Jump to content

VareseFansBasketNews


  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]CASERTA - Sale a quota sei la striscia positiva della Cimberio, che passa alla distanza sul campo di una Juve Caserta orgogliosa nonostante i gravi problemi societari. E la vittoria in "Terra di Lavoro" - la seconda consecutiva ma la terza in 32 anni - nella serata in cui Brindisi infligge la prima sconfitta a Sassari regala a Varese un primato solitario in classifica che fa volare alle stelle i sogni dei tifosi. Una prova non scintillante ma comunque solida, nella quale la truppa di Vitucci impone alla lunga la maggior profondità delle rotazioni contro un’avversaria penalizzata dagli infortuni di Chatfield e Michelori che lasciano solo 6 giocatori a disposizione di coach Sacripanti. Nonostante la serata poco felice al tiro (7/25 da 3) a Varese bastano uno scintillante Polonara (8/16 al tiro con 3/5 da 3 più 7 rimbalzi e 3 recuperi) e una difesa di granito (19/56 al tiro e 17 perse per Caserta che segna 8 miseri punti nella ripresa) per strappare due punti con tanta maturità. Subito protagonista Varese con tripla di Banks e 2+1 di Dunston a siglare lo 0-6 iniziale, mentre Caserta perde subito Chatfield ( problema agli adduttori). Attacco non fluidissimo ma comunque funzionale per gli ospiti, con la Juve che cerca di controllare stabilmente il ritmo pur sparando ripetutamente a salve dall’arco. Un dardo di tabella di Green e una sospensione di Banks tengono le distanze (5-11 al 5’); una fiondata di Maresca scuote i padroni di casa, ma la potenza atletica di Dunston ha ragione dei centimetri del lunghissimo Akindele e la squadra di Vitucci tiene il pallino del gioco (9-15 al 7’ con 4 punti in fila dell’ex Fordham). Peccato per il precoce secondo fallo del lungo ex Hapoel che costringe Vitucci a preservarlo molto presto; l’ingresso di Polonara alza il ritmo biancorosso, ma Caserta graffia dall’arco con due triple in fila di Mordente che riportano in partita i padroni di casa: a ritmi bassi gli ospiti soffrono e la Juve mette[/size][/font][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]la freccia con un guizzo di Jonusas (21-19 al 12’, complessivo 12-2 in 4’). Vitucci pesca a piene mani dalla panchina schierando anche Rush , ma tra brutte spaziature e tiri forzati l’attacco batte in testa (23-21 al 14’). E allora i biancorossi alzano il volume in difesa con due stoppate di Polonara e la verve di De Nicolao che danno un sussulto al ritmo (23-28 al 16’ con tripla di capitan Ere); la grinta dell’ispirato Mordente (13 con 3-4 da 3 a metà gara) tiene le distanze e la zona 2-3 proposta da Sacripanti continua a sfidare al tiro una Cimberio dalle polveri bagnate (5/18 da 3 al 20’). L’atteso asse Rush -Talts porta comunque sostanza dalla panchina, ma il protagonista del finale di tempo è Achille Polonara (12 con 5/8 al tiro e 5 rimbalzi al 20’), che scompagina l’arrocco campano con due triple che tengono le distanze a metà gara (34-40 al 20’). Dopo la pausa lunga torna Dunston ma Akindele lo attacca e lo costringe subito alla terza penalità; Caserta si riavvicina con l’atipico Jonusas (39-42 al 23’), ma dopo un primo tempo opaco entra finalmente in partita Mike Green, che con 5 punti in fila ridà gas ai biancorossi (41-47 al 24’). Varese sembra poter allungare con un dardo di[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Polonara che vale il 43-52 del 26’, ma la Juve riesce nuovamente a coinvolgere gli ospiti nel suo “slowmotion” e a suon di tiri mal costruiti dal perimetro l’attacco biancorosso si pianta di nuovo. I campani rientrano fino al 48-52 del 29’; Vitucci sceglie il doppio play De Nicolao - Green e due soluzioni interne di Dunston ridanno gas all’azione biancorossa, ma il tiro da fuori continua a non fun funzionare per una Cimberio che vede i due lunghi a quota 4 falli (prima Sakota e poi l’ex Holon). Torna Talts contro Akindele e la muraglia regge, ma dopo 3 minuti buoni sul 53-56 è una tripla di De Nicolao a rompere l’impasse, poi 4 punti in fila “da bomber” di Adrian Banks (contropiede facile su palla rubata da Ere e guizzo su palla vagante) danno il massimo vantaggio varesino a 3’40” dal termine (53-63). E con la difesa padrona assoluta del campo (solo 8 punti concessi nell’ultimo quarto) Varese prende definitivamente il controllo del match: sigillo finale con Polonara che chiude con in lunetta dopo un antisportivo di Gentile (54-67 al 38’). E la capolista se ne vaaaaa....[/font][/size][/size][/font][/color]

  • Lucaweb
    Inizio contratto e decisamente brutto da entrambe le parti. Parecchi errori caratterizzano il primo periodo, nel quale Dunston svetta prima dei due falli a carico. Varese quest'oggi è imprecisa e fatica a trovare le azioni corali di altre serate. La partita va avanti sul filo della partità, anche se con una leggera prevalenza dei nostri. Solo il quarto periodo vede l'allungo decisivo.
    Sono gli ultimi dieci minuti di partita che vedono i ragazzi di coach Vitucci più attenti in difesa facilitati a trovare il gioco in velocità che chiude il match. Da segnalare, nel frangente decisivo, la verve e la brillantezza del duo italiano De Nicolao-Polonara.

  • pxg14
    [font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]La Cimberio prova ad allungare la sua striscia vincente questa sera sul campo della Juve Caserta (palla a due alle ore 18,15; diretta su Rete55 Sport) per consolidare il suo sorprendente quanto meritato primato in classifica. I biancorossi affrontano sulle ali dell'entusiasmo il viaggio verso la Campania, con l'intento di invertire un trend storicamente infausto (solo 2 vittorie esterne in oltre 30 anni sul parquet del PalaMaggiò) e portare a quota 6 la serie di successi consecutivi in campionato. Nella prima delle due trasferte consecutive su campi di squadre di bassa classifica - domenica prossima la Cimberio sarà ospite a Biella - Frank Vitucci va in cerca di conferme sul piano della concentrazione e della mentalità vincente.[/size][/font]

    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Dopo gli esaltanti successi da "outsider" contro le big Siena e Cantù stavolta i panni della favorita spettano a Varese; e siccome le grandi squadre si riconoscono dalla capacità di mantenere lo stesso approccio a prescindere dal livello dell'avversaria di turno, il match odierno - con il capitano Ebi Ere nei panni dell'ex di turno - avrà una valenza importante per capire se e quanto Green e compagni potranno mantenere l'attuale leadership in graduatoria. Ma in casa bianconera l'attenzione generale sembra concentrata sulla difficile situazione societaria che ha portato il presidente Gervasio a rivolgere un appello piuttosto forte alla vigilia della partita: o entreranno nuovi soci entro 10-15 giorni per coprire i due terzi del budget ancora mancanti oppure c'è il rischio di una "diaspora" dei giocatori chiudendo la stagione con i giovani (addirittura ci sarebbe la soluzione estrema del ritiro dal campionato).[/font][/size]

    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Anche se alle porte potrebbero esserci nuovi investitori - con la bandiera Nando Gentile proposto come direttore generale - la situazione è critica col rischio che l'aspetto agonistico passi in secondo piano. Non mancano però esempi di squadre capaci di scindere l'aspetto tecnico da quello societario - il biennio di Frank Vitucci ad Avellino ne è l'esempio più calzante - e dunque Varese dovrà essere pronta a giocare un match difficile e ricco di insidie tattiche, visto che la Juve in versione casalinga ama il gioco controllato e tanta fisicità dentro l'area. E non c'è dubbio che Pino Sacripanti abbia preparato qualche "trappola" per frenare la corsa della Cimberio con il suo mix di italiani di sostanza (il trio Maresca-Mordente-Michelori e Stefano Gentile, figlio d'arte di papà Nando promosso sul campo al ruolo di play titolare) e stranieri in cerca di affermazione in Italia. Sul perimetro da temere il fuciliere Chatfield, lo scorso anno capocannoniere in Francia anche se per ora col mirino sfocato (11,0 punti col 26% da 3); sotto canestro spicca il lunghissimo ed agile Akindele (13,8 punti col 78% da 2), cliente ostico anche per l'esplosivo Dunston, mentre il lituano Jonusas e il serbo Jelovac completano il quintetto nei due ruoli di ala. Chiaro il tema tattico del match con la Cimberio che dovrà imporre ritmo e brio sul campo della squadra dal peggior attacco della serie A, sfruttando l'intensità della sua difesa per non farsi irretire in una partita scorbutica ed a punteggio basso. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Giuseppe Sciascia [/font][/size]

  • pxg14

    «A Caserta con maturità»

    By pxg14, in News,

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Frank Vitucci tiene alto il livello d'attenzione della Cimberio che prepara la trasferta sul campo della Juve Caserta: classifica alla mano, stavolta sarà Varese a partire con i favori del pronostico dopo i tre successi consecutivi da “sfidante” contro Siena, Bologna e Cantù. [/size][/font][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Ma il coach veneziano si aspetta che la truppa biancorossa sappia interpretare l'impegno di domani con la medesima concentrazione con cui ha affrontato e battuto le ultime rivali: «Il match di Caserta sarà una verifica importante sul piano mentale: le partite si vincono o si perdono, fondamentale però è avere lo stesso approccio fatto di attenzione e modestia contro qualsiasi avversaria, a prescindere dai valori della classifica. Se supereremo questo test faremo un passettino in più, aggiungendo un altro mattone di consistenza alle certezze già acquisite sul piano del gioco». [/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Dunque il coach della Cimberio, che conosce bene l'ambiente di Caserta dopo due anni di derby affrontati sulla panchina di Avellino, stimola la sua squadra a prepararsi al meglio: «Ci aspetta una prova di maturità importante sul campo di una squadra che in casa gioca con molto orgoglio e grande energia. Giocheremo in un ambiente che pretende dedizione e applicazione dai suoi giocatori e sicuramente la Juve farà leva su queste armi per metterci in difficoltà toccando l'aspetto motivazionale come possibile chiave del match. Dunque una partita impegnativa che stiamo preparando con grande attenzione perché non vogliamo farci sorprendere da un'avversaria che in casa è decisamente temibile». [/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]In effetti il ruolino di marcia interno di Caserta è finora “immacolato” pur contro due dirette avversarie salvezza come Cremona e Biella, mentre l'assenza del play titolare – Nic Wise è stato tagliato dopo tre giornate e ancora non sostituito – potrebbe non essere un handicap secondo Vitucci: «Nel breve periodo l'assenza di un giocatore importante non fa calare di rendimento una squadra perché gli altri sfruttano lo spazio maggiore a disposizione, e giocatori come Stefano Gentile e Mordente suppliranno ampiamente in questo ruolo. L'asse portante è costituito da un realizzatore perimetrale come Chatfield, lo scorso anno capocannoniere in Francia, e un lungo esperto con taglia importante come Akindele, mentre gli altri elementi di grande energia ed esperienza sono bravi a girare attorno a questi due riferimenti». [/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Dunque una partita facile solo sulla carta in un campionato nel quale non si può dare nulla per scontato, auspicando un maggior coinvolgimento della panchina rispetto alle ultime gare: «Dopo sole 5 giornate dobbiamo guadagnarci ancora tutto, siamo solo partiti bene in un campionato difficile; ma ora che siamo in testa l'avversario di turno ha stimoli supplementari per batterci. Da questa partita mi aspetto risposte importanti a livello di mentalità, ma nello specifico sul piano tecnico allungheremo le rotazioni coinvolgendo Rush e Talts: contro Cantù ho forzato un po' la mano, ora Eric e Janar avranno occasione di essere utili alla causa perché possono e devono dare qualcosa in più».[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Giuseppe Sciascia [/font][/size][/size][/font][/color]

  • pxg14

    Cimberio da capitalizzare

    By pxg14, in News,

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Archiviata con soddisfazione la vittoria casalinga nel derby contro Cantù, Cecco Vescovi guarda già avanti alle prossime due trasferte consecutive sui campi di Caserta e Biella. [/size][/font][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Test delicati per una Cimberio che dovrà mostrare il piglio della capolista in due gare comunque insidiose.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Quella di lunedì è stata una grande vittoria - dice il presidente della società biancorossa di piazza Monte Grappa - ma in generale un grande spettacolo considerando il livello molto elevato della partita e il contorno di valore assoluto nonostante il posticipo al lunedì e la presenza della televisione. Tutto bellissimo ma ormai stiamo parlando del passato: adesso concentriamoci sulla necessità di capitalizzare quel che abbiamo costruito con merito nelle prime cinque giornate: proprio adesso è il momento in cui una squadra deve dimostrare maturità». [/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Superato brillantemente il “tappone dolomitico” rappresentato dal trittico Siena-Bologna-Cantù, ora sulla carta inizierebbe la discesa, ma il presidente varesino ribadisce dunque la necessità di non abbassare il livello di concentrazione in vista delle prossime due trasferte.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Ci aspettano due trasferte sulla carta abbordabili, ma proprio queste sono le partite più difficili da affrontare: affrontare le big da sfidanti regala sempre grandi stimoli e tensione agonistica a mille. Ora da capolista tutti ci attenderanno al varco perché siamo diventati un bersaglio da abbattere; servirà iniziare le partite col piglio deciso con cui abbiamo messo in difficoltà nel primo quarto Siena, Bologna ed Avellino, ma non credo che ci saranno problemi perché il gruppo è talmente unito nel suo modo di lavorare che ritengo improbabili dei cali di concentrazione». [/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]E la possibilità di sognare in grande dovrà essere uno stimolo importante anche per i giocatori, mentre la società vuole battere il ferro sul fronte sponsor per cavalcare la grande visibilità generata dal primato in classifica.[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Come società per noi è importante continuare a vincere per concretizzare la vetrina generata dai risultati in termini di nuove risorse: il consorzio continua a crescere e anche settimana prossima sono in programma nuovi incontri, confidiamo che l'attenzione attorno a noi possa servirci per riempire quei due spazi vuoti sulla maglia che ci darebbero serenità per la copertura del budget. Anche per i giocatori l'appetito vien mangiando: questo è il momento in cui devono capire che in questa stagione possono raccogliere qualcosa di importante e sfruttare fino in fondo l'occasione di valorizzarsi per la loro carriera». [/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Vescovi evita di fissare obiettivi precisi ma ribadisce l'importanza della qualità del gioco espresso per i consensi riscossi dalla Cimberio.[/font][/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Traguardi prefissati non ce ne sono, l'importante è cercare di stare in alto il più a lungo possibile giocando sempre con la serenità che ci contraddistingue e mantenendo il piglio dello sfidante deciso a competere il più possibile con le grandi. Basterebbe proseguire a divertirsi e divertire come stiamo facendo finora: il pubblico apprezza il tipo di gioco che stiamo praticando e lo abbiamo visto chiaramente negli ultimi due anni, nei quali a fronte di risultati del campo comunque positivi la squadra faticava ad avere lo stesso appeal di quella attuale».[/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Giuseppe Sciascia[/font][/size][/size][/font][/color]

  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Tutti in riga e sotto a chi tocca. Stavolta è Cantù, una candidata allo scudetto, a battere il musone contro l'imbattibilità di questa Cimberio, tambureggiante proprio quando avrebbe dovuto contorcersi di paura in un finale che, invece, ne ha esaltato scioltezza e sicurezza regalandole anche un po' di maturità in più, da grande squadra.[/size][/font][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Il campionato è solo agli inizi, quindi ancora tutto da scoprire nella definizione dei suoi valori ma, nel frattempo, Varese acchiappa consensi a catinelle e ben oltre i propri confini d'una Masnago in calore.[/font][/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]In una pallacanestro stravolta nelle sue gerarchie e di un livello abbastanza pianificato, i biancorossi più talentuosi danno persino l'impressione di essere inarrestabili nell'uno contro uno e nel bel mezzo di difese che si credono tutte d'un pezzo.[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Ere a parte - un cannone come cestista, e lo si sapeva al di là alcune sue pause stagionali -, svetta un Dunston il cui respiro sotto i canestri avversari si trasforma spesso in uragano. Se ci avessero detto d'aspettarlo anche per anni, sicuri di una simile rivelazione, non avremmo ossessionato alcuno con l'ormai trita e ritrita storia di un pivot che qui a Varese, e da tempo, sembrava bandito da ogni convenzione, compresa quella di Ginevra.[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Finalmente ce lo godiamo e ce lo teniamo stretto, anche se, avanti così, sarà difficile non farselo scappare per effetto di aste, senza meriti, dei più potenti.[/font][/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Dunston, non proprio intimidatorio in difesa, come fa capire di riflesso la buona prova del "canturino" Cusin, in attacco però spopola con canestri di grande fattura o meglio architettura, improbabile per chi di mestiere fa il pivot. Se gli manca quella spanna in altezza non se ne accorge nessuno, anzi sì intendendo i suoi avversari grossi e forzuti ma "uccellati" dai suoi movimenti che si traducono in soluzioni vincenti.[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Non è male ripetersi dovendo ricordare le felici intuizioni della società biancorossa nel mettere a segno un vero colpaccio, tipo casinò sbancato, in un mercato frequentato da tutti, quindi anche da quei club che si credevano ben riforniti sotto canestro o da quei dirigenti che, pur fidandosi presuntuosamente del proprio fiuto, non hanno filato - e nemmeno di striscio - uno come lui.[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Dunston in questa squadra, molto disinvolta nelle sue individualità d'assalto, fa un'enorme impressione persino fra gli stessi tecnici, a cominciare dal varesino Meo Sacchetti che guida Sassari, l'altra bella faccia del primato, per una sera a casa, passando per il palasport in cui fra tre turni affronterà la Cimberio e che a tarda sera, in pizzeria, confessava la sua sincera ammirazione per l'americano.[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Già, con un trascinatore del genere là sotto, dove osare a volte diventa un'avventura, e con uno all'esterno come Ere che vola come un caccia nel cuore delle batterie avversarie, questi biancorossi danno proprio la sensazione di non temere confronti. Non solo ma a volte sembrano pescare in un acquario, tant'è la leggerezza delle proprie segnature.[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Che bella sera quella di lunedì in un palazzo grondante di entusiasmi alla massima capienza, come da anni non si vedeva, soprattutto ci piace sottolineare i comportamenti e gli stati d'animo di un pubblico felice e orgoglioso ma senza esaltazioni d'occasione pur di fronte a un derby finalmente vinto e a un primato che potrebbe ubriacare chiunque. La sfida è appena cominciata per una piazza che, vieppiù matura, non s'aggrappa a facili e illusori sogni per credere invece e fortemente nella propria squadra, da accompagnare verso frontiere dimenticate da un pezzo.[/font][/size][/size][/font][/color]

  • pxg14

    «Cimberio come la Divarese»

    By pxg14, in News,

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]C'è anche Meo Sacchetti nella lista degli entusiasti dopo il derby numero 130 che ha confermato le ambizioni di vertice della Cimberio: il coach del Banco Sardegna Sassari, attuale capolista a braccetto dei biancorossi, si è goduto da spettatore interessato il match seduto nel parterre del PalaWhirlpool e ha parole di elogio per la "compagna di viaggio" della sua squadra: «Gran bella partita che ha confermato le qualità di Varese, squadra molto atletica che gioca un basket frizzante e piacevole. Ho apprezzato tantissimo Dunston ma in generale ho visto un gruppo con grande spirito: la partita sembrava chiusa in 3 o 4 occasioni, ma Cantù è tosta e non si arrende mai. Alla fine la Cimberio ha meritato perché è stata sempre avanti, ma mi è piaciuta la dimostrazione di forza data con la gestione lucida del finale: evidentemente vincere sempre dà grande sicurezza». [/size][/font][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]E nonostante la rivalità al vertice della classifica il successo della Cimberio non ha scontentato il coach tuttora residente in città: «In Sardegna tutti tifavano Cantù guardando la classifica e mi prendevano in giro perché ero l'unico che sperava in una vittoria di Varese. Ma dopo cinque giornate è presto per fare calcoli: personalmente ritengo che ne servano almeno 10 perché i valori si assestino in maniera definita. Certo Varese ha già battuto Siena e Cantù e vinto a Bologna e ha evidenziato una bella consistenza, però anche noi stiamo giocando bene sospinti da un grande entusiasmo, anche se dobbiamo ancora crescere in termini di continuità». [/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]A unire Varese e Sassari, oltre all'imbattibilità stagionale, c'è anche la filosofia cestistica votata a un basket spettacolare che sta portando "l'immaginazione al potere" della serie A: «Certamente giochiamo una pallacanestro più improntata a costruire gioco che a distruggere quello degli avversari. E' un basket divertente sia per chi sta in campo che per chi siede in tribuna: ritengo importante trasmettere emozioni a chi si avvicina per la prima volta al basket e non è un addetto ai lavori cercando di far vedere il lato migliore del nostro sport. Ovvio che il tutto deve essere finalizzato alla vittoria, ma in questo momento Varese e Sassari rappresentano la faccia bella della pallacanestro». [/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Il coach del Banco Sardegna è comunque convinto che le “big” attualmente in ritardo potranno recuperare in corsa il loro gap nei confronti delle rivelazioni Cimberio e Sassari: «Noi siamo molto contenti perché portare la Sardegna in testa alla classifica ha dato ulteriori stimoli a una regione che ci considera come i suoi portacolori. E allo stesso modo vedo grande soddisfazione a Varese che da anni non respirava più l'aria del vertice. In questo momento si parla giustamente di queste grandi novità, però sono certo che alla distanza emergeranno le protagoniste annunciate: in fondo Cantù ha perso in volata sia da noi che a Masnago, logico che non ci si aspettava una Milano così indietro ma sono sicuro che non può continuare su questa strada. Probabilmente si sono ridotte le distanze tra le tre big di Eurolega e le outsider, ma in generale il campionato sembra molto più equilibrato anche nelle zone basse». [/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]E l'ex bandiera della Varese degli anni '80 – ospite fra tre giornate a Masnago con il suo Banco Sardegna – ritiene calzante il paragone tra l'attuale Cimberio e le squadre di cui era leader: «Vedo molte similitudini tra quella DiVarese e la squadra attuale: anche noi giocavamo una pallacanestro frizzante e non speculativa portando tanta gente al palazzetto. E oggi come allora il fattore-Masnago si fa sentire, l'ambiente caldo ma corretto mi ha ricordato molto quello di Sassari. La sfida al vertice del 18 novembre? Troppo lontana: noi, come Varese, non abbiamo ancora la forza per guardare lontano ma dobbiamo ragionare una partita alla volta». [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Giuseppe Sciascia [/font][/size][/size][/font][/color]

  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Tripudio: è quello a cui si assiste a fine partita, quando la Cimberio sfila, come sempre, a salutare i suoi tifosi.[/size][/font][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Un tripudio decisamente speciale, perchè la vittoria piega l'odiatissima Cantù (e forse quando alla fine del primo quarto di gioco l'intero palazzetto si scatena in un "chi non salta canturino è" emerge anche qualcosa di extracestistico e di recente nei confronti di tutto ciò che ci ricollega a Como...) e perchè consente a Varese di mantenere la vetta della classifica in compagnia di Sassari (Meo Sacchetti è lì a osservare da vicino la Cimberio).[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Meglio però continuare a non "allargarsi" e limitarsi a gioire di un successo che comunque dice qualcosa in più, naturalmente di molto positivo, nei confronti della formazione di Frank Vitucci. Se serviva un esamone per promuovere la Cimberio alla qualifica di "aspirante grande", beh, il verdetto c'è ed è netto.[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Si potrà osservare che Cantù era reduce dalla fatiche dell'Eurolega (venerdì sera aveva piegato il Khimki festeggiando il primo successo europeo della stagione), che indubbiamente si fanno sentire, ma sarebbe ingeneroso togliere meriti a questa Cimberio sin qui inarrestabile e protagonista di un filotto giunto ormai a livelli del tutto inconsueti (11 vittorie nel precampionato prima delle 5 in campionato e 16 partite senza macchia rappresentano qualcosa di davvero speciale).[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Una Cimberio sempre simile a se stessa, che sa trovare di volta in volta le risorse qua e là, con le accelerazioni inarrestabili di Banks, con le raffiche di Ere, con la solidità di Dunston e con il fosforo di Green, stavolta vera costante nei 29 minuti in cui l'americano rimane in campo (che belle le vendette sportive consumate sul campo!).[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]La Cimberio è una squadra in cui ogni giocatore può fare e fa ciò che gli riesce meglio e questa varietà di soluzioni rappresenta la vera chiave di volta, almeno in attacco: gli avversari che difendono non sanno mai se l'insidia arriverà dall'uno contro uno di Banks o dall'assist di Green per Dunston, dal tiro dall'arco di Ere o di Sakota o dalla penetrazione di De Nicolao.[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Allora Frank Vitucci, pur senza considerare acquisite tutte queste belle qualità che vanno sempre "oliate" e coltivate, dovrà cercare di concentrarsi su qualche difetto che questa squadra ancora lamenta (e ci mancherebbe che non fosse così in un gruppo di atleti che non avevano mai giocato insieme prima di tre mesi fa).[/font][/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Quello che maggiormente si nota e che avevamo rilevato già nella partita di Casalecchio con la Virtus Bologna è la difficoltà di allestire una efficace difesa di squadra. La Virtus aveva rimontato puntando tutto sulle penetrazioni che avevano avuto successo proprio per l'assenza di aiuti difensivi da parte di Varese. [/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Ieri sera a mettere in difficoltà la retroguardia varesina è stato Marco Cusin, che non è di sicuro Dwight Howard ma che sa far valere molto bene la sua statura e la sua non apparente fisicità; Cusin ha tenuto sotto pressione Dunston e anche nel finale ha realizzato un canestro, dopo un bel rimbalzone offensivo, che ha tenuto accesa la partita sino allo scippo finale di Green ai danni di Tabo.[/font][/size][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Un altro limite della squadra ci pare l'utilizzo offensivo di Dunston, che tocca solo "ultime palle" e che viene poco coinvolto nella manovra offensiva; la sfera circola prevalentemente per linee esterne (e non potrebbe essere altrimenti con tanti primi attori ai quali piace "sentire" spesso la sfera), così il centro viene spesso ignorato.[/font][/size][/size][/font][/color]
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Ma non vorremmo che, risolti questi e altri problemini a cui ancora Frank Vitucci dovrà lavorare, questa squadra smarrisse la sua caratteristica più positiva: quella spensieratezza e quella "leggerezza" che ancora emergono quando attacca il canestro avversario.[/font][/size][/size][/font][/color]

  • pxg14
    [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Forza immaginifica dello sport e, a Varese, potenza assoluta della Pallacanestro, capace in questi tempi difficili, problematici, ricchi spesso solo di sguardi che passano dal torvo al rassegnato, di congiungere i cuori. Legarli insieme, con qualche corda segreta, ovviamente biancorossa, e spingerli a razzo verso l'alto. Da oltre una dozzina d'anni non sentivamo sotto pelle un'atmosfera del genere e, manco a dirlo, era da quel magico 1999 che non sentivamo, dentro alla pazzesca bolgia di Masnago, “quel” coro celestiale: "E se ne va, la capolista se ne va…". O.K.: adesso fermate l'esaltazione e, come dice un campione di realismo di nome Frank Vitucci: "Restiamo tutti quanti coi piedi per terra". Però, insomma, ‘sto momento di goduria generalizzata va vissuto e assaporato fino in fondo. Gioia arrivata proprio sul rettilineo di una gara dura, intensissima, a tratti anche sporca, ma di quella cattiveria agonistica tipica delle squadre che piuttosto che perdere si farebbero ammazzare. Una partita che una Varese ondeggiante domina spesso, ma senza mai riuscire ad ucciderla. Sceneggiatura giusta, del resto, tra due squadra che oggi si equivalgono (un bel complimento per la Cimberio…) e perfetta contro una Cantù che, ovviamente, da squadra di altissimo rango ed esperta, non permette a Varese di scappare via costringendola alla cadenza di un basket fisico, molto “pensato”, classico da Eurolega. Ma Varese, come già visto contro Siena, sa adattarsi, piegarsi camaleonticamente alle esigenze tattiche e, qui sta il bello, a vincere. La partita inizia con quintetti noti: Green, Banks, Ere, Sakota, Dunston contro Mazzarino, Smith, Markoishvili, Leunen, Cusin e Cantù che vuole andare subito dentro l'area alla ricerca di Cusin mentre Varese replica con Banks che vuole speculare atleticamente e fisicamente contro Mazzarino e Sakota per il 9-6 al 4'.[/size][/font][/size][/font][/color]

    [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Coach Trinchieri, complici i falli di Manuchar e Smith cambia presto gli assetti, ma sul 15-10 sono Mazzarino, con la solita tripla, e Cusin, gioco da 3 punti, a buttare avanti Cantù: 15-16 all'8'. Con la crescita di Ebi Ere e l'ingresso in campo della coppia De Nicolao-Polonara la Cimberio sferza Cantù producendo, a cavallo dei quarti, un break importante (16-6) ed il primo vantaggio consistente: 31-22. Quando coach Trinchieri contabilizza, appunto, 31 punti subiti in 11' chiama time-out e mette un potente freno al ritmo di gara. Varese, senza l'arma della velocità, accusa il colpo. La qualità delle sue esecuzioni offensive cala sensibilmente (dal 53% del primo quarto al 33% della pausa) e dal +8 (36-28 al 13'), subisce uno 0-10 che riapre la gara: 39-38. Però, nel momento critico, Varese non si fa acciuffare e cercando Dunston vicino al ferro prima allontana la minaccia (45-40 all'intervallo lungo), poi con una schiacciata di Brian allunga di nuovo verso un gap in doppia cifra: 51-40 al 22'. Cantù rientra ancora grazie alla splendida agilità di Brooks e alle martellate di Markoishvili che, implacabile, firma il -6 al 30': 65-59. Uno dei rari colpi di Leunen, l'uomo in meno, ieri, della Chebolletta e le conclusioni di Brooks, Tyus e Smith riaprono definitivamente il match:69-67 al 35'. Così, in un clima ultratensivo, a decidere sono le giocate sull'asse Green-Dunston con Mike che 7 assist, 9 falli subiti e 7 recuperate, compresa quella fondamentale scippata dalle mani di Brooks, è un gigante di una gara che, con le squadre paralizzate dall'arco (0/9 il totale di entrambe) diventa una guerra di trincea. Guerra nella quale, fuori Cusin per 4 falli si erge, straordinaria, la figura di Dunston che, insieme al leggiadro Banks porta i casa i punti che sprangano il match: 75-71. Un +4 che rimane tale fino al termine ed esalta tutto la gente di Masnago. Essersi tolti di mezzo il “tabù” significa molto per un popolo autorizzato a sognare ad occhi aperti. [/font][/size]
    [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Massimo Turconi [/font][/size][/size][/font][/color]

  • Member Statistics

    1,369
    Total Members
    1,155
    Most Online
    massimonik
    Newest Member
    massimonik
    Joined
×