Jump to content

Luxuria menata a Mosca


Recommended Posts

Gay Pride a Mosca, aggrediti i radicali

Picchiata anche Vladimir Luxuria

MOSCA - Durante la manifestazione organizzata a Mosca in favore del Gay Pride, "un gruppo di naziskin" ha "picchiato violentemente i radicali". Lo denuncia il partito radicale, secondo il quale "subito dopo c'è stato l'intervento della polizia che anzichè difendere le persone aggredite ha provveduto ad arrestare i radicali". Tra le persone aggredite, secondo i Radicali, ci sono il deputato europeo Marco Cappato e Vladimir Luxuria, parlamentare di Rifondazione Comunista, che, però, non è stata fermata dalla polizia.

Al Gay Pride di Mosca sono attese oltre 200.000 persone, nonostante il divieto posto alla manifestazione dal sindaco di Mosca Iuri Luzhkov. Il Gay Pride di oggi è stato organizzato per ricordare il 14° anno della depenalizzazione dell'omosessualità in Russia.

"Questa mattina alle ore 10.15 ora italiana - spiegano i radicali - a Mosca, davanti alla sede ufficiale del sindaco di Mosca, sulla Via Tverskaja, sono stati aggrediti e malmenati da gruppi di naziskin, e poi dalla polizia che li ha arrestati, gli esponenti radicali Marco Cappato, deputato europeo; Nikolai Alexeiev, radicale russo e Coordinatore del Gay Pride di Mosca; Nikolay Kramov, rappresentante dei radicali a Mosca; Ottavio Marzocchi, radicale e funzionario al Parlamento Europeo".

La delegazione radicale, insieme a parlamentari europei di altri gruppi voleva consegnare al sindaco, spiegano i radicali, una lettera firmata da 50 parlamentari europei e italiani dopo che era stato vietato il Gay Pride.

Ma "mentre veniva distribuito il volantino con il testo della lettera un gruppo di naziskin, alla presenza di un vescovo ortodosso, scortato da due persone, che dava loro la benedizione, ha cominciato a tirare uova ai partecipanti all'iniziativa non violenta e poi a picchiare violentemente i radicali". Subito dopo è intervenuta la polizia. "Siamo molto preoccupati - dicono ora i radicali - soprattutto per le condizioni di Marzocchi che è stato violentemente picchiato".

Radio Radicale ha trasmesso anche in diretta una testimonianza di Cappato: "Mi trovo in una cella all'interno di una camionetta della polizia. Siamo qui con alcuni militanti dei diritti civili in Russia", ha detto il deputato radicale, collegato di nascosto con un telefono cellulare.

"Alla fine l'autorizzazione della manifestazione non era arrivata, ma noi volevamo solo consegnare una lettera al sindaco di Mosca. Il cordone della polizia chiudeva i manifestanti senza però proteggerci da alcuni contromanifestanti che gridavano e si lanciavano contro di noi, lanciandoci oggetti e uova".

"Ho personalmente visto anche alcuni di questi contromanifestanti che, prima di venire a lanciare dell'acqua, hanno parlato con i poliziotti che ci avrebbero dovuto difendere. Uno di loro ha cominciato a tirare calci ad Ottavio Marzocchi, ed è allora che ho iniziato a urlare in inglese, chiedendo perchè la polizia non ci difendesse. Tempo cinque secondi e sono stato trascinato via da agenti in tenuta antisommossa".

Nella sede dei Radicali, informa una nota, "è stata costituita una cellula di crisi in stretto contatto con la Farnesina e l'Ambasciata italiana a Mosca".

Link to comment
Share on other sites

Tra gli arrestati Marco Cappato e Ottavio Marzocchi

Gay pride Russia: radicali e Luxuria aggrediti

Picchiati da naziskin durante la manifestazione organizzata a Mosca in favore del gay pride, e poi anche fermati dalla polizia

MOSCA - Durante la manifestazione organizzata a Mosca in favore del gay pride «un gruppo di naziskin» ha «picchiato violentemente i radicali».

Lo denuncia il partito radicale, secondo il quale «subito dopo c'è stato l'intervento della polizia che anzichè difendere le persone aggredite ha provveduto ad arrestare i radicali». Tra le persone aggredite, secondo i Radicali, c'è anche il deputato di Rifondazione Vladimir Luxuria, che, però, non è stato fermato dalla polizia. Nella sede dei Radicali, informa una nota, «è stata costituita una cellula di crisi in stretto contatto con la Farnesina e l'Ambasciata italiana a Mosca».

PRIMA LE UOVA E POI LE BOTTE - «Questa mattina alle ore 10.15 ora italiana -spiegano i radicali- a Mosca, davanti alla sede ufficiale del sindaco di Mosca, sulla Via Tverskaja, sono stati aggrediti e malmenati da gruppi di naziskin, e poi dalla polizia che li ha arrestati, gli esponenti radicali Marco Cappato, deputato europeo; Nikolai Alexeiev, radicale russo e Coordinatore del Gay Pride di Mosca; Nikolay Kramov, rappresentante dei radicali a Mosca; Ottavio Marzocchi, radicale e funzionario al Parlamento Europeo». La delegazione radicale, insieme a parlamentari europei di altri gruppi voleva consegnare al sindaco, spiegano i radicali, una lettera firmata da 50 parlamentari europei e italiani dopo che era stato vietato il Gay pride. Ma «mentre veniva distribuito il volantino con il testo della lettera un gruppo di naziskin, alla presenza di un vescovo ortodosso, scortato da due persone, che dava loro la benedizione, ha cominciato a tirare uova ai partecipanti all'iniziativa nonviolenta e poi a picchiare violentemente i radicali». Subito dopo è intervenuta la polizia. «Siamo molto preoccupati -dicono ora i radicali- soprattutto per le condizioni di Mazzocchi che è stato violentemente picchiato».

27 maggio 2007

link

Link to comment
Share on other sites

cosa pensava vladimiro?che in russia era come in italia?mah

l'anno scorso c'erano le vecchiette con i secchi di sale prendevano pugni di sale e lo tiravano negli occhi dei manifestanti

Concordo, cosa si aspettava 'sta immondizia umana? Strette di mano? Ringrazi il cielo che non si è presa qualche pallottola cmq aspettiamo domani per il bilancio definitivo :brr:

Link to comment
Share on other sites

Fatemi capire, se le violenze vengono commesse da leoncavallini/no global ecc. sono dei bastardi criminali, mentre se vengono commesse da nazi (Tuig, non eri tu che sostenevi che i violenti fossero solo a sinistra?) invece i pirla sono gli altri che se la sono andata a cercare.... :bye::angry:;):brr:

Link to comment
Share on other sites

Fatemi capire, se le violenze vengono commesse da leoncavallini/no global ecc. sono dei bastardi criminali, mentre se vengono commesse da nazi (Tuig, non eri tu che sostenevi che i violenti fossero solo a sinistra?) invece i pirla sono gli altri che se la sono andata a cercare.... :clap[1]::clap[1]::clap[1]::clap[1]:

Spiff io mi sono guardato un pò di video ai telegiornali e su internet.. di "naziskin" non ne ho visto manco uno.. chissà perchè quando aggrediscono un diverso o un comunista sono sempre tirati in ballo loro.. mah!

Link to comment
Share on other sites

Spiff io mi sono guardato un pò di video ai telegiornali e su internet.. di "naziskin" non ne ho visto manco uno.. chissà perchè quando aggrediscono un diverso o un comunista sono sempre tirati in ballo loro.. mah!

Chissà perché? Forse perché di solito succede veramente? :clap[1]:

Visto Tg di La7, riprese inequivocabili con successiva dichiarazione di uno degli aggressori sulle sue idee e sul desiderio di bruciare tutti gli omosessuali.

Se non fosse abbastanza chiaro così, ti ricordo anche che simili dichiarazioni sono state fatte (e messe in pratica) una cinquantina di anni fa da persone le cui idee politiche erano leggermente tendenti a destra.

Sia chiaro, questo non per difendere qualcuno a sinistra (lungi da me!), ma per dire che violenza e idiozia non hanno né bandiere né colori, come la storia e la cronaca ci insegnano ahimé!

Link to comment
Share on other sites

Chissà perché? Forse perché di solito succede veramente? :clap[1]:

Visto Tg di La7, riprese inequivocabili con successiva dichiarazione di uno degli aggressori sulle sue idee e sul desiderio di bruciare tutti gli omosessuali.

Se avessero intervistato mio nonno, classe 1925, avrebbe detto le stesse cose.. e non è un naziskin :clap[1]:

Il Corriere riporta:

NESSUN NAZISKIN - Contrariamente a quanto diffuso subito dopo gli incidenti, sono stati nazionalisti e ultraortodossi a tirae uova e calci contro gli europarlamentari giunti nella capitale russa a supporto dei diritti omosessuali. Durante i disordini di questa mattina non c’era nessun naziskin.

Non chiedermi cosa penso eheheh!

Edited by Guinness
Link to comment
Share on other sites

Cosa ne pensi, Guinness? :clap[1]:

Ma scusa, secondo te nazionalisti e ultraortodossi non sono forse di destra?

La mia tesi era mostrare che violenza e inciviltà non hanno colori, tutto qui. E mi pare dimostrato dai fatti.

I nazi non ci entreranno questa volta, ma la cronaca è piena di violenze commesse da questi simtacici ragazzi con i capelli un po' corti.

E la stessa cosa avviene a sinistra, sia chiaro. :clap[1]:

Link to comment
Share on other sites

Cosa ne pensi, Guinness? :rolleyes:

Ma scusa, secondo te nazionalisti e ultraortodossi non sono forse di destra?

La mia tesi era mostrare che violenza e inciviltà non hanno colori, tutto qui. E mi pare dimostrato dai fatti.

I nazi non ci entreranno questa volta, ma la cronaca è piena di violenze commesse da questi simtacici ragazzi con i capelli un po' corti.

E la stessa cosa avviene a sinistra, sia chiaro. :flowers:

Bisogna però riconoscere che "loro" sono molto più coerenti. Le loro violenze si rivolgono verso categorie di persone come i "froci" che non devono rompere le palle per affermare inesistenti diritti di diversi. Mentre invece i no global o comunque tutta quella massa di pseudo comunisti schifosi fa casino nel nome della pace e della giustizia sociale, un patetico controsenso....

Link to comment
Share on other sites

Bisogna però riconoscere che "loro" sono molto più coerenti. Le loro violenze si rivolgono verso categorie di persone come i "froci" che non devono rompere le palle per affermare inesistenti diritti di diversi. Mentre invece i no global o comunque tutta quella massa di pseudo comunisti schifosi fa casino nel nome della pace e della giustizia sociale, un patetico controsenso....

......ed è sempre nel nome della pace e della giustizia sociale che spaccano, bruciano, rubano......... :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

Anche noi venerdì sera le abbiamo prese in casa....

.....sì, ma noi abbiamo venduto cara la pelle, cazzo......non siam mica cu.............ooops...........scusa Les....... :rolleyes::flowers:;):clap[1]::clap[1]:

Edited by ROOSTERS99
Link to comment
Share on other sites

E a sto giro son stati i gay ad avercele suonate....

Uno pari palla al centro :D

Siamo 1-2 per loro ......... :D

Il trans furioso

All'attacco del comitato elettorale di Alleanza Nazionale a Lecce

LECCE - Prova di mascolinità di un transessuale che questa sera ha impreziosito la poco esaltante campagna elettorale con la classica ciliegina sul dolce. Angelo Palumbo, ventisettenne nato a Galatina, residente a Lecce, ha iscritto il suo nome fra i protagonisti della campagna per le amministrative. Alle 20,15 circa ha sfogato la sua rabbia contro certe misure che pongono ostacoli a chi vorrebbe esercitare liberamente il mestiere antico della prostituzione. Il ministro dell'Interno, Giuliano Amato, ha proposto in un'intervista a "L'Espresso" di rendere la prostituzione in strada un reato,visto che la misura in Svezia ha fatto diminuire questo mercato, annullando gran parte dei i risvolti di sicurezza pubblica. Palumbo non avrà digerito la proposta, ma l'ira funesta è scoppiata quando si è imbattuto nel comitato elettorale di un esponenete di centrodestra, non del centrosinistra, al quale appartiene Amato. Il transessuale, un marcantonio che avrebbe fatto felice qualche signorina :cry: , si è infiammato quando i suoi occhi hanno incrociato il comitato elettorale di Angelo Tondo, assessore comunale, esponente di Alleanza Nazionale.

Il comitato è accanto al cinema "Massimo". Palumbo è piombato nel locale, chiedendo provocatoriamente a un ragazzo che cosa ci facesse lì. Quello ha cercato di rispondere, ma il trans è sbottato nelle invettive contro la destra che preseguita chi si prostituisce. Tre ragazze presenti nel comitato si sono impaurite. Il ragazzo, Angelo Barlabà, ha cercato di tranquillizzare il transessuale, il quale vanta precedenti di polizia, gli ha consigliato di andarsene. Ma il contestatore ha lanciato la sfida: se avesse voluto sarebbe rimasto lì sino alla mattina seguente. Il ragazzo ha avvertito di voler far intervenire la polizia.

Palumbo si è scagliato contro un tavolino di vetro e lo ha rivoltato, riducendolo in frantumi. Poi ha colpito Barlabà con una sedia, :o le ragazze si sono impaurite. Una di loro, Silvia Spedicati, ventenne, è stata condotta all'ospedale. Ferite ha riportato il giovane che ha cercato di placare le ire del transessuale.È arrivata la polizia, ha arrestato l'esagitato. Anche Barlabà è stato condotto all'ospedale "Vito Fazzi", ha riportato escoriazioni. I sostenitori di Tondo si sono armati di scopa e paletta per ripulire il locale dei frantumi. Altri, nel centrosinistra, ne potrà provocare la proposta di Amato. Un ultimo tassello stasera al brutto mosaico di questa campagna elettorale di basso profilo. Fortunatamente è quasi finita.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...