Jump to content

VareseFansBasketNews


  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Subdola e maligna la sorte. Impossibile da schivare quando ti piomba addosso, anche se possiedi robusti anticorpi. Qualche cosa di simile sta accadendo a questa travolgente Cimberio dovendoci chiedere quali peccati abbia commesso, se non battere gli avversari e impadronirsi del campionato, il che è una virtù, per meritarsi dal destino un doppio e impietoso castigo. Fioccano le maledizioni, vien da dire, da classico malocchio, essendo numerosa la schiera dei mittenti, tutti avversari attardati e trafelati al suo inseguimento, ovviamente interessati alla sua resa. Ora con Ere e Banks fuori, a quanto pare, più o meno un mese si farà a gara per approfittare delle sue disgrazie, come sempre però accade nello sport ad antagonisti favoriti da esse e senza averle augurate. Dunque, una così imponente Cimberio rischia di più con la Croce Rossa che con Sassari, Siena e Cantù, allarmata com'è più dagli infortuni che dai suoi avversari.[/size][/font][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Un colpo basso della sorte, non c'è che dire, difficile da sopportare per la valenza dei due americani la cui presenza, sin qui, ha prodotto ben oltre trenta punti a gara in dote al gruppo, spesso rassicurato negli equilibri del gioco dal loro modo di essere sul campo, vigoroso e trascinante, prorompente e spettacolare e senza mai rubare la scena ai compagni, infondendo semmai a tutti molta serenità e sicurezza.[/font][/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Non è facile, si diceva, rinunciarvi anche se per un periodo fors'anche accettabile. Mettete per esempio Sassari senza Thornton né uno dei Diener, che sarebbe dei sardi? Il paragone ci sta nell'accostamento di valore fra questi atleti anche se bisogna convenire che la Cimberio prevale, come dimostra la classifica stessa, per l'evidenza di una più completa e solida ossatura di squadra vantando indubbiamente più protagonisti, chiamali, se vuoi, titolari, per spessore e talento. E lo ha dimostrato a Pesaro facendosi scivolare di dosso e con facilità la pur animosa e temeraria Scavolini proprio in virtù della propria chiara identità di forza. Stipcevic, in preda ad acceso antagonismo nei confronti dell'invisa Cimberio, è finito sul lastrico proprio nella sua qualità più spiccata, il tiro dall'arco, fallendone sette su otto. La farina del diavolo finisce in crusca? Così sembra...[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Ora, di fronte a una sequenza di squadre da affrontare come Venezia, Brindisi (entrambe a Masnago), quindi come Avellino e Siena in trasferta, non si può che recriminare su perdite così vistose, peraltro nel momento in cui Varese, facendo il vuoto dietro di sé, stava per diventare padrona assoluta del suo futuro, da grande. Resta tuttavia grande la consapevolezza di un gruppo cestisticamente e moralmente inappuntabile, quindi capace di reagire con incredibile fierezza, attraverso magari strade più faticose, per battere così tanta sfortuna.[/font][/size][/size][/font][/color]

  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Niente celebrazioni per il titolo d'inverno in casa Cimberio. [/size][/font][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]A tenere banco all'indomani del successo esterno di Pesaro che ha riportato Varese sul tetto della serie A al “giro di boa” della stagione 13 anni dopo i Roosters della Stella è l'infortunio alla caviglia sinistra di Adrian Banks. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Il responso degli esami specialistici svolti dall'atleta statunitense ha escluso la possibilità di una frattura, ma l'entità del danno è comunque seria (“trauma distorsivo di terzo grado” dal referto medico) e la prognosi attuale prevede uno stop di almeno quattro settimane, mettendo a rischio la presenza dell'esterno di Memphis - secondo miglior marcatore della squadra di Frank Vitucci a 16,0 punti di media - per le Final Eight di Coppa Italia in programma dal 7 al 10 febbraio. [/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Una brutta tegola per la Cimberio, pur parzialmente compensata dalle buone notizie che arrivano sul conto di Ebi Ere: l'esame di controllo ha evidenziato una situazione migliore del previsto ed è probabile che l'atleta nigeriano possa già iniziare ad allenarsi a metà della prossima settimana. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]E se Ere tornasse alla piena efficienza fisica in tempi inferiori alle quattro settimane preventivate dopo lo stiramento al polpaccio riportato contro Cremona, non ci sarà probabilmente bisogno di ricorrere al mercato per un eventuale sostituto temporaneo di Banks, anche se la società è attiva per trovare elementi da aggregare per alzare la qualità degli allenamenti.[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Stiamo muovendoci per cercare elementi in grado di darci una mano nel lavoro in palestra, mentre per quanto riguarda il mercato bisogna andarci cauti - spiega il presidente Cecco Vescovi - Non facciamoci prendere dalla frenesia per queste possibilità offerte dai regolamenti: una volta, quando i tesseramenti erano chiusi, si faceva fronte alle emergenze con le risorse interne; con ogni probabilità faremo così considerando questa emergenza come una opportunità di crescita per quelli che finora hanno avuto meno spazio. Dovremo stringere i denti per qualche settimana ma potremo uscirne più forti a gioco lungo». [/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]La priorità contingente è di aggiungere almeno un rinforzo “da allenamento”, mentre per l'ipotesi mercato si naviga a vista: se i progressi di Ere saranno confermati e il decorso di Banks non riserverà ulteriori sorprese (la situazione potrebbe evolversi meglio del previsto, ma l'articolazione lesionata è quella che già diede problemi in precampionato) non si farà ricorso al mercato, tenendo conto che nel giro di un paio di settimane dovrebbe finalmente tornare in gruppo anche Bruno Cerella («Ma non abbiamo alcuna intenzione di forzare i tempi con lui, perché si rischierebbe di compiere ulteriori passi indietro e magari perderlo per l'intera stagione», afferma Vescovi).[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Nel frattempo comunque si monitora la disponibilità sul mercato delle guardie, tenendo conto che qualsiasi aggiunta sarebbe un extra-budget e il solo tesseramento di uno straniero ha un costo fisso aggiuntivo a quello del contratto di 11500 euro. E comunque non è facile trovare un elemento “pronto all'uso” in tempi rapidi disponibile ad accettare un solo mese di contratto garantito.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Giuseppe Sciascia[/font][/size][/size][/font][/color]

  • Lucaweb
    Primi due periodi a stretto contatto con Varese che fatica a trovare le chiavi per mettere la testa avanti. Altra tegola (ad aggiungersi all'assenza di Ere) l'infortunio di Banks che uscirà senza più rientrare.
    Varese tuttavia ha nel proprio dna vincente la capacità di scovare risorse anche nei momenti difficili.
    E' una fiammata nel corso del terzo periodo con le giocate di Polonara, gli assist di Mike Green, un Dunston finalmente incisivo e la brillantezza di De Nicolao, il momento decisivo dell'incontro col divario che si amplia oltre i dieci punti. Il resto è una partita in controllo contro un avversario decisamente pieno di problemi, ancorchè volenteroso, poco incisivo e molto pasticcione.

  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Basta un imponderabile, come lo è un infortunio, per disseminare interrogativi su un cammino trionfale. L'assenza di Ere equivale, in soldoni, a una perdita di punti pesanti e di solidità difensiva, referenze che sin qui hanno efficacemente contribuito a quell'esaltante equilibrio di squadra cui, per qualche settimana, la Cimberio dovrà opporre rimedi da pronto soccorso. Fortunatamente la miniera biancorossa è varia e ben rifornita di materie prime di valore, già estratte - si fa per dire - in altre occasioni e con un certo successo da Vitucci, quindi adatte all'uso, ancorché più lungo che in passato. [/size][/font][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Rush, per esempio, non è malaccio: tiro ne ha, fa pure ciuff dall'arco ma, nelle sue apparizioni, lunghe come gli spot in tivù, ha mostrato molto self-control, forse troppo, dando l'impressione di muoversi sul parquet in punta di piedi per non disturbare i conducenti, cioè i titolari più valenti. Ora però a Rush si chiede meno timidezza e più decisione, cioè spregiudicatezza in attacco e aggressività in difesa, insomma dovrà mostrare all'occorrenza il mestiere di un veterano al fronte. Nelle rotazioni, in sovrapposizioni di ruoli, diventerà ancor più attivo Polonara, il quale non avrà bisogno di attimi fuggenti, almeno in testa sua, per far esplodere il proprio spaventoso e noto talento. Insomma ognuno dovrà fare gli straordinari per non accusare quel maltolto dalla sorte, rappresentato da una trascinante intensità difensiva nonché dai 16 punti di media che restano chiusi nella cassaforte di Ere.[/size][/font][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Come sta Pesaro, lo si sa: a galla ma in brutte acque, se non che Franco Del Monaco, suo appassionato presidente, è corso ai ripari cambiando carte e mazziere dopo tante mani perse a un gioco come il basket che non è rubamazzetto e al quale non puoi presentarti a casaccio. Non sappiamo come navigasse effettivamente la società marchigiana l'estate scorsa, sicuramente la squadra (persi alcuni spiccati talenti) parve subito raccogliticcia per scelte all'ingrosso, fors'anche obbligate da una pesante revisione di spesa salvo poi, di questi tempi, a campionato tristemente inoltrato per una piazza così folta ed esigente, tagliare e rammendare qua e là.[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Oggi la Scavolini ci prova spingendosi in un osare che può persino apparire anacronistico di fronte a una Varese mai più bella di così, da una dozzina d'anni in qua.[/font][/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Che a Pesaro abbiano smarrito la cognizione della realtà? La domanda è pertinente, anche se immaginiamo l'animosità d'una squadra in aspra lotta per non retrocedere con tutte le implicazioni di circostanza, relative all'assenza del terrificante Ere e all'atteso progresso di Tarence Kinsey e Torey Thomas (11 punti di media a testa ai loro esordi) ma soprattutto al debutto di Stipcevic, arrabbiatissimo (con la Cimberio) e alla riscossa dopo essersi schiodato dalla mortificante panchina di Milano.[/font][/size][/size][/font][/color]

  • pxg14

    Cimberio sembra facile...

    By pxg14, in News,

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]C'è un primo traguardo parziale da cogliere per la capolista Cimberio in occasione della trasferta di Pesaro che inaugurerà il 2013 biancorosso.[/size][/font][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Il testa-coda odierno sul campo dell'ultima della classe Scavolini (ore 18,15 all'Adriatic Arena, diretta su Rete55 Sport) potrebbe regalare con un turno d'anticipo il platonico titolo di campione d'inverno, ma soprattutto lo status di testa di serie numero 1 nel tabellone di partenza delle Final Eight della Coppa Italia che sarà composto dopo l'ultima di andata di domenica prossima. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Ma la sfida su un campo tabù da oltre 15 anni (l'ultima vittoria varesina in riva all'Adriatico risale al 14 dicembre 1997) regala tanti spunti di rilievo, a dispetto del pronostico sulla carta "segnato" visti i 20 punti di vantaggio della truppa di Vitucci nei confronti della Vuelle. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]In casa biancorossa il match odierno sarà il primo senza capitan Ebi Ere, fermato per almeno tre settimane da un problema muscolare al polpaccio sinistro nel match di fine 2012 contro Cremona. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Con l'alter ego Bruno Cerella ancora ai box (è slittato di altre due settimane il ritorno in palestra e a questo punto i tempi di recupero dell'oriundo coincideranno probabilmente con quelli dell'ala nigeriana), Varese dovrà sopperire all'assenza pesante del suo giocatore di maggior esperienza pescando in panchina le risorse tecniche e agonistiche per non perdere il ritmo da prima della classe. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Dunque spazio in quintetto a Erik Rush e più minuti per Polonara e De Nicolao, modificando gli assetti radicati per rotazioni e scelte tattiche che tanti dividendi hanno pagato per quasi 4 mesi. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]In settimana coach Vitucci ha provato a lungo le varie soluzioni alternative con relative alchimie tattiche per far tornare i conti su entrambi i lati del campo e lo stesso tecnico veneziano si è detto curioso dell'impatto della squadra nella nuova situazione “forzosa”. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Dall'altra parte ci sarà una Scavolini vogliosa di riscatto, vista una situazione di classifica allarmante (ultimo posto solitario con due sole vittorie in 13 partite e una serie aperta di 10 stop in fila di cui cinque in casa); il restyling dell'organico è tuttora in pieno svolgimento con gli arrivi della guardia-ala Kinsey (un passato tra Nba ed Eurolega) e del play Thomas, preludio dell'innesto dell'ultima ora di Rok Stipcevic, cui il nuovo coach Zare Markovski (subentrato a fine novembre a Ticchi ma ancora senza vittrorie) affiderà compiti da regista titolare e leader del gruppo. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]La versione attuale della Scavolini sembra dunque poter contare su un potenziale superiore a quello fotografato dalla classifica e dai soli 70,2 punti di media, e in particolare il play croato - per la seconda volta in 15 giorni avversario di Varese - ci terrà a lasciare subito il segno pur con soli due giorni di lavoro con i nuovi compagni. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Per la Cimberio il compito da sbrigare è sempre lo stesso, legato alla capacità di imporre aggressività e ritmi elevati per esaltare la sua “cavalleria leggera” contro una squadra che ha ali agili come Barbour e Mack e lunghi di stazza come Crosariol e Bryan. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Ma conterà soprattutto l'inizio, nel quale la truppa di Vitucci dovrà far valere la fiducia nei propri mezzi contro un'avversaria decisa a voltare pagina ma ancora priva di una identità ben precisa.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Giuseppe Sciascia[/font][/size][/size][/font][/color]

  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][color=#2F2A2B][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]L’ultima volta che Marino Zanatta si era ritrovato a parlare di Varese, erano uscite cose belle e vere. Tanto che Frank Vitucci, dopo averle lette le fece proprie rilanciandole e ricordandole in una serie di interviste successive. Conviene rinfrescare la memoria, allora: anche perché in mezzo c’è stata un po’ di roba da raccontare: un derby a Milano vinto, un primato in classifica, un titolo di campione d’inverno sempre più vicino. «Intanto - dice il grande Marino - fatemi mandare un messaggio speciale al mio amico Bob Morse, che compie gli anni. Sessantatre primavere e non sentirle, ma a tirare il gruppo dei vecchi compagni sono sempre io: cuore malandato, ma non mollo».[/size][/font][/color][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][color=#2F2A2B][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif][b]«Il primato non pesa»[/b][/font][/size][/color]
    [color=#2F2A2B][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Non molla, Zanatta: un po’ come questa Varese, che tiene botta lassù in cima alla classifica. «E noi - dice l’ex Ignis - continuiamo a godercela: questo primato resterà sempre un piacere e un onore, mai un problema o un’ossessione. Ecco il segreto di Varese». E allora via con la domanda da un milione di euro: quanto durerà questo sogno? «Finché questi ragazzi si ricorderanno di giocare come una squadra, perché solo così possono vincere. Un po’ come in cucina: per cucinare un buon piatto di pasta ci vogliono gli ingredienti migliori, ci vuole la bravura del cuoco che li mette insieme, ci vogliono i tempi giusti».[/font][/size][/color]
    [color=#2F2A2B][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif][b]«Come un piatto di spaghetti»[/b][/font][/size][/color]
    [color=#2F2A2B][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Ecco, la Cimberio come un piatpiatto di spaghetti: «Un ottimo piatto di spaghetti, il piatto più buono del mondo. Riuscitissimo, grazie a tutti ma soprattutto grazie a questi giocatori: hanno capito che non devono dimostrare niente a nessuno, hanno capito che armonia significa vedere il tuo compagno che fa una bella cosa. Godiamocela: mal che vada, perderanno una partita. Che non cancellerebbe tutto il bene fatto fino ad oggi». Intanto, i momenti difficili sembrano essere arrivati: l’infortunio di Ere è una tegola mica da ridere. «Verrà a mancare un giocatore importante, anche se in questa squadra sono tutti importanti: sarebbe stata la stessa cosa se si fosse fatto male Polonara o De Nicolao. Non sarà[/font][/size][/color]
    [color=#2F2A2B][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]un’assenza lunga, e credo che la squadra riuscirà a tamponare il problema». La società è stata chiara e perentoria, nel non voler andare sul mercato a caccia di un sostituto a tempo: «E ha fatto benissimo: darà fiducia a chi finora ha giocato meno, e chissà che tra un mese non ci ritroveremo un Rush più convinto e più pronto. La squadra reagirà: noi abbiamo vinto una Coppa dei Campioni senza Meneghin. L’importante è che Ere recuperi con calma, perché gli infortuni muscolari sono subdoli».[/font][/size][/color]
    [color=#2F2A2B][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif][b]«Noi eravamo Varese»[/b][/font][/size][/color]
    [color=#2F2A2B][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Intanto da Cantù arrivano le parole di Trinchieri: Varese come il Verona di Bagnoli, può arrivare in fondo e stupire tutti. «Fa piacere che il coach di Cantù abbia cambiato idea, visto che qualche mese fa sosteneva che saremmo crollati presto. Ma è normale che sia così, perché la squadra ha convinto tutti strada facendo: e io credo sia partito tutto dalla vittoria di Brindisi. Sotto di sette punti a meno di un minuto dalla fine, quella rimonta ha cambiato la testa di tutti». Tutto, poi è stato un crescendo: «La squadra ha trovato la consapevolezza giusta, la convinzione di essere forte: non ha pietà, non molla nulla. Come il barbaro Brenno quando invase Roma, e mettendo la sua spada sul piatto disse “Vae Victis, guai ai vinti”». E domani, ecco di nuovo Stipcevic: «E chissenefrega. Rok è un buon giocatore, ci mancherebbe: ma quando una squadra è forte come Varese, gli avversari non contano. Nikolic in allenamento non ci faceva mai giocare cinque contro cinque, per abituarci a non considerare gli avversari: avremmo giocato con l’Armata Rossa, il Real Madrid o Milano non sarebbe cambiato nulla. Perché noi eravamo noi, noi eravamo Varese». ■[/font][/size][/color][/size][/font][/color]

  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Se saremo veramente bravi, domani a Pesaro potremmo sfruttare l'occasione per accrescere le nostre risorse tecniche in chiave futura[/size][/font][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Frank Vitucci parte dall'assenza di Ebi Ere per introdurre il tema della trasferta di domani sul campo di Pesaro. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Per la prima volta la Cimberio si trova ad affrontare una situazione non ottimale in termini di organico, ma il coach biancorosso è convinto che nelle pieghe del gruppo ci siano risorse sufficienti per sopperire alla defezione del capitano: «Per la prima volta dovremo scendere in campo in una situazione diversa rispetto a quella cui siamo abituati. Starà a noi trovare chiavi differenti nel gioco per sopprerire a un'assenza importante; però nel breve periodo siamo in grado di sopperire a una defezione pesante e sono certo di poter contare su elementi capaci di affrontare e superare la problematica contingente». [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Tante le possibilità alternative a disposizione di Vitucci per mascherare l'assenza di Ere: dal maggior spazio a Erik Rush (sostituto naturale del nigeriano) allo spostamento di Achille Polonara nello spot di ala piccola, fino all'assetto con 3 piccoli utilizzando Andrea De Nicolao, Mike Green e Adrian Banks in un quintetto "speedy". [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Tutte cose sulle quali Varese ha lavorato in allenamento (in mattinata partenza per Pesaro, rifinitura finale nel pomeriggio nelle Marche). Alla fine comunque il coach veneziano "legge" come una opportunità di crescita la necessità di adeguarsi all'assenza del capitano: «Sono molto incuriosito di scoprire le risposte della squadra: se saremo veramente bravi, potrebbe essere l'occasione per aumentare le nostre risorse in chiave futura. Da una situazione estremamente stabile dovremo forzatamente cercare soluzioni diverse anche a livello tattico: mi piace dare alla squadra l'idea di essere camaleontico, proponendo cose nuove dopo aver messo fondamenta solide. Se siamo svegli a reagire agli stimoli di questa novità forzosa potremo aggiungere qualcosa di nuovo ed utile al nostro bagaglio in vista della seconda parte della stagione». [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]E il test Pesaro nasconde comunque delle insidie a dispetto dei 20 punti di differenza tra due squadre che viaggiano agli estremi opposti della classifica: «La Scavolini sta ancora cercando una sua identità dopo aver cambiato allenatore e tre giocatori, ma logicamente sta facendo il possibile per restare in serie A: dobbiamo prepararci ad affrontare una squadra che essendo in piena trasformazione ha molte facce differenti. Dovremo mantenere il più possibile il controllo del ritmo per imporre il nostro basket a prescindere dalle scelte degli avversari». [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Frank Vitucci è conscio di trovarsi di fronte un'avversaria decisa ad invertire la rotta dopo 10 sconfitte in fila, ma confida che il mix di fiducia, solidità mentale e concentrazione della Cimberio possa disinnescare sin dall'avvio la voglia di riscatto della Scavolini: «Così come Cremona, anche Pesaro ha un potenziale maggiore rispetto alla classifica: domani inserirà il terzo giocatore nuovo nelle ultime tre gare e tutti i nuovi arrivati sono elementi di buon livello. Sicuramente non ci facilita il compito, ma l'esperienza della partita con Milano ci ha insegnato qualcosa: sappiamo di dover affrontare l'impegno con il cipiglio giusto. Pesaro è squadra dall'elevato potenziale offensivo, sappiamo che ci aspetta una partita faticsa sul piano dell'energia difensiva, ma la zoccolo duro garantito dalla consistenza acquisita nel corso di questi mesi ci dà sicurezza su quello che dobbiamo fare». [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Giuseppe Sciascia [/font][/size][/size][/font][/color]

  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Cambiano le comparse ma la trama è la stessa. Le comparse sono gli avversari, la trama è quella avvincente, anzi vincente di una Cimberio che dà spettacolo, incurante del risultato, che vien da sé, come esito naturale del suo applaudito campionario. Sarà anche una sensazione ma tale è la facilità con la quale procura piaceri e passioni sugli spalti.[/size][/font][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Alla fine il punteggio, al sicuro, passa in secondo piano, semmai stupisce che Milano prima e Cremona poi abbiano rimediato (e mai termine fu più giusto) soltanto sei e dieci punti di scarto.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]A corto di argomenti critici, non avendone spunti, seppur la perfezione non esiste o se esiste essa viene dall'osservazione, non si può fare a meno di ripetere vecchie impressioni che vanno ben oltre la constatazione di una realtà trionfale come dimostra la classifica e secondo le quali Varese sembra vantare un rapporto privilegiato con il canestro a differenza di formazioni che, pur non subendo battutoni, faticano a scaldare il cotone.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Evidentemente la difesa biancorossa corrisponde al contegno di uomini che, una volta catapultatisi nel fronte opposto, trasformano il tabellone nemico in un tiro a segno del luna park, ben distinguendosi per serenità d'animo e scioltezza conclusiva dai loro antagonisti, eccezion fatta per i sardi di Sacchetti, anch'essi straordinari per istinto offensivo.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Che Banks fosse un bomber lo si sapeva ma in questo momento, probabilmente, segnerebbe anche a luci spente, tant'è la sua sensibilità con il canestro che capta da certe piastrelle e ad alzo di tiro, telecomandato.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Gli altri, più sicuri di un conto in banca, sono i soliti ammirati atleti, in particolare Dunston, la più bella e assoluta rivelazione del campionato, tanto da far pensare che l'abbiano "fabbricato" su misura e così speciale come non se ne trovava in stagioni di incomprensibili rinunce a un pivot vero. Ed era arcinoto il qualitativo mestiere di Green ed Ere, accantonati o ignorati dai grandi club ma pescati con vista giusta e lunga da Vescovi e Vitucci per rinfrescare l'aria di Masnago. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Problemi, dunque, non ce ne sono, anzi uno c'è dovendo la Cimberio fare a meno per un mese dell'infortunato Ere. Un'assenza da classica tegola che cade in testa se pensiamo agli equilibri di squadra garantiti dall'americano ma, cercando nella rifornita miniera biancorossa, Vitucci trova fondate speranze di recuperare quanto prima Cerella (magari pronto per Venezia) puntando nel frattempo, tra le rotazioni, su un maggiore impiego di Polonara (foto Blitz). Il quale, senza farsi irretire dalla propria straripante e frenetica voglia di affermazione, potrà dare più continuità al proprio spaventoso talento, come evoca il suo contratto triennale con possibilità di uscita per la Nba, il che la dice lunga su determinate attese. Giovani italiani così, di immense prospettive, se ne trovano con il lanternino: tocca al marchigiano, vero padrone del suo futuro, pure in un ambiente ideale come quello di Varese oggi, consacrarsi nel tempo. Piace sempre un sacco De Nicolao il quale, in rapporto al proprio spazio e alle sue annunciate qualità (seppur già rosee), fornisce in ogni gara un vero plusvalore rispetto a quello ritenuto equo sul mercato per età e trascorsi.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Vuoi mettere De Nicolao con Poeta che, probabilmente, costa tre volte? L'uno è sempre reattivo e puntuale nel suo impiego, l'altro si trova spesso in altalena, fra alti (esaltanti) e bassi (sconcertanti).[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Teniamoci stretto il giovincello.[/font][/size][/size][/font][/color]

  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]"Respect!" Adrian Banks si veste da Otis Redding e, come il famoso bluesman, urla forte le sue ragioni al campionato italiano. Il torneo tricolore ascolta e s'inchina dinanzi a un giocatore che in pochi mesi è diventato uno dei protagonisti più importanti (quasi 17 punti a partita) imponendosi a suon di prestazioni entusiasmanti.[/size][/font][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Dopo i 26 punti, frutto di puro talento, con cui ha fatto a fette l'intero reparto esterni dell'EA7 Milano, ecco i 22 realizzati in totale leggerezza contro la Vanoli Cremona.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Banks continua a crescere ma allo stesso tempo ha chiaro il suo ruolo all'interno del gruppo.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Sono solo uno dei dodici che tenta di rendersi utile e, di più, sono orgoglioso di esser parte di questo gruppo vincente. Quel che stiamo facendo da agosto mi riempie di soddisfazione e, più di tutto, mi piace partecipare all'evoluzione della squadra. Un nucleo di giocatori che da diversi mesi, senza forzature né obblighi, mettono in comune talento, tanto lavoro in allenamento, dedizione, determinazione e voglia di vincere. La chimica è più che buona e l'armonia raggiunta rapidamente in campo rappresentano lo specchio di ciò che ci lega anche lontano dal parquet».[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Lei, però, si erge sempre più a punto di riferimento per la capolista.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Dopo le sofferenze patite all'inizio della stagione che, lo ricorderete, mi avevano costretto a saltare parte della preparazione, adesso sto bene, mi alleno con buona continuità da diverse settimane e mi sento in buona forma. Inoltre, sto iniziando a capire il “senso” del basket italiano e di un campionato che richiede tanto sotto tutti i punti di vista. Quindi, mi sembra del tutto normale dare il massimo per questa Cimberio».[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]A questo punto emergono, se così volete chiamarle, le “Memorie di Adriano”, ovvero il desiderio di “rispetto!”: quello che Banks cerca dalla sua avventura italiana e non ha ha ricevuto nel corso della sua ultima fermata in Israele.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Laggiù la pallacanestro ha una visione “Maccabicentrica” e l'interesse di tutti ruota solo intorno alle gesta della squadra di Tel Aviv. Non ci sono rispetto né considerazione per le altre squadre e gli altri giocatori contano ben poco. Quindi, è naturale andare alla ricerca di altre situazioni tecniche che, nel caso mio e di Bryant Dunston, si sono materializzate con l'offerta dall'Italia. Così, dopo un paio di buoni campionati in Belgio e, appunto, in Israele, giocando però in modo molto individuale, sentivo che era arrivato il momento di alzare il livello e chiedere qualcosa in più a me stesso. Varese, in quest'ottica, costituisce l'approdo ideale: ottima formazione, giustamente ambiziosa e vogliosa di lanciare sfide».[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Vicinissimi al giro da boa da primi in classifica: quali club l'hanno impressionata?[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Senza alcun dubbio Siena che ha una struttura fisico-atletica di alto livello. Contro la MPS ho il ricordo di una gara durissima. Vedendoli giocare in Eurolega ho la sensazione di un gruppo con altri margini di miglioramento».[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Aprirete il 2013 a Pesaro: un testa-coda che sulla carta pare agevole.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«In questo girone d'andata ho imparato a diffidare di ciò che, in Italia, è definito “facile”. In ogni caso, ci penserà il coach Vitucci a tenere elevato il nostro livello di attenzione. Frank è bravissimo nello “stressare” la squadra al punto giusto e, non a caso, al di là dei risultati, finora non abbiamo mai sbagliato approccio. Di sicuro non capiterà a Pesaro».[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Massimo Turconi[/font][/size][/size][/font][/color]

  • Member Statistics

    1,366
    Total Members
    1,155
    Most Online
    Pdor
    Newest Member
    Pdor
    Joined
×