Jump to content

«Varese per me è l'approdo ideale»


pxg14
 Share

[color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]"Respect!" Adrian Banks si veste da Otis Redding e, come il famoso bluesman, urla forte le sue ragioni al campionato italiano. Il torneo tricolore ascolta e s'inchina dinanzi a un giocatore che in pochi mesi è diventato uno dei protagonisti più importanti (quasi 17 punti a partita) imponendosi a suon di prestazioni entusiasmanti.[/size][/font][/size][/font][/color]

[color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Dopo i 26 punti, frutto di puro talento, con cui ha fatto a fette l'intero reparto esterni dell'EA7 Milano, ecco i 22 realizzati in totale leggerezza contro la Vanoli Cremona.[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Banks continua a crescere ma allo stesso tempo ha chiaro il suo ruolo all'interno del gruppo.[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Sono solo uno dei dodici che tenta di rendersi utile e, di più, sono orgoglioso di esser parte di questo gruppo vincente. Quel che stiamo facendo da agosto mi riempie di soddisfazione e, più di tutto, mi piace partecipare all'evoluzione della squadra. Un nucleo di giocatori che da diversi mesi, senza forzature né obblighi, mettono in comune talento, tanto lavoro in allenamento, dedizione, determinazione e voglia di vincere. La chimica è più che buona e l'armonia raggiunta rapidamente in campo rappresentano lo specchio di ciò che ci lega anche lontano dal parquet».[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Lei, però, si erge sempre più a punto di riferimento per la capolista.[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Dopo le sofferenze patite all'inizio della stagione che, lo ricorderete, mi avevano costretto a saltare parte della preparazione, adesso sto bene, mi alleno con buona continuità da diverse settimane e mi sento in buona forma. Inoltre, sto iniziando a capire il “senso” del basket italiano e di un campionato che richiede tanto sotto tutti i punti di vista. Quindi, mi sembra del tutto normale dare il massimo per questa Cimberio».[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]A questo punto emergono, se così volete chiamarle, le “Memorie di Adriano”, ovvero il desiderio di “rispetto!”: quello che Banks cerca dalla sua avventura italiana e non ha ha ricevuto nel corso della sua ultima fermata in Israele.[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Laggiù la pallacanestro ha una visione “Maccabicentrica” e l'interesse di tutti ruota solo intorno alle gesta della squadra di Tel Aviv. Non ci sono rispetto né considerazione per le altre squadre e gli altri giocatori contano ben poco. Quindi, è naturale andare alla ricerca di altre situazioni tecniche che, nel caso mio e di Bryant Dunston, si sono materializzate con l'offerta dall'Italia. Così, dopo un paio di buoni campionati in Belgio e, appunto, in Israele, giocando però in modo molto individuale, sentivo che era arrivato il momento di alzare il livello e chiedere qualcosa in più a me stesso. Varese, in quest'ottica, costituisce l'approdo ideale: ottima formazione, giustamente ambiziosa e vogliosa di lanciare sfide».[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Vicinissimi al giro da boa da primi in classifica: quali club l'hanno impressionata?[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Senza alcun dubbio Siena che ha una struttura fisico-atletica di alto livello. Contro la MPS ho il ricordo di una gara durissima. Vedendoli giocare in Eurolega ho la sensazione di un gruppo con altri margini di miglioramento».[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Aprirete il 2013 a Pesaro: un testa-coda che sulla carta pare agevole.[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«In questo girone d'andata ho imparato a diffidare di ciò che, in Italia, è definito “facile”. In ogni caso, ci penserà il coach Vitucci a tenere elevato il nostro livello di attenzione. Frank è bravissimo nello “stressare” la squadra al punto giusto e, non a caso, al di là dei risultati, finora non abbiamo mai sbagliato approccio. Di sicuro non capiterà a Pesaro».[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Massimo Turconi[/font][/size][/size][/font][/color]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...