Jump to content

VareseFansBasketNews


  • simon89
    Claudio Coldebella ha festeggiato il cinquantesimo compleanno con un nuovo contratto triennale all'Unics Kazan. Il direttore generale della Pallacanestro Varese ha comunicato ieri mattina al club di piazza Monte Grappa la decisione di lasciare l'incarico con un anno di anticipo rispetto alla naturale scadenza del contratto, perché ha accettato la proposta del club russo che disputerà l'edizione 2018/19 dell'Eurocup. Un grande - e meritato - upgrade per il dirigente di Castelfranco Veneto, non soltanto in termini economici personali (si parla di un salario quasi triplo rispetto a quello percepito a Varese) ma soprattutto di prospettive future, considerando gli oltre 12 milioni di euro del budget 2017/18 del club militante in VTB League.
    Ma anche un grande problema per la società di piazza Monte Grappa, che si trova a fine giugno senza più la figura chiave della sua struttura operativa. Sul tavolo di Coldebella non c'erano soltanto i dossier relativi al mercato, con l'operazione Roland Moore chiusa nello scorso weekend, ma anche le questioni relative a sponsorizzazioni vecchie e nuove nell'ambito dell'ampio mandato che il club biancorosso gli aveva affidato nel 2016. L'escape dal contratto 2+1 stipulato due anni fa era scaduta al 30 maggio e la continuità del rapporto sembrava a prova di bomba; evidentemente l'offerta di Kazan era davvero irrinunciabile, ma altrettanto evidente è la difficoltà nella quale si viene a trovare la società in un momento delicato della gestione sportiva e non.
    Lecito domandarsi se il via libera di Varese alla richiesta di Coldebella di lasciare le Prealpi sia effettivamente la scelta migliore per la società, considerata la difficoltà di sostituire un elemento che aveva competenze a 360 gradi e non solo per quanto riguarda l'area tecnica. A spiegare le ragioni che hanno portato il club a concedere l'uscita dal contratto a Coldebella è direttamente Toto Bulgheroni, colui che più di ogni altro era a stretto contatto con l'ormai ex d.g.: «Raramente in 50 anni di attività ho lavorato con una persona competente e corretta come Claudio Coldebella; nella mia vita ho fatto tante cose, ma tenere una persona prigioniera di un contratto non fa parte del mio stile - spiega - Sicuramente ci darà una mano nella gestione della transizione fino all'arrivo del suo sostituto, la sua clausola rescissoria era scaduta ma questo non rappresenta un problema perché tra persone perbene si trova sempre un accordo».
    Di sicuro, dunque, non si tratterà di una separazione traumatica: Coldebella rientrerà oggi a Varese da una breve vacanza in Grecia e garantirà la continuità del lavoro per i prossimi 10-15 giorni - a partire dalla fase finale della trattativa con Antonio Iannuzzi, che nelle prossime 24 ore dovrebbe sciogliere la riserva tra Varese e Brindisi - oltre al passaggio di consegne nelle mani del sostituto ancora da individuare.
    Giuseppe Sciascia 

  • simon89
    È Roland Moore il direttore d’orchesta scelto dalla Openjobmetis per dettare i tempi del gioco della stagione 2018/19. Il 30enne playmaker statunitense dirigerà l’attacco varesino in coppia con Aleksa Avramovic nello spot di guardia. La certezza della permanenza dell’esterno serbo - scaduta alle 24 di ieri, lunedì 25 giugno, l’escape a favore dell’atleta - ha permesso al club di piazza Monte Grappa di affondare il colpo sul giocatore ex Caserta e Pistoia, mettendo nelle sue mani esperte le chiavi della manovra. Una scelta che soddisfa pienamente Attilio Caja, conquistato dalla patente di affidabilità acquisita anno dopo anno dall’atleta che a Varese giocherà la sua quinta stagione italiana: «Nel comparto dell’usato sicuro è un giocatore rodato ed affidabile che sa far giocare la squadra ma anche prendere i suoi tiri - comenta il tecnico pavese - Si tratta di un elemento che ha fatto registrare una crescita costante nel suo percorso in Italia; il fatto che Esposito lo abbia voluto con sé per 4 stagioni consecutive e che a Pistoia fosse anche capitano dimostra il suo valore anche sul piano umano; con Avramovic formerà una coppia ben assortita, e la sua esperienza insieme a quella di Archie sarà un valore aggiunto per una squadra che col doppio impegno avrà bisogno di elementi capaci di leggere le partite».
    Moore è un playmaker d’ordine che avrà principalmente compiti di tessitura del gioco: nel 2017/18 è stato il secondo miglior passatore della serie A (5.8 assist dietro a Luca Vitali), anche se il dato migliore della sua carriera tricolore sono i 6,2 del 2015/16 quando raggiunse i playoff con Pistoia. Ma rispetto al suo primo anno a Caserta, quando si trattava di un giocatore con indiscusse doti da attivatore ma con tiro da fuori rivedibile, Moore si è progressivamente costruito qualità balistiche rispettabili (36,8% da 3 nell’ultima stagione in Toscana rispetto al 20% e al 22% delle prime due annate in serie A). Dunque un giocatore adatto a dare i tempi dell’attacco a fianco di un incursore come Avramovic, ma soprattutto un elemento dal rendimento costante e garantito che nelle idee dello staff tecnico rappresenta un upgrade rispetto ai suoi predecessori Cameron Wells e Tyler Larson. La scelta dell’Openjobmetis è stata proprio quella di puntare su un giocatore in grado di dare maggior continuità del playmaker-guardia texano, bocciato per quel mix di imperscrutabilità nel rendimento sul campo e “subalternità” sul piano caratteriale che ha reso necessario puntare su un regista dopo l’infortunio di Waller. Con la conferma di “Avra” e Tambone e l’arrivo di Moore il parco esterni del 2018/19 è virtualmente al completo per quanto riguarda i costruttori di gioco; il tassello mancante nel ruolo di cambio di guardia ed ala piccola sarà italiano o straniero in funzione dell’esito finale della telenovela Iannuzzi.
    Giuseppe Sciascia

  • simon89
    Aleksa Avramovic sarà il quinto giocatore dell’Openjobmetis versione 2018/19. L’esterno del 1994, beniamino del PalA2A per il suo adrenalinico stile di gioco, sarà il terminale principe della Varese che verrà dopo essersi guadagnato sul campo lo status di prima punta con i 19,3 punti fatturati tra la rimonta playoff e la serie contro Brescia (inserito dalla Lega Basket nel secondo quintetto ideale della post season insieme all’altro confermato Tyler Cain). Tecnicamente la scadenza dell’escape in favore dell’esterno mancino è fissata per oggi, ma è ormai acclarata la volontà del giocatore serbo - in caccia di una maglia per le prossime partite della Nazionale contro Georgia e Germania - di rispettare l’ultimo dei tre anni di contratto stipulati nel 2016 con la società di piazza Monte Grappa.
    La nuova Varese che la troika Coldebella, Bulgheroni e Caja sta costruendo a poco a poco offre ad Avramovic la possibilità di consacrarsi ad alto livello dopo il brillante finale della passata stagione. Un’annata da protagonista in una squadra che gli offrirà minuti e responsabilità da primattore, che il mancino del 1994 si è guadagnato sul campo passando in 12 mesi da sesto esterno a titolare fisso nello spot di guardia, per proiettarsi verso palcoscenici più elevati da free agent al 30 giugno 2019. E gli permetterà di affacciarsi anche sul palcoscenico internazionale con un club, richiamo importante per un atleta che sotto le Prealpi ha attirato l’attenzione di Sasha Djordjevic in ottica della sua Nazionale. Dalla partenza di Avra a fine contratto Varese non guadagnerà nulla, al contrario dei 50mila euro di buyout prefissati nel caso in cui entro le 24 di oggi Avramovic dovesse esercitare la clausola rescissoria a suo favore.
    Ma aver scovato, migliorato e infine lanciato un giovane emergente con un progetto triennale di crescita permetterà al club biancorosso di guadagnare credibilità sul mercato ed essere attrattiva per un altro prospetto da sviluppare, magari già durante l’estate 2018 nel ruolo di cambio degli esterni dalla panchina se la telenovela Iannuzzi avrà esito positivo (al momento però non ci sono aggiornamenti positivi in materia).
    La permanenza a Varese dell’esterno del 1994 darà ai tifosi biancorossi un punto di riferimento importante, assecondando i desideri dei moltissimi che avevano posto Avra e Cain in cima alla lista dei giocatori da trattenere per la stagione 2018/19. Con più di mezza squadra già fatta, con tre titolari come Avramovic, Archie e Cain e tre sicurezze in panchina come Tambone, Natali e Ferrero, ora il club di piazza Monte Grappa può concentrarsi senza fretta sulle altre operazioni.
    All’appello mancano play ed ala piccola titolari, cambio degli esterni e cambio dei lunghi: sugli ultimi due servirà definire prima di tutto gli incastri dei passaporti, la permanenza di Aleksa potrebbe invece dare un’accelerazione sulla scelta del nuovo regista. Quantomeno circoscrivendo alla tipologia del direttore d’orchesta l’area di ricerca di Claudio Coldebella, visto che ad Avramovic apparterrà quello del primo violino.
    Giuseppe Sciascia

  • simon89
    L'Openjobmetis inizia a studiare piani di battaglia alternativi alla soluzione Antonio lannuzzi. L'impasse perdurante sulla situazione contrattuale del centro irpino spinge Varese a valutare altre strade per completare il pacchetto italiani con un rinforzo di qualità dalla panchina. Il problema principale riguarda i tempi dell'operazione e la relativa incertezza legata ad una situazione a forte rischio stallo.Torino non ha alcuna fretta di risolvere il contratto valido per il 2018/19 (con opzione per l'annata successiva) con il lungo del 1991, aspettando che sia il giocatore a fare la prima mossa; nessun club interessato al centro ex Omegna - compresa ovviamente Varese - è però in grado di pareggiare l'attuale importo del legame con l'Auxilium.
    E se lannuzzi non farà un passo indietro, non c'è modo di sapere se e quando la matassa si sbroglierà; per questo la società di piazza Monte Grappa, non potendo correre il rischio di restare "incartata" su un unica ipotesi né di aspettare a tempo indeterminato con la possibilità che si inseriscano altri club in extremis, sta iniziando a valutare altre strade. Ma soprattutto altri incastri relativi ai passaporti: il centro del 1991 è infatti l'unico lungo di valore che Attilio Caja considera arruolabile nel reparto in temi, e se non dovesse essere disponibile allora l'Openjobmetis cambierà strategia, puntando su un rinforzo italiano sul perimetro e completando il reparto lunghi Archie, Ferrero e Cain con uno straniero da mettere alle spalle del centro statunitense.
    Anche perchè, se il mercato dei lunghi italiani non offre alternative, quello degli esterni è leggermente più ricco; però i tempi non sono eterni, perché gli italiani da serie A sono i primi ad accasarsi, e le spese folli dell'A2 con tre promozioni hanno già tolto di scena altri potenziali "papabili". Tra i candidati plausibili spicca David Cournooh, la 28enne guardia-playmaker in scadenza di contratto a Cantù (6.9 punti e 2.3 assist in 21.2 minuti) che difficilmente resterà in Brianza e non sembra vicinissimo a Reggio Emilia, al momento l'unico club di serie A che lo ha sondato. Un elemento rodato con 6 stagioni alle spalle nel massimo campionato (172 presenze e 5.5 punti di media tra Siena, Brindisi e Pistoia oltre al suo ultimo club) che però non può essere l'unico obiettivo al vaglio: Attilio Caja non ha paura di pescare nel "mare magnum" degli emergenti di A2, anche se probabilmente ormai è tardi per l'ipotesi Matteo Martini (la guardia ex Legnano sembra vicinissima a Pistoia).
    Ma l'ipotesi di scommettere su un altro elemento proveniente dalla categoria inferiore che possa ripetere la parabola di crescita di Matteo Tambone non spaventa l'area tecnica biancorossa. Che dalla prossima settimana, una volta acquisito il sempre più probabile sì di Aleksa Avramovic, si concentrerà anche sulla scelta degli ultimi due italiani locali da allenamento per i ruoli di undicesimo e dodicesimo giocatore.
    Giuseppe Sciascia

  • simon89
    Varese attende la scelta di Aleksa Avramovic prima di entrare nel vivo della questione playmaker. A soli quattro giorni dal termine ultimo entro il quale la guardia serba potrà esercitare l’ escape a pagamento per uscire dal suo terzo e ultimo anno di contratto, l’ Openjobmetis sonda a tutto campo il mercato dei playmaker con esperienza italiana per farsi trovare pronta ad ogni evenienza.
    La posizione di “Avra” sarà una prima e fondamentale discriminante per la scelta della tipologia di regista al quale Attilio Caja affiderà le chiavi della stagione 2018/19. La conferma - molto probabile ma ancora non certa al 100 per cento - dell’esterno mancino indirizzerebbe l’area tecnica varesina verso un uomo d’ordine, se invece il serbo - che nelle ultime 9 gare di stagione dopo l’infortunio di Cameron Wells ha viaggiato a 19.3 punti di media a partita, un ritmo da capocannoniere della serie A - dovesse lasciare a sorpresa le Prealpi servirebbe a quel punto un elemento in grado di garantire anche un fatturato offensivo importante.
    L’unico vincolo richiesto da “Artiglio” riguarda un livello elevato di affidabilità che solo una precedente esperienza italiana può garantire: l’esperienza con Wells non è stata positiva, alla luce dei troppi sbalzi di rendimento e dell’imperscrutabilità di un giocatore che era arrivato con la fama del leader e invece ha evidenziato personalità da comprimario.
    Dunque il playmaker titolare della Varese che verrà dovrà dare garanzie tecniche e umane già evidenziate in Italia; il raggio di azione è comunque ampio contando ovviamente anche i giocatori con trascorsi nel “Belpaese” che nel 2017/18 hanno militato all’estero come nel caso di Dominque Archie.
    Un giocatore che piaceva tantissimo al coach pavese era Josh Mayo, 31enne regista con trascorsi italiani a Montegranaro, Roma e Scafati che nelle ultime due stagioni ha giocato in Bundesliga a Bonn.
    Ma per convincere l’atleta del 1987 a esercitare l’ escape dal contratto con la formazione tedesca entro domenica scorsa serviva una cifra totalmente fuori portata (richiesta attorno ai 200mila dollari), e infatti Mayo resterà per il terzo anno consecutivo nella compagine che il prossimo anno disputerà la Champions League FIBA.
    Esclusa anche la pista Ryan Arcidiacono, che in Italia non ha mai giocato, ma conosce bene Attilio Caja per l’esperienza comune in Nazionale Sperimentale nel 2014: il 24enne regista americano (con evidenti ascendenze tricolori ma al momento senza doppio passaporto) ha costi importanti, ma soprattutto pone il vincolo di inserire una NBA escape a fine luglio con l’intento di disputare la Summer League e cercare un altro posto tra i professionisti.
    Ma l’area di ricerca resta ampia, soprattutto fino a quando non si scioglierà il nodo Avramovic: una volta definita la posizione della guardia serba, si capirà se il playmaker della Varese 2018/19 avrà attitudine da direttore d’orchestra o da primo violino.
    Giuseppe Sciascia

  • simon89
    La Pallacanestro Varese è pronta a giocare il jolly del ritorno in Europa. La società di piazza Monte Grappa ha optato per l’iscrizione alla FIBA Europe Cup, la quarta competizione internazionale nella quale sarà l’unica rappresentante italiana nel 2018/19.
    Per la quarta volta nelle ultime 6 stagioni il team biancorosso si dividerà tra campionato e coppa (nel 2013/14 Varese disputò l’Eurocup, nel 2015/16 la FIBA Europe Cup che allora era la terza coppa e nel 2016/17 la Champions League): è il consigliere Toto Bulgheroni a confermare la volontà del club di onorare il diritto acquisito sul campo con il sesto posto finale della stagione 2017/18. «Ci siamo orientati verso il sì all’Europa: l’iscrizione si farà anche senza la certezza dell’abbinamento che ci accompagni in questa avventura, restando comunque fiduciosi nella possibilità di trovare un partner interessato a legare il proprio marchio alla competizione internazionale» spiega il dirigente che ha il mandato sull’area tecnica e che insieme al coach Attilio Caja aveva subito visto con favore l’opportunità di riaffacciarsi in Europa (in 19 anni da proprietario iscrisse 12 volte Varese all’allora Coppa Korac più 2 partecipazioni alla Coppa dei Campioni).
    «Le ragioni per cui abbiamo optato per esercitare il diritto acquisito sul campo sono tre: il primo è relativo al prestigio della società legata alla tradizione, la casa di Varese è l’Europa – aggiunge Bulgheroni - Questo vale anche per il nostro pubblico, che riteniamo favorevole a questa iniziativa. Terza ragione è l’appeal che le coppe hanno nei confronti dei giocatori: crediamo che un impegno internazionale possa rappresentare una importante occasione di crescita tecnica. Dunque non soltanto per i giocatori attualmente già sicuri di far parte dell’organico come Archie, Cain e i tre italiani confermati, ma anche per altri che potranno restare o arrivare, la vetrina della FIBA Europe Cup ci potrà rendere più attrattivi».
    Evidente il riferimento a giocatori attualmente compresi nei “piani di battaglia” del club di piazza Monte Grappa come Aleksa Avramovic e Antonio Iannuzzi. Il giocatore serbo, entrato grazie ai progressi nelle file dell’Openjobmetis nel giro della sua Nazionale (decisivo all’esordio a febbraio contro l’Austria e ora di nuovo inserito nella lista dei 24 di Sasha Djordjevic), avrà una chance in più di verificarsi a livello internazionale nel suo eventuale (ma probabilissimo) terzo anno in maglia biancorossa.
    Il lungo irpino, che nel 2017/18 ha assaggiato il clima delle coppe a Torino in Eurocup ed era stato convocato da Meo Sacchetti per l’attività dell’Italbasket a novembre, ha perso il posto in azzurro nelle ultime due tornate di convocazioni ma sicuramente una finestra sull’Europa potrebbe aumentare l’attrattività della proposta di Varese.
    Giuseppe Sciascia

  • simon89
    L’Openjobmetis saluta positivamente l’ufficialità dello sbarco a Torino di Larry Brown. La nomina del nuovo coach dell’Auxilium dovrebbe sbloccare l’impasse sulla posizione di Antonio Iannuzzi: l’elemento più desiderato da Attilio Caja per aggiungere un italiano di qualità alle rotazioni, legato al club piemontese per la prossima stagione con opzione per il 2019/’20, non fa comunque più parte dei piani futuri della società del presidente Antonio Forni.
    Ma prima di poter intavolare concretamente una trattativa con il ventisettenne pivot avellinese, servirà che Torino e il giocatore trovino una intesa per la separazione consensuale alla luce del contratto a sei cifre abbondanti con scatti salariali a salire nell’estate 2017 dopo l’esplosione a Capo d’Orlando (8,7 punti e 4.2 rimbalzi all’esordio in serie A dopo tre stagioni consecutive a Omegna) che lo rende attualmente fuori portata per qualsiasi acquirente. Ossia a oggi Varese e Brindisi, al momento le uniche due “contendenti” per il centro entrato lo scorso anno nel giro azzurro di Meo Sacchetti (debutto in Nazionale nel novembre 2017 a Torino): all’Happy Casa il lungo cresciuto alla Mens Sana Siena ha disputato gli ultimi tre mesi del 2017/’18 (6,8 punti e 4.5 rimbalzi in 18 minuti medi) e Frank Vitucci vorrebbe affidargli il ruolo di cambio di due stranieri.
    L’Openjobmetis confida invece nell’appeal di Attilio Caja nei confronti del lungo del 1991, già allenato ai tempi della Nazionale Sperimentale, e nell’intesa tecnica già sperimentata due anni fa a Capo d’Orlando tra Dominique Archie e il centro irpino.
    Di certo Varese farà il possibile per assicurarsi le prestazioni di Iannuzzi, che ha l’età e il potenziale per rappresentare l’acquisto italiano di maggior spicco dai tempi di Achille Polonarae Andrea De Nicolao nel 2012. Anche perché le alternative scarseggiano: se si vuole puntare su un terzo lungo italiano in grado di dare 12-15 minuti di riposo a Cain e giocare anche qualche minuto con il centro del Minnesota (già a Capo d’Orlando infatti Iannuzzi aveva spazio anche in ala forte), il mercato non offre praticamente più nulla.
    Troppo interno Daniele Magro, comunque già promesso ad Avellino; esclusa l’idea Jakub Wojchiekowski che resterà in Polonia dopo aver vinto il titolo all’Anwil, improponile il ritorno di Luca Campani (che comunque ha svolto una pulizia di routine del ginocchio destro, quello non operato nel 2017), troppo perimetrale - e troppo caro - Raphael Gaspardo che è conteso tra Reggio Emilia e Torino. Dunque non esiste un piano B sui lunghi italiani, in caso di fumata nera, bisognerà rivolgersi al mercato straniero puntando su un esterno italiano dalla panchina.
    Giuseppe Sciascia

  • simon89
    Dieci giorni di attesa per capire se Aleksa Avramovic sarà ancora la guardia titolare dell'Openjobmetis versione 2018/19. La clausola rescissoria a favore dell'atleta serbo contenuta nel contratto triennale stipulato dal d.g. Claudio Coldebella - il primo in assoluto siglato nell'era del dirigente veneto nel giugno 2016 - andrà eventualmente esercitata entro il 25 giugno; dopo quella scadenza il contratto diventerà garantito e qualsiasi acquirente dovrà eventualmente intavolare una trattativa con il club di piazza Monte Grappa.
    Possibilità che qualche "amatore" internazionale investa i 50mila euro del buyout prefissato per liberare "Avra" avendo pronta per lui una proposta pluriennale? Al momento non molte, quantomeno dall'Italia: le nuove regole di eleggibilità che hanno tolto i vincoli di passaporti per gli stranieri (da 3 extra e 4 europei a 6 stranieri liberi) hanno ridotto il valore del suo status da Bosman B. Che invece ha ancora appeal in Spagna, dove sono ammessi 2 soli extracomunitari e 6 europei; ma le big di Eurolega ed Eurocup al momento sembrano pensare più in grande.
    A oggi il dialogo con l'esterno del 1994 è costante, e il messaggio che Attilio Caja ha lanciato su queste colonne al giocatore balcanico sembra avere buone possibilità di trovare condivisione da parte dell'atleta. Esclusa la chance di un ulteriore rinnovo contrattuale rispetto all'accordo in essere, "Avra" pare sensibile alla possibilità di essere il punto di riferimento offensivo dell'Openjobmetis 2018/19: il ruolo da guardia titolare con responsabilità da primo terminale sembrano calzare a pennello ai desideri del mancino di Cacak. Che a meno di proposte "indecenti" nei prossimi 10 giorni potrebbe sposare nuovamente la causa biancorossa con l'obiettivo di completare il suo percorso triennale a Varese: un anno da protagonista sotto le Prealpi, stabilizzando il suo rendimento su livelli elevati come richiestogli da "Artiglio" dopo i 12,6 punti e 2,2 assist del 2017/18 (ma 16,3 punti tra ritorno e playoff, chiusi a quota 20,0), potrebbe lanciarlo tra i pezzi pregiati del mercato internazionale nell'estate 2019, quando sarà libero di scegliere eventualmente la sua destinazione futura senza più vincoli con il club di piazza Monte Grappa.
    La discriminante della partecipazione ad una manifestazione internazionale non sembra così vincolante sulla scelta di "Avra", anche se ovviamente l'esterno del 1994 preferirebbe una vetrina europea per consolidare il suo status anche in ottica Nazionale (inserito dal et. Sasha Djordjevic nella lista dei 24 da consegnare alla FIBA per gli impegni di fine giugno e inizio luglio). La conferma di Avramovic darebbe una svolta importante al mercato mettendo un primo punto fermo nel reparto esterni, e spingendo Varese alla ricerca di un playmaker che garantisca leadership e personalità prima ancora che punti (specialità della casa del serbo). Di sicuro il club di piazza Monte Grappa eserciterà le opzioni di uscita dagli 1+1 con Cameron Wells, Taj Waller e Tyler Larson aprendo la caccia ad un giocatore che dia l'impronta tecnica e caratteriale alla versione 2018/19 della compagine di Attilio Caja.
    Giuseppe Sciascia

  • simon89
    Attilio Caja fa il punto della situazione sul mercato dell'Openjobmetis dopo l'ufficialità della firma di Dominique Archie. Il secondo straniero biancorosso, già inseguito 12 mesi fa dal club di piazza Monte Grappa, è elemento dal rendimento garantito (13.5 punti e 6.1 rimbalzi in 54 gare italiane con Capo d'Orlando) che "Artiglio" descrive così: «E un giocatore che seguivamo da tempo perché interpreta un basket votato al gioco di squadra e in campo può avere una dimensione sia interna sia esterna. È pericoloso da tre punti e allo stesso tempo ha un fisico che gli permette di attaccare il canestro. Ci piacciono la sua aggressività e la sua propensione a recuperare rimbalzi. Queste caratteristiche sono indicatori im- portanti del suo modo di essere uomo squadra e giocatore di carattere».
    Quindi metà Varese è già fatta, in particolare al reparto lunghi manca solo una pedina...
    «Vero, ma nel quintetto di partenza ci sono solo 2 giocatori; ancora da individuare sono 3 giocatori dello starting five e i due primi cambi, in pratica cinque dei primi 7. Di sicuro è il reparto lunghi ad essere più completo: con Archie, Cain e Ferrero ci sono tre dei 4 elementi della rotazione, anche se quello che manca darà una connotazione decisiva in termini di incastri dei passaporti al resto del roster».
    Questione Avramovic: come vede la situazione della guardia serba, che a breve dovrà decidere se restare onorando l'anno residuo di contratto?
    «Ad Aleksa ho ricordato che in 12 mesi è passato da giocatore che non entrava in campo a riserva, poi a riserva con spazio ed infine a elemento del quintetto a causa dell'infortunio di un compagno. Negli ultimi due mesi ha raggiunto spesso picchi da 8 e mezzo ma ha avuto anche passaggi da 4 e mezzo; ritengo che a lui farebbe bene un altro anno da noi, nel quale possa stabilizzare il suo rendimento tra il 6,5 e il 7,5 acquisendo quella continuità ad alto livello necessaria per un ulteriore salto di qualità».
    Quali saranno le prossime mosse in ordine cronologico?
    «La scelta dell'italiano per la panchina è fondamentale per definire se il sesto straniero sarà un lungo o un piccolo, e la decisione di Avramovic lo è per definire caratteristiche e impatto dell'ala piccola. In ordine di priorità l'italiano che manca all'appello, che sia un pivot o un esterno sarà il mercato a stabilirlo, e il playmaker straniero sul quale avremo più margine di manovra sono i due obiettivi sui quali potremo muoverci in maniera più rapida».
    Questione coppe: qual è la sua opinione in materia?
    «Giocare in Europa è un diritto che ci siamo conquistati sul campo e sarebbe bello onorare quello che ci siamo guadagnati con l'esaltante rimonta del 2017/18. Non essendo Venezia, Bologna o Avellino, la FIBA Europe Cup rappresenterebbe uno step iniziale adatto alle nostre attuali possibilità. Però le scelte saranno come sempre condivise con la società, che dovrà stabilire se ci sono le coperture necessarie per affrontare con le necessarie garanzie l'eventuale doppio impegno. Di sicuro non ne faccio una malattia: se si farà bene, altrimenti bene lo stesso».
    Giuseppe Sciascia

  • Member Statistics

    1,366
    Total Members
    1,155
    Most Online
    Pdor
    Newest Member
    Pdor
    Joined
×