Jump to content

Lega A: Boniciolli chiama Zorzi e l’Air Avellino lo invita in ritiro


Recommended Posts

Titolo: Lega A: Boniciolli chiama Zorzi e l’Air Avellino lo invita in ritiro

Data: 13/08/2007 Fonte: Il Messaggero Veneto

--------------------------------------------------------------------------------

Lega A: Boniciolli chiama Zorzi e l’Air Avellino lo invita in ritiro

--------------------------------------------------------------------------------

News:

L’Air ha invitato coach Tonino Zorzi in ritiro a Bormio dal 30 agosto al 7 settembre. L’idea d’avvalersi della competenza del decano degli allenatori italiani nasce da una richiesta specifica del coach dell’Air, Matteo Boniciolli, per intraprendere e portare avanti una collaborazione tecnica da sviluppare in ritiro, durante il quale Zorzi metterà la sua preziosa esperienza al servizio di squadra e staff tecnico. L’originalità e l’entusiasmo con cui Boniciolli ha illustrato il progetto alla dirigenza biancoverde hanno subito strappato l’assenso della società. Da parte sua Zorzi, in virtù di un solido rapporto di stima che lo lega all’attuale head coach dell’Air, si è detto pronto accettando con entusiasmo l’invito. Terminato il ritiro a Bormio, Boniciolli di comune accordo con Zorzi e la dirigenza biancoverde individueranno la forma migliore per proseguire nella collaborazione.

:rofl:

Link to comment
Share on other sites

Questo è un po' il sistema NBA, dove l'assistant coach è spesso un "anziano" che fa da supervisore al lavoro dell'head coach.

Gamba parlava della possibilità di farlo per Sacchetti, ma in Italia una cosa così metterebbe subito in apprensione la piazza.

Edited by SteveNashaVarese
Link to comment
Share on other sites

Pare anche Middleton nello staff tecnico; considerata la campagna acquisti e pur considerando il cambio di proprietà, credo proprio che il fatturato di Avellino nn sia assolutamente proporzionato all'opulenza del suo mercato...'sto Ercolino mi ricorda tanto l'ing. Barbaro.

Link to comment
Share on other sites

Questo è un po' il sistema NBA, dove l'assistant coach è spesso un "anziano" che fa da supervisore al lavoro dell'head coach.

Gamba parlava della possibilità di farlo per Sacchetti, ma in Italia una cosa così metterebbe subito in apprensione la piazza.

nel sistema NBA, ma sempre di più anche nel sistema europeo, gli head coach dettano la filosofia tattica e gestiscono lo spogliatoio, gli assistant coach curano i dettagli.

affiancare un assistente esperto e votato alla cura dei dettagli all'head coach è una pratica assolutamente assennata, soprattutto se l'head coach è un ex giocatore semi esordiente.

nel caso contrario, cioè quando si ha un capoallenatore esperto, la società può scegliere di mettergli accanto un "suo uomo" ad apprendere al meglio il mestiere.

fa naturalmente eccezione Varese, dove le cariche di primo e secondo assistente vengono date come premio alla carriera.

Link to comment
Share on other sites

nel sistema NBA, ma sempre di più anche nel sistema europeo, gli head coach dettano la filosofia tattica e gestiscono lo spogliatoio, gli assistant coach curano i dettagli.

affiancare un assistente esperto e votato alla cura dei dettagli all'head coach è una pratica assolutamente assennata, soprattutto se l'head coach è un ex giocatore semi esordiente.

nel caso contrario, cioè quando si ha un capoallenatore esperto, la società può scegliere di mettergli accanto un "suo uomo" ad apprendere al meglio il mestiere.

fa naturalmente eccezione Varese, dove le cariche di primo e secondo assistente vengono date come premio alla carriera.

sarcasmo??? :rofl::lol:

Link to comment
Share on other sites

nel sistema NBA, ma sempre di più anche nel sistema europeo, gli head coach dettano la filosofia tattica e gestiscono lo spogliatoio, gli assistant coach curano i dettagli.

affiancare un assistente esperto e votato alla cura dei dettagli all'head coach è una pratica assolutamente assennata, soprattutto se l'head coach è un ex giocatore semi esordiente.

nel caso contrario, cioè quando si ha un capoallenatore esperto, la società può scegliere di mettergli accanto un "suo uomo" ad apprendere al meglio il mestiere.

fa naturalmente eccezione Varese, dove le cariche di primo e secondo assistente vengono date come premio alla carriera.

Però questa è una scelta di grande umiltà fatta da Boniciolli e ne parliamo proprio perchè nn ha precedenti..

Link to comment
Share on other sites

e non ne capirei il motivo

Riposto le parole testuali di Sandro Gamba: perchè appena la squadra dovesse perdere 2 o 3 partite, subito la tifoseria invocherebbe lo scambio di incarichi tra head e assistant...e credo sarebbe la verità.

Sul metodo NBA e ora anche europeo in effetti leasir hai detto giusto, in realtà oggi l'evoluzione è su ub responsabile generale e più assistenti specializzati nelle diverse aree di competenza.

Edited by SteveNashaVarese
Link to comment
Share on other sites

nel sistema NBA, ma sempre di più anche nel sistema europeo, gli head coach dettano la filosofia tattica e gestiscono lo spogliatoio, gli assistant coach curano i dettagli.

affiancare un assistente esperto e votato alla cura dei dettagli all'head coach è una pratica assolutamente assennata, soprattutto se l'head coach è un ex giocatore semi esordiente.

nel caso contrario, cioè quando si ha un capoallenatore esperto, la società può scegliere di mettergli accanto un "suo uomo" ad apprendere al meglio il mestiere.

fa naturalmente eccezione Varese, dove le cariche di primo e secondo assistente vengono date come premio alla carriera.

MEGAQUOTONE!

Link to comment
Share on other sites

Però questa è una scelta di grande umiltà fatta da Boniciolli e ne parliamo proprio perchè nn ha precedenti..

Percedenti in che senso?

Affiancare un coach esperto ad uno più giovane è pratica strausata anche in Italia (noi avevamo Dodo Colombo ed avevamo provato a contattare Dan Peterson x quel ruolo).

Link to comment
Share on other sites

Coach esperto, coach con più di mille panche in serie A, e dalla forza mediatica importante..è come se Bonicioolli si fosse messo in casa il suo eventuale sostituto.

Ed e' come se Djordjevic avesse avuto come assistente nn Coldebella, ma Rubini o Gamba...io nn ricordo precedenti così in Italia, e Dodo Colombo nn è paragonabile a Zorzi.

Detto questo anche a me sarebbe piaciuto vedere Zorzi accompagnare nella crescita Mrsic.

Link to comment
Share on other sites

Detto questo anche a me sarebbe piaciuto vedere Zorzi accompagnare nella crescita Mrsic.

Da ciò la mia faccina ....... :yes:

Zorzi, per i più giovani, è stato protagonista e capitano qui a Varese all'epoca dei primi trionfi in campionato.

Ogni volta che entra a Masnago da avversario, fa vedere ai suoi giocatori gli Stendardi per caricarli come tori. E' esperto, capace, motivatore straordinario ed è ingombrante solo nel fisico...

Ho sperato (e da qualche parte nel Forum, l'avevo anche scritto...) che potesse finalmente tornare a Varese come chioccia per Veljiko. In fin dei conti, se Obradovic si fece affiancare da Nikolic, sulla panchina della Serbia, non vedo perchè Zorzi non avrebbe potuto fare lo stesso qui con Mrsic/Vescovi...

Link to comment
Share on other sites

Coach esperto, coach con più di mille panche in serie A, e dalla forza mediatica importante..è come se Bonicioolli si fosse messo in casa il suo eventuale sostituto.

Ed e' come se Djordjevic avesse avuto come assistente nn Coldebella, ma Rubini o Gamba...io nn ricordo precedenti così in Italia, e Dodo Colombo nn è paragonabile a Zorzi.

Detto questo anche a me sarebbe piaciuto vedere Zorzi accompagnare nella crescita Mrsic.

Bravo hai centrato in pieno il problema, è esattamente quello che sosteneva Gamba.

La chioccia da noi forse poteva farla.....Rusconi....?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...