Jump to content

VareseFansBasketNews


  • pxg14
    [color=#000000][font=Tahoma, Geneva, sans-serif][size=3]Masnago[/size][/font][/color][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] - Togliete l'[/size][/font][/color][color=#000000][font=Tahoma, Geneva, sans-serif][size=3]audi[/size][/font][/color][color=#000000][font=Tahoma, Geneva, sans-serif][size=3]o[/size][/font][/color][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] a RaiSport se non potete essere a [/size][/font][/color][b]Siena[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] e siate fiduciosi perchè il [/size][/font][/color][i]dio del basket [/i][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]c'è e la sera di [/size][/font][/color][b]martedì 28 maggio[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] ha benedetto l'umiltà, il coraggio e la sfacciataggine della[/size][/font][/color][b] ciurma[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] di [/size][/font][/color][b]Frank Vitucci[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]: vince la[/size][/font][/color][b]Cimberio [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]sul [/size][/font][/color][b]Montepaschi [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]tricolore e lo fa con un[/size][/font][/color][b]distacco più ampio[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] del rabberciato [/size][/font][/color][b]64-62[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] finale. L'[/size][/font][/color][b]aritmetica [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]del punteggio e della statistica non potrà mai misurare il cuore con cui si chiudono [/size][/font][/color][b]quaranta minuti[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] da annali dell'intensità e da [/size][/font][/color][b]manuale dei playoff[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]. E stavolta il[/size][/font][/color][b]colore vincente [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]è il bianconero dei biancorossi, perché[/size][/font][/color][b]Brown[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3], mister Match coi suoi [/size][/font][/color][b]29 punti [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]in gara 1, il tiro della[/size][/font][/color][b] partita[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] l'abbozza soltanto. Così a[/size][/font][/color][b] Siena[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] non basta[/size][/font][/color][b]Hackett [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]perché la [/size][/font][/color][b]Mps[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] ha la panchina lunga ma, tolto un indemoniato [/size][/font][/color][b]Kangur[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3], non ha il cuore di[/size][/font][/color][b] Varese[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]; la quale,[/size][/font][/color][b]azzoppata [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]nei suoi tentativi di[/size][/font][/color][b] fuga[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] dall'imprecisione di[/size][/font][/color][b]Ere [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3](l'ennesimo disastro offensivo)[/size][/font][/color][b] [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]e [/size][/font][/color][b]Sakota[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] e da tre-quattro capziose, a pensar male verrebbe da dire chirurgiche, [/size][/font][/color][b]decisoni arbitrali[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3], si ritrova a quasi 6' dalla fine senza [/size][/font][/color][b]Dunston[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]. Cioè con l'area a [/size][/font][/color][b]disposizione [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]di [/size][/font][/color][b]Eze[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] e col suo primo (alla fine con [/size][/font][/color][b]Gree[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]n) terminale offensivo (13 punti) fuori causa per raggiunto limite di falli.[/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]I [/size][/font][/color][b]soloni[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] criticano [/size][/font][/color][b]Vitucci[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] per non aver tolto il lungo prima, [/size][/font][/color][b]Masnago[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] che il cuore della squadra lo vive s'arrabbia coi [/size][/font][/color][b]tre fenomeni[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] armati di fischietto e [/size][/font][/color][b]Talts[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] dimostra subito dopo che la fiducia riposta per [/size][/font][/color][b]gara 2[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]è figlia d'una certezza. Cioè che l'estone è pronto per la battaglia non meno di[/size][/font][/color][b] Ivanov[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]. Non meno degli altri[/size][/font][/color][b]dieci biancorossi[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3], a cominciare da uno splendido [/size][/font][/color][b]Bruno Cerella[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3].[/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]In[/size][/font][/color][b] gara 2[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] il celebrato coach Banchi prende [/size][/font][/color][b]una lezione di tutto[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] e se la Mps resta in partita sino all'[/size][/font][/color][b]ultimo secondo[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] lo deve alle [/size][/font][/color][b]magate[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] del Daniel ([/size][/font][/color][b]Hackett[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]) nazionale, a qualche spunto di [/size][/font][/color][b]Ress[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3],[/size][/font][/color][b] Ortner [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]e[/size][/font][/color][b] Brown[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] e, per l'appunto, a [/size][/font][/color][b]chiamate arbitrali[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] sconcertanti che permettono a [/size][/font][/color][b]Siena[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] (che, [/size][/font][/color][b]fisica com'è[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3], chiude il match[/size][/font][/color][b]senza neppure[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] un giocatore a quattro falli!) di randellare colpi in [/size][/font][/color][b]post basso[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] col solito [/size][/font][/color][b]Moss[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] di strattonare i [/size][/font][/color][b]portatori di palla [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]di [/size][/font][/color][b]Varese[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3], di [/size][/font][/color][b]frenare[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] insomma la velocità della [/size][/font][/color][b]Cimberio[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] che, con un[/size][/font][/color][b] arbitraggio[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] meno cervellotico[/size][/font][/color][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] e più vicino al [/size][/font][/color][b]regolamento[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3], avrebbe chiuso il match a inizio del [/size][/font][/color][b]terzo quarto[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]. Cioè quando i toscani [/size][/font][/color][b]hanno dato[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] il primo vero segno di [/size][/font][/color][b]cedimento[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] strutturale. Qualcosa [/size][/font][/color][b]meno d'una certezza[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3], qualcosa più d'una [/size][/font][/color][b]minuscola crepa [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]in un cristallo.[/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Finisce però con un tiro di [/size][/font][/color][b]Brown[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] che non arriva al ferro - ve l'avevamo scritto: in gara 1 era andato in [/size][/font][/color][b]over[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3], spiegando da solo il raid di [/size][/font][/color][b]Siena[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] - e che fa saltare il [/size][/font][/color][b]PalaWhirlpool[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]: si va all'ombra del [/size][/font][/color][b]Mangia[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3], laddove il cuore s'apre di più se si passa dalla porta di [/size][/font][/color][b]Camollia[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3], laddove i cavalli contano [/size][/font][/color][b]quanto gli uomini[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] se si tratta di correre la stessa corsa e laddove l'[/size][/font][/color][b]inchiesta giudiziaria[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] sulla banca delle banche[/size][/font][/color][b] rischia di far saltare [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]l'economia d'una provincia intera (e non solo). [/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]I [/size][/font][/color][b]campioni d'Italia [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]sono feriti e schiumano la rabbia di chi sa d'avere perso un'occasione enorme: andare subito[/size][/font][/color][b] 2-0[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] e cucinare i [/size][/font][/color][color=#000000][font=Tahoma, Geneva, sans-serif][size=3]biancorossi [/size][/font][/color][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]in bianco e nero a mo' di ribollita nelle prossime due gare interne. [/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Moss & soci avranno [/size][/font][/color][b]altre concessioni[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] al loro [/size][/font][/color][b]strapotere muscolare[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3], useranno tutta la[/size][/font][/color][b] pressione [/b][b]mentale[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] e la [/size][/font][/color][b]qualità delle rotazioni[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] che possono vantare sul loro[/size][/font][/color][b] parquet [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]per affossare [/size][/font][/color][b]Varese[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] nelle prossime[/size][/font][/color][b] due partite[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]. [/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Bene, lo facciano, perché in queste due gare[/size][/font][/color][b] [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]andate di semifinale,[/size][/font][/color][b] Varese[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] ha già conosciuto la [/size][/font][/color][b]vertigine[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]dell'essere[/size][/font][/color][b] fuori della serie[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] e vincendo coi denti e con le unghie l'ha superata: se sia del tutto[/size][/font][/color][b] convinta[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] di essere all'altezza dei [/size][/font][/color][b]campioni d'Italia[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] è, col risultato di [/size][/font][/color][b]gara 3[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] (giovedì 30 maggio) e [/size][/font][/color][b]gara 4[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] (sabato 1 giugno), il [/size][/font][/color][b]mistero[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] da svelare. Perché [/size][/font][/color][color=#000000][font=Tahoma, Geneva, sans-serif][size=3]Varese[/size][/font][/color][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] c'è anche [/size][/font][/color][b]senza Dunston[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] ([/size][/font][/color][b]miglior festa[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] di [/size][/font][/color][b]compleanno [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]non poteva esserci, anzi sì, senza quell'assurdo antisportivo...), perché [/size][/font][/color][color=#000000][font=Tahoma, Geneva, sans-serif][size=3]Varese[/size][/font][/color][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] riporterà comunque la [/size][/font][/color][b]serie [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]a Masnago. Perché[/size][/font][/color][b] Varese[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3], cioè [/size][/font][/color][b]Ere & compagni,[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] ora sanno che quel giorno sarà [/size][/font][/color][b]un'impresa improba [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]essere [/size][/font][/color][b]giocatori [/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]della [/size][/font][/color][b]Mens Sana[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] o [/size][/font][/color][b]colleghi[/b][color=#000000][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3] di fischietto in cerca di gloria e pensare di passeggiare a Masnago.[/size][/font][/color]
    [font=Tahoma, Geneva, sans-serif][size=2][b]di [/b][/size][/font][font=Tahoma, Geneva, sans-serif][size=2][b]Mario Visco[/b][/size][/font]

  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Se tanto ci dà tanto, ci chiediamo quale basket saranno in grado di praticare le due squadre che arriveranno a giocarsi la finale con la lingua a penzoloni...[/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Se immaginiamo una classica partita di playoff, battagliata, davvero combattuta all'ultimo sangue (e sino all'ultimo secondo), Cimberio-Montepaschi di ieri sera può essere il prototipo.[/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Difese aggressive, ruvide, spigolose in una partita che ha presentato solo alcuni punti di contatto con gara-1 di sabato scorso. L'alternanza delle difese di Siena, ad esempio, la marcatura sempre efficace, ma stavolta non così risolutiva, di Moss su Green, soprattutto il controllo del ritmo da parte dei più scafati senesi.[/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Molto diverso rispetto a gara-1 invece l'impatto di Dunston sulla partita, ma i falli hanno frenato l'americano, costringendolo a 22 minuti di partita. Ma nei 18 minuti in cui ha calcato il parquet l'ottimo Bryant ha "messo lì" 13 punti con 5-8 al tiro e 9 rimbalzi al cospetto di un Eze alle prese con qualche problema non sappiamo se fisico o mentale. [/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]La Montepaschi ha cercato di rattoppare il gap provocato dal suo centrone con altri "strumenti" (Ortner, Sanikidze, uno stoico Ress che ha firmato la rimonta ma che ha mancato il canestro del possibile successo a 24" dalla fine) ma con Brown incapace di replicare la scintillante prova di sabato scorso si è dovuta affidare essenzialmente al talento cristallino di Hackett e non è mai riuscita a sfruttare convenientemente la lunga assenza di Dunston dal campo.[/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Varese è riuscita anche ad avere per due volte 9 punti di vantaggio, moltissimi in una sfida a basso punteggio, trovando canestri qua e là (tre da Cerella, una tripla di Talts) ma soprattutto mettendo in campo una difesa commovente per applicazione, pur se qualche volta graziata dalla imprecisione avversaria.[/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Rispetto a gara-1, alla Cimberio è bastato il 39 per cento di realizzazione per imporsi (sabato scorso aveva tirato con il 38 per cento) perchè stavolta la Montepaschi ha fatto peggio (solo il 38 per cento): grazie difesa![/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]E che dire del tiro da tre punti? Cimberio 3 su 17, Montepaschi 4 su 20. Un dato che è confortante per Varese, vittoriosa in una partita così malgrado non sia riuscita a utilizzare quella che è di norma una sua "arma letale".[/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Impossibile a questo punto, alla luce di ciò che è accaduto in questi primi 80 minuti, prevedere quali potranno essere le tracce di gara 3 e delle successive sfide. Cimberio e Montepaschi stanno dimostrando di avere tante, tantissime armi a loro disposizione, al di là del talento che su entrambi i fronti non manca ma che non sempre nel clima surriscaldato dei playoff e con la fatica che azzanna i muscoli riesce a rivelarsi decisivo. Ci sarà ancora molto da soffrire ma anche da divertirsi...[/size][/size][/font][/color]

  • Nicolò Cavalli
    [b]DUSAN SAKOTA [/b](5 punti; 1/2 2p; 1/3 3p; 0/0 tl), [b]VOTO: 5,5. [/b]Da schermidore praticante del fioretto e avvezzo alle movenze eleganti, nelle sfide da affrontare con la sciabola patisce la fisicità altrui. Prende meno tiri del preventivato e incide solo in parte nell'area colorata.

    [b]ADRIAN BANKS [/b](11 punti; 5/12 2p; 0/0 3p; 1/0ì1 tl) [b]VOTO: 6,5. [/b]Di eccellente vitalità nel primo tempo, condito da numeri da equilibrista del circo Orfei, il cavallo pazzo si concede qualche cavalcata fuori programma nella ripresa.

    [b]JANAR TALTS [/b](5 punti; 1/2 2p; 1/2 3p; 0/0 tl)[b] VOTO: 7,5. [/b]Se i voti fossero parametrati alle doti naturali, l'orso baltico stasera porterebbe a casa un 15. Undici rimbalzi contro il tonnellaggio di Siena sono sintomo di attaccamento alla maglia, dedizione, tempismo. Scritturato per la versione televisiva del libro "Cuore".

    [b]ANDREA DE NICOLAO [/b](2 punti; 1/2 2p; 0/1 3p; 0/0 tl) [b]VOTO: 6. [/b]Nel referto ufficiale hanno dimenticato di assegnargli almeno un paio di assist. Gli si chiede di difendere, di irretire Brown, di dare la scossa contro la zona senese. Il giovane play risponde presente.

    [b]MIKE GREEN [/b](13 punti; 3/6 2p; 1/3 3p; 4/4 tl) [b]VOTO: 7,5. [/b]Riscatto doveva essere, riscatto è stato. Prende in mano la squadra, combatte, pecca di ingenuità, ma alla fine porta sulla pelle il marchio del risolutore. Forse avrebbe dovuto sbagliare scientemente l'ultimo libero, ma con il conforto del senno del poi va benissimo così.

    [b]BRUNO CERELLA [/b](6 punti; 3/4 2p; 0/1 3p; 0/0 tl)[b] VOTO: 7. [/b]Accende la platea con un secondo periodo di grinta pura e di esuberanza invidiabile. Dimentica la stagione travagliata e torna protagonista, con l'auspicio di ripetersi.

    [b]EBI ERE [/b] (3 punti; 0/4 2p; 0/1 3p; 3/4 tl) [b]VOTO: 5. [/b]Il capitano sta pagando un dazio pesantissimo a causa delle partite ravvicinate e del lavoro extra in difesa. Chiude con zero canestri segnati dal campo: a memoria d'uomo, nessuno rammenta un bollettino analogo.

    [b]ACHILLE POLONARA [/b](6 punti; 2/5 2p; 0/2 3p; 0/0 tl) [b]VOTO: 6,5. [/b]Torna ad aggredire il [i]parquet [/i]con falcate convinte. Rimane imbottigliato nel traffico del pitturato e sosta in coda. Arriva spesso in ritardo al tiro, ma destabilizza mirabilmente i dirimpettai a suoni continui di clacson (sei rimbalzi). Mal comune, mezzo gaudio.

    [b]BRYANT DUNSTON [/b](13 punti; 5/8 2p; 0/0 3p; 3/3 tl) [b]VOTO: 7,5. [/b]Aggiungete i recuperi da piovra, i palloni arpionati con fare taurino, i piedi felini per eludere la retroguardia mensanina. Cinque falli gli rovinano la festa, ma i fischi contestatissimi – per fortuna – non smorzano la festa.

  • Nicolò Cavalli
    Il PalaWhirlpool non assisteva a partite così tirate da lustri. Serate di un'intensità rara in cui le percentuali sono affossate dalla tensione, in cui le contingenze astrali e arbitrali si compensano fino ad assegnare il successo al più meritevole o al presunto tale, in cui ogni sospiro sembra essere il preludio della gioia più pura o della delusione più cocente.
    Siena fa di tutto per mostrarsi stanca e imprecisa, Varese si ingegna a non assestare il colpo del k.o. e a far ammattire Vitucci (fortunatamente già calvo), la terna non lesina fischi che desterebbero scalpore in tutti gli altri pianeti del sistema solare. Un mix di elementi capace di dipingere, in un ossimoro perpetuo, l'essenza dei play-off.

    [i][b]Siena rimane incollata. [/b][/i]Gli ospiti partono in maniera energica, come da consuetudine, e sfruttano la fisicità di Moss dalla media; la Cimberio risponde presente con Dunston per il 6-4. Il gigante viene però presto limitato dal secondo fallo: l'area colorata diviene presto una tonnara nella quale lo squalo Eze azzanna impunito. Il punteggio incede lentamente, complici due difese ermetiche e giocatori dormienti che non si avvedono dei 24 secondi (Sakota e Talts). Gianni il baltico si riscatta con una bella schiacciata, ma Ortner ricambia il favore: 11-8. L'offensiva di Varese continua nella sua poco gradita convivenza con la zona senese, ma ne esce discretamente grazie alla buona sorte e alla faccia tostissima di Banks (17-12). Brown si desta in fase realizzativa e mette in moto l'ex Kangur per una tripla pulita, gli uomini di Vitucci non ci prendono dalla lunga (0/3, sarà 3/17 al termine) e il periodo si esaurisce sul 19 pari.

    [i][b]Ring turbolento. [/b][/i]Un quintetto infarcito di riserve prova a tenere il passo con poca lucidità ma tanto orgoglio, però di canestri – da ambo le parti – nemmeno il vago sentore per tre minuti abbondanti. Green e De Nicolao danno la propulsione giusta, Cerella (all'esordio nella serie) sfrutta l'abbrivio e scrive 27-21. Banchi tira un sospiro di sollievo grazie ai cinque punti di Hackett, inframezzati da un errore marchiano di Polonara. L'incontro prende le sembianze di un round di lotta greco romana, nella gazzarra trovano il proprio [i]habitat [/i]naturale Cerella e ancora Hackett (suo il 31-30), quest'ultimo ormai amato sotto le prealpi come l'IMU e i ritardi imprecisati di Trenord. La tripla dello specialista Sakota viene vanificata da due difese approssimative, un'entrata convinta di Green riconsegna un piccolo vantaggio alla pausa lunga: la Cimberio guida 38-36.

    [i][b]Pathos a non finire. [/b][/i]Il totem Dunston, dopo un quarto di riposo forzato, si presenta agli astanti con una stoppata e un 2+1. La Montepaschi crea tiri logici senza capitalizzare, gli esterni di Varese litigano con i ferri amici di Masnago. Il numero 42 di casa continua a sciorinare il suo maestoso [i]black power [/i]e si alza in cielo per il 45-36 suggerito da De Nicolao, quindi gli uomini in arancione compiono un'eresia della pallacanestro comminando a Bryant un antisportivo dopo una contesa a rimbalzo offensivo. Qui i 5000 del PalaWhirlpool perdono la trebisonda e lanciano di tutto in campo in stile [i]bronx[/i] Pianella. Moss fa 1 su 2 dalla linea della carità, Brown è ferale dal perimetro, Varese si aggrappa con i denti alle canotte degli avversari. L'esperienza di Ress contrasta l'esuberanza a corrente alternata di Polonara, finalmente grintoso nel portare a casa i punti del 51-42. Un altro colpo duro però colpisce Varese sul finire di periodo: simulazione di Green con annesso fallo tecnico, scoramento e [i]break [/i]di 0-6 dei campioni d'Italia.

    [i][b]Fino all'ultima goccia di energia. [/b][/i]Il quarto parziale si apre con un libero dell'abulico Ere (misterioso “tecnico” restituito ai toscani a cavallo delle frazioni) e con il successivo pareggio a quota 52 firmato da Carraretto e Brown. Il folletto della MPS, questa sera spuntato al tiro (3/14), semina terrore nella trincea varesina e mette in ritmo, a turno, i compagni. La quarta penalità di Dunston – a fare il paio con quella di Talts – è seguita poco dopo dalla quinta e decisiva: il centro, fautore di una quasi "doppia doppia" nella miseria di diciotto minuti, abbandona i suoi sul 59-58 con quasi sei minuti da affrontare in apnea. Talts si erge a capopopolo biancorosso con una tripla e un rimbalzo epico, Hackett risponde da talento puro con il sottomano del 62-60 e quindi con il pareggio. La tensione blocca le gambe e le sinapsi della Cimberio, i tiri divengono sconclusionati e figli di arrembaggi sterili. Anche i toscani sbagliano l'inverosimile con i loro soldati scelti e Varese gestisce il pallone determinante con 24 secondi sul cronometro. A 2 secondi e 60 centesimi Green è glaciale dalla lunetta, dopo il time out Brown sparacchia da tre e a Masnago piovono fuochi d'artificio.

    Un cuore immenso, se non supportato dalla linfa vitale della lucidità, forse non basterà ad invertire il fattore campo nella tana del lupo. Ma dopo un sabato notte da tregenda, questa Cimberio ha trovato lo spirito delle occasioni d'oro. Siena dovrà tornare almeno un'altra volta a [i]fort [/i]Masnago: sulle magliette rosse il motto [i]We believe [/i]potrebbe trasformarsi in un meraviglioso presagio. Signore e signori, questa è la pallacanestro. Questi sono i play-off.

  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Il volto tirato, più pallido e scavato del solito di Dusan Sakota (foto Blitz) tradisce lo stato d'animo del giocatore serbo. Parlano gli occhi di Dule, di inquietudini notturne e di quell'adrenalina e agitazione che, come sempre, corredano gare stressanti come quelle dei playoff. Momenti che Dusan, protagonista di playoff vincenti e altamente ansiogeni con la maglia del Panathinaikos, conosce benissimo e può analizzare con grande freddezza: «Gara-1 contro Siena è stata una delle peggiori che abbiamo giocato nell'ultimo periodo – dice in tono critico -. In attacco non siamo mai riusciti a giocare col nostro ritmo, ad imporre la nostra pallacanestro fatta di velocità, soluzioni in campo aperto e transizione e a sfruttare i nostri punti di forza contro la difesa schierata. Abbiamo fatto e creato per provocare apprensioni e fastidi ad una formazione come Siena che, espertissima, non chiede di meglio che poter controllare il gioco a suo piacimento. Ma, penso che le considerazioni sul nostro atteggiamento difensivo siano ancora più negative perché là dietro, contro Brown, siamo stati insufficienti su tutta la linea ed è la terza volta che accade visto che l'americano quando affronta Varese si esalta: vedi i 23 realizzati in stagione regolare a Siena, i 25 della finale di Coppa Italia e i 29 di sabato scorso. È evidente che contro Bobby, di squadra, dobbiamo fare qualcosa in più». [/size][/size][/font][/color]


    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Di più, ma come? «Prima di tutto sotto il profilo della mentalità, mettendo l'accento su una verità: i numeri uno della stagione siamo noi, nessun'altro. Scendere in campo con questa idea in testa e giocare con la massima aggressività sono solo i primi passi, necessari, per poter mettere in difficoltà i campioni d'Italia. In gara-1, a tratti, abbiamo dato l'impressione di giocare un po' titubanti, un errore che contro la MPS non puoi commettere perché loro sono bravissimi nel riconoscere i tuoi momenti di debolezza e nel picchiare duro quando li smascheri. Quindi, avere sempre facce determinate è più che importante: indispensabile». [/size]
    [size=3]Le zone senesi sono state, ancora una volta, sabbie mobili nelle quali affondare... «La squadra di coach Banchi si muove benissimo, con rotazioni eccellenti e raddoppi di marcatura sempre ben eseguiti. Ma dove finiscono i loro meriti, iniziano le nostre pecche: in gara-1 abbiamo avuto poca pazienza per muovere meglio la palla e farli lavorare di più visto che una dozzina di secondi contro di loro non bastano per creare tiri aperti. Poi – conclude -, la difesa: Siena ruota intorno a Brown, Moss e Hackett. Fermarli, o limitarli: la chiave della serie è tutta qui». [/size]
    [size=3]Massimo Turconi[/size][/size][/font][/color]

  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Esorcizzare la paura per riconquistare serenità. Il che, tradotto sul campo, potrebbe valere la riscossa di fronte a una squadra, di per sé potente e feroce. Ma battibile nelle pieghe delle sue imperfezioni, non essendo più la Siena cannibale degli anni scorsi: basti pensare alle sue individualità che non sono cime di canestri, come dimostrano le statistiche di campionato con due soli uomini in doppia cifra, peraltro abbastanza confermate in gara-1, soprattutto per il crepitante Brown, tornato ai suoi massimi volumi offensivi dopo un periodo di appannamento, dovendo però non confondere le valenze realizzatrici di ciascuno con il proprio spessore tecnico e atletico che, assommati e “lavorati” nella fucina di Banchi, fanno una squadra inossidabile e resistente viste le ventiquattro gare in più di Eurolega sul suo groppone.[/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Ecco la chiara identità di una Montepaschi abituata a tempestose latitudini, dunque abile e autoritaria nel far girare una gara per adeguarla in ogni metro del campo alle sue caratteristiche d'insieme, com'è accaduto nella prima della serie contro una Cimberio più volte in soggezione, soprattutto mai fatta scappar via allorquando le è passata in testa.[/size]
    [size=3]Una certa tara - anche solo per un complesso subconscio - da ricercare nella finale di Coppa Italia persa, gli uomini di Vitucci l'hanno accusata, irretiti da quell'intimidazione che è grande alleata dei senesi. Per scavalcare quella difesa, roba da muro con filo spinato, ci sarebbe voluto il migliore Yelverton dei bei tempi, quelli della Mobilgirgi cui s'è ispirata Varese indossando la maglie dello stesso colore di indimenticabili conquiste.[/size]
    [size=3]E se le esperienze servono a evitare gli stessi errori ma, soprattutto, a vincere eventuali insicurezze, questa Cimberio possiede allora mezzi e capacità per acciuffare i campioni d'Italia e riaprire la serie che, si sa, è carica di imponderabili nonché di riflessi psicologici mutabili dall'oggi al domani.[/size]
    [size=3]Ci vuole la solita Varese, tonica e brillante, quella della sua réclame migliore, in altri termini sbarazzina seppur ragionata, sfrontata seppur guardinga.[/size]
    [size=3]In sintesi senza quelle paure intime che appesantiscono testa, gambe e braccia e che gravano l'animo di angoscia al di là di legittimi timori per la temibilità di avversari così granitici.[/size]
    [size=3]A monte la prima gara, la Cimberio può ripartire da capo, avendo slancio e convinzione per far risaltare la sua pallacanestro grintosa e ariosa, scoppiettante e gioiosa.[/size]
    [size=3]Ci vuole un bel coraggio, verosimile senza tabù né assilli, al di là del valore della posta, partendo innanzitutto dal solito Green d'annata, ingenerosamente “mormorato” in gara-1 per i suoi vezzi in sfide personali che, peraltro, in campionato hanno fatto la fortuna sua e della squadra, essendo questo il suo modo d'essere sul parquet, anche se nell'occasione si trova di fronte un mastino come Moss, pronto a mordergli le caviglie.[/size]
    [size=3]Certo è che la Cimberio non può fare a meno della brillantezza del suo grandioso play, soprattutto, nell'ideale tandem con Dunston, capace di sfoderare i suoi numeri, se liberato da ansie e repressioni e, probabilmente, merita ancor più spazio Sakota le cui fucilate possono spaventare i campioni d'Italia.[/size]
    [size=3]Che cosa ha da perdere Varese? Nulla se non tutto di guadagnato nel giocare con audacia e durezza, tanto vale tentar “violenza” che difendersi con purezza.[/size]
    [size=3]Per cena, questa sera, piatto consigliato è una Cimberio all'arrabbiata, possibilmente indigesto a Siena che, ovviamente, si gioca un'anticipata qualificazione alla finale scudetto, avendo poi due gare in casa, non così scontate ma favorevoli.[/size]
    [size=3]Dunque, più che mai, forza Varese.[/size][/size][/font][/color]

  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]La Cimberio fa appello a tutte le sue risorse per ribadire la tenuta del fortino del PalaWhirlpool nel secondo atto della semifinale playoff contro Siena. [/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Stasera a Masnago (ore 20) la squadra di Frank Vitucci cercherà di pareggiare i conti dopo il passo falso inaugurale che ha permesso alla Montepaschi di “strappare il servizio” ai biancorossi. [/size]
    [size=3]Lo 0-1 casalingo rende già vitale la sfida odierna in vista delle prossime due trasferte in programma al PalaSclavo (giovedì e sabato il terzo e quarto atto sul parquet toscano). Per Varese c'è la necessità di fare tesoro della sconfitta di sabato e mostrare nuovamente quello spessore caratteriale da prima della classe che nel corso della stagione ha sempre fatto registrare immediate reazioni di orgoglio dopo un passo falso. [/size]
    [size=3]Certo la gara-1 della sfida contro i pluricampioni d'Italia in carica ha ribadito che Siena ha caratteristiche tali da risultare scorbutica per la “cavalleria leggera” biancorossa. [/size]
    [size=3]Al di là delle considerazioni sul metro arbitrale eccessivamente tollerante che l'ambiente varesino ha espresso dopo il match di sabato, la lezione da mettere a frutto dopo la sconfitta in gara-1 è di adeguare energia, fisicità e aggressività ai livelli necessari a una sfida così impegnativa come quella contro la MPS. [/size]
    [size=3]Sicuramente i toscani, rodati dalle “guerre stellari” delle 7 partite contro Milano, hanno approcciato la serie con un piglio più deciso rispetto alla Cimberio che ha disposto con relativa facilità di Venezia. [/size]
    [size=3]Ora però l'asticella si è alzata di parecchio e se Ere e soci vorranno provare a spodestare il club che si cuce ininterrottamente lo scudetto sulla maglia dal 2007 dovranno mettere in campo un piglio “feroce”, in grado di pareggiare i conti con l'aggressività della difesa da Eurolega della Mens Sana. [/size]
    [size=3]Sul piano tattico le priorità evidenti sono quelle di evitare che i toscani prendano il controllo del ritmo della gara, aumentando prima di tutto l'intensità della difesa e prendendo le misure alla coppia Brown-Hackett (il primo imprendibile per 40 minuti, il secondo risolutivo nel finale di gara-1). E sulla base di una applicazione più incisiva in retroguardia riuscire a imporre cadenze più adatte alle doti “corsaiole” della Cimberio, senza finire avviluppati nelle spire di una zona davvero difficile da scardinare viste le doti atletiche di Moss ed Eze. Dunque servirà una Varese più graffiante e “sprintosa” che sappia migliorare la qualità della circolazione di palla e soprattutto ritrovare il fondamentale asse portante del suo attacco Green-Dunston, disinnescati dal mix di zona e fisicità della difesa senese. Ma al di là dell'aspetto tecnico c'è il fattore mentale: la squadra di Vitucci dovrà saper dimostrare di aver “metabolizzato” il passo falso inaugurale, mettendo in campo la giusta tensione agonistica senza farsi condizionare dall'importanza di un match che in caso di sconfitta la metterebbe già con le spalle al muro. [/size]
    [size=3]In una serie al meglio di 7 partite un passo falso casalingo è pesante ma non irrimediabile, a patto che Varese riesca immediatamente a cambiare rotta e incanalare il match verso temi più adatti alle sue caratteristiche che le permetta di chiudere a quota 3 la serie negativa contro Siena. Il match inaugurale ha dimostrato che tra Cimberio e Montepaschi vince chi impone il suo ritmo ed il suo basket: per pareggiare i conti la squadra di Vitucci deve giocare una partita inversa rispetto a quella di sabato. [/size]
    [size=3]Giuseppe Sciascia [/size][/size][/font][/color]

  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1]
    [size=3]Il colpo è duro, durissimo, ma la serie non è finita ieri sera con la seconda sconfitta stagionale sotto la volta del PalaWhirlpool.[/size][/size][/font][/color][color=#000000][font=Verdana][size=1]
    [size=3]Certo si è avuta conferma che la Montepaschi è la squadra potenzialmente più forte del lotto tra le contendenti che aspirano allo scudetto e alla Cimberio servirà davvero non un'impresa ma una piccola serie di imprese per rovesciare un pronostico che da ieri sera pende leggermente a favore della formazione di Luca Banchi.[/size][/size][/font][/color][color=#000000][font=Verdana][size=1]
    [size=3]Sì, in un sol colpo Siena ha cancellato il (presunto?) vantaggio di Varese legato alla brevità della sua serie con Venezia rispetto alle sette battaglie tra Montepaschi ed EA7 Milano e ha accentuato quel (presunto?) vantaggio psicologico determinato dall'esito della finale di Coppa Italia.[/size][/size][/font][/color][color=#000000][font=Verdana][size=1]
    [size=3]Ora Varese è costretta a inseguire e, soprattutto, a non fallire martedì sera in gara-2.[/size][/size][/font][/color][color=#000000][font=Verdana][size=1]
    [size=3]C'è un dato statistico che "spiega" la partita: Varese ha tirato con il 38 per cento, Siena con il 53 per cento. La Cimberio ha sofferto la eccellente difesa messa in campo dalla Montepaschi, uomo e zona, zona e uomo, con una marcatura chiave, quella di Moss nei confronti di Green. Il "faro" di Varese ha funzionato solo a intermittenza, solo quando non è stato soffocato dalle spire del diretto avversario.[/size][/size][/font][/color][color=#000000][font=Verdana][size=1]
    [size=3]Poi hanno deciso le irrefrenabili scorribande di Brown, la ruvidezza di Eze, la puntualità con cui hanno colpito Carraretto e Hackett, meno protagonista che in gara-7 a Milano (questo ruolo ieri sera l'ha lasciato a Brown) ma non meno utile del compagno nelle battute conclusive. [/size][/size][/font][/color][color=#000000][font=Verdana][size=1]
    [size=3]Ma la Cimberio non è certo uscita con le ossa rotte: ha reagito a un paio di situazioni di grande difficoltà, quando si è ritrovata sotto di sei punti (sul 40-46, poi sul 57-63) che in una partita come quella di ieri sera non erano poca cosa. Ma alla fine si è dovuta arrendere dando quasi l'impressione di avere accusato la fatica più degli avversari che avrebbero dovuto avere (ma era solo una speranza) la lingua a penzoloni.[/size][/size][/font][/color][color=#000000][font=Verdana][size=1]
    [size=3]Frank Vitucci le ha tentate tutte, risparmiandosi solo la zona: quintetti alti (Dunston e Ivanov in coppia), bassi (Green, De Nicolao e Rush insieme) e "normali" (con tutte le altre possibili soluzioni) ma la corazzata Montepaschi ha sempre retto l'urto, trovando risorse un po' ovunque, anche se i pochi minuti di assenza dal campo di Moss e di Brown (0-8 in due minuti nell'ultimo quarto, da 57-63 a 65-63) sono stati pagati a caro prezzo dai biancoverdi.[/size][/size][/font][/color][color=#000000][font=Verdana][size=1]
    [size=3]Il peso psicologico di gara-1 a volte diventa insostenibile ma non ci è parso il caso della Cimberio di ieri sera. [/size][/size][/font][/color][color=#000000][font=Verdana][size=1]
    [size=3]La Montepaschi ha vinto la partita sul piano fisico, imponendo il proprio ritmo e facendo valere la spigolosità della propria difesa (formato Eurolega"), scontata un po' in termini di falli (25 contro 20) ma non in maniera decisiva. [/size][/size][/font][/color][color=#000000][font=Verdana][size=1]
    [size=3]Martedì però può essere un'altra storia e la Cimberio deve assolutamente credere di poterla scrivere.[/size][/size][/font][/color]

  • Nicolò Cavalli
    [b]DUSAN SAKOTA [/b](13 punti; 3/4 2p; 2/6 3p; 1/2 tl), [b]VOTO: 6. [/b]Indicato come possibile X-factor nella sfida ai campioni d'Italia, impatta con fatica: difese errate, poca fiducia, falli spesi. Prova a riprendere per mano i compagni ma non basta.

    [b]ADRIAN BANKS [/b](11 punti; 2/5 2p; 2/5 3p; 1/2 tl) [b]VOTO: 5,5. [/b]Ci mette tutta la buona volontà del mondo per cancellare lo zero cosmico che produsse nella finale di Coppa Italia contro gli stessi avversari. A tratti ci riesce, a tratti viene fagocitato nel labirinto della retroguardia toscana.

    [b]ERIK RUSH [/b](2 punti; 1/1 2p; 1/2 3p; 0/0 tl) [b]VOTO: 5,5. [/b]Per superare le armate invincibili, serve la collaborazione di tutti: dalla prima all'ultima linea. Cinque minuti non possono cambiare la narrazione di una partita, ma anche una frase brillante fra le righe potrebbe fungere da ispirazione.

    [b]ANDREA DE NICOLAO [/b](0 punti; 0/2 2p; 0/1 3p; 0/0 tl) [b]VOTO: 5,5. [/b]Prova a seminare il panico nella mente dell'indemoniato Bobby Brown. Nel primo tempo ha successo, nel secondo brandisce la mannaia perché non ci sono altre vie.

    [b]MIKE GREEN [/b](14 punti; 3/11 2p; 1/3 3p; 5/6 tl) [b]VOTO: 5. [/b]Per una volta lasciamo stare i numeri, troppo contraddittori per spiegare una nottata difficile. Immaginatevi un risolutore incallito dell'enigmistica accerchiato da rebus che non lo fanno dormire. Prova con l'esperienza, il carattere, la voglia; ma alla fine spezza la matita e va a casa. Giurando vendetta per il prossimo numero.

    [b]EBI ERE [/b](15 punti; 6/10 2p; 1/2 3p; 0/0 tl) [b]VOTO: 6,5. [/b]All'immenso cuore e alla buona precisione, aggiunge otto rimbalzi e leadership quando i compagni sembrano sul punto di alzare bandiera bianca. Bello il duello con il dirimpettaio Moss, peccato non sia stato vincente.

    [b]ACHILLE POLONARA [/b](3 punti; 1/4 2p; 0/1 3p; 1/2 tl) [b]VOTO: 5. [/b]Lo ricordiamo per la premiazione a inizio match (miglior under 23 dell'anno) e per un primo tempo di ammucchiate, più o meno piacevoli, nelle plance. Pare abbia giocato pure nella ripresa, ma forse è stata un'illusione ottica. Etereo.

    [b]BRYANT DUNSTON [/b](9 punti; 3/9 2p; 0/0 3p; 3/4 tl) [b]VOTO: 6. [/b]Un Eze tirato a lucido rappresenta lo spauracchio del nostro totem. Bryant ci mette l'anima e l'astuzia, ma ogni volta che salta ha alle calcagna tutta Siena e dintorni. Impossibile ripetere i numeri della stagione regolare.

    [b]DEJAN IVANOV [/b](5 punti; 2/5 2p; 0/1 3p; 1/1 tl)[b] VOTO: 6. [/b]Strappa la meritata sufficienza per la buona [i]verve [/i]e per la forma fisica ritrovata. Pur con una tecnica non sopraffina, indossa l'elmetto e tenta di creare scompiglio nell'inespugnabile fortino senese. Coraggioso.

  • Member Statistics

    1,365
    Total Members
    1,155
    Most Online
    Gnazzello
    Newest Member
    Gnazzello
    Joined
×