Jump to content

Cimberio Varese 91 - Trenkwalder Reggio Emilia 78


Nicolò Cavalli
 Share

La fatidica prova del nove è superata a piena voti. Varese ha ragione di un avversario coriaceo e organizzato, non a caso prima di oggi migliore difesa del campionato. La Cimberio aggiunge altri due punti a una classifica stellare, patendo solo in parte i ritmi lenti del primo tempo e scatenandosi, al suo solito, nella ripresa. Quando la profondità della panchina, la classe dei talenti e un tifo incontenibile scavano il solco decisivo. Le note del successo sono una sinfonia per il pubblico, sempre più accattivato dal direttore d'orchestra Vitucci e dai singoli strumenti suonati da una formidabile dozzina di artisti.

[i][b]Bande sontuose a confronto. [/b][/i]Sul parqeut si specchiano le due squadre reduci dalle strisce positive migliori del campionato: Varese è ancora immacolata, Reggio arriva da cinque affermazioni consecutive. In avvio è una Cimberio frizzante ma poco attenta a badare al sodo: non piacciono i fronzoli e i buchi difensivi che favoriscono il play ospite Cinciarini, autore presto di sei segnature per il 6-6. La partita prosegue sui binari del punteggio alto, con ottimi spunti di Ere, Jeremic e Brunner:13-13 e time-out di Frank Vitucci (le cui orecchie fischiano ancora dopo lo 0-17 patito da Sassari domenica scorsa). Dunston si sblocca dalla media – da sotto la strada appare sbarrata dal lodevole bavaglio messogli dal veterano Brunner – e sembra dar morale alla truppa: poco dopo infatti Ere (serata da mattatore con 24 punti e 9 rimbalzi) agguanta la doppia cifra nel tabellino. Un'organizzatissima Trenkwalder mette di nuovo il naso davanti con la tripla di James (19-20), quindi una fiammata collettiva dei padroni di casa permette di ottenere la leadership temporanea e di caricare di penalità il quintetto di coach Menetti. Alla prima pausa i prealpini guidano 24-20.

[i][b]Alti e bassi. [/b][/i]I “panchinari” della Cimberio impattano male la contesa e patiscono il ritorno di Reggio Emilia. Una tripla fortunata (eufemismo) di De Nicolao, una schiacciata da cinema di Banks e un bel tiro dalla media ancora a firma del regista classe 1992 ridanno colore al tabellone di Masnago sul 31-26. Gli ospiti non demordono grazie ai soliti Jeremic e Brunner (noto agli spettatori per aver vestito i panni di zio Fester ne “La famiglia Addams”), Varese tiene botta con le forzature andate a buon fine di Rush e Polonara: 37-33. Reggio è bravissima a mantenere ritmi contenuti, allestendo un piano partita poco gradito dai ragazzi di Vitucci, costretti a ragionare troppo senza poter sfogare la consueta [i]vis pugnandi[/i]. Per fortuna De Nicolao ed Ere – nettamente i migliori del concerto Cimberio – creano le giocate del 46-41. Un primo tempo equilibrato nella sostanza e nei numeri (rimbalzi e percentuali), con la stranezza di un solo assist targato Varese.

[i][b]Il boato di Masnago è l'X-factor. [/b][/i]Taylor rilancia le quotazioni della Reggiana (46-45), dall'altra parte i meccanismi cigolanti della creatura biancorossa non partoriscono punti per varie azioni. Il ruggito del PalaWhirlpool (quasi pieno anche stasera e magnifico trascinatore) può tornare a esplodere in tutta la sua potenza quando Banks inventa due ciuffi da fantascienza e Green entra di prepotenza nella retroguardia avversaria: 54-47. Anche Dunston si mette in moto e, come una furia, spopola su ambo i lati del campo. La tripla dall'angolo di Banks consegna il primo vantaggio in doppia cifra (63-52), la Trenkwalder si affida al one-man-show di Taylor (29 punti, pur con qualche forzatura fuori dagli schemi) per restare a galla. L'ex canturino Cinciarini convince in regia e nello smistamento dei palloni (eccellente l'imbeccata a James per il meno sei reggiano, in uno dei cinque assist della sfida), sul fronte opposto Green continua a eccedere in solismi ben poco fruttiferi. Un ottimo movimento in post basso di Dunston è l'ultimo acuto, prima delle briciole dalla lunetta raccolte da Polonara e James, del terzo parziale: 67-60 all'ultimo mini intervallo.

[i][b]Concentrati fino all'ultima nota. [/b][/i]La Cimberio non perde il brutto vezzo della vanità, come Narciso adora specchiarsi nella fonte senza mostrare il cinismo per affossare l'avversario. Ma è solo una stonatura passeggera.
Ci piace molto di più, allora, la Varese che in un'azione assesta tre stoppate (due di Dunston e una di Polonara) e lancia in fuga Rush: 73-64 e [i]chapeau[/i]. Il quarto fallo del super pivot di Varese costringe a gettare nella mischia Talts: niente paura, perché Ere buca la retina con la tripla chirurgica del nuovo più dieci. La dea bendata, come già intuito nell'ultimo mese, è innamorata alla follia della nuova Varese. Ecco allora la “bomba” di Rush, a fil di sirena dei 24 secondi, a certificare un margine rassicurante (79-69). Ere e Taylor continuano in una magnifica tenzone a suon di canestri, il vantaggio interno non lievita per le troppe imprecisioni dalla linea della carità. La vittoria è comunque già nel paniere, il tempo rimanente è musica per le orecchie e gioia per gli occhi. Varese lascia ogni goccia di sudore sul [i]parquet [/i]e timbra con pieno merito la nona W dell'anno.

Dai rumorosi supporter di Reggio Emilia, a titolo di scherno, arriva il coro “vincerete il tricolore”. Obiettivo che da queste parti non interessa. Perché prima c'è da esclamare a pieni polmoni che la capolista se ne va, e poi da ascoltare tutti assieme la nona sinfonia di Beethevon, trasmessa con sorpresa nelle casse del palazzetto. Tocco di classe di chi non vuole salutare il primato; e di chi sa comunicarlo con le insegne della grande signorilità.

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...