Jump to content

Pozzecco in C2


Recommended Posts

DOPO AVER GIÀ ANNUNCIATO IL RITIRO

Pozzecco: «Giocherò nella Servolana»

«Disputerò il campionato di C2 assieme a mio fratello Gianluca»

TRIESTE Una promessa da mantenere, una specie di voto da sciogliere. E così, nella prossima stagione, il campionato di serie C2 manderà in scena il «Poz&Poz show». Gianmarco Pozzecco, il giocatore più amato del basket italiano, ha scelto la Servolana per ritrovare il fratello Gianluca e assieme a lui continuare a divertirsi e a divertire con un pallone a spicchi in mano. Una scelta che rientra nella logica di un giocatore da sempre abituato ad andare in controtendenza. Dopo aver disputato la sua ultima stagione in serie A a Capo d’Orlando (ribattezzata CaPoz d’Orlando da una tifoseria che lo ha amato alla follia) Gianmarco ha confermato la sua volontà di ritirarsi staccando la spina per tre mesi e isolandosi per ricaricare le batterie. Si è riposato nel «buen retiro» di Formentera dove ha recuperato energie fisiche abituandosi all’idea di un ritiro che, inevitabilmente, stravolgerà la sua vita. Non ha cambiato opinione, nonostante le pressioni in questi mesi non siano mancate.

Allora Pozzecco com’è maturata questa idea?

Parlando con mio fratello Gianluca, all’inizio dell’estate. Ci siamo detti che, indipendentemente dal contesto, sarebbe stato bello giocare assieme. Gli avevo messo soltanto un paletto.

Cosa gli aveva detto?

Vai dovunque tranne al Don Bosco. Troppa rivalità con la mia prima società, l’Inter 1904, per giocarci. Vi sembrerà strano ma sono fatto così. Ho rifiutato la Virtus dopo aver indossato la casacca della Fortitudo, non mi sarei visto con quella maglia.

E così dopo essere stato vicino a Latisana ha scelto la Servolana...

Avevo parlato con i fratelli Tomasi per andare a Latisana ma poi la società non se l’è sentita. A quel punto Gianluca si è impegnato con la Servolana e la cosa è andata in porto.

Una scelta che farà parlare, se ne rende conto?

Una scelta fatta da un ragazzo che ha deciso di lasciare il basket professionistico ma in cui resta la voglia di continuare a divertirsi grazie alla pallacanestro. Con in più la voglia e il piacere di giocare a pallacanestro. Cosa c’è di strano?

Con che spirito affronta questa nuova avventura?

Con la massima serietà anche se l’impegno che potrò garantire non sarà ovviamente a tempo pieno. Ne parlerò con Aldo Barzellatto, dovrò fare i conti con gli obblighi lavorativi che mi costringeranno a vivere a Milano. Per il resto la mia mentalità mi impedirà di prendere le cose sottogamba. Dal mio punto di vista giocare davanti a ventimila persone o a cinquanta è la stessa cosa.

Non sarà facile, però, gestirla sul parquet...

Una cosa deve essere chiara. Coach Barzellatto non può neanche pensare di pensare di togliermi dal campo. Voglio giocare per 40’ (e giù una risata, ndr).

Non è pentito, dunque, della scelta di ritirarsi?

Sono convinto al cento per cento della mia decisione. Era da qualche anno che mi stavo rendendo conto che la benzina stava finendo e avevo un desiderio, chiudere bene la mia carriera. Non ho raccolto tanto a livello di risultati ma l’affetto e le attestazioni di stima che i tifosi mi hanno riservato in giro per l’Italia non hanno prezzo. A Cantù per anni sono stato insultato come il leader di Varese, quest’anno i tifosi mi hanno dedicato uno striscione di saluto che conservo come uno dei ricordi più belli.

Nel futuro del Poz cosa c’è?

Un contratto con Sky, una collaborazione con la Gazzetta dello Sport, probabilmente una trasmissione radio. E poi c’è la possibilità di partecipare al programma della Rai Ballando con le Stelle. Per il momento, comunque, devo definire un po’ tutto.

Quando la rivedremo a Trieste?

“Nei prossimi giorni. È appena nato il mio nipotino Thomas, vengo in città per stare un po’ con lui e con la mia famiglia.

Lorenzo Gatto

fonte: Il Piccolo

Link to comment
Share on other sites

DOPO AVER GIÀ ANNUNCIATO IL RITIRO

Pozzecco: «Giocherò nella Servolana»

«Disputerò il campionato di C2 assieme a mio fratello Gianluca»

Un contratto con Sky, una collaborazione con la Gazzetta dello Sport, probabilmente una trasmissione radio. E poi c’è la possibilità di partecipare al programma della Rai Ballando con le Stelle.

fonte: Il Piccolo

praticamente perso per il basket, ma la sua carriera di clown continua...

Link to comment
Share on other sites

Pozzecco come spalla tecnica potrebbe essere uno spettacolo che vale da solo il prezzo dell'abbonamento a Sky.

Con Lauro come spalla invece costituirebbe la miglior coppia di comici dai tempi di Cochi & Renato. Uno solo dei due, ovviamente, comico "volontario"... :nono[1]:

Link to comment
Share on other sites

grande il poz,sulla gazzetta ho letto:"ero a formentera con gallinari e altri tre ex...noi l ungheria l avremmo battuta,non sapevo nemmeno che ci fosse una squadra in ungheria..."come al solito non le manda a dire,un grande

Edited by MCGRADY
Link to comment
Share on other sites

  • 4 months later...

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...