Jump to content

6 nazioni 2007


EmaZ
 Share

Recommended Posts

E' il momento della rumba amici....e a sto giro vediam di ballare come si deve che il cucchiaio di legno non lo voglio come trofeo

Il Sei Nazioni è il principale torneo internazionale di rugby dell'emisfero settentrionale.

Nasce dall’Home Championship (1883), che diventa torneo Cinque nazioni nel 1910, per diventare l’attuale torneo con l’ingresso della squadra nazionale italiana nel 2000.

Home Championship

Dopo 12 anni di occasionali incontri amichevoli tra le squadre, il primo Home Championship, comprendente Inghilterra, Irlanda, Scozia e Galles venne giocato nel 1883. L’Inghilterra e la Scozia disputano ciascuna tre partite mentre Irlanda e Galles solo due (non si incontrano tra di loro), così l’Inghilterra conquista il primo posto della classifica.

Nel 1884 si gioca il primo Championship completo visto che anche Irlanda e Galles si incontrano. Vincono gli inglesi che si aggiudicano anche la Triplice Corona (Triple Crown), ossia il trofeo che premia la squadra ritannica che batte tutte le altre nella stessa edizione.

Ma questo anno è da ricordare anche per i primi problemi che sorgono tra gli inglesi e gli scozzesi.

Dopo due anni di disputa nuovamente un Torneo completo che viene vinto dalla Scozia.

Ma purtroppo ricominciano i litigi per la questione “International Board” e l’Inghilterra resta fuori altri due anni dal torneo.

Si arriva ad un accordo sul regolamento nel 1890 e gli inglesi ed i gallesi si aggiudicano a pari merito la vittoria del torneo.

Mentre l’anno successivo la Scozia vince la Triplice Corona.

Nel 1893 i giornali pubblicano per la prima volta una classifica ufficiosa del “Quattro Nazioni”.

Nel 1908 il Galles si aggiudica la Triplice Corona.

Cinque Nazioni

L'aggiunta della Francia nel 1910 portò il numero di nazioni a cinque, anche se la Scozia si era opposta.

Nello stesso anno dopo 21 anni l’Inghilterra torna a vincere.

Tre anni dopo la Francia viene ammonita per l’indisciplina del pubblico durante Francia – Scozia. Per questo motivo gli scozzesi decidono di non giocare contro i francesi.

Mentre gli inglesi battono tutte le squadre e realizzano per la prima volta il “Grande Slam”.

Durante gli anni della Prima Guerra Mondiale il torneo non viene disputato, si riprenderà soltanto nel 1920.

Nel 1931 la Francia viene estromessa dal torneo per professionismo ed il torneo torna a quattro squadre.

Nel ‘39 verrà riammessa ma dovrà attendere la fine della Seconda Guerra Mondiale.

Infatti tra il 1940 ed il 1947 il Cinque Nazioni non verrà disputato.

Nell’anno della ripresa la vittoria va agli inglesi, poi i due anni successivi il torneo viene vinto dall’Irlanda.

Nel 1972 il torneo non viene completato a causa della situazione politica irlandese, infatti Scozia e Galles si rifiutano di giocare a Dublino.

Tra il 1976 e il 1979 il torneo viene vinto dai dragoni gallesi che si aggiudicano anche per quattro stagioni di fila la Triplice Corona.

Dopo 49 anni dal loro ingresso i francesi vincono per la prima volta il Cinque Nazioni (1959), mentre il primo Grande Slam lo vince nel 1968.

Nel 1993 viene istituito il “Championship Trophy”, la coppa che premia il vincitore del torneo; fino a quel momento l’unico trofeo riconosciuto era la “Calcutta Cup”, ottenuta fondendo le rupie che costituivano il residuo di cassa dei Calcutta Football Club all’atto dello scioglimento avvenuto nel 1877 ed assegnato ogni anno alla vincitrice di Inghilterra-Scozia.

Nel 1998 al torneo viene invitata un’altra nazione, l’Italia.

Sei Nazioni

La nazionale italiana esordirà il 5 febbraio del 2000 contro la Scozia, campione in carica.

L’Italia vincerà 34 a 20 e la vittoria finale del torneo andrà agli inglesi.

Il torneo del 2001 è caratterizzato dall’afta epizootica, che provoca molti rinvii; infatti il torneo si conclude nel mese di ottobre con la vittoria degli inglesi.

Nel 2002 la Francia si aggiudica il primo Grande Slam del Sei Nazioni.

Mentre l’anno seguente è l’Inghilterra ad aggiudicarsi il Grande Slam e la Triplice Corona.

L’Italia dopo quattordici incontri vince contro il Galles.

Nel 2004 è ancora la Francia ad aggiudicarsi il Grande Slam, superando la favorita Inghilterra campione del mondo, mentre la Triple Crown va all'Irlanda e il "Cucchiaio di legno" va alla Scozia.

L'anno successivo la vittoria va al Galles che ottiene anche il Grande Slam.

Nel 2006 il torneo lo vince la Francia nell'ultima giornata.

Le squadre

Le squadre che attualmente sono ammesse a partecipare al torneo sono Francia, Galles, Inghilterra, Irlanda, Italia, Scozia.

Caso unico negli sport di squadra, la squadra irlandese unisce le due anime dell'isola, ovvero l'Eire (la Repubblica d'Irlanda) e l'Irlanda del Nord.

Assegnazione punti

Giocato annualmente, il formato è semplice: ogni squadra gioca contro ogni altra un solo incontro, con il vantaggio di giocare in casa che si alterna di anno in anno.

Due punti sono assegnati per ogni vittoria, uno per il pareggio e nessuno per la sconfitta.

Trofei

* La vittoria di tutte le partite è detto "Grande Slam".

* La vittoria di una squadra delle Isole Britanniche (ovvero, escludendo Francia ed Italia) sulle altre tre viene detta "Triple Crown".

* La vincente dell'incontro tra Inghilterra e Scozia vince la Calcutta Cup.

* La squadra che non totalizza alcun punto vince il “Cucchiaio di legno”.

* La squadra che perde tutte le partite ottiene il "Whitewash".

* Dal 2007 Italia e Francia si contenderanno il "Trofeo Giuseppe Garibaldi".

Gli stadi

Gli incontri del Sei Nazioni si svolgono attualmente nei seguenti stadi:

* Francia: Stade de France, Parigi

* Galles: Millennium Stadium, Cardiff

* Inghilterra: Twickenham, Londra

* Irlanda: Lansdowne Road, Dublino,(2006-2009, Croke Park, Dublino)

* Italia: Stadio Flaminio, Roma

* Scozia: Murrayfield, Edimburgo

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 88
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

LA NAZIONALE ITALIANA CHE GIOCHERA’ IL 6 NAZIONI

PILONI: Salvatore PERUGINI (Tolosa, Fra), Carlos NIETO (Gloucester, Ing), Martin CASTROGIOVANNI (Leicester Tigers, Ing), Andrea LO CICERO (L'Aquila).

TALLONATORE: Fabio ONGARO (Saracens, Ing), Carlo FESTUCCIA (GRAN Parma).

SECONDE LINEE: Marco BORTOLAMI (Gloucester, Ing), Santiago DELLAPE’ (Biarritz Olympique, Fra), Valerio BERNABO’ (Calvisano).

TERZE LINEE: Mauro BERGAMASCO (Stade Francais, Fra), Sergio PARISSE (Stade Francais, Fra), Josh SOLE (Viadana), Maurizio ZAFFIRI (Calvisano), Alessandro ZANNI (Calvisano).

MEDIANO: Paul GRIFFEN (Calvisano), Alessandro TRONCON (Clermont Auvergne, Fra).

APERTURA: Andrea SCANAVACCA (Calvisano), Ramiro PEZ (Bayonne, Fra).

CENTRI: Mirko BERGAMASCO (Stade Francais, Fra), Gonzalo CANALE (Clermont Auvergne, Fra), Andrea MASI (Biarritz Olympique, Fra).

ALI: Kaine ROBERTSON (Viadana), Denis DALLAN (Stade Francais, Fra),

ESTREMO: Roland DE MARIGNY (Calvisano).

LA NAZIONALE A: i possibili sostituti

PILONI: Matias AGUERO (Viadana) - Fabio STAIBANO (Parma) - Michele RIZZO (Padova) - Alessio BATTISTI (UR Capitolina)

TALLONATORE: Luigi FERRARO (Viadana) - Leonardo GHIRALDINI (Calvisano)

SECONDE LINEE: Mario VELLA (Viadana) - Tommaso REATO (Rovigo) - Michael ALDRIDGE (Roma) - Antonio PAVANELLO (Benetton Treviso)

TERZE LINEE: Robert BARBIERI (Parma) - Aaron Ronald PERSICO (Calvisano) - Nicola CATTINA (Calvisano) - David DAL MASO (Calvisano) - Roberto MANDELLI (GRAN Parma) - Aldo BIRCHALL (Viadana) – Michele NITOGLIA (Amatori Catania)

MEDIANO: Simon PICONE (Benetton Treviso) - Nicola LEONARDI (Petrarca Padova)

APERTURA: Andrea MARCATO (Benetton Treviso) – Vincenzo ZULLO (Amatori Catania)

CENTRI: Matteo BARBINI (Benetton Treviso) - Enrico PATRIZIO (Petrarca Padova) - Marco NEETHLING (Parma)

ALI: Marco ROSA (L’Aquila) - Alessio GALANTE (Gran Parma) - Benjamin DE JAGER (Catania) – Diego VARANI (Roma)

ESTREMO: Michael CAGNONI (Calvisano) - Gert PEENS (L’Aquila) -

GLI INFORTUNATI:

Ludovico NITOGLIA (Calvisano), David BORTOLUSSI (Montpellier, FRA), Marko STANOJEVIC (Bristoll, ING), Warren SPRAGG (Calvisano, torna in campo sabato), Simon PICONE (Benetton Treviso), Pablo CANAVOSIO (Castres, Fra), Samuele PACE (Arix Viadana), Ezio GALON (Overmach Parma), Silvio ORLANDO (Benetton Treviso), Francesco MAZZARIOL (Parma)

GLI ESCLUSI:

Rima WAKARUA (Gran Parma), Luciano ORQUERA (Brive, FRA), Pietro TRAVAGLI (Bath, ING), Matteo PRATICHETTI (Calvisano), Cristian STOICA (Montpellier, FRA), Walter POZZEBON (Bristol, ING), Carlo DEL FAVA (Bourgoin, FRA)

Link to comment
Share on other sites

il calendario completo del torneo:

I GIORNATA

Sabato 3 febbraio 2007 ITALIA vs FRANCIA Ore: 14.30

Sabato 3 febbraio 2007 INGHILTERRA vs SCOZIA Ore: 16.00

Domenica 4 febbraio 2007 GALLES vs IRLANDA Ore: 15.00

II GIORNATA

Sabato 10 febbraio 2007 INGHILTERRA vs ITALIA Ore: 13.30

Sabato 10 febbraio 2007 SCOZIA vs GALLES Ore: 15.30

Domenica 11 febbraio 2007 IRLANDA vs FRANCIA Ore: 15.00

III GIORNATA

Sabato 24 febbraio 2007 SCOZIA vs ITALIA Ore: 15.00

Sabato 24 febbraio 2007 IRLANDA vs INGHILTERRA Ore: 17.30

Sabato 24 febbraio 2007 FRANCIA vs GALLES Ore: 20.00

IV GIORNATA

Sabato 10 marzo 2007 SCOZIA vs IRLANDA Ore: 13.30

Sabato 10 marzo 2007 ITALIA vs GALLES Ore: 16.30

Domenica 11 marzo 2007 INGHILTERRA vs FRANCIA Ore: 15.00

V GIORNATA

Sabato 17 marzo 2007 ITALIA vs IRLANDA Ore: 14.30

Sabato 17 marzo 2007 FRANCIA vs SCOZIA Ore: 15.30

Sabato 17 marzo 2007 GALLES vs INGHILTERRA Ore: 17.30

Link to comment
Share on other sites

Le regole

Dimensioni di un campo di rugby

Dimensioni di un campo di rugby

Quelle qui elencate sono solo le regole principali del rugby

* Dimensioni del campo:

o minimo: 66 X 119 metri

o massimo: 69 X 144 metri

* Dimensioni della porta:

o I pali della porta, piazzati al centro della linea di meta, sono 2 montanti rotondi di oltre 4 metri di altezza, da considerarsi prolungantisi all'infinito; essi distano tra loro 5,64 metri e sono uniti da una barra orizzontale il cui filo superiore è a 3 metri dal terreno.

Palla della nazionale italiana

Palla della nazionale italiana

* La palla deve avere forma ovale e le seguenti dimensioni ottimali:

o Lunghezza: 28 centimetri

o Circonferenza (lunghezza): 74 centimetri

o Circonferenza (larghezza): 59 centimetri

o Peso: 410 grammi

* La durata di un match è di 80', diviso in due tempi uguali da 40', e si considera il tempo effettivo senza recupero (salvo eccezioni particolari). Originariamente, l'intervallo era decretato a pura scelta dell'arbitro; attualmente, l'arbitro concede 10 minuti di riposo.

* Ogni squadra può schierare fino a 15 giocatori più 7 riserve: non ci sono numeri fissi e va rispettata la numerazione 1-22.

* In campo vi devono essere un arbitro e due giudici di linea, in caso di partite di un certo rilievo può essere presente anche il "TMO" (Television Match Official) che ha il compito, esclusivamente su richiesta dell'arbitro, di verificare solo se un'azione in area di meta ha portato o meno ad una segnatura valida (l'arbitro può anche annullare).

* Il passaggio può avvenire con le mani (solo all'indietro o di lato), oppure con i piedi (anche in avanti, in gergo "calcetto").

* Il placcaggio è concesso solamente sul giocatore che ha la palla ed è concesso dal busto ai piedi, altrimenti è fallo.

o Se il placcatore tende a "ribaltare" il placcato sollevandolo completamente da terra, deve accompagnarlo nella caduta onde evitare gravi infortuni.

o I giocatori che non hanno il possesso della palla non devono subire ostruzioni di alcun tipo.

* Quando un giocatore è placcato e ha almeno un ginocchio a contatto col terreno o è seduto o è sopra un altro giocatore a contatto col terreno deve necessariamente, a scelta:

o Passare la palla

o Lasciare la palla

o Spostarsi dalla palla

o Segnare una meta (Nel caso il placcaggio sia avvenuto in prossimità della linea di meta)

* Se la squadra che subisce un fallo mantiene il possesso del pallone e riesce comunque a rimanere in una situazione di gioco positiva, è concesso dall'arbitro il "vantaggio", ovvero il fallo non viene fischiato e la formazione può proseguire l'azione; qualora, nel prosieguo di questa azione, detta squadra non riuscisse a conseguire un vantaggio vero e proprio, l'arbitro tornerebbe sul punto della prima infrazione prendendo una decisione (calcio di punizione, mischia) sempre in favore della squadra che ha subito il fallo.

* Quando viene commessa un'infrazione di minore importanza (ad esempio un "in avanti"), nello stesso punto viene giocata la "mischia".

o La mischia viene composta da elementi di entrambe le squadre: minimo 5 giocatori per formazione, di cui 3 in prima linea (solitamente i piloni e il tallonatore), contrapposti in 2 gruppi.

o I due "pacchetti di mischia" devono essere divisi da una linea parallela a quella di meta.

o La testa e le spalle dei giocatori in mischia devono essere al di sopra della linea dei fianchi.

o Il giocatore in prima linea (a contatto con gli avversari) non deve avere la testa vicina a quella di un suo compagno di squadra (le due parti si incastrano).

o La palla viene posta nella mischia dal mediano di mischia della squadra che non ha commesso il fallo (ingaggio), il quale deve lanciarla con entrambe le mani, in un unico movimento al centro del corridoio formato dalle prime linee.

o Quando la palla tocca terra, ogni giocatore di prima linea può attirarla solo con i piedi dalla sua parte e solo se prima è stata toccata dal tallonatore di una delle due squadre.Il tallonatore, infatti, come suggerisce la parola, ha il compito nella mischia di portare la palla coi talloni dei piedi verso la sua squadra.

* La rimessa laterale (touche) si effettua dal punto in cui la palla è uscita, con i pacchetti di mischia delle due squadre schierati (tutti o in parte) in fila fianco a fianco, separati dalla linea immaginaria dell'uscita della palla. I primi uomini della fila devono essere ad una distanza minima di 5 metri dalla linea di fallo laterale.

o I restanti giocatori devono tenersi lungo le parallele immaginarie tirate a minimo 10 metri dallo schieramento di touche.

* Le infrazioni più gravi, come l'antigioco ed il fuorigioco, sono punite con un calcio di punizione.

* I falli di antigioco sono tutte le infrazioni che tendono ad "uccidere" il gioco e quelle che mettono in pericolo l'incolumità dell'avversario, sono punito col cartellino giallo (espulsione per 10') o rosso (espulsione definitiva).

* Il "fuorigioco" viene fischiato quando un giocatore è in una posizione per la quale è fuori dal gioco e quindi soggetto a punizione.

* La "punizione" può essere calciata da qualsiasi giocatore della squadra che ha subito il fallo, che ha comunque possibilità di scegliere la mischia.

o Chi calcia la palla lo può fare in qualsiasi direzione e giocare la palla di nuovo (solitamente si calcia in touche, la quale va alla squadra che ha calciato la punizione), eccetto se ha indicato all'arbitro la sua intenzione di calciare la palla tra i pali verticali e sopra la sbarra parallela al terreno che costituiscono la porta avversaria.

o I compagni di squadra devono rimanere dietro la palla fino a quando questa non viene calciata.

o Gli Avversari devono tenersi lungo la parallela immaginaria tirata a minimo 10 metri da dove viene battuta la punizione.

* La meta (5 punti) è valida solamente se la palla viene schiacciata a terra nell'area di meta della squadra avversaria, se la palla viene schiacciata nella prorpia area di meta la si definisce "Annullata".

* La "meta tecnica" (5 punti) viene assegnata, su decisione dell'arbitro, se la squadra che è in difesa commette un fallo, senza il quale evidentemente una meta sarebbe stata segnata.

* Dopo la meta, perpendicolarmente al punto nel quale la palla ha toccato il terreno, si calcia la "trasformazione" (2 punti), che deve passare in mezzo ai pali e sopra alla sbarra orizzontale della porta.

* Il "calcio di punizione" (o semplicemente "punizione" o "penalty"), simile alla trasformazione calciata dopo la meta, ha un valore di 3 punti.

* Quando si calcia in mezzo ai pali o si tenta la trasformazione, la palla va posizionata sulla "ciambella".

* Il "drop" o "calcio di rimbalzo" è un particolare calcio, in cui un giocatore, da qualsiasi posizione del campo, calcia il pallone, dopo averlo fatto rimbalzare, in mezzo ai pali e sopra alla sbarra orizzontale della porta della squadra avversaria. Vale 3 punti (come la punizione). Se il "drop" viene effettuato come calcio di inizio o di ripresa del gioco dopo una segnatura, anche se la palla passa tra i pali e sopra la sbarra della porta non viene attribuito alcun punto alla squadra che ha effettuato il calcio.

Link to comment
Share on other sites

30/01/2007, Parigi - Bernard Laporte ha diramato la formazione che sabato 3 febbraio, alle ore 14.30, affronterà allo Stadio Flaminio l'Italia. Ecco il XV francese che scenderà in campo:

Poitrenaud (Stade Toulousain)

Dominici (Stade Français)

Fritz (Stade Toulousain)

Jauzion (Stade Toulousain)

Heymans (Stade Toulousain)

Skrela (Stade Français)

Mignoni (Clermont)

Bonnaire (Bourgoin)

Chabal (Sale/ENG)

Betsen (Biarritz)

Nallet (Castres)

Thion (Biarritz)

De Villiers (Stade Français)

Ibanez (Wasps/ENG, cap.)

Milloud (Bourgoin)

Panchina: Szarzewski (Stade Français), Marconnet (Stade Français), Papé (Castres), Harinordoquy (Biarritz), Yachvili (Biarritz), Beauxis (Stade Français), Clerc (Stade Toulousain)

La francia è la seconda forza del rugby mondiale....è forte atletica e imprevedibile i suoi tre/quarti fanno un gioco alla mano gradevole veloce con passaggi veloci...però è la prima partita del torneo e tutto può succedere

ora non ci resta che aspettare sabato per commentare la prima gara del 6 nazioni

Link to comment
Share on other sites

Miii come siamo pignoli

Il fatto è questo..il rugby è uno sport bellissimo come molti e forse più di altri sport però se non si san le regole lo si gusta solo a metà perchè si sta li a chiedersi il perchè e il percome sia avvenuto un determinato fatto.....

con questo post spero di aver risolto il problema....

e poi dai basta fare il tatanka....

Link to comment
Share on other sites

Il campo da gioco

campo_rugby.jpg

Disposizione degli avanti durante una mischia chiusa

39.jpg

Disegno esplicativo di una mischia chiusa

36.jpg

Disposizione in campo di una squadra di rugby a 15

ruoli.jpg

I ruoli

L'allenatore

E' una persona divertente, sembra capire tutte le tattiche e le regole. Passa le ore insegnando mosse prestabilite. Si attribuisce il merito delle mete segnate anche quando le mosse prestabilite non vengono impiegate. Gli allenatori sono di solito ex-giocatori di match internazionali o ex-vigili vendicativi.

L'estremo ( n° 15 )

Una posizione molto corteggiata e amata da quelli con le spalle larghe, i giocatori tipo "morte e gloria" che sono contenti di essere coinvolti nel gioco solo quando se lo sentono. Per esempio, perforando la linea dei 3/4 dopo un lungo e freddo periodo di inattività. Questi periodi di inattività vengono considerati dagli estremi delle posizioni tattiche di riparo, in effetti lo fanno semplicemente per tenersi fuori dai guai. L'estremo deve avere anche una certa abilità nel proteggersi dai suoi stessi compagni, evitando l'ostruzione dopo un calcio "up & under" seguito da un coraggioso e teatrale : "PALLA MIA !"

Le ali ( n° 11 e 14 )

Per essere un'ala devi avere tre qualità fondamentali:

* velocità

* indifferenza per l'inattività

* attitudine a parlare con le ragazze ( talento che si sviluppa specialmente lungo la touche, come sanno quelli del mestiere)

Molte ali parlando delle loro partite migliori, citano il numero di appuntamenti che hanno ottenuto, non i tentativi di meta. Recentemente un record è stato battuto da un'ala particolarmente piacevole a guardarsi che ottenne ben 5 diversi appuntamenti durante il primo tempo e che si fidanzò con la sesta ragazza nel secondo tempo.

I centri ( n° 12 e 13 )

E' la più confusa di tutte le posizioni del rugby. I centri di costituzione tarchiata pensano di essere gli specialisti dello scontro fisico, mentre quelli di costituzione longilinea sono invariabilmente dei mediani di apertura mancati. Pur di giocare sono felici di giocare centri nella speranza che il mediano di apertura venga "barellato" per colpa di un centro che lo ha lavorato con una serie di passaggi da "ospedale" tipo : ti passo palla e uomo.

Il mediano d'apertura ( n° 10 )

Idealmente il mediano di apertura dovrebbe essere ben spallato, con vita sottile e con la zazzera dorata. Se sa anche giocare un pochino, tanto meglio. Ci sono due tipi di mediani d'apertura :

* il tipo solo calciante (calcia, ma quasi mai si catapulta per raccoglierla, preferisce assistere all'entusiasmante spettacolo del "mucchio selvaggio")

* il tipo che corre e passa ( non ha mai sentito parlare di calci tattici, con lui ci si danna ma si gioca solo sul trasversale)

* Per stabilire se si è mediani d'apertura idealmente si dovrebbe essere degli intelligenti studiosi del gioco, possibilmente imparentati con il presidente della società.

Il mediano di mischia ( n° 9 )

Per essere un mediano di mischia non si deve essere alti, bisogna avere il centro di gravità molto basso e l'abilità di parlare "non-stop" durante tutta la partita, anche quando si viene abbattuti e si è privi di sensi. Un mediano di mischia non fa mai un brutto gioco, se fa una cavolata non è colpa sua: la terza linea gli ha passato una palla schifosa, senza un minimo di protezione. Se, comunque, ha anche un bel gioco, si dice: "chi non giocherebbe bene dietro una mischia come quella ?".

Le terze linee ali ( n° 6 e 7 )

Le terze linee sono molto veloci, corrono a tutto campo trattenendo o placcando qualsiasi cosa incontrino, generalmente si comportano in modo assassino e spesso sono deportati dalla Nuova Zelanda. Tendono a ferirsi molto, spesso vengono messi fuori combattimento e quando riemergono dal trattamento dei soccorritori, sono fasciati da bende e drammaticamente determinati a resistere a tutti i tentativi per far loro lasciare il campo.

Il terza linea centro ( n° 8 )

Il n° 8 è un individuo piuttosto alto che tende a stare in fondo alla mischia e di impossessarsi della palla che sbuca fuori velocemente. Di solito è un mediano di mischia deluso che tenta sempre di prendere una palla al volo per tuffarsi in meta, di solito sbagliando in pieno.

Le seconde linee ( n° 4 e 5 )

Quelli in seconda linea sono dei grossi e angelici individui che sono lì per vedere l'esito della rappresaglia. Non fa per loro l'astuto temperamento delle terze linee, sono orgogliosi delle vendette che consumano durante l'allineamento, soprattutto perché sono nascosti alla vista dell'arbitro dall'altra colossale seconda linea.

Il tallonatore ( n° 2 )

Il bello ad essere tallonatore è che hai sempre la possibilità di giocare, perché poche persone vogliono ricoprire questo ruolo. Molti clubs hanno tanti estremi, mediani, ma sono molto fortunati se riescono ad avere anche un solo vero tallonatore. Tallonatori si nasce e non si diventa, senza collo, con le gambe storte e le braccia lunghe.

I piloni ( n° 1 e 3 )

I piloni sono quegli individui pelosi che si alzano per ultimi da una mischia rovinosa e che vanno malgrado tutto per primi al bar. Grugniscono felicemente durante la partita nel buio della mischia, sperando di poter fornire qualche palla decente agli esterni.

----------------------

Tornando seri ecco un buon sito dove c'è scritto bene bene quali sono le caratteristiche e i compiti di ciascun giocatore rugby valtellina

Link to comment
Share on other sites

Io quattro! Due in più per attendere che la pagina si carichi completamente!

Grazie Emaz!!! :angry::g[1]::g[1]:

Se usi il 56k non è colpa mia

Io pensavo che l'unica regola fosse scappare con la palla evitando di essere raggiunti da degli esseri, solo in parte umani, desiderosi di farti nuovo.

Comunque, meglio il cucchiaio di legno che il busto di gesso.

Quella è la parte fondamentale

MI sfugge la differenza.

Questo lo ignoro :lol::blush:

Link to comment
Share on other sites

Pensieri Sparsi

Non ci siamo ragazzi

siamo entrati con poca testa e impreparati psicologicamente all'evento..il debutto ci sta facendo più male che bene....

sbagliamo subito pronti via due trasformazioni...una decisamente impossibile e una facile facile

andiam nei loro 22 vicini alla meta con poca convinzione.siamo fiacchi...Pez pronti via al posto di Scanavacca e gia calcia....mamma se non lo sopporto..

Ci va di stra lusso su una touche nei nostri 22 ci salviamo grazie a Parisse che recupera

Babbi! Siamo dei babbi una meta così, la prima meta non possiamo prenderla così..tutti tesi ad attaccare ottima azione ottimo gioco alla mano e poi...calo di concentrazione e via passaggio da lesi, neanche intercetto proprio passaggio da lesi e via Dominici con un calcetto fa rimalzrotolare la palla in avanti e dentro al campo e via in fuga solitaria (o quasi...nulla può il buon bortolussi) sino a schiacciare in meta.....

Ripartiamoe via seconda meta peggio della prima, poco reattivi e poco concentrati ci facciamo infinocchiare nel lato chiuso con l'ingresso di un terzo uomo che frega tutti in velocità.....

I tre punti di Pez....beh almeno quello ragazzi dai crediamoci....!

Neanche il tempo di rimpinguare l'amor proprio e l'orgoglio che via terza meta loro con una bella azione caparbia del loro numero otto....

morale 3 a 24 e faccie morte in panchina che onestamente non mi son piaciute....ho paura che questi nel secondo tempo dilagheranno....

eh si che stiam giocando...ma ci manca sempre quel qualcosina in più per concretizzare il gioco svolto sino a li....

Link to comment
Share on other sites

la trincea scricciola.. emaz tu capirai :clap[1]:

Capisco Sheep capisco

Io ho rinforzato i paletti e costruito una nuova roccaforte con guinness e panini...speriamo di nn finirli prima sennò anche al mia roccaforte inizierà a scricchiolare a favore del caldo piumone invernale che è posato sopra il mio letto

Link to comment
Share on other sites

Non ho parole...più svogliati che durante una lezione di chimica alle superiori....

Figura pessima e poco promotrice di questo sport....oggi si sta vedendo l'anti rugby...come gioco, voglia e partecipazione...perchè ci sta perdere ma il punto rimane sempre quello è come si perde!

p.s. sheep sorry nn ho soldi sul cell per risp ai sms..mi son rimasti per fare gli squilli ma temo che oggi non serviranno (sheep capirà)

Link to comment
Share on other sites

EmaZ penso ci sia differenza tra le due cose.Il whitewash va a chi le perde tutto.Il cucchiaio di legno a chi non totalizza nemmeno un punto in una partita giocata.(almeno io ho capito così,però è solo una cosa che ho capito).Intanto la nazionale italiana promette di far il salto di qualità a partire dal match coi galletti.

Edited by LUCA TONIo
Link to comment
Share on other sites

Pensieri Sparsi

Non ci siamo ragazzi

siamo entrati con poca testa e impreparati psicologicamente all'evento..il debutto ci sta facendo più male che bene....

sbagliamo subito pronti via due trasformazioni...una decisamente impossibile e una facile facile

andiam nei loro 22 vicini alla meta con poca convinzione.siamo fiacchi...Pez pronti via al posto di Scanavacca e gia calcia....mamma se non lo sopporto..

Ci va di stra lusso su una touche nei nostri 22 ci salviamo grazie a Parisse che recupera

Babbi! Siamo dei babbi una meta così, la prima meta non possiamo prenderla così..tutti tesi ad attaccare ottima azione ottimo gioco alla mano e poi...calo di concentrazione e via passaggio da lesi, neanche intercetto proprio passaggio da lesi e via Dominici con un calcetto fa rimalzrotolare la palla in avanti e dentro al campo e via in fuga solitaria (o quasi...nulla può il buon bortolussi) sino a schiacciare in meta.....

Ripartiamoe via seconda meta peggio della prima, poco reattivi e poco concentrati ci facciamo infinocchiare nel lato chiuso con l'ingresso di un terzo uomo che frega tutti in velocità.....

I tre punti di Pez....beh almeno quello ragazzi dai crediamoci....!

Neanche il tempo di rimpinguare l'amor proprio e l'orgoglio che via terza meta loro con una bella azione caparbia del loro numero otto....

morale 3 a 24 e faccie morte in panchina che onestamente non mi son piaciute....ho paura che questi nel secondo tempo dilagheranno....

eh si che stiam giocando...ma ci manca sempre quel qualcosina in più per concretizzare il gioco svolto sino a li....

Pensieri sparsi 2

«In ogni guerra, la questione di fondo non è tanto di vincere o di perdere, di vivere o di morire; ma di come si vince, di come si perde, di come si vive, di come si muore. Una guerra si può perdere, ma con dignità e lealtà. La resa ed il tradimento bollano per secoli un popolo davanti al mondo.» (Junio Valerio Borghese cit.)

Lo stesso vale per una partita di rugby...sì perchè alla fine il rugby è una guerra (o hai la palla o devi fare di tutto per averla, di tutto cit.) e dato che personalmente credo profondamente della frase di Borghese da me citata la partita di oggi è stata una disfatta totale perchè alla fine non s'è giocato non s'è fatto di tutto per andare avanti un metro in più di loro..oggi dignità in campo non ne ho vista...i ragazzi si sono arresi e questo non lo posso accettare i francesi ci hanno ridicolizzati (esempio ne è la loro ripartenza alla mano dalla loro zona di meta (ovvero dietro ai pali)) su tutti i fronti.

Pez inguardabile oltre che calcetti non fa, non placca e non mi piace come ha impostato assieme a griffen le azioni dei tre quarti.Griffen anche lui oggi non m'è piaciuto.

l'imbarazzante è che non riusciamo a fare 3 e dico 3 passaggi di fila senza commettere qualche nostra stronzata, non abbiamo idee e quelle poche che abbiamo le gestiamo male, malissimo, il sostegno oggi era inesistente, chi aveva l'ovale in mano alla fine si trovava sempre solo contro loro perchè gli altri eran fermi, immobili sulle gambe ad aspettare chissà chi chissà cosa.

Meglio la mischia del secondo tempo con il barone, Festuccia e castrogiovanni che oltre nel gioco chiuso s'è riproposta più volte per cercare di sfondare e guadagnar terreno....(da notare che c'è stato un momento, introno al 70esimo dove pur avendo il possesso della palla riuscivamo a retrocedere....terrificante!).

Chiudendo...se questa è l'Italia..meglio disperarsi

Una giornata uggiosa (Cit.)

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...