VareseFansBasketNews


simon89
L'Openjobmetis sembra ormai definitivamente al di fuori della zona retrocessione, ma il sogno playoff alimentato dalle cinque vittorie consecutive - la striscia aperta più lunga in serie A - sembra più legato alle possibilità concesse dall'aritmetica che alla realtà dei fatti. L'attualità stretta dice che nessun club dopo la Coppa Italia ha fatto meglio rispetto al pokerissimo di vittorie conquistato dalla truppa di Attilio Caja, passata dall'ultimo posto del ventesimo turno al dodicesimo attuale. Oggi Varese ha 8 punti di vantaggio sull'ultima della classe Cremona e appena 4 lunghezze da recuperare nei confronti di Brindisi e Torino, a braccetto all'ottavo posto.
Ma ci sono due fattori contingenti che cozzano col sogno di agguantare in extremis l'obiettivo dichiarato nell'estate 2016: il primo è legato alla difficoltà del calendario, che proporrà a Cavaliero e compagni due soli impegni casalinghi (Trento e Cremona) nelle ultime sei gare della regular season, con trasferte impegnative sui campi di Reggio Emilia e della seconda forza Venezia, oltre al derby di domenica contro Cantù e alla tappa conclusiva a Torino. Il secondo è quello degli scontri diretti: i primi quattro mesi e mezzo di sconfitte pesanti in trasferta hanno lasciato in dote un meno 12 nel doppio confronto con l'Enel e un meno 28 con Pistoia (attualmente decima, un gradino sopra i biancorossi), oltre al meno 7 della sconfitta interna con Torino.
Se la quota playoff attualmente è stimata a 30 punti, a Varese potrebbero non bastare neppure 5 vittorie nelle ultime 6 gare in un eventuale arrivo in parità multipla disciplinato dalla classifica avulsa. La versione "post Final Eight" della truppa di Attilio Caja varrebbe ampiamente le prime otto posizioni, ma le troppe occasioni sprecate nei primi due terzi del campionato hanno virtualmente azzerato il margine di errore dell'Openjobmetis. Passare il test del PalaDesio per cancellare la macchia della sconfitta casalinga dell'andata è il primo indispensabile step per alzare ulteriormente l'asticella delle ambizioni. E anche in caso di impresa sul campo di Cantù, ne servirà subito un'altra a Reggio Emilia nel secondo atto esterno consecutivo che il calendario pone sul cammino biancorosso. Certo, se l'OJM superasse a pieni voti anche i prossimi due viaggi, allora potrebbero aprirsi spiragli davvero interessanti. Ma realisticamente è meglio vivere alla giornata cercando di togliersi ulteriori soddisfazioni, a partire dal sentito derby di domenica: spazzata via la cappa di negatività che ha avvolto a lungo l'ambiente di Varese, la primavera anticipata delle ultime cinque vittorie consecutive ha riacceso entusiasmi sopiti, come evidenziato dagli oltre 1.600 paganti delle ultime due gare casalinghe. E gli umori positivi della piazza sono l'humus più fertile attraverso il quale alimentare la ricerca delle risorse necessarie - tra sponsor da rinnovare o aggiungere, e la caccia di capitali freschi tramite uno o più soci forti - per provare a non disperdere per intero i protagonisti della resurrezione frutto della "cura Caja" in vista della stagione 2017/2018.
Giuseppe Sciascia
simon89
E ora che guardare indietro fa meno paura, ora che i fantasmi sono spariti, ora che i magoni sono dimenticati, ora che l’adrenalina ti ha messo le ali, l’unico limite diventa il cielo. Pazza idea di fare i playoff con lui, Attilio Caja. Anzi con loro, lui e il suo esercito spartano (fu Armata Brancaleone), protagonisti di una della metamorfosi più improbabili della storia del basket: là dove c’era la sconfitta, ora ci sono i sogni.
Pazza idea di fare i playoff con Varese. Quando un obiettivo sembra conquistato (e lo è, quasi...) bisogna porsene subito un altro, ancorché difficile se non impossibile: è il sale della vita.
Facciamo due conti, prima di raccontare la quinta perla che Varese costruisce ai danni della Capo d’Orlando (74-72 il finale) quarta in classifica. Cremona perde al fotofinish contro Sassari in casa, Pesaro rimane al palo a Trento: l’ultima piazza ora dista 8 punti dai 20 della Openjobmetis, con sei giornate ancora da giocare. Ragionevolmente parrebbe mancare una sola vittoria alla sicurezza. Giriamoci e guardiamo avanti, perché non è più peccato farlo: la settima e l’ottava piazza - in attesa di Reggio Emilia-Brescia di oggi - sono a quota 24, ma tra i biancorossi e la realizzazione di un autentico miracolo c’è una pletora di squadre (Cantù, Brescia, Pistoia, Brindisi e Torino) da superare. Servirebbe allungare il filotto e di molto, servirebbe fare la voce grossa negli scontri diretti (Cantù, Reggio Emilia e Torino), servirebbe un’impresa. Il solo poterla immaginare ad alta voce senza benedire la legge Basaglia che ha chiuso i manicomi in Italia, rende l’idea del percorso fatto dall’Artiglio e dai suoi insospettabili giocatori.
Quattro problemi
Capo d’Orlando, un problema in quattro parti. La prima: la forza intrinseca della sporca (è il caso di scriverlo) dozzina di Di Carlo. La bidimensionalità di Archie (26 punti con solo tre errori al tiro...) e l’imprevedibilità di Diener sono conferme della vigilia, le mani addosso, la garra, la “tignosità” difensiva e vocale (a portare gli arbitri dalla propria parte) sono una sorpresa.
La seconda: la giornata no in attacco dei padroni di casa. Dopo la scorpacciata di Brescia (51% da tre), Varese torna a percentuali “morettiane” (22%) dall’arco e si intestardisce in area (40%), con il suo principale cannoniere Johnson francobollato da Tepic & company, un Maynor prima impreciso poi stordito dal colpo subito nei pressi dell’intervallo e un Eyenga con il motore offensivo spesso e volentieri fuori giri.
La terza: i “grigi”. Quelli di giornata sono della peggior categoria possibile tra le tante contemplate dal mondo arbitrale: quella dei protagonisti a tutti i costi. I tre direttori di gara (Mazzoni, Quarta, Bettini) perdono subito il contatto con la realtà di una partita maschia, “cannano” due/tre fischi letali e favoriscono un nervosismo che si traduce in rissa, per la quale fanno le spese Cavaliero e Stojanovic, entrambi espulsi. Non contente, le grandi “A” appioppano tecnici a destra e a manca, fanno perdere il paradiso a Caja e a tre quarti del palazzetto e non riesco a trovare un’uniformità di giudizio nei fischi. Rovinando il match.
La quarta: i falli dei lunghi. All’inizio del seconde tempo Pelle commette la quarta penalità, Anosike passa 20 minuti a doversi gestire con tre e Caja è costretto ad andare per molti tratti con il quintetto piccolo (Kangur e Ferrero), tirando il collo all’estone e privandosi - gioco forza - di armi decisive nel recente passato.
Una soluzione di gruppo
La risposta del gruppo è da campioni, ispirata da un’Artiglio “talebano” nel suo credo (Avramovic non si alza dalla panchina nemmeno stavolta, nonostante la mancanza in itinere del capitano). Come al solito, ha ragione lui. La Varese che non riesce a segnare dall’arco e che un po’ si specchia nella propria ritrovata bravura (tiri costruiti ariosamente ma con qualche fronzolo di troppo) tiene un vantaggio costante grazie a una retroguardia assatanata (11 recuperi e 5 punti concessi a Capo nei primi otto minuti dell’ultimo quarto), nella quale si segnala il sacrificio dello stopper Eyenga, soprattutto su Diener. Dall’altra parte della luna, invece, a decidere sono l’intelligenza del Johnson “spuntato”, che trova buone penetrazioni e poche forzature (15 punti e 7/7 ai liberi), la clamorosa prestazione a rimbalzo di Kangur (10 carambole da chi, un mese fa, non riusciva più a saltare la Gazzetta), l’entusiasmante cammeo di Bulleri (9 punti e un paio di canestri salvifici) e un Ferrero nato pronto da 11 punti in soli 16 minuti di permanenza sul parquet. Una menzione la merita anche Anosike (12 punti e 9 rimbalzi in 18 minuti), che nel “ciapa no” dell’ultimo quarto - e contro un bruttissimo cliente come Delas - segna cesti di lotta e di governo, importanti come una bombola d’ossigeno sull’Everest.
Quindi? Quindi prima si respira e poi si sogna. Regalandosi una serata in cui cullarsi al pensiero che una squadra che vince cinque partite di fila, in cinque modi diversi (l’ultima di nervi, con la faccia brutta e cattiva) e contro cinque avversari che non le hanno regalato nulla, ora appartenga più al cielo che agli inferi. Comunque vada a finire.
Fabio Gandini
simon89
L'Openjobmetis supera a pieni voti anche l'esame di maturità contro Capo d'Orlando. La compagine di Attilio Caja allunga a quota 5 la sua serie positiva (record personale per il tecnico pavese sulla panchina biancorossa), fermando a quota 4 la striscia della quarta forza Betaland, e compie un passo decisivo verso la salvezza visti gli 8 punti di margine a 6 giornate dal termine nei confronti dell'ultima della classe Cremona. Vittoria tanto sofferta quanto significativa per una Varese capace di indossare la tuta blu in un match dai toni agonistici oltremodo vibranti, tra la doppia espulsione per Cavaliero e Stojanovic - mani al collo del capitano al serbo dopo uno spintone con ceffone a rimbalzo; gli arbitri hanno ricorso all'instant replay per decidere la sanzione - e mille contatti ruvidi tollerati sotto entrambi i canestri.
La quinta meraviglia dell' OJM arriva in modalità sudore e lacrime in difesa, nascondendo una serata opaca dall'arco (4/18 da 3) e un complessivo 36% dal campo in una gara ruvida e sporca dopo il brillante 65% da 2 del primo affondo (35-25 al 16' prima della scaramuccia costata l'uscita anticipata del capitano). Per tre volte i biancorossi hanno provato la fuga (60-49 al 28' e ancora 69-58 al 34'), capitalizzando il predominio a rimbalzo (41-34 con 17 secondi tiri) e la capacità di creare tiri comunque equilibrati. Ma Capo d'Orlando non si è mai data per vinta, rientrando sempre in scia della squadra di Caja con un finale palpitante risolto dall'ennesima palla rubata dalla difesa di casa (11 recuperi contro 9 perse e 18 "turnovers" per la Betaland) e trasformato nel canestro della staffa da Eyenga (74-70 a meno 3").
Vittoria da squadra vera, capace di nascondere una serata non scintillante in attacco e i problemi di falli dei lunghi (4 per Pelle al 21' e Anosike al 29') con la disponibilità a sacrificarsi di tutti gli effettivi per la causa comune. Nelle pieghe del match è stato fondamentale l'apporto dei veterani Kangur e Bulleri: l'estone -schierato anche da pivot vista l'emergenza - è stato un muro invalicabile in ogni situazione difensiva, mentre il 39enne playmaker di Cecina - preferito da guardia ad un Avramovic ormai "inchiodato" alla panchina per la quinta partita in fila - ha dato punti e verve all'attacco, nascondendo lo 0/7 dal campo di Maynor. Alla fine il punto esclamativo lo ha messo ancora "Dom" Johnson con il 2+1 del 72-67 a meno 1' prodotto eseguendo alla perfezione lo schema chiamato da Caja nel time-out precedente, e tuffandosi sul pallone vagante poi trasformato in contropiede da Eyenga sull'ultimo assalto a meno 2 della Betaland.
Alla fine entusiasmo alle stelle per la sinfonia intonata dalla difesa tutta cuore e intensità di Varese al termine di un match da play off per fisicità e livello emotivo di partecipazione in tribuna. La "cinquina" calata contro Capo d'Orlando esorcizza in maniera stabile e definitivo lo spettro della retrocessione: col tonfo di Milano a Pistoia, oggi è l'OJM a vantare la striscia positiva più lunga di tutta la serie A. E i 4500 spettatori in tribuna applaudono a scena aperta l'ulteriore capitolo della "resurrezione" biancorossa griffata da Attilio Caja: Varese è tornata ad amare una squadra che ha saputo ricompattarsi attorno a un'identità forte, e ora spera di vivere altre domeniche esaltanti come quella di ieri. C'è ancora margine per sognare una clamorosa rimonta playoff? Il calendario dice no viste le 4 trasferte nelle ultime 6 gare, partendo dalle due consecutive a Cantù e Reggio Emilia. Ma il derby di domenica a Desio può essere un ulteriore trampolino di lancio verso un finale di stagione intrigante.
Giuseppe Sciascia
banksanity6
Questa sera l’orchestra (perché ora non c’è termine migliore per definire la OJM Varese) diretta dal Maestro Caja decide di suonare la quinta sinfonia e la platea dimostra tutto il suo gradimento con scroscianti applausi e facendo tornare a vibrare le mura del PalaA2A. Capo si dimostra avversaria ostica e rognosa e che non a caso occupa i vertici della classifica ma Varese da una dimostrazione di forza e carattere che alla fine vale per i 2 punti in classifica. Ma veniamo alle valutazioni :
Johnson 7,5 : partita diversa rispetto a quella di Montichiari dove la conclusione dalla lunga non ne vuole sapere di entrare ma in compenso continua a difendere come un leone, mette tiri ad alta percentuale, è perfetto dalla lunetta e chiude con un confortante zero palle perse. Nel momento di maggior difficoltà, nell’ultimo quarto, segna il 2+1 che decide l’incontro dimostrando la sua leadership. BIG BALLS
Anosike 7 : inizialmente fatica a prendere ritmo ma poi è come sempre fondamentale e concreto anche se limitato dai falli (infatti rimane in campo solamente 18 minuti). Lotta su ogni palla e chiude con 12 punti e 9 rimbalzi. CERTEZZA
Maynor 6 : partita senza particolari acuti dal punto di vista realizzativo ma sicuramente non si può dire che sia stata del tutto negativa; tanto ordine e qualche assist di pregevole fattura limitando anche questa sera le palle perse. Vorrà dire che i punti pesanti li ha conservati per quando serviranno in futuro. SGRATTT
Avramovic N.E.
Pelle 6 : anche lui deve subire qualche fischio oltre modo severo e per questo non riesce a dare continuità alla sua prestazione anche se sicuramente non fa male. LIMITATO
Bulleri 7,5 : impatto devastante per un ragazzo dalle 39 primavere;pressione asfissiante sul portatore di palla, sempre pronto al raddoppio anche sul lungo e poi stasera segna anche 9 punti pesantissimi e per niente semplici. COCOON
Rossi N.E.
Cavaliero 6,5 : anche se le prime 2 conclusioni non erano andate a segno stava dimostrando una buonissima predisposizione difensiva fino a quando non ha perso la calma e si è fatto trascinare nella bagarre che ha sancito poi la sua espulsione. TARANTOLATO
Kangur 7,5 : se non fosse stato per quelle conclusioni sbagliate nella ripresa da sotto canestro sarebbe stata una prestazione da MVP. Nel primo tempo schiaccia (anche se dolcemente) due punti in entrata. In attacco raccoglie la bellezza di 8 rimbalzi e resta in campo 30 minuti difendendo anche da 5 puro senza far rimpiangere mai nessuno. REDIVIVO
Canavesi N.E.
Ferrero 7 : partita da incorniciare visto che nei minuti che resta in campo (16 per l’esattezza) ha un solo errore dal campo (2/2 da 2 e 2/3 dalla lunga) e un errore su 2 tentativi dalla linea della carità. Sempre attento e valido difensivamente visto che spesso deve tenere un osso assai duro come Archie. CAGNACCIO
Eyenga 8 : nonostante un 4/14 totale al tiro ancora una volta è la scintilla da cui divampa l’incendio marchiato OJM. Se decide che vuole difendere si piazza li e non da respiro al suo diretto avversario (Diener questa notte è probabile che se lo rivedrà chissà quante volte nei suoi sogni) e tutti i suoi compagni seguono il suo esempio. NIGHTMARE
simon89
«Dopo la partita di domenica scorsa, l’asticella si alza ancora. Ancora di più». Non fa una grinza e non si tratta solo della qualità degli avversari: il percorso è sempre stato, è e sarà varesino. Contro i propri limiti più che contro l’altro da sè.
Pistoia è valsa l’abbaglio di una speranza, Avellino a piazzare il colpo che scompagina le carte, Pesaro a mettere a segno un punto importante nella battaglia salvezza, Brescia a corroborare il concetto di rinascita con una partita di purissima sostanza. Cosa sarà Capo d’Orlando?
Se lo chiede anche coach Attilio Caja, nella lunga vigilia che precede l’appuntamento con i siciliani di Di Carlo. Quarti in classifica: «Dopo una vittoria importantissima come quella contro la Leonessa - esordisce il coach in conferenza stampa - ci aspetta un impegno davvero tosto. Capo è 4° in classifica e lo è dopo 23 partite: non c’è nulla di casuale nella posizione che occupa. È una squadra di qualità e sta facendo davvero bene».
La disamina degli avversari è lunga e articolata: «Si parta da un grande giocatore come Drake Diener, che a Capo d’Orlando - come, del resto, ovunque abbia giocato - si è dimostrato capace di innalzare il livello dei compagni. Vicino a lui c’è una seconda punta come Dominique Archie, altra costante di una formazione che ha cambiato volto. Archie è molto versatile, ha una doppia dimensione: interna, perchè può far male in avvicinamento a canestro, ed esterna, con un tiro da fuori che dovremo obbligatoriamente tenere d’occhio. Accanto a loro c’è un gruppo di giocatori emergenti e molto interessanti».
Quali? «In primis Ivanovic, il sostituto di Fitipaldo, che sta dimostrando di avere grandi qualità offensive e fiuto per il canestro: è un realizzatore e sa tirare anche da molto lontano. Poi c’è Tepic, che non è un terminale d’attacco vero e proprio ma è molto bravo a coinvolgere i compagni. Non dimentico nemmeno atleti come Laquintana, Delas, Stojanovic e Iannuzzi, tutte pedine che sono state in grado di crescere molto nell’arco della stagione». Su Iannuzzi, l’Artiglio spende qualche parola di più: «Lo allenai 5 anni fa nella nazionale sperimentale e mi stupì del fatto che non avesse ancora avuto la possibilità di giocare in serie A. Proprio 2 anni fa, quando ero qui a Varese, parlai di lui con Max Ferraiuolo: “Vai a vederlo ad Omegna - gli dissi - perchè è molto interessante e ne vale la pena». Il coach non lo dice, ma se pochi mesi dopo fosse stato confermato sulla panchina biancorossa, l’ala classe 1991 (208 cm) avrebbe potuto essere uno degli obiettivi di mercato.
Tornando al qui e ora, la somma fa un avversario difficile, «da affrontare con una grande attenzione difensiva, rimanendo sempre concentrati su tutte le loro molte opzioni. Dall'altra parte del campo, invece, dovremo essere pronti ad attaccare le diverse difese che ci troveremo davanti».
Fabio Gandini
simon89
La quadra trovata da Attilio Caja nella disastrosa Openjobmetis da lui ereditata a fine dicembre 2016 ha richiesto sudore e sacrifici. Del lavoro, innanzitutto, ma anche di uomini: il più evidente è quello di Aleksa Avramovic, 1,5 minuti di impiego medio nelle ultime quattro partite, quelle della rinascita biancorossa, frutto di 6 primi giocati contro Pistoia e di 3 n.e. consecutivi contro Avellino, Pesaro e Brescia.
Un accantonamento evidente, per un giocatore che durante la gestione di Paolo Moretti in campionato (12 gare) restava sul parquet 18,9 minuti di media, producendo 9,5 punti ad allacciata di scarpe con il 48% da 2 e il 25,5% da 3. Un accantonamento, però, anche da spiegare, cercando parimenti di ragionare sul futuro di un atleta giovane (23 anni il prossimo 25 ottobre) e di prospettive ancora da decifrare.
Oggi e ieri
Una squadra lunga, con gerarchie solo apparenti (forse una delle “colpe” maggiori da addebitare a Moretti), da ricostruire tecnicamente e moralmente: il 22 dicembre 2016, giorno della firma di Caja, Varese era questo. Accanto al lavoro duro in palestra e a a al cesello psicologico sia individuale (con colloqui mirati) che collettivo, l’allenatore pavese ha dovuto fare delle scelte nel segno della funzionalità e della complementarietà del materiale tecnico a sua disposizione, cercando di far nascere un “sistema” sul quale instradare la risalita. Primo passo: un quintetto titolare (Maynor, Johnson, Eyenga, Ferrero e Anosike) “chiaro” e “consistente” nei minutaggi. Secondo: il ragionamento sugli incastri. Con due “attaccanti” come Johnson ed Eyenga, nei momenti di riposo necessari al ritrovato leader Maynor (e mettendo definitivamente al bando i cambi “morettiani” di tre-quattro pedine alla volta, come per le linee dell’hockey), l’esigenza era quella di utilizzare un playmaker puro ed esperto, ovvero l’identikit di Massimo Bulleri. Nei minuti passati da Johnson a rifiatare in panchina, poi, ecco l’utilità di un Cavaliero, giudizioso e versatile (a Brescia è stato tante volte “scambiato” con Eyenga) pur senza acuti di rilievo.
Strada chiusa per “Avra”, guardia e non playmaker nelle considerazioni del coach, anarchico in virtù di quel talento ancora inesperto e uomo di rottura per eccellenza: uno da mettere quando sei sotto di 15, quando cioè il succitato “sistema” si dimostra in difficoltà, per cercare di ritornare in partita. C’è chi potrà obiettare come il serbo sia stato il migliore dei primi tre mesi disgraziati di stagione: vero, verissimo. Ma la risposta è insita nella stessa obiezione: in quella squadra che un “sistema” non lo aveva, un giocatore istintivo e abituato a giocare per conto proprio non poteva che mettersi in evidenza, in virtù di mezzi indubbiamente da non sottovalutare.
Domani
Bocciatura senza appelli, dunque? No: il giudizio non è sull’atleta in assoluto, anzi; il giudizio è (stato) sulla situazione e sui bisogni di una formazione caduta in fondo alla classifica. Tanto è vero che Aleksa rimane uno dei giocatori più seguiti e “rimbrottati” dall’Artiglio durante gli allenamenti, allenamenti che prima o poi diranno definitivamente se il giovanotto può aspirare a diventare un regista o meno. Chiarendo in tal modo il futuro suo e quello di Varese con lui.
Perché è inevitabile pensare al domani di un ragazzo che ha ancora un anno di contratto garantito oltre a quello corrente, più un’opzione per un eventuale terzo anno di rapporto complessivo. Le variabili per capire come costruire la squadra prossima ventura sono tante e inintellegibili al momento, ma una cosa pare certa: dovesse mai essere presa in considerazione l’ipotesi del 5+5, spazio per Avramovic non ce ne sarà, considerati anche i contratti in essere con il cotonou Pelle (1+1 firmato nell’estate 2016) e il comunitario Kangur (biennale con uscita, a basso costo per Varese, a giugno 2017). Con i “5 italiani” la società si dovrebbe lanciare in tre transazioni con i giocatori sopra citati (o almeno con due di essi), con quella di Aleksa - che ha un contratto a stipendio e tutele “crescenti” - da concordare. Discorso diverso nell’ipotesi di un 3+4+5 (assolutamente non scartata a priori nei piani di piazza Monte Grappa: si può risparmiare anche con i 7 stranieri, basta creare un roster da 9 pedine “vere” invece che da 12...), nel quale il potenziale di “Avra” costituirebbe una scommessa da giocare ancora, magari cercando compagni complementari da affiancargli. Quel che è certo è che, dal mentore Coldebella in giù, nessuno - men che meno Caja - ha scaricato l’ex mvp del campionato serbo.
Fabio Gandini
simon89
Norvel Pelle, per ovvie ragioni anatomiche, non passa inosservato quando passeggia per la città. La gente lo riconosce, lo ferma, lo saluta. Sembra volergli istintivamente bene. Una prova? Giusto il tempo di concludere l’intervista ed un autobus suona il clacson, accostando a bordo strada: l’autista richiama con ampi gesti Norvel, lo fa salire sul mezzo, gli stringe la mano e gli dà una pacca sulla spalla. Lui lascia fare, pacifico e contento, con quel candore sorridente che tradisce - a dispetto della mole - i suoi 24 anni appena compiuti.
Il gigante bambino from Antigua e Barbuda sta diventando grande sotto il Bernascone. Quasi una seconda crescita dopo quella - veloce, precoce, senza reti - che tutti quelli come lui sono costretti a vivere quando lasciano il nido per tentare il volo nel basket. La vita sotto le plance è un rebus: puoi farti planare addirittura in posti come Taiwan o il Libano, dove 211 centimetri tratteggiati alla caraibica sembrano più improbabili di una palma in Groenlandia. Poi ti può far atterrare a Varese e regalarti altri centimetri, stavolta di esperienza, da rivendere a te stesso quando le ali ricominceranno a muoversi verso altri lidi.
Sì, un giorno Norvel si ricorderà di tutto questo. Si ricorderà di una stagione tragica, di un “clic” che tutto cambia e di un allenatore che - al prezzo del sudore - lo ha preso e ha rivoltato il suo gioco come si fa con un calzino. Cambiando lui, i suoi compagni e un destino nero.
Pelle, come si sta dopo aver vinto la partita di Brescia e dopo aver conquistato il quarto successo consecutivo? Bene, assolutamente. Essere stati consistenti ed aver portato a casa quattro vittorie è molto importante.
Qual è il segreto di questa rinascita? Non c’è un segreto, davvero. Abbiamo finalmente fatto un passo avanti come gruppo, abbiamo fatto “clic”, realizzando che solo giocando tutti insieme sarebbero arrivati i risultati. Come poi, effettivamente, sta avvenendo.
Allora cambiamo la domanda: perché il clic non arrivava, prima? Cosa non andava in questa Openjobmetis? Prima Varese era una squadra solo sulla carta: non si assimilava come una squadra, non si muoveva come una squadra. Troppi, per esempio, cercavano di rompere le partite da soli e di portarle a casa con giocate personali. Ora, invece, abbiamo trovato una chimica, un giusto modo per stare insieme. La svolta è stata dopo la pausa del campionato: siamo rientrati tutti con la mente sgombra ed i risultati si sono visti.
È personalmente soddisfatto della sua stagione? Sì, sicuramente: l’inizio è stato difficile, ma il finale sembra promettere bene (sorride).
Nella transizione da Moretti a Caja si è notato un grosso cambiamento nel suo gioco difensivo: meno stoppate e meno spettacolarità, ma decisamente più incisività. Conferma? È vero. Io e Caja ci siamo seduti al tavolo e lui ha completamente stravolto il mio modo di giocare sia a livello difensivo che offensivo. In difesa, all’inizio della stagione cercavo di andare a stoppare su ogni tiro, lasciando magari troppo spazio al mio uomo di competenza. Ora è diverso, sto concentrato sul mio avversario e cerco di stoppare solo quando è possibile: è quello che il coach mi ha chiesto, oltre a stare sempre pronto e presente a rimbalzo. Perché una delle chiavi per lui sono i rimbalzi: ce lo ripete in continuazione.
Il rapporto con lo staff è dunque buono? Lei svolge anche delle sessioni individuali insieme a Paolo Conti... Con Caja si lavora davvero duramente, e si vede in partita, dove siamo venuti fuori giocando con fisicità. Io ho la mia razione di lavoro extra con “coach Paolo” (Conti ndr), che mi aiuta molto nel gioco sotto canestro.
Qual è stato il momento più difficile dell’anno finora? Ed il migliore? Il più brutto è stato chiaramente quando continuavamo a perdere e basta, perchè non riuscivamo a trovare una soluzione che fosse una. Il momento migliore, senza ombra di dubbio, è adesso: abbiamo trovato la chiave, (“we clic as a team” dice così).
Come viene vissuto da voi giocatori un cambio di allenatore? Non vuoi mai che qualcuno perda il suo lavoro, chiunque sia: un giocatore, un allenatore, un membro dello staff. Non è per forza una sconfitta di noi atleti, però come squadra devi necessariamente guardarti dentro e rivalutare il lavoro che hai fatto fino a quel momento. E quando è l’allenatore a essere cacciato, all’interno dello spogliatoio si pensa: «Non è lui il problema, siamo noi, e dobbiamo fare per forza qualcosa di diverso».
Si trova bene con i suoi compagni di squadra? Io amo i miei compagni di squadra. Trascorro il tempo con loro quando siamo fuori dal campo, giocando ai videogames o rilassandomi un po’, specialmente con Eric Maynor.
E Varese, le piace? La città è bella, piccola, quasi una tana. Le persone ed i tifosi sono molto amichevoli e cercano di aiutarmi, perché non so l’italiano. Sono nato ad Antigua e Barbuda, però sono cresciuto in California: casa mia è Long Beach.
Ecco, arriva da un posto un po’ sperduto come Antigua e Barbuda: tanti lettori non sapranno nemmeno dove sia... Ci racconti un po’ com’è. È una piccola isola, un posto bellissimo. Mia nonna, alle spalle di casa sua, ha una spiaggia privata: è fantastico. Antigua si può comparare molto alla Jamaica, è simile. Io non ci torno da parecchio tempo, forse dieci anni, perchè quando non sto giocando vado in California, oppure a New York. Però sento costantemente la parte della famiglia che è rimasta lì, mi manca molto. Anche se so che loro sono contenti ed eccitati per quello che sto facendo qui.
Come si trova nel basket italiano dopo aver giocato a Taiwan ed in Libano? Il basket italiano è sicuramente differente rispetto agli altri in cui ho militato. È molto più tecnico, molto più basato sui fondamentali, più fisico. Se lo paragoniamo ai campionati di Taiwan e del Libano, questa è assolutamente una top league.
Com’era vivere in quei Paesi? A Taiwan camminavo per strada e la gente mi guardava in maniera molto strana per via della mia statura. Mentre il Libano sembra una piccola America: consiglio a tutti di andarci perché è un posto favoloso.
Come immagina il suo futuro professionale? Ho ancora due anni di contratto qui, innanzitutto. Poi, chissà: se continuo a lavorare e a giocare come sto facendo ora, tutto può accadere.
E per il resto della stagione invece cosa si augura? Vorrei semplicemente continuare a vincere, continuare a fare quello che stiamo facendo ora: perché fermarci proprio adesso? Solo alla fine vedremo dove saremo arrivati, chi lo sa? Magari conquisteremo i playoff...
Tra due partite c’è il derby con Cantù: qualcuno le ha raccontato il significato che ha questa partita per la città ed i tifosi? So che c’è una forte rivalità perché sono due posti molto vicini tra loro, e so che di queste gare si parla per una stagione intera, soprattutto quando si vincono. Stavolta, prometto, li batteremo.
Sappiamo che è come chiederle chi preferisce tra fratello e sorella, però ci proviamo: è meglio una stoppata o una schiacciata, Norvel? Entrambe (ride) Però mi piace davvero tanto stoppare e poi guardare negli occhi il mio avversario, per vedere la sua reazione dopo che il suo tiro è finito chissà dove.
Alberto Coriele e Fabio Gandini
simon89
Una nuova filosofia basata sugli italiani e sul vivaio per costruire un futuro sostenibile attraverso un'identità qualificante: questo è il "domani" di Varese. A prescindere dalle disponibilità per la stagione prossima ventura tra sponsor da rinnovare ed eventuale "socio forte" da aggiungere all'asse societario, torna di stretta attualità l'idea del passaggio al 5+5 per indirizzare il 2017-18 verso un progetto che coniughi sostenibilità economica e risultati del campo. Non è soltanto un discorso di taglio dei costi, ma un punto qualificante per proporre un progetto tecnico legato ad un marchio di fabbrica che caratterizzi nuovamente Varese dopo troppi anni di "porte girevoli" affidandosi a stranieri di passaggio. Già nel 2014-15 e nel 2015-16 la proprietà aveva espresso una preferenza per la formula con più italiani, salvo avallare poi le indicazioni dell'area tecnica che aveva optato per il 3+4+5: mercato iniziato troppo tardi due estati fa per trovare italiani validi, pregiudiziale per partecipare alla Champions League nel 2016.
Ora però, nell'ottica della razionalizzazione dei costi, la scelta diventa quasi obbligata: si tratta di un risparmio in grado di assorbire due terzi del taglio del 15 per cento sulla quale sta lavorando il CdA di Pall. Varese (nel 2016-17 si era partiti con un budget da 4,4 milioni di euro, poi salito a 4,6 con le aggiunte Dom Johson e Caja; per il 2017-18 si vorrebbe ridurre a 4). Passare da 12 contratti professionistici a 9 più un prodotto del vivaio significa ridurre sensibilmente le tasse federali (40mila di luxury tax più 3 parametri da 12.500) oltre a due salari lordi in meno: il conto totale si avvicina ai 300mila euro, ai quali vanno aggiunti i possibili introiti dalla partecipazione al conseguimento del premio italiani (nel 2016-17 tutte e 6 le società che hanno scelto questa formula riceveranno una fetta tra le 4 per il minutaggio complessivo e le 4 per il minutaggio degli Under 25).
E le difficoltà nel reperire elementi competitivi a costi accessibili sul mercato "tricolore"? Leggenda metropolitana facilmente smentibile: partendo da Cavaliero e (auspicabilmente) da Ferrero, non è certo impossibile pescare un cambio affidabile a costi simili - non certo proibitivi - del capitano, e scandagliare l'A2 in cerca di un investimento futuribile capitalizzando la conoscenza di Attilio Caja dei giocatori dai 22 ai 26 anni con cui ha lavorato con la Nazionale Sperimentale. Quattro italiani di rotazione in panchina, confermando il monte stipendi iniziale del 2016-17 di poco inferiore al milione di euro, significherebbe mettere sul piatto suppergiù 700mila da spalmare per il quintetto base: più o meno quanto costa lo starting five attuale dopo il cambio "Johnson per Johnson"...
Ma costruire uno zoccolo duro di italiani che diano garanzie sul piano tecnico ma soprattutto umano è un valore aggiunto non misurabile soltanto soltanto nelle voci di bilancio. Così come non va valutato soltanto in termini di costi e ricavi l'opera di sviluppo del settore giovanile, sul quale nel corso degli anni sono progressivamente aumentati gli investimenti "di supporto" al di là della svolta tecnica legata ai ritorni di Giulio Besio e Gianfranco Pinelli. Un prospetto futuribile come il 16enne Matteo Parravicini - e come il leader del gruppo 2001 vicecampione d'Italia tanti altri elementi interessanti - può avere un futuro in serie A soltanto lavorando non solo sulla tecnica ma anche sul potenziamento fisico come accaduto nel 2016-17. L'altro valore aggiunto per costruire una Varese più efficace dovrà essere Claudio Coldebella: il d.g. biancorosso ha potuto incidere relativamente poco avendo sostanzialmente "ereditato" al suo arrivo uno staff già completo che operava con la serie A. Ora, dopo aver studiato per un anno intero il funzionamento del sistema Varese, potrà mettere in atto le sue idee per ottimizzare il potenziale disponibile.
Giuseppe Sciascia 
simon89
Quattro perle, un unico - vero - filo conduttore: la difesa. Il resto sono modi diversi di vincere, protagonisti che si alternano sul palco, un’affidabilità di fondo di alcune pedine e la fragorosa sorpresa di altre. La somma fa una crescita collettiva che le cifre certificano in maniera evidente: nelle ultime partite Varese ha tirato con il 55,7% da 2, il 41,5% da 3, ha segnato 84,3 punti di media, preso 37,1 rimbalzi, smazzato 16,3 assist, perso 11,5 palloni, conseguito un 94,3 medio di valutazione e subito 75 punti a gara. Prima la situazione era questa: i punti segnati erano 75,6, frutto di un 48% al tiro da 2 e di un 32,9% in quello da 3, corredati dallo stesso numero di rimbalzi (37,1), da 13,2 assist, da 15,6 palle perse, da un misero 73,7 di valutazione media e soprattutto da 81,7 punti subiti ad allacciata di scarpe.
Un’altra vita, in un solo mese fa. Riviviamo le 4 vittorie che l’hanno cambiata
Pistoia
Quello contro Pistoia è un successo sudato al cospetto dei propri fantasmi: la Openjobmetis, prima di entrare in campo nel posticipo del lunedì, è ultimissima, staccata da Pesaro e Cremona. Sul parquet regna la paura, fino al tiro di Johnson che frustra ogni ulteriore tentativo di recupero di una The Flexx risalita fino al -4. Il gioco ne risente: Varese tira con il 26% da 3, segna solo 75 punti, perde 14 palloni ed è vittima di alcuni fuori giri offensivi personali di Eyenga e Maynor. Però difende - a uomo, in modo generoso, cambiando su tutti i blocchi, “volando” sugli aiuti - costruendo in tal modo il suo vantaggio e mantenendolo fino alla sirena. Individualmente spiccano i 15 rimbalzi di Anosike, i 7 assist di Maynor e i 23 cristallini punti del Dominique ex Alba Berlino.
Avellino
In Campania si va con speranze relative: i segnali di vita mostrati contro i prodi di Esposito confortano, ma non parrebbero sufficienti a spaventare la seconda in classifica. Invece la Openjobmetis riesce a sorprendere, partendo ancora una volta da una retroguardia avvincente. Stavolta è la tattica a farla da padrone: si va a zona e c’è tanta attenzione nelle transizioni difensive. Per la squadra di Sacripanti la trappola è servita: nel secondo tempo la Sidigas segna 26 punti in 20 minuti, subendo un parziale di 3-17 che cambia volto al match. L’attacco è corsa quando possibile e un uso magistrale dei giochi a due, con Maynor (16 punti e soprattutto 9 assist) che innesca la prova offensiva di Anosike (19 punti). Johnson, per una domenica, è spuntato dall’arco: ci pensano i suoi compagni, trovando un clamoroso 60% da 2, conseguito - tra l’altro - contro il centro più ingombrante e temibile della serie A (Fesenko).
Pesaro
Si ritorna al PalA2A ed arriva la vittoria della consapevolezza. Sudata ma alla fine assai convincente. Chi si aspetta la zona ad asfissiare gli avversari, trova invece una “uomo” che si esalta nelle prestazioni personali di Johnson ed Eyenga e che riduce Pesaro al lumicino nella ripresa: 9 punti concessi nel terzo quarto, 18 nell’ultimo, dopo averne subiti 51 nel primo tempo. Dall’altra parte della luna l’attacco funziona a meraviglia, sull’arco, all’interno di esso, a difesa schierata e in transizione: Varese tira ancora con il 60% da 2, ma stavolta ci aggiunge il 41% da tre e l’incredibile dato di solo 6 perse. Per Johnson sono altri 20, Maynor scrive 15+8 assist, Anosike ne fa 18, Eyenga 15 senza forzature. E mentre il mostruoso Ferrero ritorna semi-normale (ma il suo lo fa sempre in maniera encomiabile) si rivede Kangur, che suona la carica per tutti nel momento della rimonta.
Brescia
Per il ratto di Montichiari non servono tante parole: il ricordo è ancora fresco. E’ un successo che riassume tutti gli altri, come se Varese, dopo aver studiato, fosse riuscita a superare un esame complesso e multidisciplinare. C’è la zona che si alterna sapientemente alla uomo, c’è la difesa dedicata ad anestetizzare i pick and roll di Vitali con cambi rigorosi e ben portati, c’è l’attacco a due punte (Johnson e Maynor) con tanti piccoli ma importanti cammei a dare supporto. E c’è la solidità mentale acquisita che permette ai biancorossi di scappare prima e di non farsi recuperare del tutto in un palazzetto caldissimo poi. Da sottolineare a dovere, oltre alle “evidenti” 18 “bombe” di una squadra in stato di grazia, anche i 17 assist e i 39 rimbalzi, a vincere - ancora una volta - il duello sotto le plance.
Quattro vittorie, quattro grandi Varese: la squadra di Attilio Caja, ora, sa fare (quasi) tutto.
Fabio Gandini
  • Member Statistics

    1,317
    Total Members
    1,155
    Most Online
    antonioitalia
    Newest Member
    antonioitalia
    Joined