Jump to content
Sign in to follow this  

«La strada è ancora lunga». Ma ora Varese ha punti fermi


simon89

Attilio Caja si gode il riposo del lunedì col gustoso sapore dei primi due punti conquistati in campionato, ma esorta l'Openjobmetis a restare sul pezzo perché la vittoria esterna di Caserta è solo il primo passo verso la salvezza: «I due punti in campionato hanno tutt'altro valore rispetto alle vittorie in Champions, specie se conquistati in trasferta in un turno che sulla carta sembrava favorevole alle nostre avversarie che invece hanno perso in casa. Però la strada per la salvezza è ancora lunga e in salita: prima era difficilissimo e ora è solo difficile...».

Di certo però si potrà preparare senza patemi di classifica il derby sulla carta impossibile contro Milano... «È l'unica squadra fuori portata per chiunque, proveremo comunque a batterci col giusto senso della sfida. Le altre sono tutte battibili, dipende dal momento in cui le si incontra; chiaro che aver rotto il ghiaccio dà morale, ma anche dopo la partita contro Sassari c'era fiducia, perché hai consapevolezza di quando metti in campo cose buone. Però a livello mentale e caratteriale Caserta ha dato risposte importantissime».

Le ha date prima di tutto Maynor, ripagando la fiducia nei suoi confronti. «Quella di Eric è una leadership naturale che io gli affido e la squadra gli riconosce. Non vuol dire che segnerà sempre 20 punti, ma se il tuo giocatore più rappresentativo si allena nel miglior modo possibile, incitando e stimolando i compagni, la qualità delle sedute è notevole e arrivi alla partita con una preparazione solida».

Questione Anosike: il centro nigeriano è passato da essere un problema a un pilastro difensivo... « O.D. sta disputando partite di alto livello, sia nell'aspetto difensivo primario del contenimento del pìck&roll che a rimbalzo. Sono contentissimo della sua presenza e della sua disponibilità: è un ragazzo che fa tanto lavoro sporco e continua a combattere anche se la palla in attacco non gli arriva».

Questione Ferrero: da sesto esterno ad ala forte titolare producendo anche punti e non solo impegno. «Col gioco che facciamo abbiamo bisogno di qualcuno che attacchi il ferro: Giancarlo lo ha fatto molto bene dandoci una doppia dimensione di 1 contro 1 e tiro da fuori, finalizzando il lavoro di squadra. In allenamento dà sempre il massimo e in partita sta ripagando la fiducia: quando sono arrivato mi è stato chiesto di ottimizzare le risorse interne ed è una bella soddisfazione ottenere risposte da un ragazzo sempre positivo».

Dunque dopo Caserta tutti sintonizzati sulla stessa lunghezza d'onda e niente interventi sul mercato? «Bisognava capire chi c'è e combatte per la squadra e chi invece no. Le risposte di tutti mi hanno soddisfatto, compreso Eyenga che, risolto il problema addominale, sta riprendendo ritmo e continuità: è in un momento negativo al tiro, ma in difesa si è battuto. Ho apprezzato anche il contributo emotivo dei ragazzi della panchina, e la spinta che ci hanno dato la ventina di tifosi al seguito: è stato bello dare una soddisfazione a questi ragazzi che sono venuti fino a Caserta a sostenerci in un momento difficile».

Giuseppe Sciascia

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Member Statistics

    1,373
    Total Members
    1,155
    Most Online
    Simone Colombo
    Newest Member
    Simone Colombo
    Joined
×