Jump to content

«Sei il primo della fila? Offro io»


pxg14

[color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]
Fatti e non parole. Gianmarco Pozzecco non si limita soltanto al ruolo di testimonial di una campagna-abbonamenti che in attesa dei primi acquisti utilizza la sua immagine per convincere i fedelissimi. Ma nel giorno dell'apertura della vendita delle tessere stagionali irrompe tra i tifosi in coda per sottoscrivere a sua volta l'abbonamento alla Pallacanestro Varese: un modo concreto per corroborare l'invito ai tifosi a sostenere la squadra. Visto l'abituale rito del lancio della giacca durante la partita che era diventato il suo marchio di fabbrica a Capo d'Orlando, è una scelta per avere un bersaglio sicuro senza mettere a rischio gli spettatori dietro la panchina? «Non è per me, ma per Tania, almeno sono sicuro che ci sarà una persona che non mi fischierà per tutto l'anno. Certo è la prima volta che pago per vedermi giocare» spiega invece il Poz mentre sceglie il posto in Parterre Est (zona famiglia Galleani e Toto Bulgheroni) per la fidanzata spagnola che lo accompagnerà nell'avventura a Varese. E prima di lasciare la sala Giancarlo Gualco (oggi si riapre dalle 16 alle 20) per tornare a visionare Dvd di potenziali obiettivi di mercato, e preparare le valigie per la missione americana (partenza prevista per sabato insieme a Cecco Vescovi e Simone Giofrè), il coach biancorosso compie un altro gesto simbolico alquanto significativo. [/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]

La lunga attesa di Luca Caraffa, il 30enne tifoso di Ferrera giunto al PalaWhirlpool con 5 ore e mezza di anticipo sull'orario di apertura per avere la certezza di essere il primo abbonato della stagione 2014/2015, è infatti premiata dalla generosità del Poz. «Quanto pago per la Curva Nord?». «Niente: la tessera te l'ha regalata Gianmarco» la risposta degli addetti della società, con tanto di abbraccio tra il tecnico di Varese e il fedelissimo numero uno del nuovo anno sportivo («Ma mi raccomando, adesso non fischiarmi!» scherza il coach biancorosso). Nelle prime 4 ore della campagna abbonamenti 2014/15 sono stati 158 i tifosi ad acquistare la tessera stagionale: lo scorso anno, tra l'entusiasmo post-Indimenticabili e una tempistica più concentrata (via al 30 agosto e prezzi scontati solo per la prima fase, quest'anno chi rinnova avrà il prezzo bloccato anche dall'11 al 28 settembre), si era giunti a quota 311. Ma il dato è sostanzialmente in linea con la stagione 2012/2013 (152 abbonati al primo giorno) dove l'era Vitucci ripartì sostanzialmente da zero (unico confermato Janar Talts). 
Dunque l'appello del Poz sembra aver fatto breccia nel cuore dei tifosi di Varese, col testimonial della campagna abbonamenti - al momento unica certezza col roster completamente da definire - che chiede alla gente di avere fiducia nell'opera della società: «So bene che per dinamiche imposte dal mercato chiediamo alla gente di abbonarsi sulla fiducia - afferma il nuovo coach biancorosso -. Però così come la squadra può spingere il tifo, anche il pubblico può spingere la squadra: e in questo momento mi piacerebbe enormemente avere una risposta positiva da parte della gente, anche perché nel contesto estremamente solido che ho trovato in questa società stiamo lavorando per fare il meglio possibile».
Giuseppe Sciascia [/size][/font][/color]
 


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...