Jump to content

«La Cimberio resta una sfidante»


pxg14
 Share

[font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Frank Vitucci si aspetta un Forum colmo di varesini in vista del derby di domani: il clima di attesa che si respira in città attorno alla trasferta di Milano dovrà servire da sprone in vista di un match che trova le due contendenti in una posizione di classifica diametralmente opposta rispetto alle aspettative iniziali.[/size][/font]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«C'è un'atmosfera molto eccitante legata al contorno intrigante che si è creato attorno ad una partita dal grande fascino tradizonale: sappiamo che ci seguiranno molte persone da Varese e questo ci dà grande energia. Dovremo essere bravi a mettere in campo la giusta carica in una partita che resta molto difficile a dispetto di una situazione di classifica strana, visto che noi non ci aspettavamo di essere così avanti né ci si attendeva Milano così in ritardo». [/font][/size]

[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Il tecnico veneziano racconta così il suo stato d'animo nell'attesa di vivere il suo primo derby con l'Olimpia nell'edizione numero 164 di una sfida dalla tradizione ultrasessantennale: «Sarà molto bello viverla come attore non protagonista, sapendo che ci saranno 8 o 9 mila persone in tribuna oltre alla ribalta della Tv: per me e quasi tutti i giocatori è la prima volta che alle nostre spalle c'è questo tipo di eccitazione e si vive certamente una bellissima atmosfera nel condividere la passione e l'attenzione particolare per una partita importante ma comunque di campionato che non comporta le tensioni di un playoff o di una finale». [/font][/size]

[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]E il coach della Cimberio ribadisce che a dispetto dell'attuale primato in classifica alla sua squadra tocca il ruolo dell'outsider contro quella che resta la squadra da battere: «La posizione di classifica non conta: noi siamo gli sfidanti e loro gli sfidati. Restiamo nei ruoli originali di inizio stagione perché dobbiamo sempre ricordarci quali erano i nostri obiettivi e quali erano e sono quelli di Milano, squadra partita per primeggiare in campionato che pur non avendo ancora espresso tutto il suo potenziale ha quantità enormi di talento. Certo a livello motivazionale sarà una partita in grado di darci stimoli forti, anzi il rischio è quello di arrivare troppo carichi». [/font][/size]

[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Nell'analisi tecnica della gara chiaro l'aspetto legato alla differenza di stazza tra una squadra da Eurolega come l'EA7 e la cavalleria leggera biancorossa: «Milano ha sicuramente grande taglia fisica e questo potrebbe essere un problema in molti ruoli; certamente ha molteplici soluzioni ruotando molti giocatori e potendo schierare quintetti di varia natura. Ci sono svariate opzioni per mettere in campo una squadra di altissimo livello, un eventuale quintetto Bremer-Basile-Gentile-Melli-Chiotti che sarebbe il loro secondo varrebbe una posizione di medio-alta classifica. Ci aspetta una partita molto faticosa sul piano fisico e di sicuro il modo di giocare “massiccio” di Milano potrebbe crearci qualche problema, ma anche noi potremo metterli in difficoltà con il nostro dinamismo». [/font][/size]

[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Il coach di Varese mette in guardia i suoi dal possibile “effetto-scossa” dopo la piccola rivoluzione dell'organico milanese avviata in settimana ma confida nell'effetto benefico della pausa: «Affrontiamo la partita in condizioni fisicamente ottimali dopo un piccolo break che ci ha fatto bene. Gli aspetti principali su cui lavorare sono quelli dell'1 contro 1 difensivo contro una squadra che ha così tanti esterni di qualità, connesso comunque alla difesa di squadra con la necessità di collaborare molto per frenare il loro potenziale offensivo. Più di ogni altra cosa non dovremo snaturarci e giocare come sappiamo facendo valere la nostra coralità. Le novità nel roster milanese? Sarà interessante capire come reagiranno a questi cambiamenti in grado di dare la scossa emotiva: potrebbe essere una spinta ma anche una cappa. Di sicuro dovremo affrontare la partita con molta attenzione e il giusto rispetto delle qualità di Milano, ma sono convinto che saremo pronti per farlo». [/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Giuseppe Sciascia [/font][/size]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...