Jump to content

mitici anni 80


Recommended Posts

mitici anni 80

Lo scopo di questa missiva é quello di rendere

giustizia a una

generazione, quella di noi nati agli inizi degli anni

>'80 (anno più,

>anno meno), quelli che vedono la casa acquistata

>allora dai nostri

>genitori valere oggi 20 o 30 volte tanto, e che

>pagheranno la propria

>fino ai 50 anni.

>

>Noi non abbiamo fatto la Guerra, né abbiamo visto lo

>sbarco sulla

>luna, non abbiamo vissuto gli anni di piombo, né

>abbiamo votato il

>referendum per l'aborto e la nostra memoria storica

>comincia coi

>Mondiali di Italia '90. Per non aver vissuto

>direttamente il '68 ci

>dicono che non abbiamo ideali, mentre ne sappiamo di

>politica più di

>quanto credono e più di quanto sapranno mai i nostri

>fratelli minori

>e discendenti.

>

>Babbo Natale non sempre ci portava ciò che chiedevamo,

>però ci

>sentivamo dire, e lo sentiamo ancora, che abbiamo

>avuto tutto,

>nonostante quelli che sono venuti dopo di noi sì che

>hanno avuto

>tutto, e nessuno glielo dice.

>

>Siamo l'ultima generazione che ha imparato a giocare

>con le biglie, a

>saltare la corda, a giocare a lupo, a

>un-due-tre-stella, e allo

>stesso tempo i primi ad aver giocato coi videogiochi,

>ad essere

>andati ai parchi di divertimento o aver visto i

>cartoni animati a

>colori.

>

>Abbiamo indossato pantaloni a campana, a sigaretta, a

>zampa di

>elefante e con la cucitura storta; la nostra prima

>tuta è stata blu

>con bande bianche sulle maniche e le nostre prime

>scarpe da

>ginnastica di marca le abbiamo avute dopo i 10 anni.

>

>Andavamo a scuola quando il 1 novembre era il giorno

>dei Santi e non

>Halloween, quando ancora si veniva bocciati, siamo

>stai gli ultimi a

>fare la Maturità e i pionieri del 3+2...

>

>Siamo stati etichettati come Generazione X e abbiamo

>dovuto sorbirci

>Sentieri e i Visitors, Twin Peaks e Beverly Hills (ti

>piacquero

>allora, vai a rivederli adesso, vedrai che delusione).

>Abbiamo pianto

>per Candy-Candy, ci siamo innamorate dei fratelli di

>Georgie, abbiamo

>riso con Spank, ballato con Heather Parisi, cantato

>con Cristina

>D'Avena e imparato la mitologia greca con Pollon.

>Siamo una

>generazione che ha visto Maradona fare campagne contro

>la droga.

>

>Siamo i primi ad essere entrati nel mondo del lavoro

>come Co.Co.Co. e

>quelli per cui non gli costa niente licenziarci. Ci

>ricordano sempre

>fatti accaduti prima che nascessimo, come se non

>avessimo vissuto

>nessun avvenimento storico. Abbiamo imparato che cos'è

>il terrorismo,

>abbiamo visto cadere il muro di Berlino, e Clinton

>avere relazioni

>improprie con la segretaria nella Stanza Ovale; siamo

>state le più

>giovani vittime di Cernobyl; quelli della nostra

>generazione l'hanno

>fatta la guerra (Kosovo, Afghanistan, Iraq, ecc.);

>abbiamo gridato NO

>NATO, fuori le basi dall'Italia, senza sapere molto

>bene cosa

>significasse, per poi capirlo di colpo un 11 di

>settembre.

>

>Abbiamo imparato a programmare un videoregistratore

>prima di chiunque

>altro, abbiamo giocato a Pac-Man, odiamo Bill Gates e

>credevamo che

>internet sarebbe stato un mondo libero.

>

>Siamo la generazione di Bim Bum Bam, di

>Clementina-e-il-Piccolo-Mugnaio-Bianco e del Drive-in.

>Siamo la generazione che andò al cinema a vedere i

>film di Bud

>Spencer e Terence Hill. Quelli cresciuti ascoltando

>gli Europe e Nik

>Kamen, e gli ultimi a usare dei gettoni del telefono.

>Ci siamo

>emozionati con Superman, ET o Alla Ricerca dell'Arca

>Perduta.

>

>Bevevamo il Billy e mangiavamo le Big Bubble, ma

>neanche le Hubba

>Bubba erano male; al supermercato le cassiere ci

>davano le

>caramelline di zucchero come resto. Siamo la

>generazione di Crystal

>Ball ("con Crystal Ball ci puoi giocare..."), delle

>sorprese del Mulino

>Bianco, dei mattoncini Lego a forma di mattoncino, dei

>Puffi, i

>Volutrons, Magnum P.I., Holly e Benji, Mimì Ayuara,

>l'Incredibile

>Hulk, Poochie, Yattaman, Iridella, He-Man, Lamù,

>Creamy, Kiss Me

>Licia, i Barbapapà, i Mini-Pony, le Micro-Machine, Big

>Jim e la casa

>di Barbie di cartone ma con l'ascensore.

>La generazione che ancora si chiede se Mila e Shiro

>alla fine vanno

>insieme.

>

>La generazione che non ricorda l'Italia Mondiale '82,

>e che ci viene

>un riso smorzato quando ci vogliono dare a bere che

>l'Italia di

>quest'anno è la favorita...

>

>L'ultima generazione a vedere il proprio padre

>caricare il

>portapacchi della macchina all'inverosimile per andare

>in vacanza 15

>giorni.

>L'ultima generazione degli spinelli...

>

>Guardandoci indietro è difficile credere che siamo

>ancora vivi:

>viaggiavamo in macchina senza cinture, senza

>seggiolini speciali e

>senza air-bag; facevamo viaggi di 10-12 ore e non

>soffrivamo di

>sindrome da classe turista. Non avevamo porte con

>protezioni, armadi o

>flaconi di medicinali con chiusure a prova di bambino.

>Andavamo in

>bicicletta senza casco né protezioni per le ginocchia

>o i gomiti. Le

>altalene erano di ferro con gli spigoli vivi e il

>gioco delle

>penitenze era bestiale.

>

>Non c'erano i cellulari. Andavamo a scuola carichi di

>libri e

>quaderni, tutti infilati in una cartella che raramente

>aveva gli

>spallacci imbottiti, e tanto meno le rotelle!!

>

>Magiavamo dolci e bevevamo bibite, ma non eravamo

>obesi. Al limite

>uno era grasso e fine. Ci attaccavamo alla stessa

>bottiglia per bere

>e nessuno si è mai infettato. Ci trasmettevamo solo i

>pidocchi a

>scuola, cosa che le nostre madri sistemavamo lavandoci

>la testa con

>l'aceto.

>

>Non avevamo Playstation, Nintendo 64, videogiochi, 99

>canali

>televisivi, dolby-surround, cellulari, computer e

>Internet, però ce

>la spassavamo tirandoci gavettoni e rotolandoci per

>terra tirando su

>di tutto; bevevamo l'acqua direttamente dalle fontane

>dei parchi,

>acqua non imbottigliata, che bevono anche i cani! E le

>ragazze si

>intortavano inseguendole per toccar loro il sedere e

>giocando al

>gioco della bottiglia o a quello della verità, non in

>una chat

>

>Abbiamo avuto libertà, fallimenti, successi e

>responsabilità e

>abbiamo imparato a crescere con tutto ciò.

>

>Tu sei uno di nostri? Congratulazioni!

>

congratulazioni a tutti coloro che hanno avuto la fortuna

>di crescere

>come bambini.

Link to comment
Share on other sites

mitici anni 80

Lo scopo di questa missiva é quello di rendere

giustizia a una

generazione, quella di noi nati agli inizi degli anni

>'80 (anno più,

>anno meno), quelli che vedono la casa acquistata

>allora dai nostri

>genitori valere oggi 20 o 30 volte tanto, e che

>pagheranno la propria

>fino ai 50 anni.

>

>Noi non abbiamo fatto la Guerra, né abbiamo visto lo

>sbarco sulla

>luna, non abbiamo vissuto gli anni di piombo, né

>abbiamo votato il

>referendum per l'aborto e la nostra memoria storica

>comincia coi

>Mondiali di Italia '90. Per non aver vissuto

>direttamente il '68 ci

>dicono che non abbiamo ideali, mentre ne sappiamo di

>politica più di

>quanto credono e più di quanto sapranno mai i nostri

>fratelli minori

>e discendenti.

>

>Babbo Natale non sempre ci portava ciò che chiedevamo,

>però ci

>sentivamo dire, e lo sentiamo ancora, che abbiamo

>avuto tutto,

>nonostante quelli che sono venuti dopo di noi sì che

>hanno avuto

>tutto, e nessuno glielo dice.

>

>Siamo l'ultima generazione che ha imparato a giocare

>con le biglie, a

>saltare la corda, a giocare a lupo, a

>un-due-tre-stella, e allo

>stesso tempo i primi ad aver giocato coi videogiochi,

>ad essere

>andati ai parchi di divertimento o aver visto i

>cartoni animati a

>colori.

>

>Abbiamo indossato pantaloni a campana, a sigaretta, a

>zampa di

>elefante e con la cucitura storta; la nostra prima

>tuta è stata blu

>con bande bianche sulle maniche e le nostre prime

>scarpe da

>ginnastica di marca le abbiamo avute dopo i 10 anni.

>

>Andavamo a scuola quando il 1 novembre era il giorno

>dei Santi e non

>Halloween, quando ancora si veniva bocciati, siamo

>stai gli ultimi a

>fare la Maturità e i pionieri del 3+2...

>

>Siamo stati etichettati come Generazione X e abbiamo

>dovuto sorbirci

>Sentieri e i Visitors, Twin Peaks e Beverly Hills (ti

>piacquero

>allora, vai a rivederli adesso, vedrai che delusione).

>Abbiamo pianto

>per Candy-Candy, ci siamo innamorate dei fratelli di

>Georgie, abbiamo

>riso con Spank, ballato con Heather Parisi, cantato

>con Cristina

>D'Avena e imparato la mitologia greca con Pollon.

>Siamo una

>generazione che ha visto Maradona fare campagne contro

>la droga.

>

>Siamo i primi ad essere entrati nel mondo del lavoro

>come Co.Co.Co. e

>quelli per cui non gli costa niente licenziarci. Ci

>ricordano sempre

>fatti accaduti prima che nascessimo, come se non

>avessimo vissuto

>nessun avvenimento storico. Abbiamo imparato che cos'è

>il terrorismo,

>abbiamo visto cadere il muro di Berlino, e Clinton

>avere relazioni

>improprie con la segretaria nella Stanza Ovale; siamo

>state le più

>giovani vittime di Cernobyl; quelli della nostra

>generazione l'hanno

>fatta la guerra (Kosovo, Afghanistan, Iraq, ecc.);

>abbiamo gridato NO

>NATO, fuori le basi dall'Italia, senza sapere molto

>bene cosa

>significasse, per poi capirlo di colpo un 11 di

>settembre.

>

>Abbiamo imparato a programmare un videoregistratore

>prima di chiunque

>altro, abbiamo giocato a Pac-Man, odiamo Bill Gates e

>credevamo che

>internet sarebbe stato un mondo libero.

>

>Siamo la generazione di Bim Bum Bam, di

>Clementina-e-il-Piccolo-Mugnaio-Bianco e del Drive-in.

>Siamo la generazione che andò al cinema a vedere i

>film di Bud

>Spencer e Terence Hill. Quelli cresciuti ascoltando

>gli Europe e Nik

>Kamen, e gli ultimi a usare dei gettoni del telefono.

>Ci siamo

>emozionati con Superman, ET o Alla Ricerca dell'Arca

>Perduta.

>

>Bevevamo il Billy e mangiavamo le Big Bubble, ma

>neanche le Hubba

>Bubba erano male; al supermercato le cassiere ci

>davano le

>caramelline di zucchero come resto. Siamo la

>generazione di Crystal

>Ball ("con Crystal Ball ci puoi giocare..."), delle

>sorprese del Mulino

>Bianco, dei mattoncini Lego a forma di mattoncino, dei

>Puffi, i

>Volutrons, Magnum P.I., Holly e Benji, Mimì Ayuara,

>l'Incredibile

>Hulk, Poochie, Yattaman, Iridella, He-Man, Lamù,

>Creamy, Kiss Me

>Licia, i Barbapapà, i Mini-Pony, le Micro-Machine, Big

>Jim e la casa

>di Barbie di cartone ma con l'ascensore.

>La generazione che ancora si chiede se Mila e Shiro

>alla fine vanno

>insieme.

>

>La generazione che non ricorda l'Italia Mondiale '82,

>e che ci viene

>un riso smorzato quando ci vogliono dare a bere che

>l'Italia di

>quest'anno è la favorita...

>

>L'ultima generazione a vedere il proprio padre

>caricare il

>portapacchi della macchina all'inverosimile per andare

>in vacanza 15

>giorni.

>L'ultima generazione degli spinelli...

>

>Guardandoci indietro è difficile credere che siamo

>ancora vivi:

>viaggiavamo in macchina senza cinture, senza

>seggiolini speciali e

>senza air-bag; facevamo viaggi di 10-12 ore e non

>soffrivamo di

>sindrome da classe turista. Non avevamo porte con

>protezioni, armadi o

>flaconi di medicinali con chiusure a prova di bambino.

>Andavamo in

>bicicletta senza casco né protezioni per le ginocchia

>o i gomiti. Le

>altalene erano di ferro con gli spigoli vivi e il

>gioco delle

>penitenze era bestiale.

>

>Non c'erano i cellulari. Andavamo a scuola carichi di

>libri e

>quaderni, tutti infilati in una cartella che raramente

>aveva gli

>spallacci imbottiti, e tanto meno le rotelle!!

>

>Magiavamo dolci e bevevamo bibite, ma non eravamo

>obesi. Al limite

>uno era grasso e fine. Ci attaccavamo alla stessa

>bottiglia per bere

>e nessuno si è mai infettato. Ci trasmettevamo solo i

>pidocchi a

>scuola, cosa che le nostre madri sistemavamo lavandoci

>la testa con

>l'aceto.

>

>Non avevamo Playstation, Nintendo 64, videogiochi, 99

>canali

>televisivi, dolby-surround, cellulari, computer e

>Internet, però ce

>la spassavamo tirandoci gavettoni e rotolandoci per

>terra tirando su

>di tutto; bevevamo l'acqua direttamente dalle fontane

>dei parchi,

>acqua non imbottigliata, che bevono anche i cani! E le

>ragazze si

>intortavano inseguendole per toccar loro il sedere e

>giocando al

>gioco della bottiglia o a quello della verità, non in

>una chat

>

>Abbiamo avuto libertà, fallimenti, successi e

>responsabilità e

>abbiamo imparato a crescere con tutto ciò.

>

>Tu sei uno di nostri? Congratulazioni!

>

congratulazioni a tutti coloro che hanno avuto la fortuna

>di crescere

>come bambini.

Bella!

ci son dentro in pieno

Link to comment
Share on other sites

mitici anni 80

Lo scopo di questa missiva é quello di rendere

giustizia a una

generazione, quella di noi nati agli inizi degli anni

>'80 (anno più,

>anno meno), quelli che vedono la casa acquistata

>allora dai nostri

>genitori valere oggi 20 o 30 volte tanto, e che

>pagheranno la propria

>fino ai 50 anni.

>

>Noi non abbiamo fatto la Guerra, né abbiamo visto lo

>sbarco sulla

>luna, non abbiamo vissuto gli anni di piombo, né

>abbiamo votato il

>referendum per l'aborto e la nostra memoria storica

>comincia coi

>Mondiali di Italia '90. Per non aver vissuto

>direttamente il '68 ci

>dicono che non abbiamo ideali, mentre ne sappiamo di

>politica più di

>quanto credono e più di quanto sapranno mai i nostri

>fratelli minori

>e discendenti.

>

>Babbo Natale non sempre ci portava ciò che chiedevamo,

>però ci

>sentivamo dire, e lo sentiamo ancora, che abbiamo

>avuto tutto,

>nonostante quelli che sono venuti dopo di noi sì che

>hanno avuto

>tutto, e nessuno glielo dice.

>

>Siamo l'ultima generazione che ha imparato a giocare

>con le biglie, a

>saltare la corda, a giocare a lupo, a

>un-due-tre-stella, e allo

>stesso tempo i primi ad aver giocato coi videogiochi,

>ad essere

>andati ai parchi di divertimento o aver visto i

>cartoni animati a

>colori.

>

>Abbiamo indossato pantaloni a campana, a sigaretta, a

>zampa di

>elefante e con la cucitura storta; la nostra prima

>tuta è stata blu

>con bande bianche sulle maniche e le nostre prime

>scarpe da

>ginnastica di marca le abbiamo avute dopo i 10 anni.

>

>Andavamo a scuola quando il 1 novembre era il giorno

>dei Santi e non

>Halloween, quando ancora si veniva bocciati, siamo

>stai gli ultimi a

>fare la Maturità e i pionieri del 3+2...

>

>Siamo stati etichettati come Generazione X e abbiamo

>dovuto sorbirci

>Sentieri e i Visitors, Twin Peaks e Beverly Hills (ti

>piacquero

>allora, vai a rivederli adesso, vedrai che delusione).

>Abbiamo pianto

>per Candy-Candy, ci siamo innamorate dei fratelli di

>Georgie, abbiamo

>riso con Spank, ballato con Heather Parisi, cantato

>con Cristina

>D'Avena e imparato la mitologia greca con Pollon.

>Siamo una

>generazione che ha visto Maradona fare campagne contro

>la droga.

>

>Siamo i primi ad essere entrati nel mondo del lavoro

>come Co.Co.Co. e

>quelli per cui non gli costa niente licenziarci. Ci

>ricordano sempre

>fatti accaduti prima che nascessimo, come se non

>avessimo vissuto

>nessun avvenimento storico. Abbiamo imparato che cos'è

>il terrorismo,

>abbiamo visto cadere il muro di Berlino, e Clinton

>avere relazioni

>improprie con la segretaria nella Stanza Ovale; siamo

>state le più

>giovani vittime di Cernobyl; quelli della nostra

>generazione l'hanno

>fatta la guerra (Kosovo, Afghanistan, Iraq, ecc.);

>abbiamo gridato NO

>NATO, fuori le basi dall'Italia, senza sapere molto

>bene cosa

>significasse, per poi capirlo di colpo un 11 di

>settembre.

>

>Abbiamo imparato a programmare un videoregistratore

>prima di chiunque

>altro, abbiamo giocato a Pac-Man, odiamo Bill Gates e

>credevamo che

>internet sarebbe stato un mondo libero.

>

>Siamo la generazione di Bim Bum Bam, di

>Clementina-e-il-Piccolo-Mugnaio-Bianco e del Drive-in.

>Siamo la generazione che andò al cinema a vedere i

>film di Bud

>Spencer e Terence Hill. Quelli cresciuti ascoltando

>gli Europe e Nik

>Kamen, e gli ultimi a usare dei gettoni del telefono.

>Ci siamo

>emozionati con Superman, ET o Alla Ricerca dell'Arca

>Perduta.

>

>Bevevamo il Billy e mangiavamo le Big Bubble, ma

>neanche le Hubba

>Bubba erano male; al supermercato le cassiere ci

>davano le

>caramelline di zucchero come resto. Siamo la

>generazione di Crystal

>Ball ("con Crystal Ball ci puoi giocare..."), delle

>sorprese del Mulino

>Bianco, dei mattoncini Lego a forma di mattoncino, dei

>Puffi, i

>Volutrons, Magnum P.I., Holly e Benji, Mimì Ayuara,

>l'Incredibile

>Hulk, Poochie, Yattaman, Iridella, He-Man, Lamù,

>Creamy, Kiss Me

>Licia, i Barbapapà, i Mini-Pony, le Micro-Machine, Big

>Jim e la casa

>di Barbie di cartone ma con l'ascensore.

>La generazione che ancora si chiede se Mila e Shiro

>alla fine vanno

>insieme.

>

>La generazione che non ricorda l'Italia Mondiale '82,

>e che ci viene

>un riso smorzato quando ci vogliono dare a bere che

>l'Italia di

>quest'anno è la favorita...

>

>L'ultima generazione a vedere il proprio padre

>caricare il

>portapacchi della macchina all'inverosimile per andare

>in vacanza 15

>giorni.

>L'ultima generazione degli spinelli...

>

>Guardandoci indietro è difficile credere che siamo

>ancora vivi:

>viaggiavamo in macchina senza cinture, senza

>seggiolini speciali e

>senza air-bag; facevamo viaggi di 10-12 ore e non

>soffrivamo di

>sindrome da classe turista. Non avevamo porte con

>protezioni, armadi o

>flaconi di medicinali con chiusure a prova di bambino.

>Andavamo in

>bicicletta senza casco né protezioni per le ginocchia

>o i gomiti. Le

>altalene erano di ferro con gli spigoli vivi e il

>gioco delle

>penitenze era bestiale.

>

>Non c'erano i cellulari. Andavamo a scuola carichi di

>libri e

>quaderni, tutti infilati in una cartella che raramente

>aveva gli

>spallacci imbottiti, e tanto meno le rotelle!!

>

>Magiavamo dolci e bevevamo bibite, ma non eravamo

>obesi. Al limite

>uno era grasso e fine. Ci attaccavamo alla stessa

>bottiglia per bere

>e nessuno si è mai infettato. Ci trasmettevamo solo i

>pidocchi a

>scuola, cosa che le nostre madri sistemavamo lavandoci

>la testa con

>l'aceto.

>

>Non avevamo Playstation, Nintendo 64, videogiochi, 99

>canali

>televisivi, dolby-surround, cellulari, computer e

>Internet, però ce

>la spassavamo tirandoci gavettoni e rotolandoci per

>terra tirando su

>di tutto; bevevamo l'acqua direttamente dalle fontane

>dei parchi,

>acqua non imbottigliata, che bevono anche i cani! E le

>ragazze si

>intortavano inseguendole per toccar loro il sedere e

>giocando al

>gioco della bottiglia o a quello della verità, non in

>una chat

>

>Abbiamo avuto libertà, fallimenti, successi e

>responsabilità e

>abbiamo imparato a crescere con tutto ciò.

>

>Tu sei uno di nostri? Congratulazioni!

>

congratulazioni a tutti coloro che hanno avuto la fortuna

>di crescere

>come bambini.

complimenti!

hai fatto centro!

quanti ricordi...

QUOTONE!!!

Link to comment
Share on other sites

Siamo la generazione che ha visto il basket libero in tv,

2 partite sulla rai e l'NBA al mattino dopo la messa,

seguivamo la Federale sulla tsi svizzera e le dirette di Capod'Istria,

siamo quelli che pensano che un gran giocatore sia tale anche se non salta 2 metri sopra il ferro,

abbiamo visto Magic-Jabbar contro Bird-Parish, i Bad Boys, Barkley magro e Rodman con i capelli normali...

giocavamo sull'asfalto con le espadrillas in corda da 1000 lire al paio

e tornavamo a casa sudati fradici a berci un Billy e mangiarci una girella.

Link to comment
Share on other sites

mitici anni 80

Lo scopo di questa missiva é quello di rendere

giustizia a una

generazione, quella di noi nati agli inizi degli anni

>'80 (anno più,

>anno meno), quelli che vedono la casa acquistata

>allora dai nostri

>genitori valere oggi 20 o 30 volte tanto, e che

>pagheranno la propria

>fino ai 50 anni.

>

>Noi non abbiamo fatto la Guerra, né abbiamo visto lo

>sbarco sulla

>luna, non abbiamo vissuto gli anni di piombo, né

>abbiamo votato il

>referendum per l'aborto e la nostra memoria storica

>comincia coi

>Mondiali di Italia '90. Per non aver vissuto

>direttamente il '68 ci

>dicono che non abbiamo ideali, mentre ne sappiamo di

>politica più di

>quanto credono e più di quanto sapranno mai i nostri

>fratelli minori

>e discendenti.

>

>Babbo Natale non sempre ci portava ciò che chiedevamo,

>però ci

>sentivamo dire, e lo sentiamo ancora, che abbiamo

>avuto tutto,

>nonostante quelli che sono venuti dopo di noi sì che

>hanno avuto

>tutto, e nessuno glielo dice.

>

>Siamo l'ultima generazione che ha imparato a giocare

>con le biglie, a

>saltare la corda, a giocare a lupo, a

>un-due-tre-stella, e allo

>stesso tempo i primi ad aver giocato coi videogiochi,

>ad essere

>andati ai parchi di divertimento o aver visto i

>cartoni animati a

>colori.

>

>Abbiamo indossato pantaloni a campana, a sigaretta, a

>zampa di

>elefante e con la cucitura storta; la nostra prima

>tuta è stata blu

>con bande bianche sulle maniche e le nostre prime

>scarpe da

>ginnastica di marca le abbiamo avute dopo i 10 anni.

>

>Andavamo a scuola quando il 1 novembre era il giorno

>dei Santi e non

>Halloween, quando ancora si veniva bocciati, siamo

>stai gli ultimi a

>fare la Maturità e i pionieri del 3+2...

>

>Siamo stati etichettati come Generazione X e abbiamo

>dovuto sorbirci

>Sentieri e i Visitors, Twin Peaks e Beverly Hills (ti

>piacquero

>allora, vai a rivederli adesso, vedrai che delusione).

>Abbiamo pianto

>per Candy-Candy, ci siamo innamorate dei fratelli di

>Georgie, abbiamo

>riso con Spank, ballato con Heather Parisi, cantato

>con Cristina

>D'Avena e imparato la mitologia greca con Pollon.

>Siamo una

>generazione che ha visto Maradona fare campagne contro

>la droga.

>

>Siamo i primi ad essere entrati nel mondo del lavoro

>come Co.Co.Co. e

>quelli per cui non gli costa niente licenziarci. Ci

>ricordano sempre

>fatti accaduti prima che nascessimo, come se non

>avessimo vissuto

>nessun avvenimento storico. Abbiamo imparato che cos'è

>il terrorismo,

>abbiamo visto cadere il muro di Berlino, e Clinton

>avere relazioni

>improprie con la segretaria nella Stanza Ovale; siamo

>state le più

>giovani vittime di Cernobyl; quelli della nostra

>generazione l'hanno

>fatta la guerra (Kosovo, Afghanistan, Iraq, ecc.);

>abbiamo gridato NO

>NATO, fuori le basi dall'Italia, senza sapere molto

>bene cosa

>significasse, per poi capirlo di colpo un 11 di

>settembre.

>

>Abbiamo imparato a programmare un videoregistratore

>prima di chiunque

>altro, abbiamo giocato a Pac-Man, odiamo Bill Gates e

>credevamo che

>internet sarebbe stato un mondo libero.

>

>Siamo la generazione di Bim Bum Bam, di

>Clementina-e-il-Piccolo-Mugnaio-Bianco e del Drive-in.

>Siamo la generazione che andò al cinema a vedere i

>film di Bud

>Spencer e Terence Hill. Quelli cresciuti ascoltando

>gli Europe e Nik

>Kamen, e gli ultimi a usare dei gettoni del telefono.

>Ci siamo

>emozionati con Superman, ET o Alla Ricerca dell'Arca

>Perduta.

>

>Bevevamo il Billy e mangiavamo le Big Bubble, ma

>neanche le Hubba

>Bubba erano male; al supermercato le cassiere ci

>davano le

>caramelline di zucchero come resto. Siamo la

>generazione di Crystal

>Ball ("con Crystal Ball ci puoi giocare..."), delle

>sorprese del Mulino

>Bianco, dei mattoncini Lego a forma di mattoncino, dei

>Puffi, i

>Volutrons, Magnum P.I., Holly e Benji, Mimì Ayuara,

>l'Incredibile

>Hulk, Poochie, Yattaman, Iridella, He-Man, Lamù,

>Creamy, Kiss Me

>Licia, i Barbapapà, i Mini-Pony, le Micro-Machine, Big

>Jim e la casa

>di Barbie di cartone ma con l'ascensore.

>La generazione che ancora si chiede se Mila e Shiro

>alla fine vanno

>insieme.

>

>La generazione che non ricorda l'Italia Mondiale '82,

>e che ci viene

>un riso smorzato quando ci vogliono dare a bere che

>l'Italia di

>quest'anno è la favorita...

>

>L'ultima generazione a vedere il proprio padre

>caricare il

>portapacchi della macchina all'inverosimile per andare

>in vacanza 15

>giorni.

>L'ultima generazione degli spinelli...

>

>Guardandoci indietro è difficile credere che siamo

>ancora vivi:

>viaggiavamo in macchina senza cinture, senza

>seggiolini speciali e

>senza air-bag; facevamo viaggi di 10-12 ore e non

>soffrivamo di

>sindrome da classe turista. Non avevamo porte con

>protezioni, armadi o

>flaconi di medicinali con chiusure a prova di bambino.

>Andavamo in

>bicicletta senza casco né protezioni per le ginocchia

>o i gomiti. Le

>altalene erano di ferro con gli spigoli vivi e il

>gioco delle

>penitenze era bestiale.

>

>Non c'erano i cellulari. Andavamo a scuola carichi di

>libri e

>quaderni, tutti infilati in una cartella che raramente

>aveva gli

>spallacci imbottiti, e tanto meno le rotelle!!

>

>Magiavamo dolci e bevevamo bibite, ma non eravamo

>obesi. Al limite

>uno era grasso e fine. Ci attaccavamo alla stessa

>bottiglia per bere

>e nessuno si è mai infettato. Ci trasmettevamo solo i

>pidocchi a

>scuola, cosa che le nostre madri sistemavamo lavandoci

>la testa con

>l'aceto.

>

>Non avevamo Playstation, Nintendo 64, videogiochi, 99

>canali

>televisivi, dolby-surround, cellulari, computer e

>Internet, però ce

>la spassavamo tirandoci gavettoni e rotolandoci per

>terra tirando su

>di tutto; bevevamo l'acqua direttamente dalle fontane

>dei parchi,

>acqua non imbottigliata, che bevono anche i cani! E le

>ragazze si

>intortavano inseguendole per toccar loro il sedere e

>giocando al

>gioco della bottiglia o a quello della verità, non in

>una chat

>

>Abbiamo avuto libertà, fallimenti, successi e

>responsabilità e

>abbiamo imparato a crescere con tutto ciò.

>

>Tu sei uno di nostri? Congratulazioni!

>

congratulazioni a tutti coloro che hanno avuto la fortuna

>di crescere

>come bambini.

Io sono una decina d'anni più vecchio , ma mi identifico con molte cose che hai riportato seppur con qualche distinguo :

i volutrons che caxxo sono ??? io sono cresciuto con Actarus alla guida di Goldrake....

I miei telefilm preferiti erano Starky & Hutch , per le strade di San Francisco , Baretta e soprattutto i mitici Bo e Luke di Hazzard , non certo Beverly Hills e twin Peaks...

Per uno che ha visto giocare al calcio quel fenomeno di Shingo Tamay , Holly e Benjii ed il loro campo kilometrico sono una stronzata ...

E soprattutto : IO IL BILLY NON L'HO MAI BEVUTO !

Perchè alla mia età , io ho fatto in tempo a vedere l'ORRIBILE squadra così sponsorizzata .

Link to comment
Share on other sites

Siamo la generazione che ha visto il basket libero in tv,

2 partite sulla rai e l'NBA al mattino dopo la messa,

seguivamo la Federale sulla tsi svizzera e le dirette di Capod'Istria,

siamo quelli che pensano che un gran giocatore sia tale anche se non salta 2 metri sopra il ferro,

abbiamo visto Magic-Jabbar contro Bird-Parish, i Bad Boys, Barkley magro e Rodman con i capelli normali...

giocavamo sull'asfalto con le espadrillas in corda da 1000 lire al paio

e tornavamo a casa sudati fradici a berci un Billy e mangiarci una girella.

Mi fai commuovere.....

P.s.: mi sa che le girelle erano almeno un paio.......

Ciao

Federico

Link to comment
Share on other sites

Uhm........... mi sembra che voi giovini degli anni 80 vi siate impossessati di qualcosa dei vostri fratelli maggiori...... o meglio..... avete visto un sacco di repliche!!!!

:mellow::P:lol:

Generazione anni 70: abbiamo fatto in tempo a vedere la tv in bianco e nero, il carosello, siamo passati dal vinile a 12.500£ ai CD da 30€, dalle musicassette che si incartavano nei walkman agli IPOD, abbiamo fatto in tempo a usare il Video8 e ora che c'è il DVD lo guardiamo con un sorriso di sufficienza e ...... abbiamo visto l'Italia vincere i mondiali ahahahaha pepepepepepepe gnegnegnegnegne!!!!

PS: abbiamo visto anche Emilio Fede juventino e democristiano sulla Rai!!! :lol::lol:

Altro?

Link to comment
Share on other sites

Uhm........... mi sembra che voi giovini degli anni 80 vi siate impossessati di qualcosa dei vostri fratelli maggiori...... o meglio..... avete visto un sacco di repliche!!!!

:mellow::P:lol:

Generazione anni 70: abbiamo fatto in tempo a vedere la tv in bianco e nero, il carosello, siamo passati dal vinile a 12.500£ ai CD da 30€, dalle musicassette che si incartavano nei walkman agli IPOD, abbiamo fatto in tempo a usare il Video8 e ora che c'è il DVD lo guardiamo con un sorriso di sufficienza e ...... abbiamo visto l'Italia vincere i mondiali ahahahaha pepepepepepepe gnegnegnegnegne!!!!

PS: abbiamo visto anche Emilio Fede juventino e democristiano sulla Rai!!! :lol::lol:

Altro?

abbiamo visto Scacciapensieri sulla Svizzera e Bim Bum Bam con Bonolis che non apriva pacchi o parlava di sesso con un transessuale o di vomito con un'anoressica. Giocavamo con l'Hoola hop (o come cazzo si scrive) e costruivamo le capanne in giardino con i pali dei pomodori e i teli contro la grandine x l'orto, giocavamo con la Barbie e c'era solo lei, non anche le Winx, le Witch, le Spritz, le frutz vestite da mignotte.

Giocavamo alla formula uno con quelle cazzo di macchinine che non andavano mai e si cappottavano in curva quando tiravi di bestia.

Rubavamo pannocchie, ciliegie e il Didò alla Standa, se ci piaceva un ragazzo ci sputtanavamo con bigliettini di carta che finiva regolarmente nelle mani sbagliate.

Guardavamo il Drive In con tutte le tettone annesse, senza il bollino giallo in basso a destra nello schermo, abbiamo visto Venerdì 13, Nightmare e la Casa, roba da bollino rosso, senza uscire in strada a cercare di sgozzare il primo che passa ma spaventandoci da bastardi a vicenda durante il film :lol:

Link to comment
Share on other sites

abbiamo visto Scacciapensieri sulla Svizzera e Bim Bum Bam con Bonolis che non apriva pacchi o parlava di sesso con un transessuale o di vomito con un'anoressica.

Questo l'ho visto anche io....bim bum bam con uan :P

Giocavamo con l'Hoola hop (o come cazzo si scrive) e costruivamo le capanne in giardino con i pali dei pomodori e i teli contro la grandine x l'orto, giocavamo con la Barbie e c'era solo lei, non anche le Winx, le Witch, le Spritz, le frutz vestite da mignotte.

e fi qui nulla di nuovo

Giocavamo alla formula uno con quelle cazzo di macchinine che non andavano mai e si cappottavano in curva quando tiravi di bestia.

io ho ancora il circuito perfettamente funzionante montato in garage

Rubavamo pannocchie, ciliegie e il Didò alla Standa, se ci piaceva un ragazzo ci sputtanavamo con bigliettini di carta che finiva regolarmente nelle mani sbagliate.

Il didò che macelli che ho fatto...per non parlare del lego o del meccano

Guardavamo il Drive In con tutte le tettone annesse, senza il bollino giallo in basso a destra nello schermo, abbiamo visto Venerdì 13, Nightmare e la Casa, roba da bollino rosso, senza uscire in strada a cercare di sgozzare il primo che passa ma spaventandoci da bastardi a vicenda durante il film :rolleyes:

E che dire del programma "Emilio"

ahi ahi ahi se faccio un figlio

ahi ahi ahi lo chiamo emilio

sempre meglio di basilio

se è una femmina non so

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...