Jump to content

Lavoro, stipendio e difficoltà.


Recommended Posts

Ciao a tutti, oggi sono un pò "demoralizzato".

Ho finito da qualche tempo il contratto con l'agenzia del lavoro e sono passato ad un contratto di apprendistato.

Oggi ho ritirato l'ultimo stipendio (di marzo) relativo al periodo dell'agenzia.

Ovviamente, in questo stipendio, sono stati inseriti (oltre alle ore standard e agli straordinari) questi elementi: liquidazione, ferie non godute, etc etc.

Morale, circa 2000 euro.

Ora sono col contratto di apprendistato e non più di agenzia, e ovviamenet il mio stipendio è di 970 euro circa (sotto agenzia era simile, forse un 30 euro in più).

Il fatto che io oggi sia demoralizzato dipende da questo: lo stipendio che vedo oggi, sarebbe ideale per riuscire a "vivere", mantenere una famiglia, fare una casa; la realtà è però che il mio stipendio è di 970 euro, e con questo stipendio devo pagare il mutuo per la casa che sto iniziando ora, devo pagare la benzina per andare a lavoro, e tra non molto (1 annetto almeno, per me non è molto) dovrò anche mantenermi da solo (ovviamente con 2 stipendi e non solo col mio). Più che lavorare 9 ore al giorno e lavorare anche il sabato, e più che integrare il tutto col lavoro in nero sui pc, non posso fare.

Quello che chiedo a Voi che avete una famiglia, o che comunque siete autonomi, è questo: quanto è difficile tirare fine mese, o comunque riuscire a costruirsi una vita, una casa, una famiglia, con questo genere di stipendi?

Io credo che la maggior parte delle persone non abbia uno stipendio "esoso".

Vi ringrazio per i Vostri pareri, che sicuramente saranno utili.

Marco

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 114
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Per noi che siamo cresciuti col mito del posto fisso è un trauma. Qui di fisso non c'è proprio niente, lo stipendio è quello che è, certezze per il futuro non ce ne sono....Se non avessi fiducia nella Provvidenza in qualche modo, credo proprio che mi dispererei notte e dì.

Questa società funziona "al contrario".

Secondo me però è anche un po' colpa di Magnano.

Link to comment
Share on other sites

vorrei confortarti, ma la tua situazione a 20 anni è già più "rosea" di quella di tanti quasi trentenni.

ci stanno rubando il futuro.

pessimismo e fastidio.

Io non mi ritengo fortunato, mi ritengo "meritevole di un lavoro" :spiteful[1]:

Per noi che siamo cresciuti col mito del posto fisso è un trauma. Qui di fisso non c'è proprio niente, lo stipendio è quello che è, certezze per il futuro non ce ne sono....Se non avessi fiducia nella Provvidenza in qualche modo, credo proprio che mi dispererei notte e dì.

Questa società funziona "al contrario".

Secondo me però è anche un po' colpa di Magnano.

Guarda, ti dirò la verità: io non temo per il mio futuro; mi sono guadagnato un contratto di apprendistato, e sono certo che al termine di questo mi faranno un contratto a tempo indeterminato; di questo sono certo perchè ho piena fiducia in me stesso e so che nel lavoro ho tutto qeullo che mi è sempre mancato in ambito scolastico.

L'unica cosa in cui ripongo fiducia è me stesso, perchè ogni mattina mi alzo e mi muovo indipendentemente da tutto.

Però la questione è proprio : come si fa a tirare fine mese o a costruirsi il tutto? Io anche a fare bene i conti, arrivo ad un fil di cotone per riuscire a pagare benzina/mutuo/mantenimento; e questo lo dico riferendomi a 2 stipendi, non ad uno solo.

Edited by Sheep85
Link to comment
Share on other sites

Beh.. apprendistato a 970€ non è male, quando sono stato assunto io a fare l'apprendistato mi davano se non ricordo male 650/700 € per 40 ore settimanali ^_^

Cmq hai ragione sto facendo anche io un paio di calcoli con la signora.. c'è da mettersi le mani nei capelli..suoi ovviamente ^_^ Ma sbaglio o non mi hai raccontato qualche cosa.. cos'è sta storia del mutuo eheheh ^_^

Link to comment
Share on other sites

Beh.. apprendistato a 970€ non è male, quando sono stato assunto io a fare l'apprendistato mi davano se non ricordo male 650/700 € per 40 ore settimanali ^_^

Cmq hai ragione sto facendo anche io un paio di calcoli con la signora.. c'è da mettersi le mani nei capelli..suoi ovviamente ^_^ Ma sbaglio o non mi hai raccontato qualche cosa.. cos'è sta storia del mutuo eheheh ^_^

So che tu mi capisci bene ^_^

Purtroppo la coperta è corta, e facendo i conti anche tu te ne renderai bene conto!

Si, ti manca un reparto di pochi giorni fa... sono iniziati gli scavi! (non ancora per casa, ma per seminterrato che farà da fondamento..) e sono iniziati i contatti banca/sheep per il mutuo ;)

Link to comment
Share on other sites

...

io non temo per il mio futuro; mi sono guadagnato un contratto di apprendistato, e sono certo che al termine di questo mi faranno un contratto a tempo indeterminato;

...

Questo è fondamentale.

Il contratto di apprendistato deve passare a contratto a tempo indeterminato.

Quello che più fa incazzare è vedere i contratti a progetto, gli apprendistati etc. etc. usati e riusati a sproposito.

Comunque se con due stipendi arrivi a fine mese includendo il mutuo per la casa parti bene.

E ringrazia Magnano che ti fa risparmiare su trasferte e PlayOff ^_^

Link to comment
Share on other sites

So che tu mi capisci bene ^_^

Purtroppo la coperta è corta, e facendo i conti anche tu te ne renderai bene conto!

Si, ti manca un reparto di pochi giorni fa... sono iniziati gli scavi! (non ancora per casa, ma per seminterrato che farà da fondamento..) e sono iniziati i contatti banca/sheep per il mutuo ^_^

Mi sono già reso conto che quando aprirò un mutuo la mia vita sarà nelle mani di una banca per i prossimi 30 anni ^_^ Per non parlare di quella sociale.. mi sa che è finita la pacchia ^_^

Ma la consorte lavora?

Link to comment
Share on other sites

Questo è fondamentale.

Il contratto di apprendistato deve passare a contratto a tempo indeterminato.

Quello che più fa incazzare è vedere i contratti a progetto, gli apprendistati etc. etc. usati e riusati a sproposito.

Comunque se con due stipendi arrivi a fine mese includendo il mutuo per la casa parti bene.

E ringrazia Magnano che ti fa risparmiare su trasferte e PlayOff ;)

Io faccio il conto che con 1800 euro al mese (2 stipendi) Riesco a tirare innanzi, sbaglio? ^_^

Poi, io tendo ad escludere che dopo l'apprendistato mi lascino a piedi, perchè credo di essere serio e credo che i miei datori di lavoro siano seri quanto me. (spero ^_^ )

Mi sono già reso conto che quando aprirò un mutuo la mia vita sarà nelle mani di una banca per i prossimi 30 anni ^_^ Per non parlare di quella sociale.. mi sa che è finita la pacchia ^_^

Ma la consorte lavora?

Considerazioni da oscar, nessun errore. Zero vita sociale e un buon 25 anni di "dipendenza economica" dalla banca.

La consorte ancora non lavora, si diploma tra poco ma ha le idee chiare.. d'estate ha sempre lavorato in nero, appena esce da scuola dovrebbe essere sistemata (spero) in regola.

Spero, altrimenti.. 1 stipendio per mutuo e per convivere/etc ci vorrà tempo.

Link to comment
Share on other sites

E se dovessero arrivare i figli.... come la mettiamo?

E poi tutti a chiedersi del perchè c'è la crescita zero.

Questo è un problema che non ho intenzione di pormi per i prossimi 5/6 anni.

Ovvio che tu mi dirai "se capita, capita" però cercherò di fare attenzione per non farlo capitare.

Ma sono d'accordo con te, inutile chiedersi perchè l'incremento demografico è pressochè nullo.

ps) Questo discorso di "soldi" ve lo fa un quasi 22enne che non esce praticamente mai, e l'unica spesa extra che ha è l'abbonamento al Varese e raramente un gioco per l'xbox..

Link to comment
Share on other sites

E se dovessero arrivare i figli.... come la mettiamo?

E poi tutti a chiedersi del perchè c'è la crescita zero.

I figli costano ma spesso il problema economico è un finto problema riferito al non poter/voler figli.

Edited by tatanka
Link to comment
Share on other sites

Wow, quante cose da dire.

Trovo interessante e particolare la scelta di impegnarti economicamente in maniera cosi' forte per la casa a 22 anni.

Tu sei praticamente al primo impiego, operi in un settore fortemente competitivo ed a forte standardizzazione dei metodi di lavoro.

Una logica scelta per aumentare il tuo salario in tempi rapidi potrebbe essere cambiare lavoro ogni anno o due per cinque o sei anni, se negozi un aumento di stipendio significativo ad ogni salto potresti trovarti a 2000 euro in meno di quanto pensi. Certamente in meno tempo rispetto ad una carriera "verticale" nella tua prima azienda.

Tutto questo se sei bravo e ti impegni, ovvio.

Ma qui viene il MA: se ti fanno una proposta indecente che ti richiede un trasferimento cosa fai? Con un mutuo sulle spalle hai gia' fatto un investimento fortemente vincolante che ti condizione a stare nella tua zona o zone adiacenti, ti sei gia' un po' dato dei vincoli da solo.

Io penso che tu abbia due notevoli armi dalla tua sul mercato del lavoro: la giovane eta' ed una professionalita' comunque flessibile e richiesta in praticamente ogni azienda.

Credo che per questo un po' di spregiudicatezza ti sarebbe perfettemente accordata in quest'ottica, ivi compresa qualche scelta professionale aggressiva.

Dalla mia ti dico la mia storia.

Ho iniziato con un contratto di formazione lavoro in una azienda che non mi piaceva, ma intanto avevo un lavoro ed imparavo.

Appena ho potuto ho cambiato per andare a lavorare nel mio settore di studio (stesso guadagno). Mi sono messo a (con) vivere in un monolocale di 40 metri quadri per uscire di casa.

Ho fatto quattro anni per la maggior parte dei quali ho parteciapto a missioni di ogni tipo all'estero.

Ho ricevuto la prima ecografia di mia figlia in un ufficio della General Electric a Cincinnati Ohio, via fax. Non e' stato sempre facile.

Al termine di questo iter, con grande sorpresa di tutti, mi sono rimesso sul mercato di lavoro ed ho trovato la mia attuale azienda.

Ho negoziato buone condizioni economiche perche' nel frattempo era nata mia figlia e volevamo avere un secondo bimbo.

In quasi cinque anni ho fatto la mia carrierina, grande o piccola non sta a me dirlo, diciamo che ho seguito una strada verticale.

Nonostante questo, l'anno scorso ho preso valige e ho fatto 3 mesi in Cina, per imparare e maturare ulteriormente.

Nel frattempo ho cambiato casa ed ho due figli.

Tu hai 22 anni, non avere fretta, ma sii determinato e preparati a fare cio' che serve per assecondare la tua abilita', non darti piu' vincoli di quelli che servono.

Good luck.

P.S.

I figli: i figli si fanno per follia, non c'e' matematica che li giustificherebbe. E tra tutte le cose che si fanno per follia essi sono di gran lunga l'unica per cui valga la pena vivere, o morire.

Edited by Ponchiaz
Link to comment
Share on other sites

Caro Sheeppolo,

anche io stupito (ma non troppo !) del tuo alto livello di maturità ed impegno a 22 anni, mi sento solo di farti tanti auguri.

Sono certo che con la compagna giusta, che lavora, non potrete che avere un futuro positivo; inoltre i soldi investiti nella Vostra casa, sono comunque il miglior investimento possiibile.

Cerca sempre di cogliere le occasioni che si presenteranno, ma per questo mi pare che coraggio ed attributi non ti manchino !

Aggiungo che, nel bellissimo P.S. di Ponchiaz c'è una verità assoluta della vita che, a tempo debito, ti auguro di poter verificare di persona !

In bocca al lupo !! ^_^

Link to comment
Share on other sites

Wow, quante cose da dire.

Trovo interessante e particolare la scelta di impegnarti economicamente in maniera cosi' forte per la casa a 22 anni.

Tu sei praticamente al primo impiego, operi in un settore fortemente competitivo ed a forte standardizzazione dei metodi di lavoro.

Una logica scelta per aumentare il tuo salario in tempi rapidi potrebbe essere cambiare lavoro ogni anno o due per cinque o sei anni, se negozi un aumento di stipendio significativo ad ogni salto potresti trovarti a 2000 euro in meno di quanto pensi. Certamente in meno tempo rispetto ad una carriera "verticale" nella tua prima azienda.

Tutto questo se sei bravo e ti impegni, ovvio.

Ma qui viene il MA: se ti fanno una proposta indecente che ti richiede un trasferimento cosa fai? Con un mutuo sulle spalle hai gia' fatto un investimento fortemente vincolante che ti condizione a stare nella tua zona o zone adiacenti, ti sei gia' un po' dato dei vincoli da solo.

Io penso che tu abbia due notevoli armi dalla tua sul mercato del lavoro: la giovane eta' ed una professionalita' comunque flessibile e richiesta in praticamente ogni azienda.

Credo che per questo un po' di spregiudicatezza ti sarebbe perfettemente accordata in quest'ottica, ivi compresa qualche scelta professionale aggressiva.

Dalla mia ti dico la mia storia.

Ho iniziato con un contratto di formazione lavoro in una azienda che non mi piaceva, ma intanto avevo un lavoro ed imparavo.

Appena ho potuto ho cambiato per andare a lavorare nel mio settore di studio (stesso guadagno). Mi sono messo a (con) vivere in un monolocale di 40 metri quadri per uscire di casa.

Ho fatto quattro anni per la maggior parte dei quali ho parteciapto a missioni di ogni tipo all'estero.

Ho ricevuto la prima ecografia di mia figlia in un ufficio della General Electric a Cincinnati Ohio, via fax. Non e' stato sempre facile.

Al termine di questo iter, con grande sorpresa di tutti, mi sono rimesso sul mercato di lavoro ed ho trovato la mia attuale azienda.

Ho negoziato buone condizioni economiche perche' nel frattempo era nata mia figlia e volevamo avere un secondo bimbo.

In quasi cinque anni ho fatto la mia carrierina, grande o piccola non sta a me dirlo, diciamo che ho seguito una strada verticale.

Nonostante questo, l'anno scorso ho preso valige e ho fatto 3 mesi in Cina, per imparare e maturare ulteriormente.

Nel frattempo ho cambiato casa ed ho due figli.

Tu hai 22 anni, non avere fretta, ma sii determinato e preparati a fare cio' che serve per assecondare la tua abilita', non darti piu' vincoli di quelli che servono.

Good luck.

P.S.

I figli: i figli si fanno per follia, non c'e' matematica che li giustificherebbe. E tra tutte le cose che si fanno per follia essi sono di gran lunga l'unica per cui valga la pena vivere, o morire.

'stica che post.

Comunque: quotone sul cambiare spesso all'inizio se ne hai le possibilità. Aggiungo che nel tuo ramo non deve farti mai paura ma solo piacere cambiare ambito lavorativo. Se ti viene data la possibilità di imparare qualcosa di nuovo fallo, il rischio è di fossilizzarsi nell'essere bravissimo in una cosa che potrebbe non interessare più a nessuno.

Nel cambiare posto di lavoro non farti scrupolo del lasciare il tuo vecchio datore. Sii sempre onesto e corretto con lui durante il lavoro ma se hai altre occasioni cogliele e lascialo mantenendo buoni rapporti.

Non ti preoccupare per eventuali offerte all'estero, adesso le ecografie si mandano via mail e si possono stampare con qualità superiori a quelle dei fax di 7 anni fa. ^_^^_^

Qualche dubbio sui dubbi espressi da Ponchiaz riferiti al mutuo. E' comunque uninvestimento immobiliare, nel caso si può vendere l'immobile/ rinegoziare e chiudere il mutuo o cederlo in qualche modo.

Ne avevamo già discusso e tu sostenevi che l'investimento immobiliare è comunque un valore.

Se invece il dubbio era legato al fatto che "impiccarsi economicamente" da subito limita le possibilità di scelte future tipo "mettersi in proprio" nulla da eccepire. Da rimaracer il fatto che se ho intuito bene Sheep sta trasformando un terreno inun fabbricato, comunque un investimento che ha un suo perchè.

Link to comment
Share on other sites

Wow, quante cose da dire.

.....

Good luck.

P.S.

I figli: i figli si fanno per follia, non c'e' matematica che li giustificherebbe. E tra tutte le cose che si fanno per follia essi sono di gran lunga l'unica per cui valga la pena vivere, o morire.

Grazie, è un ottimo post, davvero. Guarda, ammiro molto la tua scelta e la tua "scalata", però purtroppo non è nelle mie possibilità; come hai ben detto, "caricarsi" le spalle a 22 anni con un mutuo e voler fare subito una famiglia (composta almeno per il primo periodo da 2 persone) mi porta a non poter/voler cambiare lavoro con costanza, e tantomeno viaggiare; mi piace molto essere "stazionario" e restare "presente" fisicamente dove devo. Certo leggere della tua esperienza e di come hai vissuto anche le situazioni (tipo l'ecografia) mette un sorriso, però io soffrirei troppo una situazione del genere.

Caro Sheeppolo,

.....

In bocca al lupo !! ^_^

Grazie, sei gentile ^_^

Posso assicurarti però che non è difficile (te ne parlo da 21/22enne) nel senso che bisogna fare delle scelte nella vita, e io credo che una volta che hai di fianco una persona con la P maiuscola, e un tetto sopra alla testa, tutto il resto non serve più.

D'accordo con entrambi per il fattore "figli", ma almeno per i primi anni è meglio stare bene attenti, altrimenti potrebbe essere ancora più dura del previsto ^_^

Link to comment
Share on other sites

Da rimaracer il fatto che se ho intuito bene Sheep sta trasformando un terreno inun fabbricato, comunque un investimento che ha un suo perchè.

sheep sta trasformando un terreno in una famiglia, che credimi per me vale molto di più sia dell'investimento in s'è, sia dei miei 21/22 anni, sia di tutto il resto ^_^

Link to comment
Share on other sites

Grazie, è un ottimo post, davvero. Guarda, ammiro molto la tua scelta e la tua "scalata", però purtroppo non è nelle mie possibilità; come hai ben detto, "caricarsi" le spalle a 22 anni con un mutuo e voler fare subito una famiglia (composta almeno per il primo periodo da 2 persone) mi porta a non poter/voler cambiare lavoro con costanza, e tantomeno viaggiare; mi piace molto essere "stazionario" e restare "presente" fisicamente dove devo. Certo leggere della tua esperienza e di come hai vissuto anche le situazioni (tipo l'ecografia) mette un sorriso, però io soffrirei troppo una situazione del genere.

Grazie, sei gentile :brr:

Posso assicurarti però che non è difficile (te ne parlo da 21/22enne) nel senso che bisogna fare delle scelte nella vita, e io credo che una volta che hai di fianco una persona con la P maiuscola, e un tetto sopra alla testa, tutto il resto non serve più.

D'accordo con entrambi per il fattore "figli", ma almeno per i primi anni è meglio stare bene attenti, altrimenti potrebbe essere ancora più dura del previsto :o

Certo, certo, io infatti ho parlato di "tempo debito". ;)

Personalmente sono diventato padre a 35 anni, un po' tardino comunque....

Link to comment
Share on other sites

Certo, certo, io infatti ho parlato di "tempo debito". ;)

Personalmente sono diventato padre a 35 anni, un po' tardino comunque....

non sei stato attento abbastanza! :brr::o;)

scherzo eh! quando succede succede, è sempre bello ^_^ meglio però non subito, altrimenti acqua alla gola ;)

Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti, oggi sono un pò "demoralizzato".

Ho finito da qualche tempo il contratto con l'agenzia del lavoro e sono passato ad un contratto di apprendistato.

Oggi ho ritirato l'ultimo stipendio (di marzo) relativo al periodo dell'agenzia.

Ovviamente, in questo stipendio, sono stati inseriti (oltre alle ore standard e agli straordinari) questi elementi: liquidazione, ferie non godute, etc etc.

Morale, circa 2000 euro.

Ora sono col contratto di apprendistato e non più di agenzia, e ovviamenet il mio stipendio è di 970 euro circa (sotto agenzia era simile, forse un 30 euro in più).

Il fatto che io oggi sia demoralizzato dipende da questo: lo stipendio che vedo oggi, sarebbe ideale per riuscire a "vivere", mantenere una famiglia, fare una casa; la realtà è però che il mio stipendio è di 970 euro, e con questo stipendio devo pagare il mutuo per la casa che sto iniziando ora, devo pagare la benzina per andare a lavoro, e tra non molto (1 annetto almeno, per me non è molto) dovrò anche mantenermi da solo (ovviamente con 2 stipendi e non solo col mio). Più che lavorare 9 ore al giorno e lavorare anche il sabato, e più che integrare il tutto col lavoro in nero sui pc, non posso fare.

Quello che chiedo a Voi che avete una famiglia, o che comunque siete autonomi, è questo: quanto è difficile tirare fine mese, o comunque riuscire a costruirsi una vita, una casa, una famiglia, con questo genere di stipendi?

Io credo che la maggior parte delle persone non abbia uno stipendio "esoso".

Vi ringrazio per i Vostri pareri, che sicuramente saranno utili.

Marco

Me l'ero perso oggi al lavoro... avrei alzato ancora di più la mia produttività! :brr:

Guarda, tocchi un argomento che anche politicamente mi sta parecchio a cuore. Ora, ovviamente, evito di tirare in ballo le mie teorie rivoluzionarie e sto sul pratico.

Io a Febbraio ho superato quota mille euro, mi sono commosso. In sette anni di lavoro, mi sono guadagnato stima, rispetto, ho una posizione che altri mi invidiano, ho fatto un po' di carriera, ma lo stipendio è sempre più o meno quello. Mille euro.... Sto cercando casa, i prezzi sono esorbitanti, a meno di non andare verso Casorate, Vergiate, Somma, procurarsi dei tappi per le orecchie, vetri spessi, un pinguino de longhi per l'estate, perchè con gli aerei non puoi pensare di tenere le finestre aperte. Provare per credere.

Lì le case non costano tanto, ma facendo i conti della spesa, i miei Mille euro basterebbero appena.

Volessi vivere da solo, dovrei rinunciare all'abbonamento in Curva, a uscire il venerdì, solo ogni tanto il sabato... vivrei per pagare le bollette e restutire quei soldi che gentilmente la banca mi presterebbe con tassi appena inferiori a quelli di usura...

Senza contare che lavoro per un'azienda di cui non si sa bene che futuro avrà... roseo per lei, ma per i lavoratori? Grazie ai debiti procurati da qualcuno, siamo in trentamila di troppo.... su ottantamila....

Ho trentatre anni e sono ancora costretto a vivere con i miei. E la mia situazione non è unica.

Ho letto il terrore negli occhi di un mio collega, quando alla moglie non sono venute quelle cosine al momento giusto ma con molto ritardo.

Lui ha 28 anni, si è sposato, sta per laurearsi, ma è un temporaneo...

Conosco due ragazzi che lavoravano per la Wind, che dall'oggi al domani hanno perso il contratto a tempo indeterminato causa esternalizzazione del loro reparto e fra un mese saranno col culo per terra. 31 anni uno, 29 l'altra, un bambino di un anno, un mutuo da pagare...

Sì, in effetti non è solo un problema pratico, è un problema politico e sociale e anche importante!

Sarebbe bello se i nostri politici dicessero meno e facessero di più per i giovani, ma qui ci regalano solo incertezza e catene, gli uni e gli altri, sai chiaro.

Intanto io e altra gente ci battiamo per un progetto veramente rivoluzionario....

MUTUO SOCIALE SUBITO!

www.mutuosociale.org

Edited by Ale Div.
Link to comment
Share on other sites

Quando facevo pratica prendevo 300 lordi tenendo conto che avrei dovuto continuare per tre anni ad andare bene e poi non so come trovare i soldi per aprire uno studio....

....diciamo che questo mondo non si preoccupa tanto di come e quando una persona possa poi vivere!

ora cmq non mi lamento...fortunatamente!

Link to comment
Share on other sites

Me l'ero perso oggi al lavoro... avrei alzato ancora di più la mia produttività! :whistle:

Guarda, tocchi un argomento che anche politicamente mi sta parecchio a cuore. Ora, ovviamente, evito di tirare in ballo le mie teorie rivoluzionarie e sto sul pratico.

Io a Febbraio ho superato quota mille euro, mi sono commosso. In sette anni di lavoro, mi sono guadagnato stima, rispetto, ho una posizione che altri mi invidiano, ho fatto un po' di carriera, ma lo stipendio è sempre più o meno quello. Mille euro.... Sto cercando casa, i prezzi sono esorbitanti, a meno di non andare verso Casorate, Vergiate, Somma, procurarsi dei tappi per le orecchie, vetri spessi, un pinguino de longhi per l'estate, perchè con gli aerei non puoi pensare di tenere le finestre aperte. Provare per credere.

Lì le case non costano tanto, ma facendo i conti della spesa, i miei Mille euro basterebbero appena.

Volessi vivere da solo, dovrei rinunciare all'abbonamento in Curva, a uscire il venerdì, solo ogni tanto il sabato... vivrei per pagare le bollette e restutire quei soldi che gentilmente la banca mi presterebbe con tassi appena inferiori a quelli di usura...

Senza contare che lavoro per un'azienda di cui non si sa bene che futuro avrà... roseo per lei, ma per i lavoratori? Grazie ai debiti procurati da qualcuno, siamo in trentamila di troppo.... su ottantamila....

Ho trentatre anni e sono ancora costretto a vivere con i miei. E la mia situazione non è unica.

Ho letto il terrore negli occhi di un mio collega, quando alla moglie non sono venute quelle cosine al momento giusto ma con molto ritardo.

Lui ha 28 anni, si è sposato, sta per laurearsi, ma è un temporaneo...

Conosco due ragazzi che lavoravano per la Wind, che dall'oggi al domani hanno perso il contratto a tempo indeterminato causa esternalizzazione del loro reparto e fra un mese saranno col culo per terra. 31 anni uno, 29 l'altra, un bambino di un anno, un mutuo da pagare...

Sì, in effetti non è solo un problema pratico, è un problema politico e sociale e anche importante!

Sarebbe bello se i nostri politici dicessero meno e facessero di più per i giovani, ma qui ci regalano solo incertezza e catene, gli uni e gli altri, sai chiaro.

Intanto io e altra gente ci battiamo per un progetto veramente rivoluzionario....

MUTUO SOCIALE SUBITO!

www.mutuosociale.org

Con tutto il rispetto per te e le tue scelte, tralasciando le questioni politiche (che comunque sarebbero la base) e non conoscendo esattamente la tua situazione/storia mi sento di dire che la tua esperienza rafforza la teoria di Ponchiaz e mia dell'importanza di cambiare lavoro agli inizi per aumentare stipendio ed esperienza. Nel caso di Sheep aggiungo anche l'importanza di avere un contratto adeguato. I temporanei con promessa valgono quel che valgono.

La mia esperienza in questo caso vale molto poco. Assunto con contratto di formazione da neo-diplomato mi sono poi laureato lavorando e sono entrato in un "percorso di crescita" definito in azienda per tutti i laureati, quindi con passaggi di livello e di stipendio definiti.

Queste cose, oggi, sono rare nelle aziende.

Per inciso, l'ultimo passaggio di livello, non previsto nel "percorso" fu a seguito di dimissioni che avevo paventato. Anche questo meccanismo del fare controproposte economiche a chi trova altre offerte e non fare nulla per chi si "accontenta" è ben presente e va considerato.

Certo, se oggi dovessi dare le dimissioni riceverei una forte pacca sulla spalla e un "buona fortuna", altro che controproposta.

Link to comment
Share on other sites

Dai che stanno venendo fuori delle cose interessanti.

Amici, vi rivelo un segreto: lo stipendio e' l'unica misura oggettiva di quanto si vale per l'azienda. Tutto il resto e' opinabile.

E le aziende, tutte le aziende, possono dare esattamente tutti i soldi che vogliono. Non ci sono regole sul massimo dello stipendio.

Se non lo fanno e' perche' non vogliono.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...