Jump to content

Alla fine del sogno c'è una sola parola. Comincia per S


pxg14
 Share

[color=#2F2A2B][font=Helvetica][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Sakota (rimasto a casa), Rush (inuttilizzabile), [/font][/size][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Polonara (eroico), Dunston [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3](eroico), De Nicolao (eroico). È la lista [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]impietosa dei giocatori che, tra la sera [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]di sabato e il pomeriggio di ieri, sono [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]stati colpiti e falcidiati da un virus bestiale: [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]intestino sottosopra, fatica a stare in piedi. Ma [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]cuore e attributi integri, integrissimi Una squadra normale in queste condizioni [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]avrebbe preso venti punti sul gobbo, avrebbe [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]provato a spostare la partita (no, il regolamento [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]non lo consente), avrebbe pianto fin dal riscaldamento. [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Varese, che di normale non ha [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]proprio nulla, ha semplicemente giocato forte [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]nella convinzione che comunque sarebbe stata [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]più forte di tutto. Ha giocato e ha vinto: facendo commuovere Renzo Cimberio, facendo impazzire [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]millecinquecento anime (ma sembravano [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]novemila, quante il pubblico presente: e [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]non solo alla fine) arrivate per non perdersi un [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]attimo del sogno, facendo un passo avanti verso [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]chissà che. [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Goduria. Nel vincere qui, nel vincere contro [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]lo squadrone che avrebbe dovuto divorare il [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]campionato, nel vincere contro Stipcevic che [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]vorrebbe tanto tornare indietro e uscire dal suo [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]incubo personale. [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Goduria. Nel mettere a tacere, per l’ennesima [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]volta, quei giornali (nazionali) che presentavano [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]questo derby parlando solo e soltanto di [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Milano, della voglia di ricominciare, del momento [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]per la riscossa. Evitando di bastonare una società che negli ultimi giorni ha sfiorato [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]il surreale cacciando giocatori ed esonerando [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]assistenti allenatori, facendo il male di Milano. [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Una piazza che il basket italiano non si può permettere [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]di perdere e che perderà, se si andrà [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]avanti di questo passo. [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Resta una Varese splendida e speciale, forte [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]di una poesia che lega insieme tutti quanti: giocatori, [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]allenatori, dirigenti, tifosi. Resta un sogno, [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]una parola che si può pronunciare senza [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]paura di rovinare tutto: perché non c’è nulla da [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]temere. Questa squadra lotterà fino all’ultimo, [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]arriverà fino in fondo, ci proverà fino alla fine. [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]E alla fine, ci può essere solo una cosa: si chiama [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]scudetto, ed è il sogno che si può provare a [/size][/font][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]raggiungere. Tutti insieme.[/size][/font][/size][/font][/color]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...