Jump to content

Gara abbordabile per gente furba


Lucaweb

Recommended Posts

di GIANCARLO PIGIONATTI

Bisogna guardarsi e proteggersi alle spalle. L'altra candidata alla retrocessione potrebbe trovarsi lì, tra quelle poche squadre, o forse no, se altre, oggi in una zona franca, cominciassero a perdere colpi..

Basterebbe un'inezia, come una rinuncia a un proprio leader o cannoniere, per infilare una serie di insuccessi, come del resto potrebbe accadere il contrario attraverso una striscia vincente, come s'augura, per esempio, questa Cimberio, avendo già provato piacevoli sensazioni nonché pensato a nuove ambizioni.

Cicli viziosi e virtuosi, che cambiano il destino d'una squadra a stagione inoltrata.

In un campionato mozzato alla testa e amputato ai piedi (vedi Siena e Napoli, già predestinate agli estremi), resta solo interessante la corsa a qualificazioni europee e alla salvezza. Il resto è noia.

Lì dietro c'è proprio Cremona che, stasera, di fronte a Varese, ma a casa sua, cerca la sterzata di perizia per abbandonare la grigia e malinconica strada d'una crisi che dura da cinque giornate, quante le sconfitte subite in fila. La squadra di Cioppi sta vivendo male: ancorché neopromossa, aveva dato a credere, soprattutto spendendo abbastanza sul mercato, a una stagione di entusiasmi, invece si trova a dover patire in un ambiente che, pure, rumoreggia.

In questi casi i brontolii che bollono come fagioli in pentola sono forse peggiori delle urla di un'esplodente contestazione insinuandosi, come tarli, in tante teste. Non è un caso se a Cremona e dintorni l'americano Forbes è più chiacchierato di Marrazzo, non certo per inclinazioni così particolari, avendo il cestista frequentazioni regolari e normali ma il suo rendimento lascia a desiderare. Sono queste le voci, magari esagerate, ma esse dimostrano che sin qui, dopo tante tempeste, non c'è stata ancora una quiete.

Ecco allora Varese, l'avversaria giusta, per rimettere ogni cosa a posto, compresa la classifica, oggi sotto di due lunghezze a quella dei biancorossi, preparatissimi dal loro maestro sull'argomento, 'un fine girone di andata, nevralgico per rientrare nel plotone.

Stasera Cremona e domenica prossima la rilanciata Pesaro a Masnago. Due gare da vincere: l'una è abbordabile, l'altra pure e con pronostico a favore.

Dopo lo sbando dicembrino con strascico a Caserta, coach Pillastrini, incline più alla ragione che all'emotività, osservò che la sua squadra si sarebbe dovuta mettere in sicurezza proprio nelle partite casalinghe, sin lì mancanti per una ragione o per l'altra. Ed è venuto lo squillante successo nel derby con Cantù. Tempo prima lo stesso allenatore aveva fatto notare, nello spiegare le tre vittorie esterne e le sole due interne, che le sue squadre, solitamente, sono "scafate" in trasferta. Beh, è qui che ti vogliamo, cara Varese, stando a referenze e convincimenti: in due settimane si può sterilizzare il rischio di impicci di classifica, valendo doppio i confronti numerici con Cremona e Pesaro.

Reynolds, di nuovo al lavoro, figurerà a referto e magari sarà della partita con Childress, Mc Grath e Thomas. In pista, almeno in allenamento, è tornato Passera: sarà curioso constatare più avanti come impiegherà Pillastrini quei giocatori palesemente in esubero.

Ma pensiamo all'attualità d'una Cimberio che, stasera a Cremona, può davvero far pendere l'inerzia del match dalla parte voluta, soprattutto se non farà diventare Troy Bell un superman e se sarà furba in determinati momenti d'una gara ad alta tensione ma non impossibile.

Link to comment
Share on other sites

×
×
  • Create New...