Jump to content

L'A2... io c'ero anche quelle due volte là...


Recommended Posts

Un po' di memoria storica non fa male.

Noi siamo stati promossi con questa squadra, era il 1993/1994, fate voi i conti dell'età:

Bianchi Davide 1969

Biganzoli Daniele 1971

Bulgheroni Gianantonio 1971

Burns Evers (dal 06/03/1994) 1971

Conti Paolo 1969

Esposito M. Riccardo 1966

Komazec Arijan 1970

Meneghin Andrea 1974

Merli Luca 1974

Savio Giovanni 1968

Errata corrige: dimenticavo Buford, uno che se venisse presentato oggi, la gente darebbe fuori di matto, si incatenerebbe in via sanpino silvestre ... e cmq era scarso come pochi se ne sono visti....

A inizio stagione tutti e dico TUTTI pronosticavano le promozioni di siena, fabriano, rimini, ferrara (vado a memoria, potrei averne cofusa una con l'altra. Ricordo come fosse ieri un forum di esperti sulla RAI dibattere dopo una diretta).

Nessuno e dico NESSUNO si cagò di striscio la nostra squadretta, composta da un panchinaro in prestito di treviso, da un reietto del campionato greco, un manipoli di giovani di poca qualità e (tolto uno...) zero talento.... abbiamo rotto il culo a tutti e perso il play off vs fortitudo in gara 3 di 8 punti. fortitudo che schierava esposito, gay e comegys...

(ps: bravi tutti oggi a dire: eh ma Komazec, quello sì che era bravo... già certo... peccato che i commenti al palazzetto allora non fossero proprio teneri con lo scarto dell'olimpiakos... i soliti esperti, il pubblico competente........).

Noi NON SIAMO STATI promossi con questi (bocca taci):

Biganzoli Daniele

Brusamarello Sandro

Conti Paolo

Masetti Moris

Meneghin Andrea

Montecchi Piero

Reddick Mike

Rogers Johnny

Savio Giovanni

Vescovi Francesco

Gente che aveva giocato nella merdamilano che fu, aveva fatto coppe europee, giocava in nazionale.... Neanche nei play out ha salvato la faccia...

Io c'ero, so che schifo di campionato era l'A2 già di allora, so che i nomi non servono.... meno puzza la naso, più Martinoni... l'importante è che ciascuno abbia voglia di allenarsi, soffrire, migliorarsi, crescere. Quello che verrà, verrà...

Edited by Ale Div.
Link to comment
Share on other sites

Guest Paul The Rock

Me lo ricordo anch'io che schifo di campionati erano, ho fatto il primo abbonamento (prima ero spettatore saltuario) proprio con la squadra di Johnny Rogers & co, e posso capire che non siano i nomi che danno le garanzie e che una squadra che sulla carta sembra debole possa dare e rendere molto di più di quanto si possa pensare.

Dall'altro lato non si può negare che in generale da più sicurezza una via di mezzo fra le due squadre: dovew giovani e sconosciuti si alternano a esperti e capaci.

Link to comment
Share on other sites

Ale, quoto tutto, tranne il discorso Komazec-scarso-a-prescindere-secondo-gli-espertoni.

Il fatto che avesse avuto degli sc@**i con l'Olimpiakos non significava nulla, visto i problemi che codesti greci hanno avuto spesso con giocatori talentuosi, non ultimi Lynn Greer e pure qs. qui

http://www.euroleague.net/competition/play...er?pcode=000126

...gente che se potesse mai venire a Varese accenderei ceri quintalati alla Santissima Vergine e Sacra Prole... :ph34r::o;):lol:

Edited by Silver Surfer
Link to comment
Share on other sites

Ale, quoto tutto, tranne il discorso Komazec-scarso-a-prescindere-secondo-gli-espertoni.

Il fatto che avesse avuto degli sc@**i con l'Olimpiakos non significava nulla, visto i problemi che codesti greci hanno avuto spesso con giocatori talentuosi, non ultimi Lynn Greer e pure qs. qui

http://www.euroleague.net/competition/play...er?pcode=000126

...gente che se potesse mai venire a Varese accenderei ceri quintalati alla Santissima Vergine e Sacra Prole... :ph34r::o;):lol:

E ma ai tempi mica c'era internet x sapere 'ste cose (ad esempio, tu sai con chi scazzò l'Olimpiakos prima di Komazec?).

C'erano solo i quotidiani e in base a quel che ricordo do ragione a Ale, se non sbaglio il Giorno definì Komazec un "comprimario con scarse capacità tecniche" mentre esaltava l'acquisto di Buford, dicendo che era un gran colpo di mercato, arrivato a Varese grazie all'amicizia di Bulgheroni con Colangelo.

La Prealpa se non ricordo male, era moderatamente ottimista, pur non parlando mai di promozione immediata; mentre SuperBasket ci definiva "privi di talento" ma ci metteva comunque tra le prime della lista.

Ricordo anche un paio di tipi che, alla prima amichevole, fischiarono le prime 2-3 conclusioni di Arijan (uno c'è ancora e negli anni ha urlato di tutto..."metti Bolzonella", "metti Nesby", "metti Allegretti" ecc.).

Poi, dopo Udine, nessuno fiatò più su Komazec, che fece queste valutazioni il suo primo anno:

25

17

31

46

43

27

29

53

52

43

24

35

38

25

31

42

44

33

42

36

50

46

11

35

52

46

43

59

47

48

49

39

27

:o:lol:;)

Link to comment
Share on other sites

Un po' di memoria storica non fa male.

Noi siamo stati promossi con questa squadra, era il 1993/1994, fate voi i conti dell'età:

Meneghin Andrea 1974

alla faccia dei giovani di belle speranze....vedremo se gergati sara all altezza....ma purtroppo non credo

Link to comment
Share on other sites

Un po' di memoria storica non fa male.

(...)

Gente che aveva giocato nella merdamilano che fu, aveva fatto coppe europee, giocava in nazionale.... Neanche nei play out ha salvato la faccia...

Io c'ero, so che schifo di campionato era l'A2 già di allora, so che i nomi non servono.... meno puzza la naso, più Martinoni... l'importante è che ciascuno abbia voglia di allenarsi, soffrire, migliorarsi, crescere. Quello che verrà, verrà...

cavoli, Ale! ti sei vissuto quelle brutte stagioni!? ;)

mi dispiace! :o

io sono troppo giovane per ricordarmele... :ph34r:

:lol:

Link to comment
Share on other sites

Komazec prima di Varese vinse un oro con la Yugo agli EU del 1991 ed un argento con la Croazia alle Olimpiadi del 1992.

Giocava ancora in CRO, se non sbaglio.

Poi la parentesi greca.

Ma...ma:

wardjdim

09-14-2006, 12:48 PM

But how can you say that he didn t offer anything to PAO. Do I have to remind you the numbers he had in tha final-4. He avereged 26 points per game and 8 rbs. he was chosen as the MVP of the final four and you say that it isn t mainly because of him that PAO won. Dominique had less points per game than Arian Komazec. I don't see Arian in your lists and he played more seasons in Europe ;)

'Nique was not even the team's top scorer in the F4 final game. He was not a player to trust in the most important game of the season. A game that Panathinaikos was better and almost lost (unfairly) in the last 5'.

Of course he was a great NBA player and came to Europe at a time when bringing an NBA player over here would be a miracle, but, even then, you don't need to overrate him. He had zero impact in European basketball..

...

Yeah, whatever man. Just because you are a Panathinaikos fan, it doesnt mean you are right about every Panathinaikos' issues..

1991-92 KORAC CUP

Winner: Virtus Il Messaggero Roma (Italy) Dino Radja, Rick Mahorn, Roberto Premier, Alessandro Fantozzi, Andrea Niccolai, Donato Avenia, Stefano Attruia, Fausto Bargna, Davide Croce, Gianluca Lulli (C: Paolo di Fonzo)

Runner-up: Scavolini Pesaro (Italy) Walter Magnifico, Darren Daye, Haywoode Workman, Andrea Gracis, Ario Costa, Alessandro Boni, Domenico Zampolini, Paolo Calbini, Giovanni Grattoni, Marco Cognolato, Federico Stefanini (C: Alberto Bucci)

Semifinalist: Forum Filatelico Valladolid (Spain) Arvydas Sabonis, Mike Schlegel, Miguel Angel Reyes, Lalo Garcia, Alex Bento, Fede Ramiro, Jacobo Odriozola, Silvano Bustos, Juan Martinez, David Enciso, Raul Octavio

Semifinalist: Clear Cantu (Italy) Pace Mannion, Adrian Caldwell, Alberto Rossini, Andrea Gianolla, Giuseppe Bosa, Alberto Tonut, Angelo Gilardi, Eros Buratti, Omar Tagliabue, Alessandro Zorzolo

Points

1. Joe Arlauckas (Taugres Vitoria) 29.6

2. Vinny Del Negro (Benetton Treviso) 26.4

3. Arijan Komazec (KK Zadar) 24.7

4. Arvydas Sabonis (Forum Filatelico Valladolid) 24.6

5. Mike Schlegel (Forum Filatelico Valladolid) 24.1

6. Graylin Warner (Pitch Cholet Basket) 23.3

7. David Ancrum (Iraklis Thessaloniki) 22.8

8. Stipe Sarlija (KK Zadar) 21.1

9. Pace Mannion (Clear Cantu) 20.6

10. Massimo Iacopini (Benetton Treviso) 20.4

11. Hubert Henderson (Iraklis Thessaloniki) 19.8

12. Dino Radja (Il Messaggero Roma) 19.4

Assists

1. Pablo Laso (Taugres Vitoria) 9

2. Antoine Rigaudeau (Pitch Cholet Basket) 4.6

3. Vinny Del Negro (Benetton Treviso) 4.4

4. Graylin Warner (Pitch Cholet Basket) 4.3

5. Fede Ramiro (Forum Filatelico Valladolid) 4.0

6. Jose Angel Arcega (CAI Zaragoza) 4

7. Darren Daye (Scavolini Pesaro) 3.9

8. Pace Mannion (Clear Cantu) 3.4

9. Massimo Iacopini (Benetton Treviso) 3.14

10. Arijan Komazec (KK Zadar) 3.1

11. Lefteris Kakiousis (Iraklis Thessaloniki) 3

... Alberto Rossini (Clear Cantu) 3

Rebounds

1. Arvydas Sabonis (Forum Filatelico Valladolid) 15.6

2. Adrian Caldwell (Clear Cantu) 12.3

3. Ian Lockhart (Pitch Cholet Basket) 10.7

4. Rick Mahorn (Il Messaggero Roma) 10.1

5. Cozell McQueen (CAI Zaragoza) 9.8

6. Ramon Rivas (Taugres Vitoria) 9.6

7. Antonio Davis (Panathinaikos Athens) 9.1

8. Joe Arlauckas (Taugres Vitoria) 9

9. Enrique Andreu (CAI Zaragoza) 8.3

10. Mike Schlegel (Forum Filatelico Valladolid) 8.2

11. Hubert Henderson (Iraklis Thessaloniki) 7.85

12. Dino Radja (Il Messaggero Roma) 7.84

Steals

1. Vinny Del Negro (Benetton Treviso) 4

2. Haywoode Workman (Scavolini Pesaro) 2.7

3. Darren Daye (Scavolini Pesaro) 2.6

... Pablo Laso (Taugres Vitoria) 2.6

5. Hubert Henderson (Iraklis Thessaloniki) 2.5

... Nino Pellacani (Benetton Treviso) 2.5

Comprimario prima di Varese?

Certo, detto dalle stesse persone che definirono Un Perdente Corny Thompson, probabilmente... :ph34r::o:lol:

Edited by Silver Surfer
Link to comment
Share on other sites

Quell'estate, lo ricordo come fosse oggi, diventai matto a cercare per la Maremma il numerone speciale estivo di Superbasket, che da qualche parte devo anche aver conservato (forse).

Ebbene, il mensile allora ancora diretto, credo, da Aldo Giordani, parlava dell'acquisto di AK come di un colpaccio notevolissimo.

Tanto è vero che io, stremato dalle mazzate prese fra l'altro a Desio e al Palalido contro Arese in quell'inverno disastroso, mi ringalluzii immediatamente.

A Ale Div. dico solo: AK era di un altro pianeta, avresti potuto mettergli accanto anche Tierre Brown e Marcus Melvin.

E quella A2 era davvero scadente, americani esclusi, perchè gli italiani migliori riempivano i roster di A1.

Link to comment
Share on other sites

Quell'estate, lo ricordo come fosse oggi, diventai matto a cercare per la Maremma il numerone speciale estivo di Superbasket, che da qualche parte devo anche aver conservato (forse).

Ebbene, il mensile allora ancora diretto, credo, da Aldo Giordani, parlava dell'acquisto di AK come di un colpaccio notevolissimo.

Tanto è vero che io, stremato dalle mazzate prese fra l'altro a Desio e al Palalido contro Arese in quell'inverno disastroso, mi ringalluzii immediatamente.

A Ale Div. dico solo: AK era di un altro pianeta, avresti potuto mettergli accanto anche Tierre Brown e Marcus Melvin.

E quella A2 era davvero scadente, americani esclusi, perchè gli italiani migliori riempivano i roster di A1.

Ohhhh...!!! Mi pareva!

Beh, che devo dire Giulio: almeno siamo in 2 a ricordarci di un giocatore molto apprezzato da Chi seguiva veramente (parlo di Aldo Giordani, ovviamente...).

Comunque me lo ricordo positivo anche in uno squadrone come quello CRO dell'Olimpiade di Barcellona.

Eppoi:

http://www.fibaeurope.com/default.asp?cid=...amp;season=1988

Link to comment
Share on other sites

Comprimario prima di Varese?

Certo, detto dalle stesse persone che definirono Un Perdente Corny Thompson, probabilmente... :ph34r::o:lol:

Aò, diglielo a quello de Il Giorno...mica a me. ;)

Il "privi di talento" di SB ci può anche stare perchè, tolti Komazec e Conti, gli altri erano onesti giocatori ma senza grandissimi pregi.L'articolo su Komazec di Aldo Giordani era su Giganti del Basket se non ricordo male, non su SB (dove cmq non è insolito che Schiavina, Valenti o Migliola diano due visioni diverse a distanza di 2 pagine).

Link to comment
Share on other sites

Un po' di memoria storica non fa male.

Noi siamo stati promossi con questa squadra, era il 1993/1994, fate voi i conti dell'età:

Bianchi Davide 1969

Biganzoli Daniele 1971

Bulgheroni Gianantonio 1971

Burns Evers (dal 06/03/1994) 1971

Conti Paolo 1969

Esposito M. Riccardo 1966

Komazec Arijan 1970

Meneghin Andrea 1974

Merli Luca 1974

Savio Giovanni 1968

Errata corrige: dimenticavo Buford, uno che se venisse presentato oggi, la gente darebbe fuori di matto, si incatenerebbe in via sanpino silvestre ... e cmq era scarso come pochi se ne sono visti....

A inizio stagione tutti e dico TUTTI pronosticavano le promozioni di siena, fabriano, rimini, ferrara (vado a memoria, potrei averne cofusa una con l'altra. Ricordo come fosse ieri un forum di esperti sulla RAI dibattere dopo una diretta).

Nessuno e dico NESSUNO si cagò di striscio la nostra squadretta, composta da un panchinaro in prestito di treviso, da un reietto del campionato greco, un manipoli di giovani di poca qualità e (tolto uno...) zero talento.... abbiamo rotto il culo a tutti e perso il play off vs fortitudo in gara 3 di 8 punti. fortitudo che schierava esposito, gay e comegys...

(ps: bravi tutti oggi a dire: eh ma Komazec, quello sì che era bravo... già certo... peccato che i commenti al palazzetto allora non fossero proprio teneri con lo scarto dell'olimpiakos... i soliti esperti, il pubblico competente........).

Noi NON SIAMO STATI promossi con questi (bocca taci):

Biganzoli Daniele

Brusamarello Sandro

Conti Paolo

Masetti Moris

Meneghin Andrea

Montecchi Piero

Reddick Mike

Rogers Johnny

Savio Giovanni

Vescovi Francesco

Gente che aveva giocato nella merdamilano che fu, aveva fatto coppe europee, giocava in nazionale.... Neanche nei play out ha salvato la faccia...

Io c'ero, so che schifo di campionato era l'A2 già di allora, so che i nomi non servono.... meno puzza la naso, più Martinoni... l'importante è che ciascuno abbia voglia di allenarsi, soffrire, migliorarsi, crescere. Quello che verrà, verrà...

C'ero pure io... concordo su tutto tranne che quella squadra non avesse gente di talento perchè 2 giocatori di talento assoluto li avevamo (komazec e il menego) piu' un ottimo giocatore di A1 (conti) e poi c'erano giovanotti e giocatori di categoria

Link to comment
Share on other sites

Meno puzza al naso, più Martinoni ma senza Komazec non si andava da nessuna parte.

E' sicuramente senno di poi, ma, sarà stato culo, sarà stato "scoutin porca di quella strapu@@anazza", o conoscenze giuste, un colpo come quello di AK non ti capita più nella vita.

Considerando che poi ce ne sono capitati un altro paio simili con De Pol e Galanda :D

Prenderei come esempio qualche altro caso, magari più recente ed in cui giocava Childress .....

Link to comment
Share on other sites

Non posso non ricordare come:

- Meneghin fosse SOLO, all'epoca, lo smilzo figlio di Dino, sul quale c'erano aspettative, ma che godeva più o meno (un po' più che qualcosa meno) della considerazione che avevano certi nostri giovinastri qualche anno fa (nomi: Rosignoli, Padova, Santambrogio, Martinoni... sembravano TUTTI i prossimi local heroes ). Veniva da un paio di stagioni in panchina, aveva 19 anni...

Ps: i giovani si lanciano a quell'età, non a 24 anni, cazzo!)

- Paolo Conti era uno dei reduci/responsabili del fallimento dell'anno prima, un po' come Galanda oggi... con l'aggravante della scazzottata con Cecco Vescovi (che fu poi mandato via) e conseguente spaccatura nel gruppo. Cazzo, io me li ricordo i commenti su Paolo Conti al palazzetto quell'anno!! Sono l'unico?!

- Komazec pochi se lo aspettavano così esageratamente forte. Per il resto, cfr Cinghiale (io non ricordo chi/quale giornale, ma i commenti erano alterni....).

(vedi anche alla voce: "tanto quei punti in A1 non li farà mai..................". Vero: ne segnava di più! Quando si è intenditori...).

Quell'anno Varese partì nello scetticismo generale, il clima in Curva era piuttosto teso, quello nel resto del palazzetto non propriamente postivo, anche per la decisione di Cappellari di togliere i vessilli per poter guardare meglio la realtà (decisione che nessuno gli ha ancora perdonato)...

Il passato tende a cospargere melassa sui ricordi, ma nel settembre del 1993, l'ipotesi play out era un sogno di molti...

Ps per Tatanka: con Ginobilinocioniscolafernandez le vincevo anch'io le olimpiadi... chiaro che se non hai giocatori e culo non vai da nessuna parte, però, a volte, non serve credere di essere gli inventori del basket.... Meno Prosecco Valdobbiadene, più Verduzzo del Friuli....

Link to comment
Share on other sites

Un po' di memoria storica non fa male.

Noi siamo stati promossi con questa squadra, era il 1993/1994, fate voi i conti dell'età:

Bianchi Davide 1969

Biganzoli Daniele 1971

Bulgheroni Gianantonio 1971

Burns Evers (dal 06/03/1994) 1971

Conti Paolo 1969

Esposito M. Riccardo 1966

Komazec Arijan 1970

Meneghin Andrea 1974

Merli Luca 1974

Savio Giovanni 1968

Errata corrige: dimenticavo Buford, uno che se venisse presentato oggi, la gente darebbe fuori di matto, si incatenerebbe in via sanpino silvestre ... e cmq era scarso come pochi se ne sono visti....

[...]

Io c'ero, so che schifo di campionato era l'A2 già di allora, so che i nomi non servono.... meno puzza la naso, più Martinoni... l'importante è che ciascuno abbia voglia di allenarsi, soffrire, migliorarsi, crescere. Quello che verrà, verrà...

Mark Buford era fortissimo! Un 2.10 che correva come una gazzella e saltava come un grillo. Peccato che da ragazzino si fosse dato al football e non avesse ancora dimestichezza con il canestro. Ricordo schiacciatone sul ferro con la palla che atterrava a centrocampo e un solo indimenticabile tiro da tre segnato :D

Burns invece è stato il precursore dei centri bonsai che adesso spopolano anche in A1, è finito in Australia, dove ha fatto bene ma poi si è frantumato un ginocchio.

Il talento di Komazec ha sicuramente pesato parecchio, così come la mano dell'allenatore. Conti poteva sicuramente giocare in A1 e Meneghin già era più che una promessa.

Ricordo Bianchi, giocatore non certo eccelso, che in campo correva come un ossesso e seguiva il play avversario con gli occhi fuori dalle orbite.

Sicuramente l'amalgama e il gioco contano più dei nomi e, anche in tempi più recenti, delle "corazzate" hanno ciccato la promozione contro squadre sicuramente meno blasonate. Però quella fu una scommessa azzeccatissima, al contrario della nostra ultima stagione, e perdere un'altra scommessa così potrebbe essere un grosso rischio in un campionato che sembra molto equilibrato.

Link to comment
Share on other sites

Traduco, forse sono stato troppo criptico.

Il basket, come la maggior parte degli sport, è un gioco semplice semplice..

[mode catalano on) Basta un giocatore che faccia la differenza e sei a metà dell'opera. [mode catalano off)

Con Childress, se Galanda dovesse restare, basterà un esterno che dia garanzie di segnature e la panchina giovane diventa un investimento, non un problema di affidabilità. Soprattutto se hai un allenatore da palestra.

I risultati, poi, dipendono da mille fattori impronosticabili ad oggi e anche a domani....

Diversamente dagli ultimi anni, le risorse dovrebbero essere spese principalmente per chi fa la differenza, non per "unodinoi" che fa panchina ...

Per ora si è badato a mettere insieme il contorno, da oggi si penserà alle portate principali: conferma Galanda, Giocatore USA- Giocatore UE da quintetto.

Peccato ci sia ancora Oioli, altrimenti avrei l'umore quasi felice come quello di "una vongola quando c'è l'alta marea" .................

Link to comment
Share on other sites

Traduco, forse sono stato troppo criptico.

Il basket, come la maggior parte degli sport, è un gioco semplice semplice..

[mode catalano on) Basta un giocatore che faccia la differenza e sei a metà dell'opera. [mode catalano off)

Con Childress, se Galanda dovesse restare, basterà un esterno che dia garanzie di segnature e la panchina giovane diventa un investimento, non un problema di affidabilità. Soprattutto se hai un allenatore da palestra.

I risultati, poi, dipendono da mille fattori impronosticabili ad oggi e anche a domani....

Diversamente dagli ultimi anni, le risorse dovrebbero essere spese principalmente per chi fa la differenza, non per "unodinoi" che fa panchina ...

Per ora si è badato a mettere insieme il contorno, da oggi si penserà alle portate principali: conferma Galanda, Giocatore USA- Giocatore UE da quintetto.

Peccato ci sia ancora Oioli, altrimenti avrei l'umore quasi felice come quello di "una vongola quando c'è l'alta marea" .................

In questa lingua ti quoto.

E non potevi scrivere subito già tradotto senza menare l'arjian per l'aia? Eccheccaxxo.

Link to comment
Share on other sites

C'ero anche io. Sia nella prima annata in A" che nella seconda. E ricordo che feci l'abbonamento solo perchè con AK ebbi la sensazione che si poteva davvero volare. Campionato medicore, ma vedere AK....beh, soldi spesi bene (compresa benzina e autostrada...)

Link to comment
Share on other sites

Quell'anno Varese partì nello scetticismo generale, il clima in Curva era piuttosto teso, quello nel resto del palazzetto non propriamente postivo, anche per la decisione di Cappellari di togliere i vessilli per poter guardare meglio la realtà (decisione che nessuno gli ha ancora perdonato)...

Spero che qualcuno si ricordi di farlo anche quest'anno....

Link to comment
Share on other sites

Traduco, forse sono stato troppo criptico.

Il basket, come la maggior parte degli sport, è un gioco semplice semplice..

[mode catalano on) Basta un giocatore che faccia la differenza e sei a metà dell'opera. [mode catalano off)

Con Childress, se Galanda dovesse restare, basterà un esterno che dia garanzie di segnature e la panchina giovane diventa un investimento, non un problema di affidabilità. Soprattutto se hai un allenatore da palestra.

I risultati, poi, dipendono da mille fattori impronosticabili ad oggi e anche a domani....

Diversamente dagli ultimi anni, le risorse dovrebbero essere spese principalmente per chi fa la differenza, non per "unodinoi" che fa panchina ...

Per ora si è badato a mettere insieme il contorno, da oggi si penserà alle portate principali: conferma Galanda, Giocatore USA- Giocatore UE da quintetto.

Peccato ci sia ancora Oioli, altrimenti avrei l'umore quasi felice come quello di "una vongola quando c'è l'alta marea" .................

Quoto il ragionamento su tutta la linea.

Diciamo che di solito l'esperienza serve a ridurre il peso i fattori impronosticabili (ed è per questo che si storce il naso davanti a troppi ragazzini).... però con Childress e (se rimane) Galanda di esperienza ne abbiamo parecchia nei ruoli chiave.

Sembra effettivamente che la logica di costruzione della squadra sia diversa dall'anno passato e si è passati dalle conferme "a cappella" a scelte più ponderate.

Speriamo bene, anche se il discorso "quattrini" preoccupa un po'.

Link to comment
Share on other sites

Non posso non ricordare come:

- Meneghin fosse SOLO, all'epoca, lo smilzo figlio di Dino, sul quale c'erano aspettative, ma che godeva più o meno (un po' più che qualcosa meno) della considerazione che avevano certi nostri giovinastri qualche anno fa (nomi: Rosignoli, Padova, Santambrogio, Martinoni... sembravano TUTTI i prossimi local heroes ). Veniva da un paio di stagioni in panchina, aveva 19 anni...

Ps: i giovani si lanciano a quell'età, non a 24 anni, cazzo!)

- Paolo Conti era uno dei reduci/responsabili del fallimento dell'anno prima, un po' come Galanda oggi... con l'aggravante della scazzottata con Cecco Vescovi (che fu poi mandato via) e conseguente spaccatura nel gruppo. Cazzo, io me li ricordo i commenti su Paolo Conti al palazzetto quell'anno!! Sono l'unico?!

- Komazec pochi se lo aspettavano così esageratamente forte. Per il resto, cfr Cinghiale (io non ricordo chi/quale giornale, ma i commenti erano alterni....).

(vedi anche alla voce: "tanto quei punti in A1 non li farà mai..................". Vero: ne segnava di più! Quando si è intenditori...).

Quell'anno Varese partì nello scetticismo generale, il clima in Curva era piuttosto teso, quello nel resto del palazzetto non propriamente postivo, anche per la decisione di Cappellari di togliere i vessilli per poter guardare meglio la realtà (decisione che nessuno gli ha ancora perdonato)...Il passato tende a cospargere melassa sui ricordi, ma nel settembre del 1993, l'ipotesi play out era un sogno di molti...

Ps per Tatanka: con Ginobilinocioniscolafernandez le vincevo anch'io le olimpiadi... chiaro che se non hai giocatori e culo non vai da nessuna parte, però, a volte, non serve credere di essere gli inventori del basket.... Meno Prosecco Valdobbiadene, più Verduzzo del Friuli....

sono d'accordo, pero' io il menego l'avevo visto giocare da junior e a quel livello sembrava un adulto che gioca con i bambini, non so se i vari giovini citati hanno dato la stessa impressione quando hanno giocato con i pari categoria..

magari a cappellari molti non hanno perdonato quella decisione, io l'avevo condivisa perchè "i vessilli" non meritavano di vedere altri scempi come le ultime 2 stagioni di quella varese.

p.s.

se il "meno prosecco piu verduzzo" si riferisce alle bollicine sono d'accordo, se invece si riferisce al pregio del vino mi permetto di dissentire, visto che proprio dal verduzzo si ricava il pregiatissimo piccolit :hmm:

Link to comment
Share on other sites

sono d'accordo, pero' io il menego l'avevo visto giocare da junior e a quel livello sembrava un adulto che gioca con i bambini, non so se i vari giovini citati hanno dato la stessa impressione quando hanno giocato con i pari categoria..

magari a cappellari molti non hanno perdonato quella decisione, io l'avevo condivisa perchè "i vessilli" non meritavano di vedere altri scempi come le ultime 2 stagioni di quella varese.

Già...In quella Varese una parte importante (l'avevo rimosso) la fece proprio Cappellari. Non era la simpatia in persona, però a Varese ha fatto del bene

Link to comment
Share on other sites

sono d'accordo, pero' io il menego l'avevo visto giocare da junior e a quel livello sembrava un adulto che gioca con i bambini, non so se i vari giovini citati hanno dato la stessa impressione quando hanno giocato con i pari categoria..

un giovane allenatore, allora molto giovane, mi diceva che il menego si vedeva da bimbo, o poco più, che sarebbe arrivato diretto in A1, tutte le altre mezze promesse che lo hanno seguito, no. e non ha sbagliato...

peccato aver perso i contatti da diverso tempo...

Link to comment
Share on other sites

Già...In quella Varese una parte importante (l'avevo rimosso) la fece proprio Cappellari. Non era la simpatia in persona, però a Varese ha fatto del bene

E a franz#12 venne un coccolone ...

Link to comment
Share on other sites

Anch'io c'ero!!!

Seguo la squadra dalla grande DIVARESE.

Ho ancora il poster con Buford seduto su uno scooter cagiva con i colori dei Suns.

Vincemmo la prima in casa contro Udine, tap in di Esposito su tiro libero sbagliato

E come sempre grande pubblico!!!!

Link to comment
Share on other sites

un giovane allenatore, allora molto giovane, mi diceva che il menego si vedeva da bimbo, o poco più, che sarebbe arrivato diretto in A1, tutte le altre mezze promesse che lo hanno seguito, no. e non ha sbagliato...

peccato aver perso i contatti da diverso tempo...

Già... Confermo.... non ne ha cannato uno che sia uno, mordente Y michelori inclusi....

Che fine ha fatto?!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...