Dalmonte o Lardo a Teramo. Frates dovrebbe restare

- Gazzetta di Reggio -

L’uscita della Montepaschi Siena dai play off di serie A potrebbe essere il vero punto di partenza del mercato di basket di serie A, che come sempre comincerà con il valzer delle panchine delle big. Il club toscano, quest’anno estromesso prima del previsto anche dalla Coppa Italia e dall’Eurolega, probabilmente cambierà allenatore, dopo il triennio targato Recalcati.

Il ruolo di coach dei senesi, nella prossima stagione, potrebbe essere affidato a Simone Pianigiani, attuale vice di Carlo Recalcati. La mancata partecipazione alla principale coppa europea (a Siena dovrebbe toccare la Uleb Cup, salvo improbabili ripescaggi in Eurolega) potrebbe facilitare l’investitura di Pianigiani, nonostante Recalcati abbia un altro anno di contratto con la Mens Sana.

Quanto alla Bipop, Fabrizio Frates è legato contrattualmente al club biancorosso anche per la prossima stagione. Circolano voci sul possibile trasferimento del coach milanese ad un club di prima fascia (così come avvenne una anno fa), ma alla fine dovrebbe restare a Reggio. Nei giorni scorsi Matteo Boniciolli ha lasciato la panchina della Navigo.it Teramo. Il club abruzzese cambia ancora una volta: arriverà il quarto allenatore in quattro anni, dopo Gramenzi, Pancotto e, appunto, Boniciolli. Due i papabili: Luca Dalmonte, che ha appena concluso la stagione alla Carife, in Legadue, e Lino Lardo, ex Milano. Il club ferrarese avrebbe voluto trattenere il tecnico con un contratto biennale, ma le possibilità di confermare Dalmonte, di recente eletto miglior allenatore della Legadue, sembrano poche.

Secondo radio-mercato, oltre che Teramo, Luca Dalmonte interessa Cantù (il presidente del club brianzolo, Francesco Corrado, vorrebbe confermare Pino Sacripanti, che però ha altre offerte) e la neopromossa Eurorida Scafati. In caso di partenza di Dalmonte, che in carriera ha allenato anche la Pallacanestro Reggiana, a Ferrara potrebbe arrivare Demis Cavina, ex Roseto in serie A, reduce da un’ottima stagione a Imola. Le possibili alternative: Giorgio Valli, neopromosso in A con Scafati ma in uscita dal club campano, Frank Vitucci e Franco Gramenzi. Intanto Capo d’Orlando punta alla conferma di coach Giovanni Perdichizzi. E Boniciolli? Andrà al pre-draft Nba. «Ho ricevuto delle proposte - afferma -. Assieme al mio agente valuterò bene. Mi piacerebbe tornare all’estero».

A Varese circolano voci di ridimensionamento: salvo novità (leggi nuovi soci), la famiglia Castiglioni potrebbe ridurre il budget, ma assicura l’iscrizione al campionato. Se la proprietà resterà in mano ai Castiglioni, resterà l’attuale coach Ruben Magnano. Quanto ai manager, Maurizio Gherardini lascia Treviso per i Toronto Raptors (Nba, che probabilmente punteranno anche su Andrea Bargnani); il suo posto alla Benetton andrà ad Andrea Fadini.

MAURO GRASSELLI

:o:o:o:o:(:o:o:(

Link to comment
Share on other sites

Il valzer delle panchine

Si avvicina fine stagione, è tempo di valzer delle panchine. Dicono che cambierà parecchio, via Recalcati di sicuro, Blatt possibilissimo, Pesic verso Girona, Magnano verso il ritorno in Argentina, Sacripanti e Ramagli gradirebbero alternative, ed anche su Repesa qualche sussurro c’è, in attesa di una parola definitiva su Djordjevic. Magari poi non succede nulla, ma di sicuro gli scontenti (in panchina e dietro la scrivania) superano gli appagati. Difficile trarre da singole situazioni leggi omnicomprensive, ma una cosa viene in mente. Prima del Grande Slam bolognese, non erano in pochi anche tra i tifosi della Virtus a ritenere Ettore Messina non all’altezza. E prima dello slam moscovita, al primo anno !, c’erano stati i dubbi trevigiani, magari inespressi ma sempre dubbi. Magari a sussurrare erano gli stessi che dicevano che Mike D’Antoni era un allenatore troppo morbido ed offensivo, che non sarebbe mai diventato un coach vero, che gli allenamenti erano troppo brevi e senza i giochi fissi non si va da nessuna parte. Se oggi un GM europeo avesse una prima scelta assoluta per la panchina non ci metterebbe un secondo a dire “Ettore Messina”, e il suo ideale collega USA impiegherebbe analogo tempo minimo per scandire tre nomi in uno (Mike-Dan-Toni). Morale ? Un tiro di Tim Thomas in meno ed un numero di Papaloukas in meno e magari i due ex del nostro campionato non sarebbero dove sono. Il che nulla leverebbe alla loro capacità, che non sta nel non sbagliare mai (non esiste), ma nell’avere un sistema credibile. Eppure qui sono stati discussi, ed anche tanto. Dagli stessi che adesso si accingono a cambiare ancora una volta tutto. Inventare allenatori non è sbagliato di per sé, Messina era un assistente e D’Antoni neppure quello quando gli venne data la prima, importante chance. La cosa fondamentale però non è lanciare un coach ma sostenerlo, nella buona e nella cattiva sorte, senza dargli sempre ragione (anzi …) ma sapendo che il tempo e l’amalgama, con buona pace di Massimino, non si comprano al mercato. Come è successo a Ettore e Mike a Treviso per esempio……

:(:o:o:o

beh, se per settembre non gli diciamo si o no la vedo come ipotesi molto probabile.

certo è che ruben o ha sparato palle fino ad adesso, oppure mi pare di capire che sia MOLTo intenzionato a restare. mi ritengo abbastanza tranquillo.

Link to comment
Share on other sites

prendo tutto con le pinze.

se Magnano decide di andarsene, avrà tratto le sue dovute conclusioni e non lo biasimo, ognuno di noi decide per il meglio che crede.

aspetto certezze per gioire o inc@@zzarmi

Link to comment
Share on other sites

Guest Paul The Rock

Oggi davano per certa la conferma di Djordjevic a Milano come coach e radio-mercato parlava di un acquisto che verrà fatto sicuramente in cabina di regia (e quindi non può essere Farabello :mellow: ) per togliere pressione a Bulleri.

Link to comment
Share on other sites

Oggi davano per certa la conferma di Djordjevic a Milano come coach e radio-mercato parlava di un acquisto che verrà fatto sicuramente in cabina di regia (e quindi non può essere Farabello :mellow: ) per togliere pressione a Bulleri.

ma porc... hanno cavaliero che a roseto ha fatto l americano e non lo riportano a casa! BOH??? sono proprio armani GAY

Link to comment
Share on other sites

ma porc... hanno cavaliero che a roseto ha fatto l americano e non lo riportano a casa! BOH??? sono proprio armani GAY

Fra Cavaliero e la cabina di regia c'è di mezzo un oceano: e se Bulleri è il mio playmaker, l'ultima cosa che voglio è un farabello dalla panchina... comincia lo stillicido delle non notizie, allacciate le cinture e godetevi il viaggio...

Link to comment
Share on other sites

ma porc... hanno cavaliero che a roseto ha fatto l americano e non lo riportano a casa! BOH??? sono proprio armani GAY

Da numero 2, a fianco di Leo Busca...

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...