Jump to content

Castiglioni: «Ora siamo sereni»


Lucaweb

Recommended Posts

di Giuseppe Sciascia

Guarda al futuro con maggior serenità la famiglia Castiglioni dopo le importanti "addizioni" sul fronte degli sponsor presentate mercoledì sera al Palace Hotel. Tra gli accordi biennali con il main sponsor Cimberio e i partner accessori Far ed UBI e la prosecuzione del rapporto con la Whirlpool, l'afflusso di risorse fresche nelle casse del club è ossigeno puro per la proprietà della società di via Sanvito, come conferma il massimo dirigente Claudio Castiglioni: «I risultati importanti ottenuti sul fronte delle sponsorizzazioni nascono da un progetto serio impostato con l'arrivo di Gianni Chiapparo, che ha rafforzato in maniera notevole il nostro team sotto tutti gli aspetti - spiega il presidente biancorosso - In questo particolare contesto abbiamo velocizzato le operazioni impostando il tutto con un tipo di approccio di natura "aziendale" e portando avanti le trattative con un metodo ed una strategia ben precisi. La cosa che più conta è che ora siamo riusciti a garantirci per almeno due anni quei supporti che la mia famiglia auspicava da tempo per assicurare un futuro ancora ad alto livello per la Pallacanestro Varese: ora non ci sentiamo più soli e il fatto di aver trovato supporto da altre realtà ci spinge ad essere più sereni nella gestione del club».

Riscontri economici di importanza fondamentale dunque per la continuità ad alto livello della società, anche se il nuovo indirizzo del rapporto con la Whirlpool apre scenari diversi per il club biancorosso: «E' senz'altro vero che questa immissione di forze fresche rappresenta una piccola svolta per la società e vale più di un acquisto di un giocatore importante - conferma Castiglioni - C'è da considerare anche come avere uno sponsor che ha già esperienze di basket come Renzo Cimberio rappresenti un vero valore aggiunto: ogni volta che ci sediamo ad un tavolo con lui il dialogo è molto aperto e proficuo, la sua passione e il suo entusiasmo sono contagiosi. Inoltre la nuova politica inaugurata dalla Whirlpool ci permetterà di ampliare il discorso di sponsorizzazione in senso stretto al di fuori dei termini meramente economici, garantendo anche un aiuto sul territorio che sicuramente merita attenzione».

Non solo pallacanestro a livello senior ma anche un risvolto sociale che sta particolarmente a cuore a Claudio Castiglioni sotto l'aspetto della promozione sportiva: «Già da un paio d'anni la Whirlpool spingeva per portare avanti un discorso improntato principalmente al settore giovanile ed ha apprezzato questo progetto ideato per garantire la creazione di un vivaio forte e motivato - afferma il presidente della Pallacanestro Varese - L'impegno nell'area del sociale rappresenta uno stimolo ulteriore a dare il massimo per il bene della città. L'obiettivo è anche quello di forgiare giocatori che un domani potranno essere protagonisti in prima squadra, ma quel che più ci preme è di educare e far divertire i ragazzi trasmettendo loro i valori dello sport, cosa fondamentale sotto l'aspetto della formazione del cittadino prima ancora che del campione».

Il nuovo apporto di risorse "fresche" non modificherà comunque le scelte di mercato della Pallacanestro Varese: il presidente biancorosso sottolinea il taglio completamente differente rispetto al passato delle scelte "strategiche": «La nostra è stata una rivoluzione vera e propria sotto l'aspetto delle modalità con cui operare sul mercato, puntando su giocatori giovani, motivati ed emergenti e uno staff tecnico della stessa tipologia - spiega Castiglioni - Sotto il profilo dei costi di gestione eravamo arrivati ad un punto di non ritorno: non possiamo certo essere competititivi nei confronti di società come Treviso o Siena non avendo le loro possibilità di budget, inseguirle sulla strada degli ingaggi significava rischiare il dissesto economico senza avere alcuna certezza di vincere. Così abbiamo deciso di aggirare l'ostacolo scegliendo strade diverse, con una filosofia più adatta alle nostre potenzialità: vedremo chi uscirà prima dal bosco...».

Massima fiducia nell'operato dello staff, dunque, in vista degli ultimi ritocchi da operare in sede di campagna acquisti per completare l'attuale ossatura: «Negli ultimi due anni abbiamo lavorato bene e ci siamo trovati con un nucleo base già costituito su cui poter fare affidamento. All'80 per cento l'organico è pronto, ora gli allenatori e Mario Oioli stanno vagliando le soluzioni ottimali per completarlo al meglio mentre io e Gianni Chiapparo siamo pronti ad intervenire: a questo punto del mercato non c'è alcuna fretta, lasciamo che le scelte vengano compiute in maniera ponderata...».

Link to comment
Share on other sites

×
×
  • Create New...