Jump to content

Fermo Tusek, si rivede Reynolds


Lucaweb

Recommended Posts

di Giuseppe Sciascia

Finalmente riscontri positivi sullo stato di salute di J.R. Reynolds: ieri l’esterno statunitense ha infatti svolto metà della seduta di allenamento senza accusare eccessivi fastidi al tallone destro “ammaccato” dal 6 dicembre. Le condizioni della guardia ex Villeurbanne verranno valutate nuovamente oggi, ma il fatto che il giocatore sembri sulla via del recupero fa ben sperare. Dunque, non è da escludere che l’esterno del 1984 possa andare almeno in panchina sabato a Cremona, sebbene resti improbabile un suo utilizzo sul suo “vecchio” parquet del PalaRadi, calcato nella stagione 2007/’08 con la casacca della Vanoli.

D’altra parte, lo stesso Reynolds - soprattutto dopo l’aggiunta di Donnie McGrath che occupa lo stesso "spazio tecnico" del giocatore della Virginia - dovrà riguadagnarsi la considerazione dello staff varesino alla luce del futuro rientro nei ranghi di Ron Slay.

Quando il lungo ex Montegranaro tornerà a disposizione di Pillastrini - fatte salve le dovute valutazioni mediche e tecniche sul suo recupero e sul suo stato di forma - non è da escludere che il tecnico romagnolo possa riproporre l’originale trio americano, utilizzando il play-guardia di passaporto irlandese nel ruolo di “vice-Childress”.

Starà a Reynolds convincere Varese della bontà della scelta effettuata sul suo conto, mostrando quelle doti da “incursore” che per cause indipendenti dalla sua volontà (leggi l’infortunio al tallone sinistro) non è ancora riuscito a mettere in mostra (4,8 punti in 14 minuti medi col 28% da 2 e 2,4 palle perse a gara nelle 4 partite disputate).

Ma al momento sono discorsi prematuri, visto che il completo recupero di Slay non avverrà prima di una cinquantina di giorni.

Allo stesso modo sono premature le ipotesi sull’eventuale destinazione futura di Marco Passera che, al momento, attende solo il via libera dei medici per tornare a lavorare in palestra. Oggi il play di Casciago sarà visitato dal neurochirurgo che ha seguito il decorso del suo infortunio: se gli esiti della risonanza effettuata nei giorni scorsi saranno giudicati positivi, il giocatore del 1982 potrà intraprendere un ciclo di attività differenziata con il preparatore atletico al fine di recuperare la miglior condizione.

Sul futuro in biancorosso del regista, la società si è già espressa chiaramente per bocca di Cecco Vescovi, che ha chiarito come ormai per Passera non ci sia più spazio vista la sovrabbondanza di playmaker in organico. Essendo in scadenza di contratto (30 giugno), di fatto il regista di scuola Robur et Fides non fa più parte dei piani tecnici della Cimberio. Ma prima di esplorare il mercato in cerca di soluzioni alternative, serve che il giocatore recuperi la piena condizione fisica. Dunque, la sua partenza da Varese non arriverà prima di un mesetto...

Intanto, ieri s’è rivisto in palestra Lorenzo Gergati, ormai recuperato dopo la botta all’alluce del piede sinstro che lo tormentava da una quindicina di giorni.

Esclusi problemi seri, invece, per Marko Tusek dopo la contrattura al polpaccio sinistro riportata nella fase finale dell’allenamento di martedì. L’ecografia di controllo ha scongiurato il rischio di lesioni muscolari per il lungo sloveno che ieri è rimasto comunque a riposo precauzionale ma dovrebbe tornare in palestra già nel pomeriggio odierno.

Infine, da Cremona giungono notizie di un congelamento di tutte le trattative di mercato sia sul fronte italiano che americano: dunque, sabato la Vanoli - chiamata al riscatto dopo 5 sconfitte consecutive - affronterà i biancorossi senza variazioni di organico.

Link to comment
Share on other sites

×
×
  • Create New...