Jump to content

Un momento difficile


Recommended Posts

Pensieri in libertà, dopo 6 sconfitte consecutive ed un derby imminente con i lanciatissimi falegnami…

Prima, una considerazione di ordine generale: ho guardato i dati degli ultimi 7 campionati a 16 squadre (vale a dire, oltre gli ultimi 3 - anche se il 2009/10 è stato declassato a 15 dopo il fallimento di Napoli -, il 1999/2000 ed i tre dal 91/92 al 93/94); ne risulta che con 20 punti si è arrivati terz’ultimi senza classifica avulsa solo nel 92/93, mentre con 22 punti si sono sempre distanziate le ultime 2. Dunque, a Varese servono, per essere realisti, altre 5 vittorie per una salvezza comunque sofferta (con 8 partite in casa e 8 in trasferta da giocare).

Poi, alcune considerazioni sparse sulla squadra e su ciò che la circonda.

Che mancasse di impatto fisico-atletico e fosse vecchia credo sia stato evidente fin da agosto; che la partenza sprint sia stata in buona parte dovuta ad una generale condizione di grazia ma soprattutto ad un atteggiamento di grande concentrazione, attenzione ai particolari, impegno costante in difesa, credo sia condivisibile.

Viene da chiedersi cosa sia accaduto: ero a Roma, partita dai due volti, un primo tempo esaltante, un secondo pazzesco, da incubo… da lì è cominciata questa discesa agli inferi, a mio giudizio. Cosa ho visto in queste ultime 6 partite e mezza? Un calo di forma fisica, indubbiamente, ma anche un diverso atteggiamento da parte dei giocatori, meno attenti ai particolari e più distratti, meno disposti al sacrificio soprattutto in difesa, più “gigioni”, sempre un passo in ritardo, meno con l’atteggiamento del carnefice e più con quello della vittima, in primo luogo nei confronti degli arbitri (e in questo, devo dire, qualche colpa a mio parere ce l’hanno pure Recalcati e Vescovi).

Andando sui singoli, ai progressi di Goss si contrappongono lo stato fisico molto preoccupante di Rannikko e Thomas, gli alti e bassi di Fajardo (anche lui afflitto da problemi fisici), di Kangur (ha la straordinaria tendenza ad eclissarsi per lunghi momenti) e di Righetti (che sta andando meglio delle mie previsioni, ma ha impatto maggiore se gioca poco, a mio giudizio), il calo drammatico e preoccupante di Galanda (giocatore bollito?), l’atteggiamento a mio parere spesso irritante e controproducente di Slay. Una cosa che manca a questa squadra, a mio giudizio, è un leader riconosciuto da tutti, quello che era Childress nelle due stagioni passate, quello da cui si va nei momenti più drammatici della partita, come i parziali negativi o i finali punto a punto… Goss sta facendo grandi progressi in questa direzione, ma è giovane ed inesperto a certi livelli, Thomas non è mai stato un leader, Slay potrebbe esserlo se fosse sempre concentrato (ma se lo fosse, con il talento offensivo che si ritrova, giocherebbe ad un livello un po’ più alto, credo…). Insomma, tanti gatti soffianti ma nessun autentico leone!

Non sono esenti da critiche, secondo me, neppure il coach (pur con il grande merito della partenza lanciata), cui sta ora ricostruire la testa dei giocatori, oltre che le gambe (su cui molti sono malfermi…), la dirigenza (non solo per le scelte discutibili nella costruzione della squadra, ma anche per decisioni come quella di rinunciare a Cotani in un momento di difficoltà e senza avere pronta un’alternativa); qualche responsabilità ce l’ha pure “il contesto”, vale a dire la stampa ed i tifosi, che hanno esaltato i primi risultati, contribuendo a far perdere il contatto con la realtà (questa squadra deve essere compatta e concentrata per andare oltre i suoi limiti!) e non hanno invece pungolato, insistito adeguatamente sulle mancanze, posto il giusto rilievo sui punti di forza e di debolezza… io giovedì, per esempio, un po’ di contestazione alla squadra, alla terza sconfitta casalinga consecutiva, l’avrei abbozzata!

Detto tutto questo, ma si potrebbero aggiungere molti altri elementi di riflessione, bisogna fare qualcosa per invertire il trend. Forse immettere forze nuove per allungare le rotazioni e permettere maggior riposo ai veterani: ci sono le risorse per farlo? Si sta lavorando a qualcosa in questa direzione? Perché, con il roster attuale, si possono innestare solo giocatori italiani, avendo scelto il 3+2…

O forse la soluzione consiste nella sostituzione di qualcuno: quali sono le reali condizioni di Rannikko e Thomas? Quali tempi di recupero si prevedono? Ci sarebbero eventualmente le risorse (e le alternative valide, ovviamente) per sostituirli? E se si decidesse di sostituire qualcuno per scelta tecnica? Penso che gli indiziati sarebbero i due di qui sopra, anzi, ritengo più Thomas che Rannikko, però mi pare di ricordare che ha un biennale…

Oppure bisogna cambiare il manico? penso di no, il materiale umano è quello che è, Recalcati nelle prime sette giornate e mezza ne ha cavato il massimo, a mio parere... certo, se la discesa dovesse continuare, anche questa alternativa dovrà perlomeno essere considerata.

Devo essere sincero, l’involuzione è preoccupante e penso che il rischio di avvitarsi ulteriormente nella crisi sia reale e concreto: 5 vittorie in 16 partite, in queste condizioni, potrebbero essere difficili quanto una salita impervia in un giorno di pioggia e gelo.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 261
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Anche Thomas ha un biennale, ma se abbiamo scaricato gli stipendi di Antonelli e Cotani non si potrebbe fare un tesseramento"medico"? Thomas al limite ce lo riprendiamo l'anno prossimo.

Le motivazioni sono chiare: intelligentemente (senza sarcasmo), la squadra è stata preparata per partire forte e sorprendere così qualche big ancora in rodaggio, infatti con Siena, Treviso e Roma ha funzionato.

Il successivo calo credo fosse prevedibile, e anche previsto.

Nei piani credo ci fosse anche l'esplosione di un giovane, purtroppo non pervenuta. Nei piani poi credo NON ci fosse la definitiva bollitura del Galanda.

Quindi credo che il piano B sia di prendere il famoso rinforzo là dove serve, e visto che di Italiani non ce n'è (Scarone, magari).....

Edited by SteveNashaVarese
Link to comment
Share on other sites

Anche Thomas ha un biennale, ma se abbiamo scaricato gli stipendi di Antonelli e Cotani non si potrebbe fare un tesseramento"medico"? Thomas al limite ce lo riprendiamo l'anno prossimo.

Le motivazioni sono chiare: intelligentemente (senza sarcasmo), la squadra è stata preparata per partire forte e sorprendere così qualche big ancora in rodaggio, infatti con Siena, Treviso e Roma ha funzionato.

Il successivo calo credo fosse prevedibile, e anche previsto.

Nei piani credo ci fosse anche l'esplosione di un giovane, purtroppo non pervenuta. Nei piani poi credo NON ci fosse la definitiva bollitura del Galanda.

Quindi credo che il piano B sia di prendere il famoso rinforzo là dove serve, e visto che di Italiani non ce n'è (Scarone, magari).....

Ma che giovane si voleva far esplodere? Antonelli o Mian? Mi sembra evidente che non sono certo dei crack. Dopo tre-quattro anni di panca si sarebbe dovuto vedere qualcosa di più.

Credo che non ci siano i margini per accollarsi un altro contratto per un giocatore di categoria (non un Demartini), soprattutto se Italiano. A meno di occasioni come quelle dell'anno scorso con Napoli.

Link to comment
Share on other sites

Bella analisi JB !

Il momento è difficile ; spero che Vescovi e Recalcati abbiano nervi saldi e che ci sia qualcuno disposto ad ascoltarli qualora avanzassero certe richieste.....

Personalmente penso che Galanda non sia afatto bollito, e che tutta la squadra abbia i mezzi per recuperare . Se la testa è quella giusta.

Link to comment
Share on other sites

. Se la testa è quella giusta.

Bisogna venirne fuori con la testa, ma non è così facile. Temo che Recalcati abbia perso un pò di "appeal" sul gruppo ed anche sulla gente per la verità.

D'altra parte pur difronte ad una classifica ancora in linea di galleggiamento, ci sono le sei sconfitte di fila che non fanno vedere e capire come si può uscire dal momento nero.

Dovrebbe arrivare una vittoria in qualunque modo essa sia, ma oggettivamente se si allunga ancora il periodo no, sarà assolutamente necessario intervenire. Cantù è lo spartiacque.

Link to comment
Share on other sites

Ma che giovane si voleva far esplodere? Antonelli o Mian? Mi sembra evidente che non sono certo dei crack. Dopo tre-quattro anni di panca si sarebbe dovuto vedere qualcosa di più.

Credo che non ci siano i margini per accollarsi un altro contratto per un giocatore di categoria (non un Demartini), soprattutto se Italiano. A meno di occasioni come quelle dell'anno scorso con Napoli.

Mian un anno fa era indicato come potenziale guardia titolare in 2 o 3 stagioni, direi che siamo in ritardo.

Antonelli a inzio preparazione era atteso al definitivo battesimo...o estrema unzione.

Adesso cosa rimane? Si deve per forza comprare.

Non è una questione solo di testa, i nostri sono scassati e stanchi, urgono i rinforzi.

@ ROO: Galanda non è bollito? Dopo tutto il girone di andata, numeri alla mano, è molto sotto i suoi standard, senza andare troppo indietro nelle ultime 2-3 stagioni ha sempre fatto i suoi 11-12 punti, preso i suoi 5 rimbalzi per una valutazione di circa 13 in 21-22 minuti.

Quest'anno ha 16.5 minuti (-6), con 5.4 punti (-6), 2.7 rimbalzi (-3) e una valutazione ectoplasmaticamente fantasmagorica di 4.3 (-9). Per rispetto diciamo che è in calo fisiologico, ma purtroppo di fatto sta rendendo meno del previsto.

Link to comment
Share on other sites

Guest Paul The Rock
Mian un anno fa era indicato come potenziale guardia titolare in 2 o 3 stagioni, direi che siamo in ritardo.

Antonelli a inzio preparazione era atteso al definitivo battesimo...o estrema unzione.

Adesso cosa rimane? Si deve per forza comprare.

Non è una questione solo di testa, i nostri sono scassati e stanchi, urgono i rinforzi.

@ ROO: Galanda non è bollito? Dopo tutto il girone di andata, numeri alla mano, è molto sotto i suoi standard, senza andare troppo indietro nelle ultime 2-3 stagioni ha sempre fatto i suoi 11-12 punti, preso i suoi 5 rimbalzi per una valutazione di circa 13 in 21-22 minuti.

Quest'anno ha 16.5 minuti (-6), con 5.4 punti (-6), 2.7 rimbalzi (-3) e una valutazione ectoplasmaticamente fantasmagorica di 4.3 (-9). Per rispetto diciamo che è in calo fisiologico, ma purtroppo di fatto sta rendendo meno del previsto.

Su Galanda sicuramente ci mette del suo (ed ogni anno che passa è un anno in più sulle sue spalle da portarsi dietro), per contro c'è da dire che in attacco quest'anno è veramente cercato poco. Le scorse stagione lo si utilizzava molto di più anche in post basso, in questa stagione vicino a canestro non viene quasi mai cercato.

Su Mian il commento di Recalcati è stato che il ragazzo non sapeva mettere la palla a terra ed attaccare in palleggio. A me lascia perplesso perché alla fine con la nazionale di categoria almeno giocava e qualcosa faceva. Piuttosto che tenerlo in panchina a marcire se aveva limiti di questo tipo era meglio cercare di parcheggiarlo dove potesse giocare con continuità e prendere più confidenza. Perché sono convinto che ad un ragazzino come lui se ti mettono solo in panchina per 2-3 stagioni senza mai giocare arrivi a oltre 20 anni e non potrai mai più "sfondare".

Link to comment
Share on other sites

@ ROO: Galanda non è bollito? Dopo tutto il girone di andata, numeri alla mano, è molto sotto i suoi standard, senza andare troppo indietro nelle ultime 2-3 stagioni ha sempre fatto i suoi 11-12 punti, preso i suoi 5 rimbalzi per una valutazione di circa 13 in 21-22 minuti.

Quest'anno ha 16.5 minuti (-6), con 5.4 punti (-6), 2.7 rimbalzi (-3) e una valutazione ectoplasmaticamente fantasmagorica di 4.3 (-9). Per rispetto diciamo che è in calo fisiologico, ma purtroppo di fatto sta rendendo meno del previsto.

Però mi pare davvero strano che uno come Galanda - dico Galanda - non riesca ad incidere neanche sporadicamente sulla singola partita.

Link to comment
Share on other sites

....

Perché sono convinto che ad un ragazzino come lui se ti mettono solo in panchina per 2-3 stagioni senza mai giocare arrivi a oltre 20 anni e non potrai mai più "sfondare".

A Milano, contro l'AJ, in un finale punto a punto chiunque "sfonderebbe"

Link to comment
Share on other sites

Dovrebbe arrivare una vittoria in qualunque modo essa sia, ma oggettivamente se si allunga ancora il periodo no, sarà assolutamente necessario intervenire. Cantù è lo spartiacque.

Anche se si vince si deve intervenire. Serve un giocatore in grado di cambiare fisionomia alla squadra. Lo scorso anno Ferrara (dico Ferrara) prese Ford. Eeano spacciati e se hanno rischiato di salvarsi lo devono a quell'innesto Varese deve avere il coraggio di guardarsi intorno e trovare un grimaldello che apra le porte (mentali) anche dei suoi compagni. E per favore niente gigioni alla Delonte. Serve un giocatore concreto. A voi la scelta del ruolo. Ma serve come il pane.

Link to comment
Share on other sites

Su Mian il commento di Recalcati è stato che il ragazzo non sapeva mettere la palla a terra ed attaccare in palleggio. A me lascia perplesso perché alla fine con la nazionale di categoria almeno giocava e qualcosa faceva. Piuttosto che tenerlo in panchina a marcire se aveva limiti di questo tipo era meglio cercare di parcheggiarlo dove potesse giocare con continuità e prendere più confidenza. Perché sono convinto che ad un ragazzino come lui se ti mettono solo in panchina per 2-3 stagioni senza mai giocare arrivi a oltre 20 anni e non potrai mai più "sfondare".

Visto Mian in amichevole con le giovanili, se la gioca alla pari con buoni giocatori di serie C...

Recalcati, che non è uno sprovveduto,se vedesse in lui qualcosa di buono per la A lo farebbe giocare...

Link to comment
Share on other sites

..........

@ ROO: Galanda non è bollito? Dopo tutto il girone di andata, numeri alla mano, è molto sotto i suoi standard, senza andare troppo indietro nelle ultime 2-3 stagioni ha sempre fatto i suoi 11-12 punti, preso i suoi 5 rimbalzi per una valutazione di circa 13 in 21-22 minuti.

Quest'anno ha 16.5 minuti (-6), con 5.4 punti (-6), 2.7 rimbalzi (-3) e una valutazione ectoplasmaticamente fantasmagorica di 4.3 (-9). Per rispetto diciamo che è in calo fisiologico, ma purtroppo di fatto sta rendendo meno del previsto.

Certo, ma non è mai stato inserito in rotazione dei lunghi così nemerose, pochissimi giochi son "per lui", ha un anno in più, e nelle ultime settimane è stato malato.

Io sospenderei giudizi frettolosi. (Oh, poi ammetto che più che certezze, ho speranze....)

Link to comment
Share on other sites

...

Su Mian il commento di Recalcati è stato che il ragazzo non sapeva mettere la palla a terra ed attaccare in palleggio. A me lascia perplesso perché alla fine con la nazionale di categoria almeno ...

Domanda, senza malizia alcuna:

ma a un ragazzo di 18 anni, comunque evidentemente dotato di talento, non si può insegnare qs. fondamentale?

Capisco che forse forse non si possa plasmare più di tanto un giocatore 33enne, ma un 18enne...? Ovviamente mettendolo sotto a lavorare, magari anche a parte come extra-time...

Mah, sono perplesso.

Link to comment
Share on other sites

Guest Paul The Rock
Visto Mian in amichevole con le giovanili, se la gioca alla pari con buoni giocatori di serie C...

Recalcati, che non è uno sprovveduto,se vedesse in lui qualcosa di buono per la A lo farebbe giocare...

Probabile, io l'ho visto pochissimo. Però se così fosse a questo punto che senso avrebbe tenerlo in rosa? Tanto varrebbe tenere un Lenotti o simili. In ogni caso meglio mandarlo in prestito e farlo giocare, no?

Link to comment
Share on other sites

Domanda, senza malizia alcuna:

ma a un ragazzo di 18 anni, comunque evidentemente dotato di talento, non si può insegnare qs. fondamentale?

Capisco che forse forse non si possa plasmare più di tanto un giocatore 33enne, ma un 18enne...? Ovviamente mettendolo sotto a lavorare, magari anche a parte come extra-time...

Mah, sono perplesso.

Quoto

Link to comment
Share on other sites

La squadra ha dimostrato di saper fare bene e spero che possa tornare a dimostrarlo nelle prossime partite.

Sicuramente il momento attuale è di grande crisi... sì, grande crisi perchè abbiamo la seconda peggior striscia negativa del campionato. Peggio delle nostre 6 sconfitte consecutive attuali c'è solo l'inizio di Teramo con 7 sconfitte consecutive.

Secondo me, il problema peggiore in questo momento è la testa: non stiamo giocando come una squadra, non difendiamo e spesso siamo poco lucidi in attacco nei momenti caldi. Quando si gioca concentrati, prendiamo vantaggi o recuperiamo parziali molto rapidamente, salvo poi buttare in un attimo tutto il lavoro fatto (mi viene in mente la famosa immagine della mucca che scalcia il secchio del latte appena munto); con la testa giusta almeno la partita con Biella e forse anche quella con Sassari le avremmo potute portare a casa.

Inoltre, sono d'accordo sul fatto che l'operazione Cotani è stata sbagliata profondamente come tempi, anche alla luce di situazioni già note (l'infortunio di Thomas, l'evanescenza di Galanda...), senza avere pronta un'alternativa.

Infine, prima di parlare di tagli (Thomas, Rannikko...), a meno che non siano giustificati da infortuni seri, ci andrei un po' cauto. Per prendere "quelli buoni" in grado di cambiare la stagione di una squadra servono gli €... e visto il nostro budget...

La partita di domenica è da vincere per la classifica, non (solo) perchè è un derby. I due punti ci servono come l'ossigeno!!!

Link to comment
Share on other sites

Tagliando Thomas?

Allora, abbiamo fuori Thomas e Rannikko.

Per quanto tempo, prima che rientrino concretamente ed effettivamente/efficacemente in gioco?

Se la risposta fosse:

- 2 mesi

allora prenderei un giocatore, almeno a gettone;

se invece fosse

- 1 settimana ancora

allora no.

Insomma, parola a Chi deve decidere avendo dei parametri più affidabili delle sole voci di corridoio.

Edited by Silver Surfer
Link to comment
Share on other sites

Allora, abbiamo fuori Thomas e Rannikko.

Per quanto tempo, prima che rientrino concretamente ed effettivamente/efficacemente in gioco?

Se la risposta fosse:

- 2 mesi

allora prenderei un giocatore, almeno a gettone;

se invece fosse

- 1 settimana ancora

allora no.

Insomma, parola a Chi deve decidere avendo dei parametri più affidabili delle sole voci di corridoio.

!!

Link to comment
Share on other sites

Ranniko è scarso . Punto . Stop.

A prescindere dall'infortunio .

Non era da prendere .

Non si può menare il torrone con playmakeradze per 18 mesi e poi prendere il primo Capin al netto dell'incidente -cit. - che ti propongono.

Capisco la necessità di andare al mare il prima possibile , però ...

Link to comment
Share on other sites

Inoltre, sono d'accordo sul fatto che l'operazione Cotani è stata sbagliata profondamente come tempi, anche alla luce di situazioni già note (l'infortunio di Thomas, l'evanescenza di Galanda...), senza avere pronta un'alternativa.

Leggo dell'evanescenza di Galanda, della bollitura dello stesso e via dicendo.

Ma affermazioni basate su cosa? Sui numeri?

Guardandoli proprio tutti, Gek gioca 6 minuti e mezzo di media rispetto allo scorso anno. Lo decide lui? E' la sua presunta vecchiaia cestistica che glielo impone? Non mi pare.

Contro Sassari nel primo tempo è stato uno dei migliori se non il migliore.

Nel secondo tempo è entrato a 4° quarto inoltrato. Ed è un solo esempio.

Non si può negare che gli anni che passano per lui pesino inesorabilmente di più, ma nella sua gestione e i suoi numeri al momento vedo più una colpa di Recalcati che direttamente sua.

Ranniko è scarso . Punto . Stop.

A prescindere dall'infortunio .

Non era da prendere .

Non si può menare il torrone con playmakeradze per 18 mesi e poi prendere il primo Capin al netto dell'incidente -cit. - che ti propongono.

Capisco la necessità di andare al mare il prima possibile , però ...

Sul fatto che sia scarso non mi trovi particolarmente d'accordo.

In alcune partite (soprattutte le prime) se non entrava lui a mettere un pò d'ordine e tranquillità nella fase offensiva non staremmo nel gruppo di quelli con 12 punticini.

Link to comment
Share on other sites

è davanti agli occhi tutti la necessita' di far acquisti ma:

1) cosa c'e' in giro di buono? io vedo solo scarone ma qui gli esperti siete voi...

2) hanno venduto cotani ed antonelli per:

a) fare cassa perche' la situazione è pessima a livello economico e non si ha il coraggio di ammetterlo??????

:rolleyes: perche' , fino alla partita con ,milano, pensavamo di essere piu' forti di quelli che siamo? e quindi potevamo stare bene cosi ancora per un po'...è vero avevamo perso in casa con teramo ma poteva essere visto come un incidente di percorso, errori di presunzione.

3)la tranquillita' psicologica non la compri ...come mai sono poco tranquilli di testa? non stiamo parlando di ragazzetti ma di persone mature ma li vedo nervosissimi e poco concentrati...c'e' dell'altro???

sono pensieri sparsi che mi sorgono spontanei come funghi davanti a 6 sconfitte 6 , signori non una o due...

Link to comment
Share on other sites

1) cosa c'e' in giro di buono? io vedo solo scarone ma qui gli esperti siete voi...

Vedrei bene un polipo.

2) hanno venduto cotani ed antonelli per:

Per avere in rosa due giocatori in meno da zona retrocessione?

3)la tranquillita' psicologica non la compri ...come mai sono poco tranquilli di testa? non stiamo parlando di ragazzetti ma di persone mature ma li vedo nervosissimi e poco concentrati...c'e' dell'altro???

Mai provato ad essere molto, molto stanco fisicamente? Vedi dove va la testa...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...