Jump to content

Cain si allontana da Varese


simon89

Tyler Cain è sempre più lontano da Varese. Ma neppure Brescia, che gli aveva concretamente messo gli occhi addosso, è riuscita ad accontentare l’atleta statunitense nella sua attuale richiesta economica non negoziabile. Il giocatore non si smuove da una cifra - esattamente doppia rispetto all’accordo di due anni fa per l’OJM - che viene considerata troppo alta sul mercato italiano. Lo sforzo di Varese, che con la seconda offerta aveva superato la metà del gap dei 70mila dollari in più dell’anno scorso domandati da Cain per firmare subito con il club biancorosso (o chi per esso), è stato nuovamente giudicato insufficiente. Ma lo è stato anche quello della Germani, che aveva proposto una cifra di poco superiore a quella del club di piazza Monte Grappa, comprendendo anche la vetrina della coppa (probabilmente Champions League).

Oggi Cain non si muove di un centesimo dalla sua posizione iniziale, e i 20 e 30 mila euro di distanza delle proposte italiane vengono considerate analogamente non competitive. Da una parte è la conferma che il problema non è l’OJM in quanto tale, ma il salario desiderato dal centro statunitense; dall’altra l’irrigidimento della situazione induce a pensare che i margini di trattativa siano relativamente limitati.

Varese ritiene d’aver fatto il massimo proponendo un incremento dell’ingaggio superiore ad un terzo rispetto alla stagione passata; se Cain valuta insufficiente la proposta, e non è disposto a scendere rispetto alla sua richiesta attuale, significa che il lungo del 1988 non è più alla portata del club di piazza Monte Grappa, né delle altre squadre italiane che hanno preso informazioni,

Possibile che il centro statunitense abbia sirene importanti dalla Francia, dove aveva già militato dal 2014 al 2017? La sensazione è che l’inamovibilità economica del giocatore possa essere legata a qualche alternativa concreta all’estero; di sicuro l’OJM non è in grado di accontentarlo, perché nelle economie di scala della costruzione del roster significherebbe erodere un 25% abbondante delle risorse ancora da allocare per le sei caselle dell’organico ancora da riempire.

In ogni caso l’area tecnica biancorossa non vuole attendere fino alla deadline del 10 luglio per conoscere il destino di Cain: entro la prossima settimana la situazione dovrebbe prendere una direzione definitiva. Ma oggi sembra molto probabile che Cain, come prima di lui era stato per Okoye, Vene, Avramovic e Scrubb, scelga - legittimamente - di capitalizzare altrove il suo ottimo rendimento in biancorosso.

E allora Varese inizia a valutare il mercato dei lunghi stranieri, mentre attende entro fine settimana risposte importanti sul perimetro. Cercare un sostituto con caratteristiche analoghe a quelle di Cain a cui affiancare un lungo italiano di complemento, o puntare su un giovane emergente alla Pelle che divida i minuti con un centro italiano più esperto (ma più costoso)? Riflessioni in corso negli incastri tecnici ed economici che servono per far quadrare i conti di un roster destinato ad essere più rinnovato del previsto.

Sta a Toto Bulgheroni, Attilio Caja e Andrea Conti trasformare gli imprevisti in opportunità: a sostanziale parità di (pochi) soldi per le 8-10 squadre della seconda o terza fascia, la differenza dovranno farla le idee...


Giuseppe Sciascia


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...