Jump to content
Sign in to follow this  

Derby amaro per Varese


simon89

Il clima del derby contro Cantù non guarisce il mal di trasferta dell'Openjobmetis. La truppa di Caja allunga a quota 5 la sua serie negativa lontano da Masnago, subendo la maggior freschezza atletica dell'Acqua San Bernardo che in attesa del talento di Joe Ragland (regalo extra di uno sponsor che impiegherà l'ex Milano come testimonial) abbatte una Varese opaca e poco reattiva in ogni aspetto del gioco. Ossia una squadra diametralmente opposta a quella che aveva schiantato Roma sul piano dell'intensità e dell'energia, mentre ieri si è fatta mettere sotto in ogni situazione legata a vigore e fisicità.

Eloquente il dato delle percentuali nel pitturato, dove Cantù ha prodotto il 61 % su 31 tiri dentro l'area conquistando ripetutamente punti sudati con l'accelerazione dei suoi esterni, mentre l'OJM ha totalizzato un più che modesto 32% su 22 tentativi, andando più volte a sbattere in penetrazione e servendo solo una volta dentro l'area Jeremy Simmons. In attesa di Riccardo Cervi, fermato in extremis da un problema alla pianta del piede, i biancorossi hanno ribadito la totale latitanza di risorse interne ripetendo l'ormai abituale tiro al bersaglio obbligato dall'arco.

E la squadra reattiva e graffiante che aveva dato spettacolo domenica scorsa all'Enerxenia Arena? Dispersa nel tragitto tra il piazzale di Masnago e Desio, così come già altre volte - ma mai raggiungendo i picchi negativi di ieri - è accaduto quando Ferrerò e soci mettono il naso fuori da Varese. In un derby dal volume di gioco oggettivamente modestissimo sarebbe bastato poco per provare a invertire il trend negativo in trasferta alzando l'asticella delle ambizioni. La sconfitta di ieri, nitida e indiscutibile per i meriti dell'Acqua San Bernardo più assetata di punti in ogni aspetto del gioco, dimostra con i fatti che le ultime esibizioni esterne non dipendevano solo dal valore degli avversari, ma anche e soprattutto dal (dis)valore espresso dall'OJM in formato esportazione.

La Varese in versione Masnago aggredisce le partite con un atteggiamento grafitante che ne esalta le qualità difensive e le permette di spingere sull'acceleratore per sfruttare al meglio i suoi atleti e nascondere la taglia limitata in quasi tutti i ruoli. Invece in trasferta l'atteggiamento è di base guardingo, se non remissivo, come apparso nel 9-2 iniziale che ha evidenziato un impatto con la partita molto diverso da quello che sarebbe servito per incatenarla sui binari giusti per la truppa di Caja.

Senza la spinta garantita dalla difesa, i biancorossi si sono incartati in un prevedibile "rimescolo" sul perimetro che, col Mayo fuori fase del primo tempo e il Vene giù di corda della ripresa, ha avuto pochi interpreti efficaci. Da salvare solo l'anima italiana di Tambone e Ferrero, che hanno provato a dare un po' di garra a un'OJM decisamente inespressiva. Ma con questo atteggiamento in trasferta non si va da nessuna parte, men che mai alle Final Eight...

Giuseppe Sciascia

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...