Jump to content

VareseFansBasketNews


  • pxg14
    Teaser Paragraph:

    BASKET La Cimberio difende il primato in classifica dall'assalto del Banco

    [font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]È sfida tra le grandi stasera a Sassari tra Banco Sardegna e Cimberio Varese. [/size][/font]
    [font=verdana,geneva,sans-serif][size=3]Nel posticipo Tv delle 20 (diretta su RaiSport1) la formazione di Frank Vitucci farà visita alla diretta inseguitrice di Meo Sacchetti in una partita che catalizza l'attenzione di tutta Italia vista la sua importanza nella volata per il primato della regular seasion. Così come all'andata, si sfidano le prime due della classifica generale, che 15 turni dopo l'elettrizzante vittoria col minimo scarto dei biancorossi (a Masnago finì 85-84 con 2 liberi di Green a 11” dal termine e l'errore sulla sirena di Vanuzzo) non sono più rivelazioni ma realtà conclamate di un campionato che le ha viste viaggiare stabilmente ai vertici davanti alle più quotate Milano, Siena e Cantù. [/size][/font]

    [font=verdana,geneva,sans-serif][size=3]E il big-match odierno mette di fronte a Varese una ghiotta occasione: se i biancorossi si imporranno sul campo della seconda forza Dinamo, il 2-0 nel doppio confronto e i 4 punti di margine rappresenteranno un vantaggio pressochè incolmabile a 6 turni dal termine della regular season. [/size][/font]
    [font=verdana,geneva,sans-serif][size=3]La comitiva biancorossa (col 17enne Edoardo Vescovi - figlio del presidente varesino - a rimpiazzare in extremis l'influenzato Balanzoni) ha raggiunto Sassari nel primo pomeriggio, svolgendo l'ultima rifinitura sul parquet del PalaSerradimigni: presente anche capitan Ebi Ere, che ha svolto l'intera seduta di allenamento pur con qualche fastidio alla caviglia destra infortunatasi mercoledì. L'ala nigeriana sarà dunque regolarmente a disposizione di coach Vitucci, che confida nei progressi in termini di condizione delle ultime settimane per imporre il mix di aggressività e atletismo nelle corde della sua Cimberio in versione ottimale e fermare con la sua energia le qualità dell'attacco atomico di Sassari. [/size][/font]

    [font=verdana,geneva,sans-serif][size=3]Di fronte stasera ci saranno le due squadre più prolifiche del campionato (88,7 per il Banco Sardegna contro gli 84,8 di Varese), ma l'intento del coach veneziano è quello di puntare sulla difesa per non sfidare i padroni di casa in una “sparatoria” a punteggio altissimo sul terreno più congeniale per le qualità balistiche dei cugini Diener. Il play ex Nba, ormai prossimo al conseguimento del passaporto italiano che permetterà alla Dinamo di allungare le rotazioni con un lungo europeo prima dei playoff, è la mente del gruppo (17,0 punti e 7,7 assist col 42% da 3) che ha il suo terminale principe nel duttile Drake (17,1 punti col 62% da 2 e il 46% da 3), ma ha altri elementi di grande spessore offensivo nei veterani Thornton (12,0 punti) ed Ignerski (12,9 punti) nei due spot di ala.[/size][/font]
    [font=verdana,geneva,sans-serif][size=3]Sotto canestro l'agile Easley (11,9 punti e 5,6 rimbalzi) garantisce un riferimento di valore, mentre dalla panchina lo “zoccolo duro” degli italiani - dal play Pinton alle ali Devecchi e Sacchetti oltre al veterano Vanuzzo - dà sostanza ed energia. [/size][/font]

    [font=verdana,geneva,sans-serif][size=3]Per limitare le folate di un Banco Sardegna che davanti al “tutto esaurito” del PalaSerradimigni ha perso solo una volta su 11 gare casalinghe servirà una Cimberio perfetta sul piano dell'intensità difensiva e delle scelte: e dal duello chiave in regia tra i “re degli assist” Diener e Mike Green scaturirà con ogni probabilità l'esito finale di un match che potrebbe consacrare definitivamente il ruolo da “reginetta” della Cimberio.[/size][/font]
    [font=verdana,geneva,sans-serif][size=3]Giuseppe Sciascia [/size][/font]

  • pxg14
    Teaser Paragraph:

    PARLA COACH VITUCCI

    [font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Sassari-Varese non sarà solo una partita tra grandi attacchi. Così Frank Vitucci inquadra il big-match di domani al PalaSerradimigni, preparato nell'inedita location di Malnate («Un ringraziamento alla società locale che ci ha ospitato in questi due giorni»). [/size][/font]

    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Il tecnico veneziano inaugura la disamina pre-partita con un pensiero rivolto alla pallavolista Sara Anzanello («Dovrebbe partecipare a giugno a un camp a Jesolo dove sarò presente anch'io, spero riesca a risolvere presto questa sua sfortunata situazione») e poi si concentra sulle necessità della trasferta sul campo della Dinamo: «Si affrontano due squadre di alto livello in grado di proporre un bello spot per il basket. Il modo di giocare non è comune in tutto ma per certi versi ci sono similitudini; però ognuno di noi ha una propria identità e noi dobbiamo essere consapevoli che il match di domani si vince in difesa». [/font][/size]

    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Dunque, più che una “sfida all'OK Corral” a chi segna di più, la Cimberio dovrà giocare una partita accorta limitando il potenziale del miglior attacco del torneo: «Giochiamo contro la squadra che ha i numeri offensivamente migliori del campionato; più che sfidarla sul suo terreno dovremo difendere bene e controllare il gioco. Ovviamente cercheremo di impostare la gara sui binari che ci sono maggiormente congeniali, mettendo però molta attenzione in ogni particolare perché Sassari ha una grandissima abilità nel punire gli errori altrui. I sardi spingono molto in attacco perché hanno qualità più spiccate, noi dovremo lavorare in difesa meglio di loro».[/font][/size]

    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]E Vitucci (foto Blitz) scongiura qualsiasi rischio per capitan Ere («Sicuramente giocherà anche se non al 100 per cento: già ieri stava meglio e prioma di domenica recupererà senza dubbio») confidando nella ritrovata condizione delle ultime settimane: «Mi aspetto un altro passo in avanti rispetto alle ultime prestazioni che hanno evidenziato un costante miglioramento dopo un periodo difficile. Lo spirito è buono e anche Cerella continua nella sua ascesa: quale test migliore della trasferta sul campo della diretta inseguitrice per mettere alla prova il nostro stato di forma?». [/font][/size]

    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]E rispetto all'andata si riproporrà il tema dello scontro al vertice tra le due prime della classe, oggi non più rivelazioni ma realtà di vertice: «Dopo 22 giornate ci siamo ampiamente guadagnati il rispetto da parte di tutti; chiaro che poi i playoff in 7 partite rimetteranno tutto in discussione e il primato di fine stagione regolare conta ma non in maniera determinante. Chiaro che se vinceremo noi potremmo porre una seria ipoteca su questo traguardo mentre in caso di sconfitta correremo comunque fino alla fine; sappiamo che è un'occasione ghiotta e proveremo a sfruttarle. Poi nei playoff vedremo cosa accadrà, ma oggi mi interessa fare un altro passo in avanti per lanciare la nostra sfida a chi come Milano e Siena ha costruito la squadra con l'obiettivo di vincere il campionato e i mezzi per poterlo fare».[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]G.S.[/font][/size]

  • pxg14
    Teaser Paragraph:

    BASKET La Cimberio propone abbonamenti-scommessa comunque vantaggiosi

    [font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Una scommessa su un lungo cammino playoff pensata a misura dei tifosi biancorossi: è questo l'intento della campagna abbonamenti per la post-season lanciata ieri dalla Pallacanestro Varese con il messaggio “Noi ci crediamo, e tu?”. [/size][/font]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Raggiunto aritmeticamente il traguardo della qualificazione al tabellone-scudetto, la società di piazza Monte Grappa propone per la prima volta nella sua storia un mini-abbonamento valido per le gare dei quarti e delle eventuali semifinali (non comprese invece le finali). [/font][/size]

    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Pagando l'equivalente di tre partite si può arrivare a un risparmio che potrebbe raggiungere il 170 per cento: dipenderà tutto dal cammino dei biancorossi, ma se il minimo è di due tappe casalinghe, in caso di eliminazione per 0-4 al primo turno, il massimo di 8 se in entrambi i turni la Cimberio andrà a gara-7 da giocare a Masnago. Si tratta di una promozione certamente vantaggiosa per i tifosi, soprattutto alla luce dell'elevato numero di partite in pochi giorni con relativo esborso importante. Ma allo stesso tempo lo è anche per la società, che con gli introiti generati da questi mini-abbonamenti avrà la garanzia di coprire il 100 per cento del budget della stagione 2012/2013 e di aumentare in maniera concreta l'affluenza al PalaWhirlpool dopo i dati non certo entusiasmanti delle ultime due stagioni (poco più di 2600 paganti per le due sfide dello scorso anno contro Siena). [/font][/size]

    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]LE DUE FASI - Così come accade abitualmente in campagna abbonamenti ci saranno due “step” temporali differenti. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]La prima fase - da giovedì 21 a sabato 30 marzo - sarà riservata ad abbonati e Sostenitori Più, che potranno esercitare il diritto di prelazione sul loro posto abituale. Dal 3 al 9 aprile invece spazio per i non abbonati con vendita libera a tariffa maggiorata. Gli abbonati e i Sostenitori Più che non sottoscriveranno il mini-abbonamento manterranno comunque le agevolazioni previste in campagna abbonamento (rispettivamente 30 per cento di sconto e prime due partite gratis) in fase di acquisto dei biglietti playoff, senza però poter avere garanzia della prelazione dei posti. [/font][/size]

    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]I PREZZI - Nella prima fase i mini-abbonamenti costeranno 360 euro in parterre Ovest, Sud e Nord (120 il biglietto singolo), 220 in parterre Est (biglietto a 70), 115 in Tribuna Gold (35 il biglietto), 85 in Tribuna Silver (25 il biglietto), 55 in Curva Nord e Galleria (15 il biglietto) riducendo a 290, 175, 90, 70 e 45 euro il costo degli abbonamenti per l'Under 18. Ulteriori sconti per i Sostenitori Più (120 il parterre, 55 la Tribuna Gold, 45 la Silver e 30 in Curva Nord e Galleria). [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Nella seconda fase i prezzi saliranno a 450 euro (360 per gli Under 18) nel parterre Vip, 250 (200) per il parterre Est, 140 (110) per la Tribuna Gold, 100 (80) per la Tribuna Silver e 70 (55) per Curva Norde Galleria. [/font][/size]

    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]MODALITÀ - I mini abbonamenti saranno disponibili presso i botteghini del PalaWhirlpool dalle 17 alle 19,30 dal lunedì al venerdì (nelle tre giornate di sabato invece apertura dalle 10 alle 12,30 e dalle 16 alle 18). L'acquisto della tessera eviterà code ai botteghini e permetterà di avere il posto garantito per quarti e semifinali. A tutti coloro che sottoscriveranno il mini-abbonamento sarà regalata una T-shirt a tiratura limitata. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Giuseppe Sciascia [/font][/size]

  • pxg14
    Teaser Paragraph:

    Sacchetti elogia la sua Sassari e Varese prima della sfida

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Ci prova anche Meo Sacchetti a “fare le carte” al big match di domenica tra il suo Banco Sardegna e la Cimberio. [/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Il tecnico della Dinamo “vede” una partita piacevole e giocata a viso aperto tra le due squadre più spettacolari del campionato di serie A: «Speriamo sia una partita all'altezza della posta in palio, auspicando un esito diverso da quello della gara di andata a Masnago. Sicuramente si sfideranno due squadre votate ad un basket divertente e spettacolare e non credo proprio che ci snatureremo in questo scontro diretto: logico che anche noi abbiamo i nostri difetti ma stiamo lavorando per crescere, però quel che ci ha fatto arrivare ai vertici della classifica è la nostra identità votata all'attacco». [/size]
    [size=3]E se lo scontro dell'ottava giornata a Masnago era visto da tutti come la sfida tra le due rivelazioni, ora Varese e Sassari sono realtà di altissimo livello che hanno dimostrato sul campo di meritare il vertice della classifica. Addirittura la Dinamo è una delle pochissime società della serie A italiana a poter già programmare in ottica futura, come dimostra la recente estensione contrattuale fino al 2018 firmata dallo stesso Sacchetti: «Ormai siamo realtà a tutti gli effetti: per qualche mese tutti si aspettavano il nostro crollo - le parole del coach della Dinamo - ma noi e Varese siamo andati avanti sugli stessi standard elevati. E per quanto ci riguarda la programmazione futura è un aspetto importante su cui stiamo lavorando: i prolungamenti contrattuali sono un messaggio importante che dà garanzie di continuità a lungo termine». [/size]
    [size=3]In ogni caso Sacchetti non attribuisce una importanza risolutiva al piazzamento finale della stagione regolare in vista di un playoff nel quale le “big” di Eurolega sono pronte a rimettere tutto in gioco: «La posta è ghiotta ma non è una partita determinante: sono convinto che ci sarà la giusta tensione agonistica, tuttavia le squadre giocheranno al massimo senza condizionamenti mentali. Se vinciamo noi li agganciamo al comando, se vincesse Varese i 4 punti di vantaggio col 2-0 negli scontri diretti vorrebbe dire un'ipoteca sul primato finale. Che è importante per il prestigio, ma in realtà chiudere primi o secondi non cambia poi così tanto: il titolo non si assegna al 5 maggio, perché i playoff rimettono tutto in gioco». [/size]
    [size=3]E i ritmi massacranti di una partita ogni 48 ore sembrano favorire sulla carta le squadre con gli organici più profondi, con Varese e Sassari che dovranno dimostrare l'efficacia del loro sistema “offensivistico” anche nei playoff: «Il dilemma vero è proprio questo: dovremo scoprire se riusciremo a farlo e soprattutto ad esprimere il nostro basket con la continuità necessaria per andare lontano. Però l'equilibrio più marcato aiuta ad aumentare l'interesse del campionato: il predominio assoluto di Siena è finito anche se si tratta ancora di una squadra di altissimo livello come ha dimostrato in Coppa Italia. Magari vincerà ancora la MPS e di sicuro la profondità di Milano ne fa comunque la favorita, però tutti quelli che sono al vertice hanno le carte in regola per sognare il titolo…». [/size]
    [size=3]Il grande ex di turno sottolinea comunque come lo stile di gioco promosso da Cimberio, Banco Sardegna ed Acea - ossia le attuali prime della classe - abbia portato una apprezzabile ventata di novità: «Noi e Varese abbiamo tracciato una strada, seguita anche da Roma e Reggio Emilia, che dimostra come giocando un certo tipo di pallacanestro divertente si possano coniugare vittorie e spettacolo. Una novità che può fare tendenza ma intanto ha dato una mano in un periodo difficile per il basket a rappresentare il movimento sotto un aspetto positivo. Nei playoff ci sarà magari tutt'altro clima in campo, ma avendo dimostrato di poter giocare questa pallacanestro per tanto tempo vogliamo provare a battagliare fino in fondo per lottare per un obiettivo concreto». [/size]
    [size=3]Giuseppe Sciascia [/size][/size][/font][/color]

  • pxg14
    Teaser Paragraph:

    Il ''CERVELLO'' - Mike Green indica la via per espugnare Sassari

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]La ragione al centro. No, non ci sono particolari riferimenti al pensiero illuminista. E' solo che, in vista del “big-game” in programma a Sassari domenica prossima, al centro (del campo) ci sarà probabilmente lo scontro tra i due più celebrati “cervelli” del campionato italiano: Travis Diener per il Banco di Sardegna e, ovviamente, Mike Green per la Cimberio Varese.[/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Il regista varesino, già “connesso” con la partitissima contro i sardi, annota sul suo personale taccuino i miglioramenti messi in mostra nelle ultime due settimane.[/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]«Non siamo ancora al 100% della forma, ma rispetto alla trasferta di Desio contro Cantù, durante la quale toccammo il punto più basso della stagione, siamo in netta risalita. Nell'ultima uscita contro l'Angelico abbiamo ritrovato, sul fronte offensivo, la “verve” di Ere e Banks, ma ho visto progressivamente in crescita anche Polonara". [/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]- Contro Biella c'è stato anche l'esordio di Bruno Cerella...[/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]«Sono, siamo, davvero tutti contenti per il ritorno in campo di Bruno, un ottimo giocatore, ma soprattutto un ragazzo di speciale spessore sotto il profilo umano. In questi mesi l'abbiamo visto lavorare tantissimo e, purtroppo, soffrire allo stesso modo. A un certo punto, agli inizi dello scorso mese di dicembre, sembrava che la sua strada verso il recupero fosse interminabile, ma Cerella, mettendo grande determinazione e incredibile applicazione, ce l'ha fatta. Oggi, dopo solo due minuti di gioco, è presto per dire cosa potrà dare ma, intuitivamente, con quel suo modo di stare sul parquet fatto di enorme energia e vitalità, diventerà presto un'addizione importante sui due lati del campo. Bruno, infatti, è un giocatore tosto in difesa e aggressivo in attacco e, una volta al meglio, sarà certamente utilissimo allungando le rotazione e portando fisicità nel reparto esterni». [/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]- Parliamo, adesso, dello scontro al vertice con Sassari. Una gara che, in mezzo a molteplici significati, offrirà un piatto gustoso: il confronto tra lei e Travis Diener...[/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]«Un duello tra giocatori che hanno caratteristiche tecniche e fisiche molto diverse. Diener ha grande talento offensivo, è molto più attaccante di me (17 punti di media per il sardo, 13.6 per il varesino, ndr) e tira assai di più da tre punti. Limitare la sua spinta, l'estro offensivo e la propensione a giocare per gli altri (Travis è primo negli assist con una media di 7.7 palloni smazzati, ndr) sarà importante, ma sicuramente non decisivo perchè partite di questo livello vogliono dire soprattutto una squadra contro l'altra». [/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]- La prima per punti segnati, Sassari, contro la seconda, Varese. Che tipo di partita ne uscirà? [/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]«Aspetto una gara simile a quella dell'andata (vittoria Cimberio 85-84), giocata a viso aperto tra due formazioni che certamente non snatureranno il loro stile di pallacanestro. Però, noi siamo a primi a sapere che non potremo accettare una partita a chi fa un canestro in più. In quel caso, oltre a un pericoloso errore strategico, firmeremmo con le nostre mani una condanna quasi certa perchè il Banco, specialmente in casa, è in grado di esaltarsi e tirare cento punti a chiunque». [/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]- Quindi? [/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]«Nelle pieghe di una partita che probabilmente sarà giocata su velocità elevate, dovremo trovare il ritmo e l'intensità difensiva indispensabili per creare difficoltà alla manovra di Sassari. Dunque: match equilibrato e attento in attacco e di notevole, grandissima sostanza in difesa. Per mettere le mani sul primo posto della “regular season” - conclude Mike - questo e altro...».[/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Massimo Turconi[/size][/size][/font][/color]

  • pxg14
    Teaser Paragraph:

    La Cimberio come i Roosters: si vince anche con budget limitati

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]La Cimberio ha raggiunto l'biettivo playoff in larghissimo anticipo: la vittoria di domenica contro Biella, in contemporanea con lo stop esterno di Brindisi a Pesaro, ha garantito la certezza aritmetica della qualificazione al tabellone per l'assegnazione dello scudetto 2012/2013 con ben otto turni di anticipo sulla conclusione della stagione regolare. E tagliare il traguardo per prima rappresenta un altro record di questa esaltante annata vissuta stabilmente al vertice della classifica per la squadra di Frank Vitucci, soprattutto ricordando le fatiche degli anni scorsi (l'ottavo posto del 2011/2012 arrivò a tre giornate dal termine del cammino regolare, il settimo del 2010/2011 alla penultima giornata). [/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Ora le ultime otto tappe della stagione regolare serviranno per determinare il piazzamento d'entrata di una griglia di partenza ancora tutta da delineare: dopo sei anni di “monarchia assoluta” da parte di Siena quest'anno le gerarchie sono ancora tutte da scrivere, al di là del buon vantaggio accumulato da Varese e Sassari che si giocheranno verosimilmente i primi due posti. [/size]
    [size=3]Ma dietro le due fuggitive la bagarre è assoluta con cinque squadre raccolte nel “fazzoletto” di 4 punti e tanti scontri diretti ancora da giocare negli ultimi due mesi che anticiperanno i playoff più equilibrati da 14 anni a questa parte. Ossia dall'impresa tricolore dei Roosters della Stella, l'ultima outsider a conquistare il titolo italiano prima di una lunga serie di successi legati a budget sontuosi (dalla Kinder di Madrigali alla Fortitudo di Seragnoli, passando per la Benetton e poi il dominio assoluto di Siena). [/size]
    [size=3]Quest'anno manca la squadra da battere e anche club partiti con ruoli da “sfidanti”, come Varese e Sassari, possono ormai legittimamente ambire al titolo; d'altra parte però in questa situazione contrassegnata dal più assoluto equilibrio diventa importante anche il tabellone scudetto per capire quali avversari si porranno sul cammino dei biancorossi. Situazione al momento totalmente fluida e impossibile da pronosticare, anche se con un piazzamento finale che difficilmente andrà oltre il primo o il secondo posto la Cimberio non dovrebbe trovarsi di fronte una delle “big” tra Siena, Milano o Cantù. A oggi, con le prime sei ormai a un passo dal traguardo, la lotta per i piazzamenti di rincalzo coinvolge Reggio Emilia (la squadra del momento con 5 vittorie in fila, fra due settimane toccherà alla Cimberio fare visita al PalaBigi), Venezia e Brindisi; verosimilmente l'avversaria di Varese nel tabellone dei quarti uscirà da questo “ventaglio” (con la Reyer comunque favorita dal 2-0 negli scontri diretti con l'Enel al di là dell'attuale vantaggio di due lunghezze). [/size]
    [size=3]Ma al di là del valore dell'avversaria del primo turno, nel clan biancorosso auspicano anche un accoppiamento “logisticamente” vantaggioso, soprattutto alla luce dei ritmi massacranti di una post season a ritmi da NBA dopo una stagione regolare vissuta stabilmente su cadenze da una partita a settimana. Giocando ogni 48 ore una trasferta vicina potrebbe essere d'aiuto nel ridurre i tempi di recupero. [/size]
    [size=3]Giuseppe Sciascia [/size][/size][/font][/color]

  • pxg14
    Teaser Paragraph:

    L'OPINIONE di GIANCARLO PIGIONATTI

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Una cosa è certa: l'entusiasmo ha fissa dimora a Masnago. Non importa se di fronte ci sia la Cenerentola del campionato, pur travestita da “negroni” che mostrano i muscoli e saltano come pantere, sugli spalti (foto Blitz) si fa festa, nemmeno fosse quella della Liberazione a guerra finita, segno d'un momento molto particolare della stagione nel quale la tifoseria avverte l'importanza di una intima vicinanza con la squadra per spingerla, con incalcolabile amore, lassù, nel paradiso finale. [/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Affetto chiama affetto, ebbene questa Cimberio se l'è, da tempo, costruito, cominciando dal primo raduno, cioè in tempi durante i quali predirle un avvenire così esaltante poteva sembrare un'utopia bella e buona se non una faziosità per partito preso. Un partito, invece, nel tempo, ingrossato di molti sostenitori convinti, soprattutto tra gli attendisti d'ogni stagione, persuasi presto dalla mirabile pallacanestro di Vitucci e dei suoi uomini che hanno riconsegnato grande prestigio al nome di Varese. Ora manca quell'atto finale, d'una Impresa, innominabile ma sognata. [/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Dunque, come si diceva, al pubblico di Masnago basta anche una modesta Biella, ancorché non del tutto dimessa in campo, per esercitarsi in prove tecniche di festa attraverso un'esibizione di danzatrici-equilibriste all'intervallo e con un'ola prolungata come effetto speciale di un intrattenimento gioioso. [/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Nell'apoteosi c'è pure spazio per un boato di felicità alla notizia della sconfitta di Sassari ad Avellino che libera Varese d'un condominio da primato molto scomodo proprio nell'attesa del confronto diretto di domenica prossima. [/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Già prima v'è stata una grandinata di applausi, propiziata dal debutto di Cerella, fors'anche temuto, a un certo punto della stagione, come un “oggetto misterioso” per problemi a un piede, dopo una lunga riabilitazione da un grave infortunio ma, ora e concretamente sul parquet, con la voglia di riprendersi il tempo perduto, accolto più trionfalmente di un conquistatore romano, di ritorno in patria da gloriose conquiste. L'ex Teramo non è ancora sceso in campo e già lo si porta in trionfo, segno di uno stato d'animo generale di grandi aspettative in un finale di campionato che si vuol vivere con elevate ambizioni grazie anche all'aggiunta presenza d'un atleta, considerato, per il suo potenziale valore, un effettivo rinforzo. In campo lo ha voluto Vitucci che, alla vigilia, bruciando i tempi di recupero, aveva messo pressione ai medici sociali per poterlo “liberare” sul parquet, anche solo per un paio di minuti, così è accaduto, almeno quanto è servito a fargli respirare un po' d' aria di agonismo puro. [/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Il match con Biella, al di là del festoso contorno, è parso quasi un derby, come il punteggio ha mostrato per una Cimberio cui sono bastati, per regolare la propria pratica, intensi sprazzi di bella pallacanestro, interpretata da tutti ma, in primis, da quei biancorossi che ci hanno abituato alla loro mirabile titolarità, come Ere e Banks, tanto per citare due noti frombolieri. Per una volta non ha spadroneggiato l'asse Green-Dunston che, ai punti, ha perso il duello con l'accoppiata Johnson-Pinkney, grondante di segnature. [/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Nulla di scandaloso, tutt'altro per l'indiscutibile play e per il delizioso “centro”, sempre piacevole da vedere quando si libera con energia sotto i tabelloni per concludere dolcemente, nell'occasione sotto lo sguardo di un tifoso in più e speciale come Charly Yelverton, campione della Mobilgirgi, laureatosi - come il centro biancorosso - alla Fordham di New York. Charly, che ora vive in Piemonte e che, da anni, non metteva piede al palasport, è ricomparso proprio per conoscere il pivot biancorosso il quale, come molti tifosi, non immagina le prodezze di cui era capace quell'asso, capace di stregare gli avversari e di incantare le platee nonché di stupire ogni volta, anche fuori del campo, per il suo modo d'essere così simpaticamente bizzarro. [/size][/size][/font][/color]

  • pxg14
    Teaser Paragraph:

    BASKET Cecco Vescovi pregusta già la sfida di domenica

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Torna a coniugare vittorie e bel gioco questa Cimberio capace di mostrare nuovamente la sua identità frizzante e corsaiola nel “testa-coda” con Biella che conforta il presidente biancorosso Cecco Vescovi in vista del big-match di domenica a Sassari: «La partita serviva per riprendere smalto e mostrare quei progressi sul piano della condizione che volevamo riscontrare dopo le ultime due settimane di lavoro a ranghi completi. I riscontri del campo hanno confermato che la squadra sta rifiorendo dal punto di vista atletico, sicuramente un buon viatico in vista del big match di domenica prossima». [/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]E la contemporanea sconfitta del Banco Sardegna che ha riportato Varese al primo posto solitario della classifica carica ulteriormente di significati la trasferta sul campo della Dinamo: la squadra di Vitucci ha l'opportunità di chiudere virtualmente i conti in caso di successo (espugnare il PalaSerradimigni darebbe infatti 4 punti di vantaggio e il 2-0 negli scontri diretti a 7 turni dal termine della stagione regolare): «Per noi è una opportunità importante per confermare il primo posto in maniera definitiva, mentre per Sassari vale tutto e niente; certo noi siamo gli unici, tra le squadre di vertice, ad avere 5 trasferte nelle ultime 8 gare, il primato in classifica dovremo guadagnarcelo lontano da Masnago a partire dalla sfida di domenica che sarà certamente un bel test anche per noi». [/size]
    [size=3]Al di là della vittoria, nel match contro Biella confortano il clan biancorosso il ritorno su livelli elevati di un Banks in versione esplosiva e il debutto stagionale - sia pur per soli 2 minuti - di Bruno Cerella: «Ci aspettavamo una prestazione in ascesa da parte di Adrian così come la continuità della crescita di Ebi. E sicuramente anche Green con giocatori che si fanno trovare pronti è in grado di metterli nelle condizioni di fare bottino, come è accaduto domenica. Importante anche il percorso iniziato da Cerella per entrare stabilmente nelle rotazioni: da qui a un mese sarà un'addizione preziosa per le rotazioni di Vitucci. Ma fin d'ora il suo impatto in settimana alza il livello di fisicità e aiuta anche Banks a rendere di più facendolo lavorare in allenamento contro un avversario in grado di dargli stimoli ed opposizione». [/size]
    [size=3]E il presidente biancorosso ribadisce il peso determinante nella corsa playoff della forma migliore da raggiungere per gli appuntamenti chiave prima ancora del piazzamento nella griglia di partenza: «Sarà fondamentale arrivare a maggio con tutti gli elementi in condizione, visto che ci attenderà un periodo molto intenso dove si giocherà ogni due giorni. Quello dei playoff al meglio delle 7 partite sarà una novità per tutti: chiaro che chi ha la panchina più lunga è più attrezzato rispetto alle altre squadre che rischiano di sentire di più la fatica, ma la differenza la fanno la qualità e la solidità del gruppo». [/size]
    [size=3]Il presidente della Cimberio ritorna infine sullo scontro al vertice di domenica prossima “prevedendo” - o meglio ancora auspicando - una partita divertente e a punteggio alto che possa avere anche una funzione promozionale: «I due Diener sono una vera ira di Dio, ma in quei ruoli abbiamo giocatori che possono impegnarli in difesa e fargli spendere energie. Che partita mi aspetto? Al di là della possibile tensione per la posta in palio, non credo che due squadre votate all'attacco si snaturino in una partita che varrà certamente una bella fetta del primato; dunque mi aspetto una partita bella e ad alto punteggio, come all'andata. Spero che due squadre divertenti e due società strafelici dell'andamento della stagione possano dar vita a un grande spettacolo e fare una grande pubblicità alla bellezza del basket». [/size]
    [size=3]Giuseppe Sciascia [/size][/size][/font][/color]

  • Nicolò Cavalli
    Teaser Paragraph:

    Masnago si surriscalda per l'esordio di Cerella: sarà lui l'uomo in più di fine campionato?

    [b]DUSAN SAKOTA [/b](11 punti; 1/2 2p; 3/5 3p; 0/0 tl), [b]VOTO: 7. [/b]Nella canonica dimensione di utilizzo – a inizio match e nella volata finale dopo un lungo letargo – spariglia il piatto con una lodevole sicurezza al tiro.

    [b]ADRIAN BANKS [/b](23 punti; 8/9 2p; 1/4 3p; 4/5 tl) [b]VOTO: 7,5. [/b]Ruba la scena tornando grande per la prima volta dopo l'infortunio di inizio 2013. La meccanica al tiro assume forme poetiche, l'atletismo aiuta a scaldare la contesa. Sbaglia una schiacciata impossibile, dopo una funambolica serpentina, che sarebbe finita nella top 10 delle azioni dell'intero campionato.

    [b]ERIK RUSH [/b](0 punti; 0/0 2p; 0/2 3p; 0/0 tl) [b]VOTO: 4,5. [/b]In piena crisi esistenziale, fatica a trovare il campo, a scheggiare il ferro e a intravedere l'avversario da marcare. Rivisitazione della battaglia di Caporetto in salsa scandinavo-americana.

    [b]JANAR TALTS [/b](0 punti; 0/2 2p; 0/1 3p; 0/0 tl) [b]VOTO: 5,5. [/b]Generoso ma eccessivamente pasticcione, ha le proverbiali mani a saponetta. Improvvisa con fare taurino un'entrata ma impiega circa 24 secondi per passare dal perimetro al pitturato. Ritenta, sarai più fortunato.

    [b]ANDREA DE NICOLAO [/b](2 punti; 1/1 2p; 0/1 3p; 0/0 tl) [b]VOTO: 7. [/b]Scattante, acuto, attento ai dettagli. Aggettivi che non concorrono ad arricchire le statistiche, ma aiutano a vincere le partite.[b] [/b]

    [b]MIKE GREEN [/b](5 punti; 2/6 2p; 0/1 3p; 2/7 tl) [b]VOTO: 6. [/b]Stranamente svogliato e lento, salva il giudizio con alcuni buoni assist che decidono la partita nel momento di maggior incertezza. In caso di sconfitta, ne avrebbe sentite un bel po' da Vitucci...

    [b]BRUNO CERELLA [/b](2 punti; 0/0 2p; 0/1 3p; 2/2 tl) [b]VOTO: 6. [/b]Gettato nella mischia qualche settimana prima delle previsioni, rompe il ghiaccio destando sensazioni positive. Gli auguriamo, dopo una serie infinita di sventure, un pronto riscatto personale.

    [b]EBI ERE [/b](25 punti; 4/4 2p; 4/8 3p; 5/9 tl) [b]VOTO: 7,5. [/b]Fromboliere implacabile anche contro la difesa schierata, alza la mano e buca la retina con apparente semplicità. Gli omologhi biellesi possono solo fermarlo con falli a ripetizione. Un mastino elegante.

    [b]ACHILLE POLONARA [/b](13 punti; 1/2 2p; 2/2 3p; 5/7 tl) [b]VOTO: 6,5. [/b]Pur con un'espressione sonnolenta, confeziona una discreta prestazione ed è artefice del break che spezza in due l'incontro. Con un volto più tosto tornerà a mangiare i ferri dello stivale.

    [b]BRYANT DUNSTON [/b](11 punti; 5/8 2p; 0/0 3p; 1/1 tl) [b]VOTO: 7. [/b]Senza strafare assomma l'ennesima “doppia doppia” e ci aggiunge cinque recuperi preziosi come gemme. In difesa concede qualche metro di troppo all'osso duro Pinkney.

  • Member Statistics

    1,329
    Total Members
    1,155
    Most Online
    Galeno
    Newest Member
    Galeno
    Joined
×