Jump to content

Addio al giornalista Giorgio Perozzi...


Recommended Posts

Philippe Noiret

Parigi, 24 novembre 2006

L'attore francese Philippe Noiret è morto a Parigi dopo una lunga malattia. Aveva 76 anni. Nella sua carriera ha recitato in 125 film.

Tra le sue interpretazioni restano indimenticabili quelle nella serie Amici Miei, di Mario Monicelli, e ne Il Postino, con Massimo Troisi.

Noiret ha prestato la sua arte anche nel Deserto dei Tartari, La grande abbuffata, Speriamo che sia femmina e Nuovo cinema Paradiso.

"Ci ha lasciato un gigante - ha commentato il francese Jacques Chirac - Uno dei nostri più grandi attori, una delle figure più indimenticabili del nostro cinema, Philippe Noiret incarnava la meraviglia di un'arte che ha servito alla perfezione".

300px-Amici_miei.jpg

Link to comment
Share on other sites

Amici miei, unitamente ad altre famose pellicole dello stesso periodo, segna l'inizio di un ciclo nuovo e conclusivo di quel genere comico-cinematografico meglio conosciuto come commedia all'italiana.

L'amarezza, il disincanto, la fine delle illusioni di benessere e le tensioni sociali che caratterizzano l'Italia degli inizi degli anni '70 fanno la loro comparsa anche in questo genere comico e di costume. La risata piena si vela di tratti malinconici e tristi, i personaggi rimangono comici ma diventano amari e patetici. Scompaiono definitivamente il lieto fine e il finale leggero o comunque umoristico e lasciano il posto alla precarietà di una condizione umana spesso senza prospettiva.

Monicelli riprende in questa pellicola il tema della amicizia virile che aveva già trattato in alcuni film precedenti (I soliti ignoti, La grande guerra, L'armata Brancaleone) e che tornerà a trattare in lavori successivi. Il vincolo, la vitalità e la complicità del gruppo vengono proposti come risposta alle minacce esistenziali provenienti dall'ambiente, dal lavoro, dalla famiglia stessa. I membri del piccolo gruppo di amici vivono la contraddizione di una vita normale verso la quale sono assolutamente attratti (Il Melandri cerca insistentemente una donna, il Mascetti si abbandona costantemente ai sogni di nobiltà, il Perozzi vive pericolose avventure extra-coniugali) ma è fondamentalmente l'appartenenza alla banda che supplisce, con le sue dinamiche goliardiche, alla carenza delle quali sono vittime, fornendo così una soluzione, una via di fuga. Il gruppo reagisce nei confronti di ogni singolo membro che tenta di intraprendere una via solitaria e mette in atto tutta una serie di iniziative, compreso il dileggio, per ricondurlo a sé. Anche la morte, estremo atto solitario del Perozzi, viene vissuta in questa ottica e su questa originalità si accende il finale del film.

Il film ruota intorno al racconto inesauribile delle trovate goliardiche (le zingarate) con le quali 4 amici cinquantenni, nella Firenze a cavallo degli anni '60 e '70, cercano di prolungare lo stato felice della propria infanzia, fuggendo le responsabilità ed i tormenti della vita adulta.

Il conte Mascetti (Ugo Tognazzi) è un nobile decaduto che non riesce a far fronte al sostentamento della propria famiglia, ma che coltiva ciononostante il gusto del buon vivere e la passione per le relazioni clandestine. Il Perozzi (voce narrante del film, interpretato da Philippe Noiret) è uno squinternato giornalista di cronaca che cerca di sfuggire la disapprovazione che moglie e figlio gli riversano contro quotidianamente. Il Melandri (Gastone Moschin) è un anonimo architetto alla perenne ricerca di una donna e per la quale sarebbe anche disposto ad abbandonare i suoi tre amici, salvo ravvedersi all'ultimo momento. Il Necchi (Duilio Del Prete) è invece un barista ed è proprio nel suo locale con annessa sala biliardo che prendono vita le zingarate alle quali lui stesso partecipa puntualmente. Ai quattro amici di sempre si aggiunge, nel corso della narrazione, il professor Sassaroli (Adolfo Celi) un brillante primario ospedaliero annoiato dalla professione il quale diventerà in breve uno dei pilastri del gruppo e sotto la cui spinta le bravate prenderanno nuova vitalità.

La vita dei cinque goliardi sembra snodarsi quotidianamente nella sola annoiata ricerca dello scherzo e del divertimento quando irrompe sulla scena la morte improvvisa di uno dei membri del gruppo. Il riso e il pianto, l'ironia e l'amarezza vivono una commistione perfetta che raggiunge lo zenit nella scena finale, quando i quattro superstiti, pur piangendo il compagno morto, trovano egualmente lo spirito per mettere a segno una nuova zingarata, in una vena dissacratoria che rimane inarrestabile e che arriva a sbeffeggiare e ridicolizzare anche la morte. Il finale, anche se non esattamente "lieto", lascerà comunque un sorriso velato di amarezza sulla bocca degli spettatori.

Si chiude così un capolavoro della commedia all'italiana: con quella risata che squarcia l'anima, e la cui ricerca è il comune denominatore dell'opera di Sordi, De Sica, in parte Totò e Verdone. Una menzione particolare per la meravigliosa colonna sonora, firmata da Carlo Rustichelli

Link to comment
Share on other sites

«Che cos'è il genio? È fantasia, intuizione, colpo d'occhio e velocità di esecuzione.» (Il Perozzi)

«Supercazzola prematurata con scappellamento a destra o sinistra per due come se fosse antani.» (Il Mascetti)

«Mi scusi dei tre telefoni qual è come se fosse tarapia tapioco che avverto la supercazzola? Dei tre…! Non m'ha capito bene, volevo dire dei tre telefoni qual è quello col prefisso?» (Il Mascetti)

«Ma che parti sempre, te!» (Il Perozzi)

«Era un traditore, abbiamo dovuto eliminarlo!» (Il Necchi e il Mascetti)

«Ho visto la Madonna, ho visto la Madonna!» (Il Melandri)

«Quando penso alla carne della mia carne, chissà perché, divento subito vegetariano» (Il Perozzi)

«Ragazzi, come si sta bene tra noi, tra uomini! Ma perché non siamo nati tutti finocchi?» (Il Melandri)

«Descrivimi minuziosamente come sono fatti i tuoi capezzoli» (Il Mascetti)

«Cippa Lippa» (Il Mascetti)

«Professore, non le dico... antani come trazione per due anche se fosse supercazzola bifumata allo scappellamento a destra»

Buon viaggio Philippe..... :P

Link to comment
Share on other sites

Riguardo la prima, c'è una delle scene più clamorose della trilogia, quando il Melandri cerca di approfittare di lei il giorno dell'alluvione di Firenze e lei che ringrazia la Vergine per aver salvato la sua incolumità grazie a quel disatro, interpretato come segno divino...

"Oh deficiente, te per salvar la tu verginità, hai fatto allagare Firenze?!" (o qualcosa di simile..)

E aperta la finestra, si getta nelle acque per tornare a casa... Un film ME-RA-VI-GLIO-SO!!!!

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...