Jump to content

La democrazia e libertà sempre e solo da una parte?


EmaZ
 Share

Recommended Posts

Reggio Emilia, pugni e schiaffi alla presentazione del libro. Lo scrittore: disonorate la Resistenza

Skinhead di sinistra e partigiani, rissa per Pansa

Calci e pugni, lo scrittore: disonorate la Resistenza

REGGIO EMILIA — È la prima presentazione de «La grande bugia. Le sinistre italiane e il sangue dei vinti», il libro in testa alle classifiche. Giampaolo Pansa ha scelto Reggio Emilia, «città di misteri, terra del triangolo della morte», e ha invitato il cronista del Corriere a intervistarlo. L’autore esordisce rievocando quanto è accaduto un anno fa, in questa stessa sala dell’hotel Astoria, al termine della presentazione del suo penultimo libro, «Sconosciuto 1945». «Si alzò un signore sulla sessantina e disse: "Io non mi sento un cittadino di serie A. Sono solo un cittadino di serie B. Perché da sessant’anni cerco le ossa di mio padre, e non le ho ancora trovate».

In quel momento nella sala entra un giovane dalla testa rasata, scaraventa una copia de «La grande bugia» sul tavolo, si avventa contro Pansa e urla: «Io sono un cittadino di serie A, e lei ha scritto un libro infame per fare soldi sulle spalle della Resistenza! ». Entrano di corsa venti giovani dei centri sociali, alcuni di Reggio, altri venuti da Roma. Lunghi capelli con le treccine, pugni chiusi. Occupano la sala, srotolano striscioni rossi con le scritte «Revisionisti assassini» e «Ora e sempre Resistenza», cantano in coro «Bella Ciao».

La sala è strapiena, e ognuno reagisce a modo suo. Un gruppo di ragazzi di destra si scaglia contro i contestatori, tenta di strappare le bandiere rosse, volano spintoni e insulti. Ma pure alcuni ex partigiani si ribellano: «Siamo comunisti da cinquant’anni ma siamo qui per ascoltare Pansa, se non lo fate parlare siete peggio dei fascisti!». Altre botte, altri insulti. Dalla prima fila, dove siedono tra gli altri il direttore della Mondadori Gian Arturo Ferrari, quello della Sperling Marco Ferrario, Paolo Pisanò, l’avvocato Odoardo Ascari e l’editorialista di Repubblica Edmondo Berselli, alcuni si alzano per stringersi attorno a Pansa, che però rifiuta di abbandonare la sala: «Sono qui per incontrare i miei lettori reggiani e non mi lascerò intimidire da un gruppo di intolleranti».

Il cronista del Corriere tenta di convincere i più disponibili al dialogo a leggere un comunicato e andarsene. «La sala è occupata, sarete voi ad andarvene! ». Altri cori di Bella Ciao, minacce, tafferugli con i fotografi. Vengono distribuiti volantini: «Pansa prezzolato/ con l’infamia c’hai speculato». Dalla sala ritmano: «Libertà! ». I ragazzi dei centri sociali urlano: «Viva i fratelli Cervi! Viva Giorgio Bocca!». Coro di «buuu». Pansa tenta di farli ragionare: «Non state rendendo un servizio alla memoria dei partigiani». Alla fine arrivano tre volanti della polizia e la sala viene sgomberata.

Lungo applauso per Pansa, che a tarda sera può cominciare a parlare. «Sono contento di quanto è avvenuto. Perché indica di quale carica d’odio sia intrisa la vita pubblica italiana, e quanti pregiudizi ideologici facciano velo al dibattito libero sulla storia. L’importante è comportarsi come abbiamo fatto noi stasera: restare calmi, non lasciarci intimidire, e rendere ognuno libero di esprimere la sua opinione. Loro, e noi».

Aldo Cazzullo

17 ottobre 2006

corriere

la libertà la democrazia il diritto all'opinione..son di tutti o di una sola parte?

Edited by EmaZ
Link to comment
Share on other sites

apparso ora servizio al tg

si vede chiaramente uno striscione con su scritto

"triangolo rosso-nessun rimorso" antifascismo militante.

come a dire averli uccisi è stata cosa buona e giusta....poi basta una firma, quella firma per sistemare tutto e far sembrare tutto dentro nella norma e nella legalità Antifascismo militante ecco la parola magica...basta tirar fuori lo spauracchio del fascismo che tutto torna lecito e democratico.

Andiamo avanti così dove da una arte si è più belli buoni liberi democratici simpatici rispetto all'altra parte

Link to comment
Share on other sites

apparso ora servizio al tg

si vede chiaramente uno striscione con su scritto

"triangolo rosso-nessun rimorso" antifascismo militante.

come a dire averli uccisi è stata cosa buona e giusta....poi basta una firma, quella firma per sistemare tutto e far sembrare tutto dentro nella norma e nella legalità Antifascismo militante ecco la parola magica...basta tirar fuori lo spauracchio del fascismo che tutto torna lecito e democratico.

Andiamo avanti così dove da una arte si è più belli buoni liberi democratici simpatici rispetto all'altra parte

Quei 5 Carli Giuliani disadattati che hanno fatto irruzione alla presentazione del libro han regalato preziosa pubblicità al libro; secondo me non sanno neanche cosa sia il triangolo rosso, sarà stato consegnato loro lo striscione da qualche becero-stalinista locale che avrà organizzato per bene lo squallido teatrino.

Ennesima dimostrazione della democratica sinistra.. chissà a parti politiche inverse quale terremoto si sarebbe scatenato in Italia..

Link to comment
Share on other sites

E' indiscutibile che se l' orrenda piazzata di quegli imbecilli dei centri socilai la avessero fatta, per esempio, dei giovani di destra alla presentazione di un libro sul fascio, l' eco e le reazioni sarebbero state ben diverse !

Onore, invece ed elogi a Pansa, che, pur non avendolo mai molto stimato, questa volta ha affrontato seriamente una questione mollto delicata della nostra storia che necessita di una approfondita rivisitazione.

Link to comment
Share on other sites

Ennesima dimostrazione della democratica sinistra.. chissà a parti politiche inverse quale terremoto si sarebbe scatenato in Italia..

E' indiscutibile che se l' orrenda piazzata di quegli imbecilli dei centri socilai la avessero fatta, per esempio, dei giovani di destra alla presentazione di un libro sul fascio, l' eco e le reazioni sarebbero state ben diverse !

Occhio, però, a non commettere l'errore opposto, ovvero pensare che l'anti-democraticità e l'illiberalismo siano solo di una parte politica (nello specifico: la sinistra).

Link to comment
Share on other sites

Occhio, però, a non commettere l'errore opposto, ovvero pensare che l'anti-democraticità e l'illiberalismo siano solo di una parte politica (nello specifico: la sinistra).

Stai tranquillo, siamo nel terzo millennio dove c'è gente che è ancora convinta che il Nazismo ha fatto più morti del Comunismo, quelli di "bandiera rossa la trionferà, evviva il comunismo e la libertà" :huh:

Link to comment
Share on other sites

Occhio, però, a non commettere l'errore opposto, ovvero pensare che l'anti-democraticità e l'illiberalismo siano solo di una parte politica (nello specifico: la sinistra).

No spiff però è innegabile che la risonanza mediatica sia diversa

come ha detto Roo se l'avessero fatta dei ragazzi di destra alla presentazione di un libro sul fascio o peggio su un libro sulla resistenza...apriti cielo ci sarebbero state interrogazioni parlamentari, contro manifestazioni silla libertà di pensiero, sit-in di protesta e chi più ne ha più ne metta...quello che nn sopporto son i "due pesi due misure" le boiate son boiate sia da una parte che dall'altrae dovrebbero essere discusse e trattate sempre nella stessa maniera e non che se le fa una parte son ragazzate o espressioni della democrazia e della lotta al fascismo se le fa l'atra son richiami della destra xenofoba e oltranzista che vuol restaurare un regime dittatoriale!

Link to comment
Share on other sites

A nessuno é venuto in mente che se ne é parlato é solo perché il libro in oggetto é comunque stato scritto da un uomo di sinistra che ha avuto modo nell'occasione di mostrare tutta la sua coerenza e rettitudine morale di fronte alla vile aggressione (che viene comunque definita Fascista)?

Se si fosse verificato il fatto alla presentazione della biografia de Er Pecora...lo avremmo mai saputo?

Link to comment
Share on other sites

A nessuno é venuto in mente che se ne é parlato é solo perché il libro in oggetto é comunque stato scritto da un uomo di sinistra che ha avuto modo nell'occasione di mostrare tutta la sua coerenza e rettitudine morale di fronte alla vile aggressione (che viene comunque definita Fascista)?

Se si fosse verificato il fatto alla presentazione della biografia de Er Pecora...lo avremmo mai saputo?

Link to comment
Share on other sites

nella mia ignoranza non sapevo dell'esistenza di skinheads dal pugno chiuso...

episodio comunque censurato apertamente anche dai rappresentanti della resistenza presenti..

Il sangue dei vinti, è un gran bel libro, se solo s'imparasse a leggere la storia non solo da chi ques'ultima l'ha scritta vincendo una guerra, ma vale per tutti..

Link to comment
Share on other sites

A nessuno é venuto in mente che se ne é parlato é solo perché il libro in oggetto é comunque stato scritto da un uomo di sinistra che ha avuto modo nell'occasione di mostrare tutta la sua coerenza e rettitudine morale di fronte alla vile aggressione (che viene comunque definita Fascista)?

Se si fosse verificato il fatto alla presentazione della biografia de Er Pecora...lo avremmo mai saputo?

Secondo me se i casinisti fossero stati dei ragazzi con celtiche..... lo avremmo saputo.... eccome!

Ormai la paola Fascista è considerata la panacea dim tutti i mali. basta dire, dare del fascista a una persona... che hi risolto tutto!

Link to comment
Share on other sites

Secondo me se i casinisti fossero stati dei ragazzi con celtiche..... lo avremmo saputo.... eccome!

Ormai la paola Fascista è considerata la panacea dim tutti i mali. basta dire, dare del fascista a una persona... che hi risolto tutto!

Vedi FN con Adel Smith a Verona anni fa..

Link to comment
Share on other sites

nella mia ignoranza non sapevo dell'esistenza di skinheads dal pugno chiuso...

episodio comunque censurato apertamente anche dai rappresentanti della resistenza presenti..

Il sangue dei vinti, è un gran bel libro, se solo s'imparasse a leggere la storia non solo da chi ques'ultima l'ha scritta vincendo una guerra, ma vale per tutti..

Sono tipo questi:

positi_va_02.jpg

Concordo sul libro, molto bello.. ora mi compro quello nuovo ^_^

Link to comment
Share on other sites

A nessuno é venuto in mente che se ne é parlato é solo perché il libro in oggetto é comunque stato scritto da un uomo di sinistra che ha avuto modo nell'occasione di mostrare tutta la sua coerenza e rettitudine morale di fronte alla vile aggressione (che viene comunque definita Fascista)?

Se si fosse verificato il fatto alla presentazione della biografia de Er Pecora...lo avremmo mai saputo?

A me non è venuto in mente semplicemente perché non mi sembra una motivazione plausibile.

Inoltre mi sembra che gli epiteti "fascista" e "comunista" siano entrambi associati, nell'uso comune, a valenze negative.

Teniamo conto che il fascismo l'abbiamo comunque vissuto più direttamente sulla nostra pelle rispetto al comunismo (le cui nefandezze si sono concretizzate maggiormente all'estero).

Intendiamoci, il mio non è un giudizio politico su quale dei due sia meglio...anzi, peggio!!

Link to comment
Share on other sites

nella mia ignoranza non sapevo dell'esistenza di skinheads dal pugno chiuso...

episodio comunque censurato apertamente anche dai rappresentanti della resistenza presenti..

Il sangue dei vinti, è un gran bel libro, se solo s'imparasse a leggere la storia non solo da chi ques'ultima l'ha scritta vincendo una guerra, ma vale per tutti..

Letto il sangue dei vinti e tra poco leggerò l'ultima opera di pansa....

concordo sulla tua ultima affermazione a me piace moltissimo prender due libri per ogni evento storico così da leggere la stessa vicenda da visioni completamente opposte.

gli skinheads dal pugno chiuso son gli s.h.a.r.p. SkinHeads Against Racial Prejudice

Link to comment
Share on other sites

Les nn c'è da ridere...

mi sarebbe piacuto legger la tua ideaa per confrontarmi e vedere cosa ne pensava una persona che ha idee diverse dalle mie....

Stiamo parlando di quattro scemi che hanno fatto un gesto condannato da tutti, solo voi ne fate una questione più grossa di quella che è.

Il libro di Pansa comunque non mi interessa, ne sto già leggendo uno più interessante sui nazisti caduti durante l'invasione della Polonia....

Link to comment
Share on other sites

Stiamo parlando di quattro scemi che hanno fatto un gesto condannato da tutti, solo voi ne fate una questione più grossa di quella che è.

Il libro di Pansa comunque non mi interessa, ne sto già leggendo uno più interessante sui nazisti caduti durante l'invasione della Polonia....

Oddio

Veramente stai cercando di chiudere la discussione con un minimalismo e una trascuratezza che di solito non ti si addicono...come mai? Les mi stupisco sempre più di soltio argomenti e ti lanci in discorsi su prodi, berlusconi e altro cercando di sostenere le tue tesi nel migliore dei modi.....Non vorrei pensar (magari a torto) che anche tu condanni il gesto, e questo fatto ti crea profondo fastidio perchè costretto a dar ragione a noi :lol:

E io che ero gia pronto ad una dura e aspra battaglia con te ...uffi! ^_^B):lol:

Link to comment
Share on other sites

A nessuno é venuto in mente che se ne é parlato é solo perché il libro in oggetto é comunque stato scritto da un uomo di sinistra che ha avuto modo nell'occasione di mostrare tutta la sua coerenza e rettitudine morale di fronte alla vile aggressione (che viene comunque definita Fascista)?

Se si fosse verificato il fatto alla presentazione della biografia de Er Pecora...lo avremmo mai saputo?

Diciamo anche che è successo un fatto del genere un anno fa circa... ma l'aggressione a quel beone di Borghezio è stata giustificata in quanto lui era ... Borghezio... anzi... il beone se l'era cercata, in fin dei conti, se gli hanno scassato il naso, è solo colpa sua .................

Link to comment
Share on other sites

Oddio

Veramente stai cercando di chiudere la discussione con un minimalismo e una trascuratezza che di solito non ti si addicono...come mai? Les mi stupisco sempre più di soltio argomenti e ti lanci in discorsi su prodi, berlusconi e altro cercando di sostenere le tue tesi nel migliore dei modi.....Non vorrei pensar (magari a torto) che anche tu condanni il gesto, e questo fatto ti crea profondo fastidio perchè costretto a dar ragione a noi :lol:

E io che ero gia pronto ad una dura e aspra battaglia con te ...uffi! ^_^:P:lol:

Mi dispiace, niente battaglia e in parte vi dò ragione.

E poi mi spiace anche di aver dato l'impressione che le discussioni su prodi o berlusconi siano la mia ragione di vita, in realtà dedico quasi tutto il mio tempo a cose molto più importanti, tipo andare a bere e rimorchiare... B)

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...