Jump to content

«Tra Pesaro e Varese non è sfida salvezza»


simon89
 Share

Massimo Galli respinge l'etichetta di sfida salvezza per il match di domenica tra la sua Pesaro e la sua ex Varese. Il 55enne coach varesino, coach dei Roosters post-Stella che si dimise a Natale del 1999 dopo 4 mesi difficili (ma anche l'ultimo trofeo vinto sul campo e appeso sulle volte del PalA2A), è tornato in serie A nell'estate 2017 come assistant coach della Vuelle, attuale ultima della classe insieme ad altre tre squadre. «Mi sembra prematuro parlare di scontro diretto; di sicuro noi saremo protagonisti fino in fondo della lotta per la salvezza visto che abbiamo il sedicesimo budget della serie A, mentre Varese mi sembra di un livello superiore. Come tutte le squadre che hanno scelto la formula 3+4+5 ha più profondità di rotazioni e di conseguenza più qualità; sicuramente è stata penalizzata dal calendario ma sono convinto che risalirà ben presto in classifica, speriamo non da domenica...».

Per Pesaro ci sarà da soffrire anche quest'anno dopo 4 penultimi posti consecutivi?

«Abbiamo un roster molto giovane, con 3 rookies e tre Under 20, che tra l'altro non ha mai giocato al completo; in casa comunque ci siamo espressi discretamente, bucando solo la gara contro Cremona. Con l'inserimento di Kuksiks ci aspettiamo una scossa emotiva da parte della squadra; ci siamo allenati bene durante la pausa e sappiamo che non possiamo permetterci un altro passo falso casalingo».

Come inciderà la pausa per le Nazionali e quanto potrà dare subito il tiratore lettone?

«Sia noi che Varese abbiamo disputato amichevoli per tenere alta la tensione agonistica, non credo che ci saranno scorie da smaltire. A noi la pausa è servita per l'aggiunta di Kuksiks; era comunque un giocatore in attività e dunque confidiamo possa darci subito un contributo importante, specialmente in attacco. Siamo ultimi nel tiro da 3 punti e le sue doti balistiche sono ben note...».

Come giudica la squadra di Attilio Caja?

«Ho visto giocare diverse volte Varese, finora hanno sbagliato solo la partita con Sassari e in tutte le altre occasioni se la sono giocata fino in fondo. Come da previsioni estive è una squadra che ha un'identità ben definita in termini di coralità e consistenza difensiva; se tutto andrà per il verso giusto potrà provare a competere per i playoff, anche nel caso peggiore però non mi sembra una squadra che rischi di essere invischiata nella lotta per la salvezza».

Lei è stato responsabile delle giovanili di una Varese che vinceva scudettini e produceva giocatori, come giudica la situazione attuale?

«Constato con piacere che con l'avvento di Gianfranco Ponti ci sia l'intenzione di investire nuovamente sulle giovanili: nel corso degli anni Varese è stata una fucina per lanciare giocatori. Per tanti motivi è più difficile rispetto al passato produrre talenti, però se le disponibilità economiche sono poche costruirsi giocatori in casa, direi almeno 2-3 elementi da inserire nei 12 della serie A, è una soluzione quasi obbligata per ottimizzare le risorse». 

Giuseppe Sciascia

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...