Jump to content

La Cimberio cerca conferme


Lucaweb

Recommended Posts

Parte da Pesaro la “fase discendente” della stagione per la Cimberio, impegnata (ore 18,15) nella tana della Scavolini in occasione del turno inaugurale del girone di ritorno. Partita ricca di spunti per la truppa di Carlo Recalcati, in cerca di conferme dopo la brillante vittoria “scaccia-crisi” nel derby contro Cantù che ha chiuso col botto un’andata ondivaga. Il match odierno e il turno casalingo della settimana prossima contro Avellino rappresentano due importanti scontri diretti per una Varese sospesa “a metà del guado” di una classifica davvero indecifrabile, vista la presenza di 11 squadre nel “fazzoletto” di 4 punti dal quarto al quattordicesimo posto.

Galanda e soci dovranno dunque dimostrare di aver superato il momento critico costato una lunga striscia negativa di 6 turni e provare a rilanciare le loro ambizioni-playoff nel contesto di un campionato dai valori estremamente livellati. Se da un lato basta poco per spingersi nei piani alti, dall’altro bisogna tenere una certa “linea di galleggiamento” per non scivolare verso il basso; e queste due partite precedenti alla trasferta “impossibile” di Siena ed alla pausa per la Coppa Italia potranno dare un indirizzo più chiaro alle prospettive stagionali ed alle ambizioni della Cimberio. Per questo motivo la compagine biancorossa auspica che l’ultimo arrivato Damien Ryan (foto Blitz in alto) possa quantomeno “surrogare” l’assenza di Jobey Thomas, messo “in ghiaccio” per un mese dopo la vittoria contro Cantù (ma lo statunitense è comunque salito sul pullman con direzione Pesaro per stare vicino alla squadra). Il tiratore australiano dovrà garantire esperienza, qualità balistiche e solidità nelle pieghe di un collettivo tornato ad esprimersi al meglio dopo il ritorno al regime “normale” di allenamenti a ranghi completi e partite a cadenza settimanale.

Anche la routine di lavoro precedente alla trasferta nelle Marche – con due ex come Teemu Rannikko e Ron Slay attesi sul parquet dell’Adriatic Arena già calcato rispettivamente dal 2003 al 2005 e nel 2007/2008 - è trascorsa senza intoppi e questo fa ben sperare il clan varesino, che ha potuto preparare con la massima attenzione una sfida importante contro una Scavolini Pesaro al momento “dirimpettaia” in classifica dei biancorossi a quota 14 punti pur con in tasca il biglietto di accesso alle Final Eight di Coppa Italia grazie alla classifica avulsa.

L’intento della Cimberio è quello di bissare il successo dell’andata che inaugurò al meglio la stagione della truppa di Recalcati (a Masnago finì 87-78 con Goss top-scorer a quota 20), ma in tre mesi i marchigiani di Luca Dalmonte hanno mutato pelle rispetto al match inaugurale della stagione 2010/2011, complice anche una variegata catena di infortuni che ha costretto il coach ex Cantù a modificare gli equilibri. La Scavolini ha un ottimo potenziale perimetrale, col dinamico play Collins (11,7 punti e 4,2 assist) e l’esplosivo incursore Diaz (12,3 punti col 61% da 2) affiancati dalla duttilità di Daniel Hackett, al momento l’italiano più prolifico del campionato con i suoi 14,1 punti di media. L’esterno ex Treviso ha “soppiantato” il deludente Almond in un back-court molto fisico e temibile in penetrazione, mentre il ruolo di ala forte è occupato da due elementi frontali come capitan Flamini (4,8 punti col 50% da 3) e il serbo Alexsandrov (7,6 punti) e sotto canestro i massicci Cusin (6,6 punti e 4,0 rimbalzi) e Lydeka (4,4 punti) si occupano di fare legna.

Il trend dei marchigiani non è dei migliori (5 sconfitte nelle ultime 6 gare, unico acuto casalingo contro Cantù) e dalla gara odierna la Scavolini si aspetta risposte per valutare possibili future mosse di mercato (in uscita Almond e Cinciarini, si cerca un’ala americana che abbia fisico). La Cimberio dovrà sfruttare l’onda lunga dell’adrenalina lasciata in dote dal successo nel derby e cogliere l’occasione di intascare una posta importante per ripartire di slancio in un girone di ritorno sospeso ancora a metà tra opportunità allettanti ed insidie da tenere lontano…

Giuseppe Sciascia

Link to comment
Share on other sites

×
×
  • Create New...