Jump to content

Io la vedo dura!!!!


Recommended Posts

  • Replies 71
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

LA GRANDE UTOPIA (maiuscolo perchè è un titolo)

Considerando sempre la salvezza a 26 punti (ma non è garantita...) e considerando l'attuale situazione di punti (6), dobbiamo vincere almeno 10 partite nel girone di ritorno. Secondo voi è possibile? Quali partite sono alla nostra portata?

Considerando imbattibile Siena, in teoria dovremmo vincere le altre 8 in casa + altre 2 fuori: a Napoli e a Rieti? Cerchiamo qualche luce di speranza.

Link to comment
Share on other sites

Nessuna, considerato anche che Bianchini ha dato il definitivo colpo di grazia alle nostre speranze...Mrsic aveva ben individuato le nostre deficienze, ora mi chiedo e vi chiedo per quanto si è potuto vedere, più equilibrata una squadra con Capin Fitch Beck oppure Brown Capin e Beck?

Aveva senso andare a recuperare un giocatore che da un anno nn giocava una partita ufficiale?

E per di più per una squadra che mostrava paurose carenze di preparazione...

Edited by sertar
Link to comment
Share on other sites

Nessuna, considerato anche che Bianchini ha dato il definitivo colpo di grazia alle nostre speranze...Mrsic aveva ben individuato le nostre deficienze, ora mi chiedo e vi chiedo per quanto si è potuto vedere, più equilibrata una squadra con Capin Fitch Beck oppure Brown Capin e Beck?

Aveva senso andare a recuperare un giocatore che da un anno nn giocava una partita ufficiale?

E per di più per una squadra che mostrava paurose carenze di preparazione...

ai tempi serviva sia il bomber che un play, ora serve un centro, un bomber e un play... :flowers:

Link to comment
Share on other sites

Nessuna, considerato anche che Bianchini ha dato il definitivo colpo di grazia alle nostre speranze...Mrsic aveva ben individuato le nostre deficienze, ora mi chiedo e vi chiedo per quanto si è potuto vedere, più equilibrata una squadra con Capin Fitch Beck oppure Brown Capin e Beck?

Aveva senso andare a recuperare un giocatore che da un anno nn giocava una partita ufficiale?

E per di più in una squadra che mostrava paurose carenze di preparazione...

Mrsic aveva si' individuato le deficienze,ma forse la sua maggior responsabilita' e' stata quella di non saper creare un gruppo vero ed in questo,scusate per gli aficionados,il Cecco non gli ha dato una mano proprio per niente.

Anzi,se devo dirla tutta,nelle sue ultime apparizioni come vice glielo si leggeva letteralmente in faccia che non era d'accordo sulle sue scelte.

Lo staff tecnico ha toppato la gestione a 360 gradi.

Quello manageriale a 720,troppo presuntuoso e supponente.

Link to comment
Share on other sites

ai tempi serviva sia il bomber che un play, ora serve un centro, un bomber e un play... :flowers:

Infatti, oggi manca tutto e questo si vedrà soprattutto in trasferta...

Mrsic aveva si' individuato le deficienze,ma forse la sua maggior responsabilita' e' stata quella di non saper creare un gruppo vero ed in questo,scusate per gli aficionados,il Cecco non gli ha dato una mano proprio per niente.

Anzi,se devo dirla tutta,nelle sue ultime apparizioni come vice glielo si leggeva letteralmente in faccia che non era d'accordo sulle sue scelte.

Lo staff tecnico ha toppato la gestione a 360 gradi.

Quello manageriale a 720,troppo presuntuoso e supponente.

Quando lessi degli infortuni di capin e Galanda maledii le nazionali; certo nn immaginavo questo sfacelo, però iniziare una stagione senza 3/5, metti pure Beck, del quintetto nn è mai facile; ed infatti, mal comune, le final eight di coppa Italia pare più una summer league delle minors...Io nn assolvo nessuno, sia chiaro, però la scelta di Bianchini è stata la nostra pietra tombale.

Il mediocre Caja, con problemi societari e ambientali ancor maggiori, è riuscito a dare una identità tattica alla squadra, il nostro invece nn sta capendo una mazza.

Link to comment
Share on other sites

Infatti, oggi manca tutto e questo si vedrà soprattutto in trasferta...

Quando lessi degli infortuni di capin e Galanda maledii le nazionali; certo nn immaginavo questo sfacelo, però iniziare una stagione senza 3/5, metti pure Beck, del quintetto nn è mai facile; ed infatti, mal comune, le final eight di coppa Italia pare più una summer league delle minors...Io nn assolvo nessuno, sia chiaro, però la scelta di Bianchini è stata la nostra pietra tombale.

Il mediocre Caja, con problemi societari e ambientali ancor maggiori, è riuscito a dare una identità tattica alla squadra, il nostro invece nn sta capendo una mazza.

quoto in pieno tutto...siamo veramente inca....i neri...una squadra senza voglia di lottare..senza mordente(nn quello di treviso...magariiiii ci fosse lui...)...volevo chiedervi ma il lavoro duro che diceva galanda si può andarlo a verificare?? cioè si può andare a seguire gli allenamenti della squadra??

Link to comment
Share on other sites

Ho trovato oggi queste dichiarazioni del GM Minucci, le prendo come spunto da girare ai soloni della pallacanestro Varese anche perchè è inutile pensarci ormai qui non basta cambiare ancora 1/2/3 giocatori SIAMO IN A2....

MINUCCI

Non fu sempre così. Anzi, Siena dovette conoscere il baratro, prima di ripartire. Storia di una quindicina di anni fa. Di nuovo Minucci: «Cominciai ad occuparmi di basket nella stagione '92-'93: Siena, risalita in serie A, era ripiombata in quella che oggi si chiama Legadue. Rischiavamo la chiusura, ma sul serio: il momento in cui le società sportive si trasformarono in società di capitali fu per noi terribile. La mia intuizione si rivelò giusta: il club non doveva più rimanere nelle mani di un singolo, ma andava riportato nelle istituzioni della città. La formula della polisportiva era la migliore: oggi siamo il Real Madrid o il Barcellona d'Italia. Più in piccolo, ovvio: le due società spagnole sono figlie di città da milioni di abitanti e contano fino a 250 mila soci; a Siena vivono invece 60 mila persone e quelle che aderiscono al progetto non sono più di 3.500».

Link to comment
Share on other sites

Ho trovato oggi queste dichiarazioni del GM Minucci, le prendo come spunto da girare ai soloni della pallacanestro Varese anche perchè è inutile pensarci ormai qui non basta cambiare ancora 1/2/3 giocatori SIAMO IN A2....

MINUCCI

Non fu sempre così. Anzi, Siena dovette conoscere il baratro, prima di ripartire. Storia di una quindicina di anni fa. Di nuovo Minucci: «Cominciai ad occuparmi di basket nella stagione '92-'93: Siena, risalita in serie A, era ripiombata in quella che oggi si chiama Legadue. Rischiavamo la chiusura, ma sul serio: il momento in cui le società sportive si trasformarono in società di capitali fu per noi terribile. La mia intuizione si rivelò giusta: il club non doveva più rimanere nelle mani di un singolo, ma andava riportato nelle istituzioni della città. La formula della polisportiva era la migliore: oggi siamo il Real Madrid o il Barcellona d'Italia. Più in piccolo, ovvio: le due società spagnole sono figlie di città da milioni di abitanti e contano fino a 250 mila soci; a Siena vivono invece 60 mila persone e quelle che aderiscono al progetto non sono più di 3.500».

d'accordissimo con Minucci, però se uno dei soci si chiama Monte Paschi Siena è tutto un'altro vivere, ovviamente auguro a Siena che la banca non si stanchi del giocattolino.

ciao

alegg

Link to comment
Share on other sites

Almeno ci hanno provato e direi con ottimi risultati, a Varese invece da anni (politica sport imprenditori) non fanno altro che evidenziare i difetti degli altri senza mai costruire niente.

D'altronde Loro la Montepaschi ce l'hanno a Varese non abbiamo neanche più una banca...

Link to comment
Share on other sites

Quando lessi degli infortuni di capin e Galanda maledii le nazionali; certo nn immaginavo questo sfacelo, però iniziare una stagione senza 3/5, metti pure Beck, del quintetto nn è mai facile; ed infatti, mal comune, le final eight di coppa Italia pare più una summer league delle minors...Io nn assolvo nessuno, sia chiaro, però la scelta di Bianchini è stata la nostra pietra tombale.

Il mediocre Caja, con problemi societari e ambientali ancor maggiori, è riuscito a dare una identità tattica alla squadra, il nostro invece nn sta capendo una mazza.

Vero, Caja sembra un santone ha rimesso Milano in corsa play off, per poco non hanno preso la coppa Italia e in europa non tutto è perduto.

Bianchini, pultroppo, è in linea con il record di Mrsic e in linea con lo standard della sue ultima panchina, speriamo in un 2008 sereno, prospero e vincente quel che basta per salvarci.

ciao

alegg

Link to comment
Share on other sites

Almeno ci hanno provato e direi con ottimi risultati, a Varese invece da anni (politica sport imprenditori) non fanno altro che evidenziare i difetti degli altri senza mai costruire niente.

D'altronde Loro la Montepaschi ce l'hanno a Varese non abbiamo neanche più una banca...

vero.

Link to comment
Share on other sites

Direi di più a Varese abbiamo:

1. Una squadra di Basket che sta lasciando inesorabilmente il palcoscenico della serie A

2. Una squadra di Calcio persa nei campionati minori da decenni

3. Una squadra di rugby di cui nessuno frega niente

4. Una squadra di Hockey lasciata cadere inesorabilmente

5. Un mondiale di ciclismo gestito in maniera ridicola

Ed il bello è che questi Politici Locali credono pure di avere ragione, non gniene frega niente dello Sport (se non quando vanno sul palco a premiare qualcuno...) lo hanno mandato in malora dicendo NO A TUTTO ( Stadio Nuovo, Palasport Nuovo ed aiuti alla Società, Palaghiaccio decdente mai rifatto ecc. ecc. ecc.) ma NON costruiscono MAI NIENTE:

Invece che dire ROMA LADRONA perchè non imparano a ragionare, era molto - molto - molto meglio prima nella cosiddetta 1° Repubblica!!!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...