Jump to content

Holland-Magnano


Recommended Posts

Le parole di Oioli:

«Delonte è un ragazzo molto duro con se stesso - commenta Oioli - In quel momento capiva di non riuscire a dare il massimo e ha chiesto il cambio per tranquillizzarsi. Una volta in panchina, dopo aver rifiatato, ha fatto presente a Meneghin di esser pronto a rientrare, Andrea lo ha detto al coach che a quel punto stava usando altri giocatori. Poi Hafnar stava andando bene e Carter ha segnato il -3 e Magnano ha proseguito con loro».

:lol:

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 81
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Se le cose sono andate veramente così quello che ha sbagliato è Magnano!!!In ogni caso è stato un episodio che di sicuro non ha giovato a nessuno ma non facciamone un "caso"..mettiamoci una pietra sopra e guardiamo avanti con ottimismo.. :lol: ..FORZA VARESE..

Link to comment
Share on other sites

gesù.... :lol:^_^

DELONTE ha parlato con MENEGHIN in quanto dei 3 tecnici è l'unico che sa l'inglese.

MAGNANO quando parla anche italiano è a tratti incomprensibile ..ora secondo me ci può stare che Ruben che ha difficoltà con l'inglese non abbia capito le parole di Andrea.

Ma IMHO Magnano ha voluto ulteriormente dare una lezione al ragazzo, dicendo " cocco i cambi li faccio io e non quando lo dici tu ?", a quel punto a Magnano non interessava la coppa italia o il passaggio di turno, a lui interessava la crescita di Varese secondo il suo modo di allenare in prospettiva futura, forse a ragione. Nessuno si ribella, voi fate i giocatori io faccio l'allenatore, io sono il capo e voi fate quello che dico io.

Ci sta anche nella vita di tutti i giorni, ci sono Capi che ti ordinano di fare con orgoglio smisurato magari rafforzato da precedenti successi che evitano il confronto quasi sempre, ce ne sono altri che fingono di evitare il confronto e poi ascoltano i consigli ed altri ancora che sono smidollati ed insicuri.

Ruben non è la terza ipotesi, è un argentino cocciuto qualcosa sta ottenendo anche se con una squadra oggettivamente superiore a quelle precedenti in un campionato tra i più scarsi della storia italiana (si veda andamento in champions nostre squadre), rimango dell'idea che a Varese un RECALCATI a MEZZO SERVIZIO (chi ha orecchie per intendere intenda) ci starebbe ancora bene.

Ovviamente nessuno sarà del mio parere , ma i soldi che prende Ruben , attenzione tutti in senso molto lato, li prenderebbe anche Recalcati, Recalcati non è un molle che si fa soprassedere da un Delonte qualsiasi ma ha più tatto, più psicologia, conosce meglio la lingua italiana ed inglese ed è STATO UN GIOCATORE.

Cmq onestamente come non era giusto che tutti i tifosi (per me inetti) volessero la cacciata di Holland che è il miglior compagno di gioco per esaltare Jack, molto onestamente devo ammettere che RUBEN quest'anno sta mostrado qualità tecniche nella costruzione della squadra e del gioco difensivo non viste negli anni precedenti con gocatori più scarsi. Sta dimostrando di essere un allenatore cmq sopra la media.

Io sono convinto che altri al suo posto (ma non molti farebbero meglio) ma dobbiamo riconoscere che i vari Markowski , Repesa, Messina non sono molto distanti dal modo di concepire basket di Ruben.

C'è sola una grossa differenza che mi fa scadere tutto il discorso, RUBEN non capisce un "acca" di inglese e talvolta di italiano, per un orgoglioso come lui questo è un GROSSO PROBLEMA .

Detto questo Varese è una squadra e deve andare avanti con HOLLAND punta di diamante, qualcuno dice il tizio ha un anno di contratto e che significa ?? Iniziamo a godercelo anche MRSIC aveva un anno di contratto e ci ha regalato la stella !!

Altri dicono non è un fenomeno altrimenti non chiedeva il cambio, SE ERA FENOMENO giocava a VARESE per quei soldi ???

Altri dicono è prima donna, a me risulta il contrario negli spogliatoi l'unica prima donna è la tipa di Delonte gran gnocca.

Link to comment
Share on other sites

Ma alla VERSIONE UFFICIALE della Socetà non risponde nessuno ??

sì, rispondo io (anche se la mia risposta non conta).

Sai cosa rispondo? Che mi sono rotto i coglioni del bambino Holland, che mi sono rotto i coglioni dell'offeso Magnano (anche se ne condivido l'atteggiamento), mi sono rotto i coglioni di perdere sempre ogni volta che bisogna vincere.

Questa è la risposta che secondo me ogni tifoso ha dentro.

Link to comment
Share on other sites

Dico ancora una volta la mia su questa vicenda, qualsiasi screzio tra giocatori e allenatore NON deve incidere negativamente sui risultati della squadra; checchè se ne dica la partita con la Virtus aveva un importanza molto alta sia per l'obiettivo che per la crescita della squadra.

La parola incomprensione fa ridere i polli, la società deve fare il suo dovere e cerca di limitare le contestazioni all'esterno certo è che questa figuraccia è ben peggiore di quanto successo con Roma perchè in una final eight non puoi rigiocare mentre in campionato hai tempo per irprenderti.

Oggi Chiapparo dice sulla Provincia che Varese vuole allungare il contratto a Holland ebbene per me è un altra grande uscita ( giusta) del GM Varesino per smorzare le polemiche, in realtà i rapporti sono ormai deteriorati e la gestione da qui a fine anno non sarà semplice. :lol:^_^

Staremo a vedere adesso abbiamo Milano e Treviso ebbene da queste partite si potrà vedere che crescita di carattere avrà Varese oppure se tutto qaunto di buono fatto cadrà come un castello di carta.

Link to comment
Share on other sites

A me basta questo, anche perchè non vedevo il caso prima e non lo vedo adesso.

Holland voleva schiarirsi le idee due secondi? Ci sta.

Magnano ha visto che la squadra stava rientrando con quel quintetto e quindi non l'ha voluto modificare? Ci sta pure questo.

Il resto sono polemiche biscardiane inutili e noiosissime....................

Link to comment
Share on other sites

sì, rispondo io (anche se la mia risposta non conta).

Sai cosa rispondo? Che mi sono rotto i coglioni del bambino Holland, che mi sono rotto i coglioni dell'offeso Magnano (anche se ne condivido l'atteggiamento), mi sono rotto i coglioni di perdere sempre ogni volta che bisogna vincere.

Questa è la risposta che secondo me ogni tifoso ha dentro.

già! quotissimo! ci siamo rotti le palle dei loro giochini!! qua si fa bene il di VARESE, non di holland o di magnano....punto. non se ne può veramente più di sti giochini ogni volta...ieri sera potevamo giocarcela (soprattutto con holland in campo, perchè diciamolo era l'unico che riusciva a mettere in difficoltà la difesa virtussina..) e abbiamo perso giocando male con tutti gli altri giocatori...che si sveglino un pò tutti perchè chi ci rimette è solo la PALLACANESTRO VARESE. e scusate ma la PALLACANESTRO VARESE SIAMO NOI....quindi poche ciance lavorare, lavorare e lavorare!!! senza perdere l'ottimismo e la consapevolezza di meritare e di valere il quarto posto attuale!!!

Link to comment
Share on other sites

Ricordo a tutti che nello sport, per quanto doloroso, è possibile perdere ed ancor più possibile per squadre nn costruite per vincere; ricordo ancora, per quel pò di sport che ho praticato senza i compensi peraltro di uno sportivo professionista, che capita a volte di andare in confusione di sentirsi scoglionati e voler mettersi da parte...il mio allenatore diceva sempre "per rispetto della squadra e dei vostri compagni se nn ve la sentite per qualsiasi motivo chiedete il cambio".

A me sembra francamente tutto così esagerato...mi auguro veramente che si stia trattando il rinnovo di Holland, ma comincio a pensare che Varese sopporterebbe a fatica anche Kobe Bryant e Phil Jackson!

Edited by sertar
Link to comment
Share on other sites

Si può discutere sulla bontà della scelta anche se è vero che tolto Holland la squadra ha recuperato qualche punto e Hafnar non stava facendo cose stratosferiche ma stava giocando meglio del Delonte pasticcione del 3 quarto.

E' una scelta del coach...contro la Perditudo ha giocato pochissimo perchè i titolari giravano a 1000, giovedì Delonte non stava andando bene e Gregor ha avuto più spazio.

Link to comment
Share on other sites

già! quotissimo! ci siamo rotti le palle dei loro giochini!! qua si fa bene il di VARESE, non di holland o di magnano....punto. non se ne può veramente più di sti giochini ogni volta...ieri sera potevamo giocarcela (soprattutto con holland in campo, perchè diciamolo era l'unico che riusciva a mettere in difficoltà la difesa virtussina..) e abbiamo perso giocando male con tutti gli altri giocatori...che si sveglino un pò tutti perchè chi ci rimette è solo la PALLACANESTRO VARESE. e scusate ma la PALLACANESTRO VARESE SIAMO NOI....quindi poche ciance lavorare, lavorare e lavorare!!! senza perdere l'ottimismo e la consapevolezza di meritare e di valere il quarto posto attuale!!!

Se non ricordo male abbiamo recuperato qualche punto dopo aver tolto Delonte.

Holland ha fatto sfracelli nei primi 10 minuti ma mi sembra che poi la loro difesa sia riuscita a limitarlo bene.

Non mi sembra nessuna ripicca, nessun giochino o nessuna vendetta...al coach piacevano di più Carter e Hafnar...possiamo discutere sulla bontà della scelta, ma mi sembra solo una SCELTA e niente di più.

L'allenatore sarà pur libero di far giocare chi a suo avviso è più utile in quel momento alla squadra?

Link to comment
Share on other sites

Ricordo a tutti che nello sport, per quanto doloroso, è possibile perdere ed ancor più possibile per squadre nn costruite per vincere;

(...)

A me sembra francamente tutto così esagerato...mi auguro veramente che si stia trattando il rinnovo di Holland, ma comincio a pensare che Varese sopporterebbe a fatica anche Kobe Bryant e Phil Jackson!

Forse è proprio questo che non ci vogliamo mettere in testa...

Questa è una buona squadra, che non più tardi di due anni fa lottava per non retrocedere e faceva figure barbine di fronte ad avversari mediocri, che l'anno scorso ha lottato per entrare nei play off e quest'anno sembra essere sulla giusta strada per ritornare nei play off con dignità.

Sappiamo anche dove sono i punti deboli, sappiamo che abbiamo una panchina piuttosto lunga, soprattutto in relazione ai soldi che possiamo investire, sappiamo che con un paio di innesti (play/pivot) possiamo fare il salto di qualità tanto agognato.

Cosa che spero avverrà l'anno prossimo...

Roma non fu costruita in un giorno solo.............. qui si pretende che dalle rovine delle scorse stagioni, Varese vinca di colpo campionato-coppaitalia-e-scempionsliiig.

Anche con Holland in campo negli ultimi minuti, per quanto potesse darci maggiore pericolosità offensiva, giovedì non avremmo mai vinto........... siamo stati in partita realmente per dieci minuti all'inizio. A noi manca un killer e una mentalità vincente diffusa in tutti i giocatori per poter pensare di andare a casalecchio e vincere contro i padroni di casa/organizzatori del trofeo sabatino................

Io, comunque, sono soddisfatto della crescita di Varese, quest'anno.

Link to comment
Share on other sites

Ricordo a tutti che nello sport, per quanto doloroso, è possibile perdere ed ancor più possibile per squadre nn costruite per vincere; ricordo ancora, per quel pò di sport che ho praticato senza i compensi peraltro di uno sportivo professionista, che capita a volte di andare in confusione di sentirsi scoglionati e voler mettersi da parte...il mio allenatore diceva sempre "per rispetto della squadra e dei vostri compagni se nn ve la sentite per qualsiasi motivo chiedete il cambio".

A me sembra francamente tutto così esagerato...mi auguro veramente che si stia trattando il rinnovo di Holland, ma comincio a pensare che Varese sopporterebbe a fatica anche Kobe Bryant e Phil Jackson!

Anche se magari non ti farà piacere TI STRAQUOTO !! Sensatissimo !!

Link to comment
Share on other sites

Se non ricordo male abbiamo recuperato qualche punto dopo aver tolto Delonte.

Holland ha fatto sfracelli nei primi 10 minuti ma mi sembra che poi la loro difesa sia riuscita a limitarlo bene.

Non mi sembra nessuna ripicca, nessun giochino o nessuna vendetta...al coach piacevano di più Carter e Hafnar...possiamo discutere sulla bontà della scelta, ma mi sembra solo una SCELTA e niente di più.

L'allenatore sarà pur libero di far giocare chi a suo avviso è più utile in quel momento alla squadra?

è vero...allora critico la scelta, se scelta è stata...l'allenatore è libero di far giocare chi vuole, vero...IMHO holland ci sarebbe tornato utilissimo, indipendentemente dal discorso vittoria o no...insomma il nostro miglior marcatore lo lasci fuori nell'ultimo quarto?

Link to comment
Share on other sites

Le parole di Oioli:

«Delonte è un ragazzo molto duro con se stesso - commenta Oioli - In quel momento capiva di non riuscire a dare il massimo e ha chiesto il cambio per tranquillizzarsi. Una volta in panchina, dopo aver rifiatato, ha fatto presente a Meneghin di esser pronto a rientrare, Andrea lo ha detto al coach che a quel punto stava usando altri giocatori. Poi Hafnar stava andando bene e Carter ha segnato il -3 e Magnano ha proseguito con loro».

:sick:

Sì, ma caro Oioli, Hafnar andava bene anche sul -5 e poi sul -8 e sul -13 quando triplicavano Galanda che era l'unico a poter segnare?

Link to comment
Share on other sites

è vero...allora critico la scelta, se scelta è stata...l'allenatore è libero di far giocare chi vuole, vero...IMHO holland ci sarebbe tornato utilissimo, indipendentemente dal discorso vittoria o no...insomma il nostro miglior marcatore lo lasci fuori nell'ultimo quarto?

Sì la scelta è criticabilissima perchè, anche se son dell'idea che avremmo perso Delonte o non Delonte, bisognava giocarci le nostre possibilità con le carte potenzialmente migliori.

Però lo ripeto, credo che sia una semplice scelta a nostro avviso non corretta, ma non credo alla ripicca o al dispetto di nessuno nei confronti di nessuno.

Link to comment
Share on other sites

?????!?????????!!!??

ma non è che quando si perde è sempre e solo perchè la squadra è stata svogliata e non ci ha dato dentro.

esistono anche gli avversari in campo.

Certo che ci son gli avversari ma l'attegiamento mentale con cui entri in campo è fondamentale, la grinta la voglia e la test a volte vanno a sopperire al gap tecnico....le scelte di tiro e le azioni di gioco parton dalla testa ancora prima che dalle mani

Link to comment
Share on other sites

l'attegiamento mentale con cui entri in campo è fondamentale, la grinta la voglia e la testa a volte vanno a sopperire al gap tecnico....le scelte di tiro e le azioni di gioco parton dalla testa ancora prima che dalle mani

:clap[1]::toast[1]::clap[1]: Parole meravigliose!

Aggiungerei solo: dialogo tra cuore e testa....secondo il pensiero di Hillman.

Luna :flowers:

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...