Jump to content

LE SENTENZE: JUVE IN B, REVOCATO LO SCUDETTO 2005


Recommended Posts

ROMA - Il giorno X è arrivato. Le sentenze più attese della storia del calcio saranno rese note in serata. I verdetti della Corte di appello federale, per illecito sportivo, interessano quattro società (Juve, Milan, Fiorentina e Lazio) e 25 tesserati. Lo ha confermato la Figc in un comunicato precisando che la sentenza sarà letta dal presidente della Caf Cesare Ruperto a Roma presso l'hotel Parco dei Principi, vista l'indisponibilità delle strutture dello stadio Olimpico dove si è svolto il dibattimento.

La Figc precisa che l"accesso alla stampa accreditata e in possesso dei 'passi' rilasciati dalla Figc all'apertura del processo, sarà autorizzato a partire dalle ore 19. Come per il dibattimento anche per la sentenza non sono consentite trasmissione radio-televisive in diretta.

Il collegio giudicante probabilmente, come ai processi veri, si alzerà in piedi e spingerà nel baratro quattro club e 25 tra dirigenti e arbitri finiti alla sbarra: e se non sarà inferno, almeno purgatorio sì perché sarà difficile che gli incolpati se la cavino con una pacca sulla spalla. Retrocessione in B che incombe, anche se con diverse sfumature, per le società coinvolte. Squalifiche quasi certe per presidenti di società e arbitri. Ruperto però dovrà lasciare quella che nelle ultime due settimane è stata la sua seconda casa, quella stanza nel cuore dell'Olimpico in cui ha letto e riletto memorie, interrogatori, risentito le telefonate dello scandalo. Già perché le sentenze verranno fatte conoscere in un hotel della Capitale, a due passi dalla Figc.

Così alla fine ha deciso il commissario della Figc, Guido Rossi che dopo una mattina di lavoro ha lasciato Roma, dicendo però che non aveva molti dubbi. "Decido io, si saprà tutto domani (oggi, ndr)" aveva detto prima di infilarsi in auto. Qualche dettaglio, prima di sciogliere le ultime riserve anche sulla location (sarebbe stato problematico farlo allo stadio, visto che stasera è in programma la terza tappa della Golden League di atletica leggera). Insomma il processo al calcio è alla prima svolta importante.

Le sentenze non sono ancora arrivate, ma le polemiche preventive sono già scoppiate. A innescare la miccia è stato Silvio Berlusconi, che ha accusato il processo, le sue modalità e ha già detto che non si possono punire i club. "Non accetteremmo sanzioni alle squadre" ha tuonato il leader di Forza Italia, che dice però di non parlare solo perché nel polverone è finito anche il suo Milan. Da punire, secondo l'ex premier, sono i singoli che se hanno sbagliato devono pagare. Per Berlusconi il campionato di A deve partire così come è, in attesa che si faccia luce completa sulla vicenda. Rossi però alla Camera ieri aveva affrescato un quadro allarmante fatto di "illeciti gravissimi e diffusi". Ieri ha preferito snobbare le esternazioni del Cavaliere. "Berlusconi? Non mi interessa quello che dice, io faccio una altro mestiere" la battuta lapidaria del commissario.

Ci tiene invece a dire la sua sul tema Francesco Saverio Borrelli, la cui nomina a capo dell'ufficio indagini non era piaciuta a molti dell'attuale opposizione e vicini all'area politica di Berlusconi. "Non mi aspettavo che Berlusconi potesse applaudire a una cosa che stavo facendo - ha detto l'ex capo di Mani Pulite, al lavoro a Roma per le audizioni legate al maxiscandalo - Anche se mi accendo una sigaretta Berlusconi pensa che lo faccia contro Forza Italia o contro il Milan".

Alla vigilia delle sentenze il clima è già rovente. Molti degli incolpati dovranno ritirare i dispositivi delle sentenze per presentare poi il ricorso alla Corte federale: tre giorni per fare l'appello, anche se, almeno per l'Uefa, già le sentenze di primo grado possono bastare per fare la griglia delle coppe. Ma le difese sono già pronte a dare battaglia: quelli che verranno condannati faranno ricorso e non solo in sede sportiva. Tutti, o quasi, guardano già al Tar, nonostante la minaccia di uscire dalle competizioni sportive. Ma quelli che non hanno più molto da perdere le proveranno tutte.

Dai che fra un anno andiamo in trasferta a Torino!!!

Forza Varese!!!!!!!!!!

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 191
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

...con motivazioni che reggeranno a fatica la Corte Federale, si andrà verso un ridimensionamento dei punti di penalizzazione, e con vizi procedurali che nn potranno nn essere evidenziati davanti la giustizia amministrativa (Tar del Lazio e Consiglio di Stato)...estate lunghissima!

Link to comment
Share on other sites

...con motivazioni che reggeranno a fatica la Corte Federale, si andrà verso un ridimensionamento dei punti di penalizzazione, e con vizi procedurali che nn potranno nn essere evidenziati davanti la giustizia amministrativa (Tar del Lazio e Consiglio di Stato)...estate lunghissima!

La Giuve a quanto pare nemmeno presenterà ricorso e a me questo basta:

SERIE B MALEDETTI!!!!

Link to comment
Share on other sites

........che vomito !!!

E leggetevi questa..............senza vergogna !!!

Moratti: "Ci spetta lo scudetto""L'Inter era fuori da un certo sistema"

Dopo le sentenze della Caf su calciopoli, Massimo Moratti torna a reclamare lo scudetto 2005/2006. "E' un diritto - spiega il patron dell'Inter - perché deve essere chiaro al mondo intero che non tutti in Italia hanno fatto parte di un certo sistema. Bisogna fare un distinguo tra chi ha barato e chi è onesto". Sulle reazioni alle sentenze: "Ho visto un aumento di arroganza, mentre è totalmente assente la vergogna".

E' furioso Massimo Moratti. Il pensiero che l'ultimo titolo resti non assegnato proprio non gli va giù. "Sarebbe un messaggio sbagliato - dice - Un brutto segnale non solo all'Italia sportiva, ma a tutto il mondo. Qualcosa che autorizzerebbe a pensare che proprio tutti erano sporchi. Noi no, alziamo la mano e urliamo: 'Noi no, con questo sistema sporco proprio non c'entriamo'. Direi le stesse cose se la terzo posto fossero arrivate altre squadre. Lo scudetto è un diritto di chi si è comportato bene, il titolo va dato a chi si è distinto più degli altri".

Moratti, proprietario dell'Inter dal 1995, in questi 11 anni di soldi ne ha spesi tanti. Con poche soddisfazioni e tante critiche. Tante volte tacciato di incapacità, ora il patron qualche rivincità può prendersela. "Non ne faccio una questione di investimenti - dice - anche se ho l'impressione di aver buttato via due anni di vita. E non voglio nemmeno prendere in considerazione che tutto ciò abbia compromesso anche altri campionati. Sono stato truffato? Di sicuro lo sono stati milioni di persone, tifosi, appassionati. Lo scudetto all'Inter mi sembra l'unica soluzione, un qualcosa che viene da sé".

Una frecciata a Berlusconi che, dopo le sentenze, aveva punto i cugini: "Forse il prossimo campionato riusciranno a vincerlo". "Non tollero più certe battute di spirito nei nostri confronti - sbotta - dire che ormai sono fuori luogo. Guido Rossi è interista e ha fatto parte della nostra società? Meglio, essere interista è garanzia di onestà, non certo motivo di imbarazzo".

Buffone..............ma sì, assegnamogli un paio di scudetti così sarà contento; poi però tiriamo fuori le intercettazioni 2005-2006 e riparliamone !!!

Edited by ROOSTERS99
Link to comment
Share on other sites

...con motivazioni che reggeranno a fatica la Corte Federale, si andrà verso un ridimensionamento dei punti di penalizzazione, e con vizi procedurali che nn potranno nn essere evidenziati davanti la giustizia amministrativa (Tar del Lazio e Consiglio di Stato)...estate lunghissima!

Un campiopnato che non doveva essere giocato e benissimo farà chi lo ostacolerà.

Link to comment
Share on other sites

Parla Moggi:

FOLLONICA - Un appartamento a piano terra di una casa a schiera. Un tavolo, tre tazzine di caffè, una bottiglia d'acqua.

Come sta, signor Moggi?

"Benissimo. Mia sorella dice che non mi ha mai visto così rilassato come in questi giorni. Sapete perché?"

No, perché?

"Ho deciso che è finito il tempo delle emozioni. Apro un altro ciclo della mia vita".

Quale?

"Quello dell'incazzatura. Sono incazzato nero e ho trovato un nuovo lavoro".

Torna nel calcio?

"Sì, torno nel mondo del calcio come rompicoglioni. Indicandoli con nomi e cognomi, romperò le scatole ai falsi moralizzatori di questo mondo che si vuole pulito soltanto perché si è liberato di Antonio Giraudo e Luciano Moggi. Spazzano via dalla casa polverosa due granelli di sabbia e dicono che la casa è pulita. Io invece vi dico che la casa era messa così e così quando ci sono arrivato e così così la lascio. Per capire come vanno le cose, basta leggere i giornali o quella simpatica rubrichetta della Gazzetta dello Sport firmata da Candido Cannavò: già il titolo - Fatemi capire - è un programma".

Che significa che è "un programma"?

"Fatemi capire, Cannavò è stato per 18 anni il direttore della Gazzetta dello Sport e deve ancora capire? Penso che abbia capito benissimo. Quella sua rubrichetta serve solo per dimenticare e creare falsi bersagli. Parla di calcio pulito e tutta la spazzatura ce l'avrebbe messa Luciano Moggi. Fatemi capire, il passaporto falso di Recoba per cui l'Inter ha patteggiato, che cos'è? Qual è la sola società di serie A che ha cointeressenze con una di B? Non è l'Inter con lo Spezia? Fatemi capire, c'è differenza se Moggi va a cena da Bergamo con lo scudetto già in tasca e Giacinto Facchetti si attovaglia, con Bergamo, mentre l'Inter ancora lotta per un posto in Champions? Le fidejussioni false firmate da Giacinto Facchetti per la Reggina, non sono forse illeciti pieni? E allora perché la presunzione dell'illecito - cioè non il peccato, ma il solo pensiero del peccato - è sufficiente alla giustizia sportiva per condannare? Lo chiedo, badate, non per me, ma per un club come la Juventus condannato con quella penalizzazione in serie B. Io ho molti tifosi che mi chiamano e mi informano. Nel mondo dei tifosi ce n'è di tutti i tipi. C'è chi arriva a fatica a fine mese e, nonostante ciò, compra un biglietto di curva e chi invece bazzica il mondo della finanza e degli affari".

Signor Moggi faccia capire pure noi, che cosa vuole dire? Che cosa le dicono questi tifosi che capiamo essere persone bene informate?

"Chiunque può vederlo. Degli illeciti documentati dell'Inter che, in qualche caso, hanno addirittura prodotto il patteggiamento giudiziario non si parla. Un giornale, partecipato da uno degli ex azionisti dell'Inter, sta conducendo una campagna di falsa moralizzazione che ha trasformato lo scandalo del calcio in "Moggiopoli". Su quello stesso giornale abbiamo letto con 24 ore di anticipo la sentenza della Caf. Il commissario straordinario della Figc che dovrebbe rimettere le cose in ordine è un ex consigliere dell'Inter. I tifosi che mi telefonano pensano che gatta ci cova. E io comincio a crederci".

Gianni Agnelli allo stadio

Moggi, anche lei cade nel complottismo. Ci sta dicendo che in quel che è accaduto c'è la mano dell'Inter di Moratti?

"Non parlo di complotto. Non sono in grado di dire che gli ambienti finanziari e giornalistici vicini all'Inter hanno provocato tutto questo, ma è un fatto che ne stanno approfittando. Dico solo che ci vuole anche in questo un po' di misura. Se si vuole far credere all'opinione pubblica e ai tifosi italiani che il mondo del calcio era sporco ed era sporco perché c'era Moggi, è una menzogna. In questi giorni, ho visto in televisione un procuratore che si è improvvisamente travestito da moralizzatore del mondo del calcio. Questo signore sostiene che i procuratori non debbano avere nella propria scuderia giocatori e allenatori. Bene, questo stesso signore ha appena sistemato un allenatore in serie B e l'allenatore va dicendo in giro che ingaggerà soltanto giocatori di quel procuratore. Non è divertente?".

Ci fa il nome del procuratore?

"No. Nell'ambiente del calcio hanno capito chi è. Chi non è nell'ambiente del calcio deve sapere - ed è quel che conta - che, fuori Moggi e Giraudo, non è cambiato nulla. Per parte mia, comincio a chiedere scusa a tutti i tifosi e a tutti i giocatori. In questi mesi, ai tifosi è stato fatto credere che il campionato fosse una farsa. Che chiunque poteva mettere le mani su uno scudetto andando a cena con Bergamo e Pairetto. Non è vero. Lo spettacolo in questi anni è stato genuino ed è stato onorato dall'impegno dei calciatori. Chi l'ha vinto meritava di vincerlo. Io l'ho vinto perché ero più bravo degli altri e perché la Juve era più forte. Guardate quest'anno. La Juventus ha vinto il campionato di serie A, il campionato Primavera e Allievi e ha portato in finale di Coppa del Mondo i suoi migliori giocatori di oggi e di ieri. Senza contare Marcello Lippi, Ciro Ferrara fino al fisioterapista Aldo Esposito. O vogliamo dire che anche i Mondiali non sono puliti? Vedo, però, che tanti altri responsabili, come me, di come è andato il calcio in questi anni nemmeno si sognano di chiedere scusa".

Franco Carraro

Ci faccia qualche nome.

"Mica ve ne faccio soltanto uno".

Chi è il primo che dovrebbe chiedere scusa?

"L'ormai ex presidente federale Franco Carraro. Dice che faceva soltanto il vigile urbano e si limitava a dirigere il traffico. Peccato che facesse passare con il rosso chi voleva lui".

Ma all'elezione di Carraro ha contribuito anche lei.

"Questa è una barzelletta. Io in Federazione non contavo nulla. Non avevo alcun ruolo e nemmeno la possibilità di partecipare alle assemblee".

Bisogna partecipare alle assemblee per contare?

"No. Ma bisogna contare nelle migliaia di società dilettantistiche, per esempio. E io avevo altro da fare. Poi, che io non contassi in federazione lo dice anche Carraro. È l'unica verità che gli ho sentito dire in questi mesi".

Carraro deve chiedere scusa. Chi altro?

"Vorrei dedicare un pensierino anche a Galliani e Confalonieri. Confalonieri dice che il Milan è vittima da 15 anni del "regime di Moggi". Stimo Confalonieri per il lavoro che fa. Dovrebbe parlare soltanto di quello e non di cose che non conosce. Se viene a parlarmi di regime - proprio lui, poi - devo ricordargli che il presidente della Lega si chiamava Adriano Galliani. Nome che a Confalonieri non dovrebbe essere sconosciuto. Come non dovrebbe dimenticare che Galliani si dava da fare per sistemare un suo protetto finanche al vertice della Commissione arbitri di serie C. Per non parlare dei diritti televisivi".

Parliamone invece. Per i non addetti, non regge la sua difesa che più o meno suona così: "Il mio concorrente aveva tra le mani quello straordinario strumento di persuasione e business che è la televisione e noi da Torino dovevamo arrangiarci in qualche modo per non essere spazzati via". Ora però, la Juve non ha mai avuto problemi di diritti tv, e allora?

"E allora non avete capito niente. Dovete guardare non alla Juve, ma alle piccole squadre che tirano avanti con i denti e hanno bisogno del denaro della televisione. E quel denaro non lo distribuivo io, lo distribuiva il mio concorrente. Volete una prova? Guardate quel che succedeva in Lega per la nomina del presidente. Diatribe che duravano mesi e poi, d'improvviso, puff: Galliani presidente. Dov'erano più le polemiche? Spazzate via dalla distribuzione dei diritti televisivi. Chi era il più forte allora? Moggi o Galliani? E perché si parla sempre di Moggi e mai di Galliani? Fatemi capire".

Visto che siamo in area Mediaset, racconti una buona volta - e non se ne parli più - del suo incontro con Silvio Berlusconi.

"Berlusconi mi chiama e mi propone una candidatura in "Forza Italia", e vabbé queste sono stupidaggini. Mi chiede di andare al Milan. Sono lusingato, gli dico, ma sono un dirigente di azienda vincolato con un contratto a tempo indeterminato con la Juve. Gli rispondo che ci devo pensare. Lui mi dice che ne parlerà con Galliani".

Lei ha capito se Berlusconi aveva già preso visione o era stato informato del dossier con le prime intercettazioni spedito a Carraro dalla Procura di Torino?

"Penso proprio di sì. So che, dopo quel colloquio, Berlusconi ne parla con Galliani e comincia la slavina. Guarda caso, toh!, con le prime indiscrezioni pubblicate dalla Gazzetta dello Sport".

Alla Gazzetta, signor Moggi, hanno fatto solo il loro lavoro. Hanno dato le notizie che avevano.

"Mettiamola così. Mi piacerebbe sapere se, dopo il colloquio con Berlusconi, e il mio possibile arrivo al Milan, non siano stati Galliani e Carraro a scatenare la bufera attraverso la Gazzetta dello Sport".

Lei è furioso, ma il risentimento non può farle dimenticare le sue responsabilità, che vengono da molto lontano. Secondo alcuni, risalgono a vent'anni fa quando lei sostituì il mago Merlino del calcio di allora: Italo Allodi. È così?

"Il sistema Allodi era molto semplice. Era il sistema dell'ascendenza sulle società di calcio. C'era ai suoi tempi e io l'ho ereditato".

Che significa "ascendenza"?

"Il sistema delle regole tacite. Un esempio. Se la squadra A non ha più nulla da pretendere dal campionato e incontra la squadra B che lotta per la salvezza gli lascerà la partita. La giocherà mettendo qualche "primavera" in campo e, in ogni caso, con una formazione non competitiva. Non c'era bisogno di accordi".

Questo nel mondo di Allodi. E nel mondo di Moggi?

"Ognuno tesseva il filo che aveva. Tentando di non farselo tagliare con le forbici. Guardate il mio rapporto con Galliani. Ora dicono che eravamo pappa e ciccia. In realtà lui mi guardava dal buco della serratura e io dalla finestra socchiusa. Il fatto è che io dovevo soltanto proteggere un grande gruppo e una grande società dalle porcate. Questa era la mia preoccupazione costante, oltre a fare grande la squadra".

Non ci dirà adesso che la necessità di avere 20 mila schede telefoniche svizzere nasceva soltanto da un bisogno di protezione dalle aggressioni altrui. Che cosa doveva nascondere?

"È proprio così: mi dovevo proteggere dalle aggressioni. Innanzitutto quelle schede non sono ventimila, ma venti e, normalmente, le buttavo via dopo 15 giorni. Le prendevo soltanto per non rendere facile violare la privacy del mio lavoro. Abbiamo una legge sulla privacy con un Garante che non garantisce e c'è molto spionaggio industriale. L'unico mezzo era eclissarmi. Trattavo in quel periodo Cannavaro, Ibrahimovic ed Emerson. Li volevano anche altri. Anche l'Inter, per esempio. E quando le cose si mettono così, il giocatore o lo si paga troppo o lo si perde. Con quelle 20 schede mi sono soltanto cautelato da intrusioni che pure ci sono state".

E la scheda riservata consegnata al designatore Paolo Bergamo, che c'entra con la privacy e con il mercato?

"Fu Bergamo a chiedermi la scheda per problemi esclusivamente suoi. Quella scheda non la usava per comunicare con me".

Eppure, uno dei suoi colpi di mercato più clamorosi come l'arrivo di Capello sulla panchina della Juve tanto riservato non era, visto che divenne uno scoop di Giorgio Tosatti.

"Non diedi io la notizia a lui. Lui la diede a me. Io avevo già deciso per un altro allenatore. Fu Giorgio a dirmi che se avessi fatto il tentativo con Capello qualcosa avrei raccolto. Così feci".

Questo per Capello. Ma per le "intrusioni", i suoi sono soltanto sospetti?

"No. Sono certezze".

Ci racconti un episodio.

"Ragazzi, non potete pretendere che dica tutto, subito, e in una sola soluzione. Vi ho detto che in futuro voglio fare il rompicoglioni".

Il suo lavoro ha avuto, forse, la migliore definizione con le parole dell'Avvocato.

"Quali?"

Non dica che non sa che l'Avvocato diceva di lei che "lo stalliere del re deve conoscere i ladri di cavalli".

"Io non l'ho sentita, ma l'ho letta da qualche parte e comunque è solo una di quelle battute che piaceva fare all'Avvocato. Con lui avevo un eccellente rapporto. Ci sentivamo anche dieci volte al giorno. Ora mi tocca leggere che mentivo finanche a lui".

Beh, non gli disse che stava vendendo Bobo Vieri.

"È falso. Le cose andarono così. Il giorno prima della vendita di Vieri, l'Avvocato mi chiese notizie. Stava andando a una riunione dell'Ifil. Gli dissi che avrei tenuto il giocatore. Il giorno dopo, Vieri viene in sede, vuole tanti miliardi, il posto da titolare e non so che altro. Per di più aveva anche litigato con Lippi. Io alzo il telefono, parlo con l'Atletico Madrid e i 28 miliardi della prima proposta diventano 34. Cercai subito l'Avvocato per dirglielo, ma non lo trovai. Era a Montecarlo. Il tentativo di sporcare anche il mio rapporto con l'Avvocato mi fa molto arrabbiare. Ho sempre ammirato la sua straordinaria passione per la Juve. Voleva sempre la squadra più forte, e se non si spendeva troppo era meglio. È una regola che ho seguito fino allo scorso anno. Squadra forte, bilancio sano. Ricordo che vidi l'Avvocato il giorno prima che morisse. Mi chiamò e mi disse di andare a casa insieme a Marcello Lippi. Ci disse: "Vi ho voluto qui, perché forse non ci vedremo più"".

L'atteggiamento della famiglia Agnelli e della società sembra essere cambiato nei suoi confronti.

"L'atteggiamento della Juve è comprensibile. È necessario salvaguardare gli aspetti economici del club. Ma non ho visto nessuna contestazione o censura su come si è comportato il sottoscritto".

Ammetterà che i rapporti tra lei e Lapo Elkann non erano idilliaci. La voleva allontanare dalla Juventus e, come lei saprà, tra le cose che si sentono dire da qualche mese, è che lei avrebbe organizzato la fuga di notizie sull'incidente occorso a Lapo.

"È un'infamia. Io a quel ragazzo voglio bene e sono rimasto umanamente dispiaciuto delle sue difficoltà".

Ammetterà che, quando era in auge, non ha mai smentito dicerie di questo genere.

"È stato un errore. Ho sempre lasciato correre perché provavo piacere nel veder crescere il mito del "Re del mercato". Ho capito troppo tardi che quegli osanna annunciavano il disastro. Non mi sono accorto per tempo che quel mito che circondava ogni mia parola o intenzione o azione - spesso enfatizzato dalla stampa - serviva soltanto a creare il mostro che bisognava distruggere per lasciare tutto come era. Se ho fatto un errore, e sicuramente ne ho fatti, questo è il più grave. Mi sono fatto giocare dalla mia stessa vanità".

Che cosa pensa della sentenza della Caf di Ruperto?

"È una sentenza che serve soltanto a colpire, attraverso Giraudo e me, la Juve. È una sentenza che ha selezionato 40 telefonate, secondo convenienza, su una massa di 100 mila. Devo aggiungere altro? Vedete, io leggo "il libro nero del calcio" pubblicato dall'Espresso. Lo annoto e in questo block-notes prende forma il mio libro nero. Appunti contro i falsi moralizzatori. Sarà il mio nuovo lavoro perché questa rivoluzione nel calcio assomiglia a quella storia della fine della Prima Repubblica che ha lasciato credere nella nascita di una Seconda, mentre poi abbiamo scoperto che, se si esclude qualche nome, nulla è cambiato".

(17 luglio 2006)

Prevedo un'estate bollentissima.....

Link to comment
Share on other sites

Sono ancora schifato da quei gobbacci che a Torino fanno atti di vittimismo che non sapevano e che non si conosceva!

Che sia più o meno esplicito tutti sapevano che venivano fatti i furti ed erano anche espliciti adesso evitiamo vittimismi!

Una pena è giusta B con trentapunti uno schifo a questo punto meglio una C!

Moratti sbaglia a chiedere quello che gli è stato rubato? Non credo proprio!

Probabilmente avrebbe perso anche se non venisse rubata qualche partita da Moggi ma si da il caso che questo è stato fatto e quindi NIENTE a chi ha rubato va tolto e va dato tutto ai primi degli ONESTI!

Link to comment
Share on other sites

la cosa più avvilente di tutta questa faccenda, oltre allo schifo messo in piedi da Moggi & co., e che si dà ancora voce in capitolo al truffatore Moggi, e per di più i "tifosi" juventini lo assecondano pure!

tralasciando l'odio che provo per la juve e tutto quello che ci va dietro, se io fossi un tifoso juventino sarei già andato a prendere questa losca figura e gli avrei fatto passare la voglia di ridere e di parlare ancora!

questo qua si crede Dio in terra, e c'è pure qualche giornalista che cerca lo "sguup" scrivendo le cavolate dette dal mafioso...

situazione ridicola, oramai ingestibile...

schifo, provo solo schifo!

<_<

Link to comment
Share on other sites

la cosa più avvilente di tutta questa faccenda, oltre allo schifo messo in piedi da Moggi & co., e che si dà ancora voce in capitolo al truffatore Moggi, e per di più i "tifosi" juventini lo assecondano pure!

tralasciando l'odio che provo per la juve e tutto quello che ci va dietro, se io fossi un tifoso juventino sarei già andato a prendere questa losca figura e gli avrei fatto passare la voglia di ridere e di parlare ancora!

questo qua si crede Dio in terra, e c'è pure qualche giornalista che cerca lo "sguup" scrivendo le cavolate dette dal mafioso...

situazione ridicola, oramai ingestibile...

schifo, provo solo schifo!

<_<

La cosa più ridicola è che ancora una volta si sia chinata la testa di fronte alle minacce di Berlusconi ... retrocessione ??? io blocco il contratto tv !!! ...

Ed il Milan ne esce sostanzialmente impunito ...

E RIDICOLA E' STATA TUTTA LA LINEA DIFENSIVA DELLA JUVE !

Link to comment
Share on other sites

La cosa più ridicola è che ancora una volta si sia chinata la testa di fronte alle minacce di Berlusconi ... retrocessione ??? io blocco il contratto tv !!! ...

Ed il Milan ne esce sostanzialmente impunito ...

E RIDICOLA E' STATA TUTTA LA LINEA DIFENSIVA DELLA JUVE !

centro! ed anche per questo la juve è stata mandata "solo" in B invece che la C, SKY e Mediaset avrebbe perso troppi soldi...

senza dimenticare i Main sponsor juventini...

Link to comment
Share on other sites

centro! ed anche per questo la juve è stata mandata "solo" in B invece che la C, SKY e Mediaset avrebbe perso troppi soldi...

senza dimenticare i Main sponsor juventini...

Per SKY 2 anni di B o 1 di C + 1 di B cambia poco ... Ed i main sponsor juventini avevano già confermato i contratti a prescindere da una sentenza già scritta ancor prima dell'inizio del processo ...

Per Mediaset invece la situazione è ben diversa ...

Edited by Virgus
Link to comment
Share on other sites

Guardate ragazzi, più passano i giorni e più sono convinto che si finisce dalla padella nella brace; che cacchio di campionato ridicolo vogliono comincare ???..........ammesso che comincerà............

Comunquae piantiamoila di dire che la Juve HA RUBATO !

La Juve ha vinto l' ultimo campionato perchè era la squadra migliore ed ha avuto favori e sfavori arbitrali come TUTTE le altre squadre.......Inter inclusa.

Se poi la giustizia sportiva considera il tentativo di illecito come l' illecito vero e proprio, questo è un altro discorso...

Mi stà tornando la voglia di tifare JUVE !!! <_<

Link to comment
Share on other sites

Guardate ragazzi...

.....Inter inclusa.

fino a prova contraria, checché ne dica il volpone, l'Inter non è inclusa :lol:

Se poi la giustizia sportiva considera il tentativo di illecito come l' illecito vero e proprio, questo è un altro discorso...

questo è quello che la maggior parte di voi juventini non vuol capire... le intercettazioni e le migliaia di pagine di dossier portati dall'accusa, non sono a riguardo di Arsenio Lupin, ma dei tuoi dirigenti juventini e affiliati varii... ^_^

Mi stà tornando la voglia di tifare JUVE !!! <_<

mi dispiace per te! ;)

Edited by Cingo
Link to comment
Share on other sites

questo è quello che la maggior parte di voi juventini non vuol capire... le intercettazioni e le migliaia di pagine di dossier portati dall'accusa, non sono a riguardo di Arsenio Lupin, ma dei tuoi dirigenti juventini e affiliati varii... <_<

mi dispiace per te! ^_^

Io ho detto un' altra cosa e cioè che il dibattimento di quel ridicolo processo non ha evidenziato e tanto meno provato ALCUN ILLECITO SPORTIVO SPECIFICO, ma solo tanti presunti tentativi..........

Non dispisacerti, la mia passione per il calcio è spenta da anni, ma a suo tempo ho goduto di gioie immense, come nessun altro tifoso che vi piaccia o no !! :lol:

E credo ce ne saranno presto altre, a differnza sempre di "altri" tifosi ;):lol:

Edited by ROOSTERS99
Link to comment
Share on other sites

Allora stiamo parlando di cose oggettive?

Moratti ha mai chiamato arbitri? Ha mai chiesto favorimenti? No e allora non scarichiamo il barile!

La Juve ha rubato e questo è un dato di fatto allora io non capisco come mai la stessa difesa della juve abbia chiesto la B ammettendo le colpe e qui qualcuno continui a dire che la società è vittima!

Lo stesso i tifosi che ora si lamentano, ma non hanno mai pensato di scaricare una dirigenza che ha rovinato la loro squadra (vedi striscioni nell'ultima di campionato)...

Link to comment
Share on other sites

Allora stiamo parlando di cose oggettive?

Moratti ha mai chiamato arbitri? Ha mai chiesto favorimenti? No e allora non scarichiamo il barile!

La Juve ha rubato e questo è un dato di fatto allora io non capisco come mai la stessa difesa della juve abbia chiesto la B ammettendo le colpe e qui qualcuno continui a dire che la società è vittima!

Lo stesso i tifosi che ora si lamentano, ma non hanno mai pensato di scaricare una dirigenza che ha rovinato la loro squadra (vedi striscioni nell'ultima di campionato)...

Tuig.........sei troppo granata !! <_<^_^

Evita comunque di difendere i buffoni come Moratti, ti prego !!

Edited by ROOSTERS99
Link to comment
Share on other sites

Moratti ha mai chiamato arbitri? Ha mai chiesto favorimenti? No e allora non scarichiamo il barile!

Le intercettazioni telefoniche non funzionano "random": s'intercettano soltanto determinati numeri, e non altri.

Quindi, l'assenza del nome di Moratti (o di Facchetti) non significa che questi non chiamassero al cellulare designatori e compagnia cantante.

Detto ciò, mi sembra che dalle carte, per come le abbiamo lette sui giornali, emergesse un fetentissimo malcostume e che tuttavia tale sistema, per quanto esecrabile, influenzasse del tutto marginalmente i risultati sportivi.

Il Milan, accusato da destra e da sinistra, ha vinto due scudetti in 10 anni ed quello del '99, beh, va addebitato anche alla fortuna, impersonificata dal gol di Ganz nel recupero di un Milan-Sampdoria.

Nè del resto mi pare si possa negare che la Juventus avesse spesso la squadra più forte, anche sulla carta.

Poi, come giustamente osservato dall'arbitro De Santis, appare del tutto misterioso il modo con cui lui e Dondarini potessero, da soli, decidere i destini della serie A.

Con decine di telecamere addosso, per non dimenticarsene.

La verità è che hanno sempre vinto i più forti sul campo, non i più "aiutati": la sudditanza psicologica, le amicizie, i favori, facevano parte dell'italian way of life, sbagliata, censurabile, disdicevole, ma punibile soltanto nelle larghe maglie di un procedimento disciplinare, in cui i precetti normativi rimandano a genericissimi doveri di lealtà e correttezza.

Vedremo cosa uscirà dai processi penali, quelli fatti sentendo i testimoni e applicando norme non troppo malleabili.

Edited by Dragonheart
Link to comment
Share on other sites

Tuig.........sei troppo granata !! <_<^_^

Evita comunque di difendere i buffoni come Moratti, ti prego !!

mi sa che di buffoni in giro ci sono solo i tifosi juventini, e tu ne sei un portabandiera!

scusa ma quado ci vuole, ci vuole!

dai del buffone a una persona che chiede solo il diritto ad avere un rientro economico, visto che, te lo ripeto ancora una volta, l'Inter non è in mezzo al pastone, che a voi juventini vi piaccia o no!

se poi volete continuare ad avere le fette di salame sugli occhi, e a non capire cos'è successo, beh ragazzi miei, allora ve le cercate proprio!

ricordo a tutti che quello che si dice o si scrive di moggi non è vangelo!

cercate sempre una scusa per tutte le vostre marachelle, ma adesso che vi hanno tirato giù la maschera, non ci state più vero?

p.s. non continuate a fare i patetici dicendo che neanche quello che dice l'accusa di calciopoli è vangelo, sarebbe veramente troppo scontato, che poi tra interisti e juventini, ci sia dell'odio, e comprovato da ormai quasi un secolo...

Link to comment
Share on other sites

Non capisco perchè i tifosi della Giuve piangono: vi è andata anche bene che al posto della C vi hanno dato la B e - 30...almeno una piccola speranza di tornare in A diretti c'è!!! <_<^_^:lol:

E mi fanno ridere certi commenti: pagano ingiustamente i giocatori?

Ma dai....è impossibile che non vedessero e non sapessero...per esempio Moggi che chiuse nello spogliatoio Paparesta....

Pagano ingiustamente i tifosi??

E allora perchè si sono ribellati alla triade e alle loro malefatte che erano sotto gli occhi di tutti....anzi...mi pare festeggiassero pure a ogni scudetto puntualmente rubato!!!

Ricordo uno striscione della curva bianconera "La triade non si tocca"...e ho detto tutto!

La Giuventus ha rubato ed è giusto che paghi: società, giocatori e tifosi!!!!

Chi è stata derubata (vedi Inter) è giusto che abbia ciò che gli spetta

Edited by fuli
Link to comment
Share on other sites

Poi, come giustamente osservato dall'arbitro De Santis, appare del tutto misterioso il modo con cui lui e Dondarini potessero, da soli, decidere i destini della serie A.

Con decine di telecamere addosso, per non dimenticarsene.

L'anno scorso il Genoa appena promosso in A è stato retrocesso in serie C con 6 punti di penalizzazione per l'illecito consumato nell'ultima partita di campionato, Genoa - Venezia. Per quella partita NESSUN giocatore è stato condannato, però nessuno si è chiesto come si fosse potuto combinare una partita senza l'aiuto dei giocatori sul campo. E nessuno si è preoccupato di approfondire la questione, filosofeggiare sulle colpe della società e quelle dei tifosi, tanto faceva comodo che quegli sfigati dei genoani potessero far sembrare che il mondo del calcio era pulito e puniva chi non stava alle regole

Link to comment
Share on other sites

mi sa che di buffoni in giro ci sono solo i tifosi juventini, e tu ne sei un portabandiera!

scusa ma quado ci vuole, ci vuole!

dai del buffone a una persona che chiede solo il diritto ad avere un rientro economico, visto che, te lo ripeto ancora una volta, l'Inter non è in mezzo al pastone, che a voi juventini vi piaccia o no!

se poi volete continuare ad avere le fette di salame sugli occhi, e a non capire cos'è successo, beh ragazzi miei, allora ve le cercate proprio!

ricordo a tutti che quello che si dice o si scrive di moggi non è vangelo!

cercate sempre una scusa per tutte le vostre marachelle, ma adesso che vi hanno tirato giù la maschera, non ci state più vero?

p.s. non continuate a fare i patetici dicendo che neanche quello che dice l'accusa di calciopoli è vangelo, sarebbe veramente troppo scontato, che poi tra interisti e juventini, ci sia dell'odio, e comprovato da ormai quasi un secolo...

calma Cingo, calma!!!! ^_^

innanzitutto, non fare di tutta un'erba un fascio.

Roo è Juventino, ma esprime le sue opinioni personale, che non necessariamente rispecchiano il pensiero di tutti i tifosi della Signora.

Io, ad esempio, tifo Juve ma speravo in una sentenza forte contro la mia squadra, xchè quello che ha fatto Moggi e quello che ho sentito nelle intercettazioni telefoniche che sono state divulgate, è semplicemente vergognoso, quinid ben vengao queste sentenze.

Giusto dare una sonora lezione a chi si comporta in maniera scorretta.

Detto questo, è giusto anche far notare che non sono stati intercettati i telefoni di tutte le Società di serie A, quindi può esistere il lecito dubbio che anche altri avessero questa prassi ma che non siano mai stati beccati.

Altro quesito: sono state castigate 4 squadre, questo è un dato di fatto. Ma io mi domando: se c'è qualcuno che ha "comprato" ci deve essere qualcuno che ha "venduto" e 4 squadre coinvolte mi sembrano un po' pochine.

Riguardo Moratti, per ora non si può imputargli nulla, col tempo si vedrà, sempre che ci sia qualcosa di cui accusarlo realmente. nel frattempo, è lecito che lui invochia gran voce lo scudetto, giusto x rientrare un po' dalle spese <_< però lasciamo dire che è un po' triste vincere uno scudetto chiedendolo.

Io tirerei una riga, non assegnerei nulla a nessuno e dall'anno prossimo si riparte.

IPSA DIXIT :lol:

MCTDF ;)

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...