Jump to content

Il sogno: tutte le trasferte di Varese in diretta Tv


Lucaweb

Recommended Posts

VARESE E' cambiato tutto, e piaccia o no bisognerà farci l'abitudine: ci si era abituati a seguire le partite del campionato di serie A dagli schermi di Sky, era diventato familiare ascoltare le cronache di Flavio Tranquillo e Geri De Rosa, ci si era adattati alla ridda di anticipi e posticipi imposti dalla pay tv. Ora, a partire dal prossimo anno, si tornerà all'antico: basket in chiaro e per tutti con i diritti del campionato tornati nelle mani della Rai e di La7, che trasmetteranno due partite a settimana (una il sabato alle 18.30 e l'altra alla domenica ma alle 20.30) oltre alle Final Eight di Coppa Italia e ai playoff.

Un'altra novità riguarda però le televisioni private, che fino a quando i diritti erano detenuti da Sky potevano trasmettere ben poche immagini e che ora hanno invece la possibilità di offrire ai loro spettatori le dirette delle partite in trasferta della loro squadra del cuore, se non già coperte da una delle dirette.

Certo, non gratis: i costi di produzione saranno a carico delle tivù locali (si parla di una cifra attorno ai 5 mila euro a gara). Alcune emittenti locali si sono già mosse e hanno annunciato che offriranno le dirette di tutte le trasferte (Siena, Bologna), altre si stanno muovendo e presto potrebbero regalare qualche novità. A Varese tutto tace. L'occasione è troppo bella, troppo importante, troppo ghiotta: per la prima volta nella sua storia, la Pallacanestro Varese potrebbe avere la sua televisione: un'emittente dove vedere in diretta tutte le partite in trasferta (scusate se è poco), un contenitore dove parlare di basket, un punto d'incontro per i tifosi.

E allora ci rivolgiamo alle due televisioni locali varesine: non fatevi sfuggire quest'occasione, non lasciate la Pallacanestro Varese senza tivù, non lasciate da soli i tifosi. Perché già è difficile accettare che in quella che si fa chiamare "Basket City" non ci sia una radio davvero vicina alla pallacanestro (i ragazzi di Radio Lupo Solitario sono bravi e volenterosi, ma riuscire a captare la loro emittente fuori città è un'autentica impresa). Sarebbe brutto vedere altre piazze (Bologna e Siena ma tutte quelle che arriveranno dopo) e altre emittenti bagnare il naso alle nostre. Ci rivolgiamo alle televisioni locali, ma anche a potenziali sponsor: produrre le dirette delle trasferte costa. Ma finanziarle e affiancare le nostre emittenti in quello che è anche un servizio sociale, è quasi un dovere per chi dice di essere amico del basket.

Francesco Caielli

Link to comment
Share on other sites

×
×
  • Create New...