Jump to content
Sign in to follow this  

Brindisi a lezione dall'Openjobmetis


simon89

L'Openjobmetis dà spettacolo all'Enerxenia Arena e ferma la corsa della seconda forza Brindisi. La compagine di Attilio Caja schianta l'Happy Casa con l'abituale mix di energia difensiva e coralità (cinque in doppia cifra), intascando la terza vittoria ben oltre i 20 punti di scarto. Un monologo varesino in una partita nella quale i biancorossi lustrano il cannone (14/32 da 3 e 53% totale dal campo), abbinando eccellenti letture offensive alla solita intensità ferina che concede le briciole al miglior attacco della serie A (78 punti col 23% da 3 per i pugliesi che si erano presentati a Masnago con 87,8 punti e il 43% dall'arco).

Quaranta minuti di dominio tecnico e agonistico, vincendo nettamente il duello a rimbalzo contro la cavalleria leggera dell'Happy Casa e scegliendo un ritmo più sostenuto del solito ad esaltare la forza atletica di L. J. Peak, per la prima volta protagonista offensivo (8/12 al tiro con 4/6 da 3). Brava la squadra di Caja ad aggredire la partita con un approccio graffiante, cercando prima il gioco interno sull'asse Simmons-Vene e poi bucando la retroguardia avversaria con l'abituale circolazione di palla (21 assist totali). Tolti gli spazi interni a John Brown e le soluzioni di forza a Martin e Stone, la difesa biancorossa ha protetto egregiamente l'area pur a costo di spendere falli sull'applauditissimo Banks (che a fine gara ha fatto il giro di campo per i saluti al suo ex pubblico). In attacco poi la guida sicura di Mayo e Vene (7 assist) ha trovato soluzioni per tutti, compreso un capitan Ferrero dalla mano rovente (4/4 dal campo in 15').

E il capocannoniere della serie A ha consolidato la sua leadership della classifica marcatori, spaccando la partita nel secondo quarto con una magica serie di tre giocate da 9 punti in 70 secondi. La necessità di dover talvolta togliere le castagne dal fuoco nei secondi finali dell'azione gli ha sporcato le medie (5/15 dal campo) ma il volume complessivo prodotto - 12/12 ai liberi più 8 rimbalzi e 6 assist -ne ha ribadito lo status di frontman dell' OJM.

La versione 2019/20 di Varese è la squadra di Mayo così come nel 2018/19 era quella di A vr amo vie. Il tutto in attesa che Jason Clark si tolga di dosso la ruggine accumulata in due mesi d'inattività forzata, anche se nella rotazione a tre teste con Tambone e Jakovics gli equilibri attuali danno sostanza in difesa e le responsabilità extra non sembrano pesare troppo sulle spalle del play ex Bonn.

Così Varese si gode una serata esaltante che strappa applausi a scena aperta ai 4.232 paganti e fa il pieno di fiducia in vista del novembre terribile - Milano e Brescia fuori, Venezia in casa, Reggio Emilia fuori - che aspetta i biancorossi. Nella bagarere di una classifica cortissima l'OJM è ancora fra color che sono sospesi; i prossimi test daranno risposte più compiute, il primo passato ieri a pieni voti conferma però che anche quest'anno all'Enerxenia Arena si coniugano vittorie e bel gioco...

Giuseppe Sciascia

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...