Jump to content

Cimberio, correttivo in corsa. Arriva Simonas Serapinas


Lucaweb

Recommended Posts

Ancora novità di mercato in casa biancorossa all’indomani della corroborante vittoria casalinga contro Cremona. Domani, alla ripresa degli allenamenti, si unirà al gruppo Simonas Serapinas, 29enne ala lituana che proverà almeno fino al termine della settimana disputando l’amichevole ufficiale di sabato contro la Benetton Treviso.

Il giocatore del 1982 ha un curriculum interessante tra comparsate in Nazionale (disputò gli Europei 2005 a Belgrado) e una serie di apparizioni a livello internazionale (4 stagioni di Eurolega tra Zalgiris Kaunas e Aris Salonicco, poi due anni in Ucraina all’Azovmash Mariupol partecipando all’Eurocup): per vicissitudini fisiche e contrattuali, in questa stagione è rimasto senza squadra (il mese scorso ha provato senza convincere in LegAdue, a Forlì) e ora Varese vuole vederlo all’opera per testarne le condizioni.

Serapinas, infatti, potrebbe costituire un’alternativa a Damien Ryan, alle prese con un problema al piede che domenica lo ha indotto al riposo forzato: il “gettone” bimestrale del tiratore irlandese scadrà domenica, dunque la Cimberio vuole avere pronta un’alternativa nel caso in cui fosse necessario un intervento sul mercato. «E’ una opportunità che vogliamo valutare con attenzione: Serapinas è un giocatore di sicuro talento, lo vedremo all’opera per qualche giorno per capire quali siano le sue condizioni - spiega il presidente Cecco Vescovi -. Può essere una bella occasione, come quella colta la scorsa estate con Kangur: se sta bene, potrebbe darci una bella mano. Lo valuteremo in alternativa a Ryan, che continua ad avere problemi al piede: andremo avanti con chi tra i due ci darà le migliori garanzie sul piano fisico oltre che tecnico».

Dunque, un’occasione per aggiungere qualità e magari precedere la concorrenza - Serapinas viaggiava su ingaggi da 300mila euro a stagione - qualora il lituano (più “stazzato”, 198 centimetri per 95 chili, e potente rispetto a Ryan, in ogni caso ala piccola con doti da penetratore, dunque diverso dal tiratore ex Soresina) sia giudicato “abile e arruolabile”. Si tratterebbe di un correttivo e non di un’addizione stravolgente per la Cimberio che contro Cremona ha mostrato il piglio giusto: «Abbiamo fatto il nostro dovere vincendo una partita tesa e delicata, giocando con l’atteggiamento necessario a una gara così combattuta. L’importante - dice Verscovi - è aver risposto anche sul piano fisico a una squadra di stazza come la Vanoli; adesso cerchiamo di sfruttare la sosta per fare il pieno di energie: vedremo se a Bologna sapremo ripeterci».

Intanto, proseguono i discorsi per il prolungamento biennale dell’accordo con Kangur, individuato dal presidente biancorosso come “pietra angolare” su cui costruire la Cimberio del futuro: «Con Krjstian e con i suoi agenti siamo d’accordo su tutto, ma l’atleta ha chiesto di aspettare perché il periodo è delicato e vuole pensare solo alla squadra e alla classifica. Anch’egli sembra comunque ben disposto, dunque rispettiamo la sua volontà e aspettiamo un suo segnale per mettere nero su bianco. Ma siamo fiduciosi.

Altri rinnovi? Goss dice che si trova bene a Varese, resterebbe volentieri, ma per la combinazione di ruoli e passaporti aspettiamo la certezza della firma di Kangur prima di muoverci con Phil».

Giuseppe Sciascia

Link to comment
Share on other sites

×
×
  • Create New...